cazzo stracazzo di un cazzo

Nassiriya, un ordigno contro un convoglio militare. Uccisi due carabinieri, i marescialli Carlo De Trizio e Franco Lattanzio, un capitano dell’esercito, Nicola Ciardelli, e un soldato romeno. Grave un altro Cc  (La Repubblica 20aprile 2006)

Con che coraggio continuare a contare i morti, i morti silenziosi di ogni angolo della terra, che quei "pochi" assurti alle ribalte dei media ci ricordano?

Come cazzo faccio a farmi le seghe mentali su Sperlonda e il cielo blu’ e il mare invitante!

La vita dice altro e se è vero che ognuno di noi – volente o nolente – è parte di un TUTTO….

SHAME ON US!

(non sono, non mi sento, una ‘signora! cazzo!)

Annunci

train de vie

Sperlonga

Sono partita, tu lo sai – no non potevi immaginare quanto – desiderando questo momento, da sola sdraiata a guardare il paese bianco, nitido arrampicato tra il monte e le nuvole, cirri bianchi.

Il mio piccolo albergo mi accoglie con simpatia.Ho bisogno di solitudine. Di non dovere scandire i tempi dell’amicizia. Lasciarmi andare nel profondo senza fretta, cullarmi nei pensieri, cavalcarli, domarli ove possibile, farli tacere.

Fiori in camera, una bella composizione colorata. Accidenti! una novità.

Mi spoglio infretta il mare mi aspetta, la prima giornata di sole, il sole di questo mio angolo di serenità, di libertà. Il mio rifugio.

Ritorno accaldata le guance e le spalle infuocate.

Dai fiori emana un profumo insistente, sensuale.. mi chino ad assaporarlo e vedo il biglietto bianco. Ci sono abituata ai biglietti tra i fiori ed i cestini di frutta succosa quando giro per lavoro e mi prenotano nei vari Grand Hotel..ma qui? che succede? Prendo il biglietto: non è dell’albergo, del mio ‘modesto’ 3 stelle pur sempre in riva al mare:

 "Mi manchi" rispondo via sms:

"Vieni".

Questo il mio lungo ponte. Una grande opera iniziata, interrotta e inaspettatamente (inaspettatamente??) ripresa facendosi beffe dei preventivi e tralasciando il ‘costo’ e la fattibilità.

Sono sola adesso e la vocina cattiva dentro ha ripreso a rodere quel piccolo margine che aveva stenuamente tentato di marginarla.

Il ‘mio’ mare sperlongano non puo’ tradirmi.

Oppure l’ha fatto nonostante me.

Tu ora sei in treno.

"Train de vie".

araba fenice..

E’ passata la pasqua. E’ finita,  ed ora mi sento liberata anche da questa necessità di apparire inutilmente festosa. A comando catapultata in un’atmosfera buonista che alla fine mi ha anche un po’ preso la mano: è così piu’ semplice seguire l’onda. panta rei (senza i necessari passaggi filosofici : semplicemente tutto scorre).

In questi giorni non voglio pensare: devo "ri-pensare" parte della mia vita. Nooo! non è tempo di bilanci semplicemente, come ho sottolineato in un commento in ‘campo altrui’  le cose belle (o brutte, per fortuna)  hanno una loro scadenza fisiologica. si deteriorano o rinascono.