quello che noi (non) facciamo

Va bene, giusto o non giusto, equo o no che sia il mondo, ho una vita serena emotivamente ed economicamente.
Emotivamente è stata molto dura perché sono tragica, di natura pessimista, ho sempre avuto la capacità di incaponirmi nelle ‘cose impossibili’ non per arrivismo ma per mettere a me stessa l’asticella sempre un pochino più su perché è stato difficile accettarmi nelle mie debolezze e nelle mie paure ed i pregi vanno messi sempre sotto verifica.
Ho fatto anni di analisi e non posso che dire a chiunque si senta traballante che l’aiuto che si riceve –non gratuito ma anche quello fa parte del percorso – riesce a sciogliere molti nodi.
A volte basta poco. A volte passano anni però il più delle volte ci si sente come rinati ed allora la vita diventa meno grama. Non che cambi nulla se non l’ottica nella quale noi ci poniamo. Non tutto avviene ‘contro’ di noi ma semplicemente ‘intorno’ a noi.
E questo vale in ogni ambito.

Economicamente. Già, economicamente la mia generazione ha avuto la possibilità studiando e faticando di crearsi un futuro. Io da sola sono riuscita a dare anche gli strumenti a mio figlio, che ‘per fortuna’  lavora, ma il suo futuro è opaco e incerto come per il 66% dei giovani nelle sue condizione di pri.vi.le.gia.ti, mentre il restante 44% guarda il nulla. Questo mi sconvolge parecchio.

Perché questo ragionamento? Perché leggendo un post, giustamente, l’accusa era precisa:
‘certo il mondo va a rotoli, vi intenerite per i bambini, per le donne, per i morti ammazzati per gli animali per..per.. ma poi?
E ancora :
‘ Vi incazzate perché la vostra città è sporca, perché ogni cosa che si comincia non trova mai un punto di fine preciso. Perché tutti si riempiono le tasche con i nostri soldi di contribuenti…e poi?’
Poi dopo esserci indignati per benino tutto scorre.

Eppure io ricordo altro e dunque il cambiamento non sempre è sinonimo di miglioramento. Solo un esempio.

Quando ero piccola ed abitavo a Torino in un palazzo di cinque piani ricordo che in ogni appartamento nella colonna che corrispondeva al terrazzetto della cucina c’era uno sportello e li veniva gettato quello che oggi con molto sussiego chiamiamo umido. Finiva dritto in cantina in un contenitore che settimanalmente veniva svuotato da addetti del comune che, sempre settimanalmente raccoglievano il resto dei rifiuti. Poca roba. Niente plastica, niente ingombranti contenitori per una manciata di susine.
Le bottiglie fossero anche le più costose di vino venivano caricate del costo del vetro e il denaro veniva restituito quando si riportava la bottiglia vuota o serviva per comprane un’altra.
Il latte stessa cosa. Si andava dal lattaio con la propria bottiglia e sempre quella e se non la si aveva si pagava il vuoto.
Certo era il secolo scorso ma soltanto cinquant’anni fa.

Non so da voi ma Roma è allo stremo. La raccolta differenziata non funziona i cassonetti non vengono svuotati e il porta a porta suona come un mantra.
Eppure la cosiddetta AMA la municipalizzata per i rifiuti i prende bei soldoni per un servizio che non fornisce.
Certo dove c’è sporco e sciatteria tutto diventa più sporco e invivibile, territorio di nessuno.

C’è come un disprezzo per la cosa pubblica che in quanto pubblica non ci appartiene. Cicche sui marciapiedi, escrementi di cani che poveri loro si prendono gli improperi al posto di quegli incivili dei loro accompagnatori. Dalle macchine in corsa vola di tutto. Volano anche pesantissimi improperi se è per questo!

Mi sono persa. Ah, già, che fare oltre indignarsi? Agire. Agire correttamente a dispetto dei comportamenti degli ‘altri’, non pensare al proprio orticello ma al pianeta

E qui scatta la citazione perché ‘quanno ce vo’ e calza, ce vo’ ed è di Madre Teresa di Calcutta:

“Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno.

Melassa terribile melassa…che faccio quale tasto pigiare?   ‘Pubblica’  o   ‘Spostare nel cestino’?

La scelta dell’inno alla gioia di Beethoven è mirata a controbattere a Grillo (sparlante) che non perchè fosse suonato da Hitler ai compleanni è meno apprezzabile così come Wagner rimane un grande compositore.   Nigel  Farange, eurodeputato britannico  razziste e xenofobo che ha voltato le spalle all’inno,   non mi tange:  un cretino in più che renderà conto al suo Paese.
David Garrett è una mia passione tardiva e se un appunto faccio al nuovo Parlamento è di non essere stato tanto ‘giovane’ da invitarlo a suonare. Me ne farò una ragione purchè questo nuovo Parlamento europeo più o meno ben accetto sappia lavorare bene e se guardiano ai nostri balletti, direi che basta proprio poco. Auguri.

Annunci

55 thoughts on “quello che noi (non) facciamo

  1. vittoriot75ge ha detto:

    Ti lamenti del degrado e poi di Grillo.
    Ti fidi così tanto di Renzusconi per il futuro di tuo figlio?
    Beata te…

  2. banzai43 ha detto:

    Post di spessore in periodo vacanziero. La raccolta dell’umido a Milano, nella zona dove abito, è partita l’1 luglio. Staremo a vedere. Nelle restanti zone di Milano (ormai in larga misura a regime) pare che le cose vadano benino. Si vedrà.
    Giuste le riflessioni sul riutilizzo delle bottiglie (per vino, latte, olio) e l’imballo delle cose quasi nullo e le donne con la “sporta” della spese (niente sacchetti di plastica che, in acqua, soffocano i pesci maggiori oltre che inquinare con il loro contenuto.
    Salviamo il mondo.
    A tal proposito Ti segnalo un piccolo gioiello, un breve romanzo di Jostein Gardner (quello de “Il mondo di Sofia) dal titolo “Il mondo di Anna” (mondi completamente diversi fra loro). Obbliga, attraverso gli occhi di una bimba, a qualche riflessione.
    Dalla verde Emilia, da qualche giorno, un caro saluto.
    banzai43

  3. tramedipensieri ha detto:

    Già ..purtroppo é così…se ognuno di noi facesse la propria parte…

    • sherazade ha detto:

      marta
      quanto meno maggiore pulizia e rispetto reciproco. Insomma non limitarsi a fare attraversare la vecchiarella perchè si rompa il femore scivolando sulla cacca di un ignaro canetto ;(

      sherachebellaseraquandoètiepidacomestaiazanzare??

      • tramedipensieri ha detto:

        Ancora non se ne “sentono” molte…ma oggi e come stare in un forno a microonde.
        E sono iniziati gli incendi 😦
        C’è vento di scirocco e purtroppo sono giornate ad alto rischio di incendi…ma pare che qualche mano andrebbe tagliata….arghhhhh…

        Buonanotte

  4. willyco ha detto:

    Mi sei piaciuta assai, anche nel mettere assieme cose apparentemente distanti e se manca il senso del bene comune i cani continuano a farla sul marciapiede ma i padroni mi tolgono qualcosa. E vale anche per l’Europa, se manca il senso del bene comune me la prenderò non con il ovvero disgraziato che non ne può più ma con chi non ha responsabilità e non provvede. A partire dalle disoccupazione. Farange è riuscito a far fare bella figura alla Le pen è un cavaliere.

    • sherazade ha detto:

      Grazie willy
      se son riuscita a risultare così mirata nel mio sorvolare agganciando pensieri apparentenente lontani allora, che dici, se ai tuoi complimenti aggiungo i miei 😉

      Sheramabuonanotteatte’

      • willyco ha detto:

        certo che commentare con l’iphone è un bel pasticcio, ho riletto ora e sei stata brava a capire il senso, che poi era: me la prenderò non con il povero disgraziato che non ne può più, ma con chi ha responsabilità e non provvede.
        Grazie per la pazienza e buona giornata. (o almeno spero che sia buona, mi piacerebbe proprio)
        Willy

  5. Rebecca Antolini ha detto:

    Cara Shera, io di natura sono ottimista, forse perchè sono natata indesiderata.. e questo mi ha reso forte in un mondo che non mi apartiene.. osservo i cambiamente (sembra tutto sta peggiorando) nonostante sono felice .. vivo una vita semplice ( e vero abbiamo una casa di proprietà un camper ) ma nonostante non viviamo nel lusso.. la mia casa e il mio rifuggio dal mondo esterno.. e con il camper posso allontarnarmi dalla gente dal caotissmo, dal consumissmo di un modno molto molto turbato…
    per vivere in serenità devi straiarti con Sally su un prato d’erba e poi il mondo cambia per voi due…tvb Pif

    • sherazade ha detto:

      Piffina tu sei
      saggezza semplicita ad alto tasso di sensibilità. Una bella persona che ho il piacere di avere incrociato grazie a WP.
      sherabbracciebaci

      • Rebecca Antolini ha detto:

        mi fai arrossire 😳 tropi comlimenti in un colpo 😀 … tu mi sei molto molto simpatica ti abbraccio con il cu♥re ❤

  6. luigi ha detto:

    adesso ti faccio rosicare: nel mio paesello Piossasco alle porte di Torino, siamo oltre il 70% sulla differenziata, e tu cammini e non trovi nulla per terra…sarà civiltà dei cittadini, o è sempre e solo l’obbligo che ci rende educati?
    noi viviamo bene, e sta sicura che se uno solo si azzarda a gettare qualche elettrodomestico in strada (qui il comune passa a raccogliere gli oggetti ingombranti a domicilio), beh lo facciamo a pezzi!! :))))
    torna al nord!!

    • sherazade ha detto:

      Luigi ne sono felice 😉
      L ‘ incuria genera degrado della bellezza si ha soggezione. Anche a Roma c è il ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti pagando un piccolo c/c oppure ci ‘sarebbero’ dei punti di
      raccolta. Inciviltà individuale unita al presappochismo dei servizi mal gestiti. Al norddd maddaje Lu’ voi mette er clima de Roma; )
      Sherabbraccialnordepureatte

  7. Pinzalberto ha detto:

    Cosa aggiungere? Poco, che ci sono in giro tanti bei orticelli. Io voterei Benigni, nel caso si volesse candidare….

    • sherazade ha detto:

      Ma Benigni è troppo intelligente per lasciare la sua arte e buttarsi in un ignoto che non gli appartiene. Diciamo che lui ci mette molto del suo per pungolare noi e sopratutto la politica 🙂

      sherallaproxebuonfinesettimana

  8. giselzitrone ha detto:

    Einen schönen Tag Weisheit ist immer gut,alles alles liebe und ein gutes Wochenende.Lieber Gruß Gislinde

  9. Francesca ha detto:

    …cosa potrei aggiungere? Potrei dirti che più passa il tempo e meno ho conferme dall’esterno di possibilità concreta di recupero. Le zone artigianali, di piccola e media impresa chiudono, e lo stesso vale per molti spazi industriali. Ovunque qui ci sono stabili vuoti, la tendenza non si inverte e l’incuria va di pari passo. Il tessuto economico così come è messo avrebbe bisogno di anni per essere ripristinato. E intanto competenze si perdono. Conoscenze non si possono tramandare. Come faccio a essere ottimista in un paese che si lascia morire per tutta una serie di motivi? Però sai cosa, posso anche esserlo, un tantino ottimista, finché ci saranno persone in grado di avere un’empatia con i propri “colleghi di cittadinanza” (chiedo perdono per il termine). Al momento tengo duro e mi farò bastare questo 😉

    • sherazade ha detto:

      Fraci
      ho la tue stesse sensazioni, purtroppo. Non ci capisco iù nulla e come avrai letto ho esperienze ‘antiche’ di cose che funzionavano senza danno e senza spese.
      Dice bene Banzai quando afferma che stiamo inquinando i mari e molti grandi pesci muoiono soffocati dalla plastica che le ‘barchette’ (con la ‘e’ apeeerta) scaricano in mare.
      Tu tieni duro e sai anche a cosa mi riferisco 😉
      Ma di David nn mi dici nulla? sorvoli? Vi vedete di nascosto?

      sherafaeventozanzarecomesepiovesseforsepiove

  10. crimson74 ha detto:

    Ognuno dovrebbe ‘fare il suo’: io faccio la differenziata e non mi scoraggio nel fare quei cinquanta metri se un cassonetto è pieno, cercandone un altro; certo, se poi invece la maggioranza lascia dove capita e gli zingari svuotano i cassonetti sul marciapiede per cercare dù stracci, la battaglia è improba…

    • sherazade ha detto:

      cri’
      saremmo un pezzo avanti ma perchè non avviene ecchec..xxo!
      Pensa che nella mia stradina a senso unico e poco trafficata improvvisamente sono apparse siringhe sospette. Tornata in casa mi son messa i guanti dei piatti ho raccolto in un sacchetto e sono andata alla farmacia dove c’è un bidoncino per la raccolta delle medicine scadute, siringhe ecc.: stracolmo. Sono entrata in farmacia col la mia bustina e sai cosa mi ha risposto il farmacista: Cerchi un’altra farmacia io non ci posso fare niente.

      sherallegriadirebbeilbuonMike

  11. katherine ha detto:

    Che dire, qui in provincia di Cuneo la raccolta differenziata sembra funzionare.Io non consegno l’umido, perchè mio marito ha scavato una buca dietro casa e facciamo “compostaggio casalingo”.Rigorosamente, due adetti del Comune sono passati in tutte le case con giardino per fotografare i nostri rifiuti umidi e assicurarsi che il compostaggio venga fatto davvero. Quando faccio la spesa mi porto le borse da casa ( sempre le stesse) e, attaccato al guinzaglio di Terry,c’è anche una specie di scatolina che contiene le buste per raccogliere le sue “pupù”,in modo da averle sempre dietro quando usciamo con lui. Nel mio piccolo, la mia goccia la metto, ma ce ne vogliono tante, se vogliamo che tutto funzioni.

    kathechefadelsuomegliomalavitaèdura

    • sherazade ha detto:

      Ciao kathe
      finita scuola? Potrai riposare un po ‘ e magari se il tempo è buono andare fuori?
      Vedi? Sono molte le persone che fanno del loro meglio ma quel che emerge vero o no è disarmante. Credo che nelle piccole città le cose amministrativamente vadano
      meglio mentre x quelle emotive siamo tutti lasciati a noi stessi.
      Sheraungrandeabbraccio

  12. giovanotta ha detto:

    post ‘largo’.. dalla psicoterapia alla disoccupazione giovanile, ai rifiuti e ai paragoni con un passato (molto saggio anche per me!).. ma prendersela in finale col povero Grillo mi pare ingrato: io che come sai sono trinariciuta 🙂 ho seguito il suo blog per parecchio tempo, scoprendoci cose che neanche conoscevo! e sono certa che tra i suoi elettori ci siano anche persone di sinistra deluse.Ovviamente spero che una sinistra vera prima o poi si ri-costituisca (vieni domani a Via Frentani? 😉 ma spero anche che un giorno si possa creare un dialogo più che con Grillo, proprio coi tanti giovani, spesso in difficoltà e per questo spesso molto incavolati, che lo hanno votato.
    Ciao

    • sherazade ha detto:

      Giovanotta,
      nn sono, come hai notato, venuta ai Frentani.
      L’estate, quella del mare e del sole e degli anni adulti, ha assunto valori prioritari. La politica mi fa tanto attendere lei che per qualche volta farà senza di me…dopo trent’anni di militanza.

      sherancorafuorifinoadomani

  13. il barman del club ha detto:

    rientro con post impegnativo, ma poi mi rendo conto, come dice qualcuno, che in Italia per far rispettare le regole devi creare degli obblighi con l’eventuale sanzione, soltanto così si riesce a raddrizzare un popolo che se ne frega altamente del bene pubblico. Certo… di gente educata ce ne tantissima, e a questo punto mi risponderai che se l’esempio non lo danno per primi i nostri politici allora anche gli altri faranno lo stesso. Il problema è che da noi va a votare l’80% della popolazione (escluse le ultime elezioni) ma poi quell’80 non controlla per niente chi si è seduto in Parlamento, mentre in Inghilterra, per esempio, va a votare solamente il 40% degli aventi diritto, ma però quel 40 fa un culo così a chi è stato eletto sa non segue diritti e doveri e promesse fatte in campagna elettorale. Io personalmente era da tanto tempo che non vedevo uno sfascio di questo genere (visto che hai iniziato con il problema del lavoro) e sinceramente non so cosa risponderti… Rimane sempre la voglia di cambiare e spero che cambi veramente.
    Ciao… un salutone !!!!!!!!!!!

  14. sherazade ha detto:

    Se è per questo caro Barman
    anche in Usa c’è la verifica di meta mandato ma noi scopiazziamo Lamerica solo quando ce pare
    Questo per noi cittadini italiani è il terzo governo che ci viene calato dall’alto – si sostiene – per “l’interesse del Paese” ma sto’ Paese va sempre più a rotoli.
    Inutile continuare che dici?

    sheracomestannozioenipoteilcalducciosifasentire?

  15. Elena ha detto:

    Abito in una città medio piccola vicino a Milano non male ma con carenze soprattutto x i trasporti. Concordo sulla tua analisi delle generazioni ma preoccupata x il futuro economico e lavorativo di mia figlia ! Cerco di essere fiduciosa ! Un abbraccio

  16. rodixidor ha detto:

    Grazie di aver scelto di pubblicare i tuoi pensieri, che la musica, mettono speranza entrambi.

  17. melodiestonate ha detto:

    ormai non c’è più rispetto ne per le persone ne x l’ambiente……ciao carissima ❤

  18. luigi ha detto:

    ti lascio un link da visitare..ogni tanto eh???

    http://lifeintechnicolor3.iobloggo.com/

    • sherazade ha detto:

      Ti aaadoro Luigi quando fai il puntiglioso mi da il senso della tua amicizia ;-).
      Sono un po in vacanza con lo smart e nn è comodissimo scrivere in apnea.
      sherabbracciebaci

  19. Topper ha detto:

    E’ un post impegnativo che meriterebbe qualcosa di più un commento. Ci saranno occasioni per confrontarci. Niente da dire sulla realtà di Roma…

  20. Andrea Magliano ha detto:

    Qui a Genova per esempio i bidoni della differenziata ci sono (non sempre), ma in molte zone non funzionano per colpa della nostra inciviltà, dai cittadini alle istituzioni. E spesso bisogna camminare guardando per terra per la sporcizia e i ricordi.
    Nel macro, in Italia, ci sono tante cose che semplicemente non vanno. Basta guardare i telegiornali in questi giorni: la politica che cambia affinché nulla cambi; delinquenti liberi e innocenti in carcere; sempre più poveri da un futuro ormai cancellato (e per quanto mi sforzi di essere ottimista, la mia sensibilità mi porta a vedere ben poca luce davanti)…

    Ps. ho trovato vergognose le spalle del gruppo di Farage, un insulto alle istituzioni. Veramente triste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...