ottobre

“Ottobre
e gli alberi sono spogliati
della loro veste.
Ottobre
e i regni cadono
ma tu vai avanti”

Solo poche strofe centrali  della voce  profonda di Bono rendono omaggio al cedimento dell’estate.

Di fatto di Ottobre c’e molto poco intorno a me. Sembrerebbe di vivere una primavera inoltrata con i 29/30° che ‘costringono la natura a produrre fiori e frutti ‘fuori stagione’.

Noi umani/romani ansimuamo nelle ore di punta tra il traffico triplicato perché solo chi non può fare diversamente usa i mezzi pubblici.

Il lato positivo è quello di ritaglirsi qualche ora di mare, gli occhi socchiusi, via i pensieri (tanti) e sentirsi leggeri.

screenshot_20210704-183431_whatsapp

Sally piena di entusiasmo continua a vivere la gioia del parco.

screenshot_20210625-103440_gallery

Per tutto il resto, presa dagli impegni politici  a favore dii un caro amico ho poco tempo per altre considerazioni, che sarebbero moltissime prima tra tutte la condanna a 13 anni di reclusione- sentenza di primo grado (assurda) – a Mimmo Lucano,  ex sindaco di Riace.  E qui mi taccio.

Abbracciamoci strettestretti e… speriamo che noi cela caviamo

Feria d’ agosto (*)

L’estate, la mia estate è un mare incontaminato e . . . italiano

20210731_115147

La mia estate è quello che succede tra una doccia e l’altra,

è una fetta di dolce succoso rosso cocomero

20210726_123423

“Ma chi potrebbe mai – dopo aver visto un’estate colorarsi di verde

e i cieli elettrici e i tramonti vistosi

20210709_203019

e il tripudio di fiori e un vento che odora di concerti

– mettersi a spalare ancora la neve?” (Lauren Oliver)

Ben venga Agosto e. . . .


Teniamoci strettistrette anzi di più condividendo la promessa di buona fortuna del quadrifoglio, regalo di una amica ❤

20210719_135131

(*) Feria d’ agosto – Raccolta di racconti di Cesare Pavese

“Don’t give up

You still have us

Don’t give up

We don’t need much of anything

Spero si chiuda con i 30 ° afosissimi e questo scroscio di pioggia  settembrina un’estate anomala e piena di incognite nell’impossibilità psicologica di aprire la prima pagina bianca dei progetti  e delle promesse che ogni anno rinnovo con l’entusiasmo di una scolaretta un po’ svitata.

“Ma tu che vai cercando?

1In questo mare  che muta da silenzioso e piatto,  quasi fosse un felino in agguato,  alle turbolenze prodrome di tracolli negati,  nascosti come polvere sotto il tappeto, ecco io?

“Contemplando i musi dei cavalli
e le facce della gente,
tutta questa vita correre senza rive sollevata dalla mia volontà
e che corre a precipizio verso il nulla
nella steppa purpurea del tramonto
spesso penso:
 dove sono IO, in questa corrente?”

Gengis Khan

Don’t give up

“Cause somewhere there’s a place where we belong.”

Teniamoci strettistretti anzi strettissimi❤