Cartoline da un passato non troppo remoto

Era l’Aprile del 2010 e questo post si adatta perfettamente al clima vacanziero che si sta chiudendo in una Italia martoriata.
Provo un po’ di tristezza nel rileggere il nome dei miei ‘commentatori’ nessuno di loro è  sopravvissuto al cambiamento di piattaforma e sopratutto due di loro a cui tenevo molto hanno chuso il blog per pressanti questioni personali.

“Noi speriamo che ce la caviamo”  (Marcello D’Orta) ! ! !

sherazade2011

 

 

Ai tempi in cui i telefoni cellulari pesavano come incudini e internet era agli albori…parlo solo della fine del secolo scorso (!), era un po’ un dovere per famigliari e amici che partivano mandarmi cartoline che mi regalassero un pezzetto delle loro emozionI.

I moderni MMS – che giungono in tempo reale – anche loro ricchi di colore e sentimentI non sono la stessa cosa: finisco di cancellarli  per memoria piena, li smarrisco con l’ennesimo cellulare che mi rubano…insomma,  ricevo molte meno cartoline.

Gli amici, scelti a caso come i numeri di una lotteria, e  che leggerete (se vi va, non è detto), ci sono ancora tutti:  impigriti mandano MMS, tanti.

All’appello manca quella pazzerella  della mia mamma che  gioca a rimpiattino tra i miei pensieri, e tra nuvole e sole mi guarda sorniona.

 

 

Copenhagen

Sirenetta a Sirenetta…Baci mamma

Ps il viaggio vale la pena…

View original post 372 altre parole

Annunci

Stabat Mater (dolorosa)

Vivo a Roma, in zona Monte Sacro, dunque zona via Salaria. A circa 100 km da Rieti, forse meno in linea d’aria,  dall’epicentro del terremoto di questa notte.

Grande paura, o meglio pauroso quanto è successo. Sally qualche secondo prima mi ha svegliato mugolando ed io ho pensato volesse stranamente uscire.   Mi sono alzata per aprirle il giadino e sono letteralmente caduta a terra avendo perso l’equilibrio: ho pensato a un mio malore e nel frattempo si è svegliato anche mio figlio e il palazzo e le finestre si sono tutte illuminate…

Stamattina presto i dettagli,  video,  foto,  testimonianze.

Il parallelo mi e arrivato facendo involontariamente affiorare  altre immagini , altri luoghi: ” nessun luogo è lontano” (cit R.Bach) ,  alla guerra che gli uomini si fanno insensatamente e le catastrofi  altrettanto devastanti, inaspettate, che pone in essere sempre più spesso la Natura.

Perche?

Bambini di Aleppo

fuga dalla guerra in Siria

fuga dal terremoto ad Amatrice, oggi 24 agosto 2016

  Disperazione italiana tra le macerie, Amatrice

Immagine

Disperazione tra le macerie di Aleppo, Siria

  

Un quadro irreale queste tre donne italiane e cane, Amatrice

donne siriane in preghiera

Si è fatta sera

 

C’ è stato un scambio di tweet sulla civiltà e sul progresso  e mentre ‘lui’ buttava tutto al rogo io volevo vedere un lato positivo. La risposta finale è stata disarmante :

“amo guardarmi intorno, nella vita reale e quest’ essere umano non mi piace”.

Una contraddizione in termini perché ama quello che non gli piace.

Non sono una che vive con il paraocchi, le brutture ci sono e le vedo tutte perché le incontro tutti i giorni, non c’è bisogno di leggerle e  lo dovrebbero sperimentare ‘sul campo’  i Governanti tutti e capirebbero come menare il can per l’aia sia un affronto reale , questo sì, alla dignità delle persone,  alle loro aspettative di una vita decorosa.

Sarò ancora troppo comunista? No. Non credo sia un diktat vergognarsi delle proprie ricchezze  quando si estendono e creano benessere e dunque ampliano il margine di felicità  ad altri.

La prima volta che sentii parlare di ‘felicità’ non come astrazione ma concreto termometro economico di un Paese fu dal professore Amartya Sen, premio Nobel per l’Economia (ed economia non è basata su voli pindarici ma su concretezza)  in una conferenza , e ancora  in una suo saggio ‘Libertà individuale come impegno sociale’, ‘L’idea di Giustizia’ e infine (già premonitore) ‘La povertà genera violenza?’ del  2007..

Credo di essermi persa, No, ecco, tutto questo per dire che nella realtà, quella che ognuno di noi incontra la mattina fuori dalla porta di casa è una mescolanza di tante cose e un po’ come il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto sta a noi porci in uno stato d’animo che faciliti un rapporto più tranquillo (sereno, anche) con il resto del mondo. E soprattutto attenzione alle piccole cose, ai piccoli gesti.

Ricordo e tengo a mente una massima di Madre Teresa di Calcultta:

Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno.

Noi, o almeno io.  non possiamo fermare i trafficanti di carne umana e neppure definire le sorti del mondo tormentato affamato e in guerra,  non possiamo occuparci di ‘massimi sistemi’ ma accettare di migliorare piccoli spazi con piccoli gesti aiuterebbe.

Settembre si avvicina e come il primo giorno di scuola la mia pagina è bianca. Vorrei che arrivasse al prossimo anno senza doverne nascondere brutti scarabocchi e macchie. Vorrei mantenere la  serenità che ho in questo momento mentre guardo il cielo scurire e una ‘maledetta zanzara mi ha punto sul polso!

Buon fine settimana a voi che passate e un abbraccio.

Il rosso c’è (e mette allegria )

Anguria! tutte le proprietà nutritive ( fosforo  magnesio e potassio) nel frutto

simbolo del Ferragosto

Un fondoschiena veramente ben fatto è l’unico legame tra Arte e Natura.
(Oscar Wilde e questo vale per la mia amica V.)

(fotografie sherazade2015)

Hey, è una bella giornata
e non riesco a smettere di sorridere

(musica ad alto volume ne vale la pena!)

Buon Ferragosto amiche e amici ovunque voi siate e con chi.

Ricordiamoci che un pezzetto della nostra serenità vola nel vento…chissà..

Il riposo non è

“Il riposo non è ozio, e giacere qualche volta sull’erba in un giorno d’ ESTATE ascoltando il mormorio dell’acqua, o guardando le nuvole fluttuare nel cielo , è difficilmente uno apreco di tempo.” 

iomeee

Un sereno, piacevole fine settimana e un abbraccio circolare

foto sherazade –  citazione John Lubbock