(cado) come la pioggia

… che cade per alleviare il dolore

Ecco. Tra gli amici qualcuno mi ha chiesto preoccupato se vi fosse ragione al mio stand-by considerando che il  blog  raramente resta silente.  

Allora vi regalo l’ascolto di questa canzone dai toni e dalle immagini morbide  un testo suadente che c’entra solo di sguincio con me eppure queste onde scintillanti senza essere delineate,  il fiore che cade in acqua fluttuando,  quella mano aperta che cerca la superficie annaspando . . .

Buona domenica a tutti voi.Teniamoci strettistretti.

Ci penserà il cielo a metterci una croce –

foto sherazade

Via Corsaglia

Ma poi perché e chi lo dice che soltanto i grandi uomini (e donne) o semplicemente chi è artefice di passaggi epocali diventa memoria collettiva?

Il ricordo  resta e riaffiora anche attraverso i piccoli gesti di gente comune che ci tiene compagnia bel oltre il loro reale passaggio terreno; gesti che si tramandano e diventano leitmotiv da condividere.

Ieri è stata una bellissima giornata; la più piccolina della famiglia ha compiuto due anni  eppure tornando a casa mi sentivo il cuore pesante carico di tristezza come se tanta spensieratezza in questi miei giorni non mi appartenesse.

(compleanno Alessia, foto sherazade)

Oggi, erano circa le 11, uno scampanellio famigliare.

‘Sono Roberto’

Sally insopportabilmente frenetica.

‘Socchiudo soltanto perché …non sono presentabile’

‘Sto andando per un lavoro…’.

e da uno spiraglio spunta un rametto di ulivo.

Oltre vent’anni fa quando venni ad abitare in questa casa, accanto c’era un negozio di motorini e il titolare il sor Renato era un po’ il nume tutelare della nostra strada.     Il suo unico figlio morì il giorno di un 24 dicembre a 16 anni investito (anche lui aveva colpa) da un autobus.

Presi confidenza e mi fermavo sempre più spesso rientrando a casa e una volta gli parlai di mia madre  del fatto che nonostante nessuno di noi fosse credente lei regalava a noi tre figli,  la Domenica delle Palme,  un rametto di ulivo che io conservavo per tutto l’anno nel portafoglio.

Da quella volta non ci fu anno che io sul parabrezza del motorino e della macchina non trovassi il mio rametto di ulivo benedetto.  Era del sor Renato.

Molte cose  mi legavano a quest’ uomo all’antica che mi raccontava spaccati di vita degli anni ’40, della guerra a Roma, di Monte Sacro una distesa di campi di grano,  della sua povertà e delle gambette ferite dalla paglia delle spighe che loro ragazzini raccoglievano correndo dietro da trebbiatrice per farne a casa un po’ di farina.

Il sor Renato morì nel febbraio del 2008 ma io per la Domenica delle Palme trovai sotto il tergicristallo della macchina  il mio ramoscello di ulivo:    il falegname, Roberto, aveva raccolto il testimone.

Via Corsaglia, figlio in moto e C1, foto sherazade

Così anche stamattina come fosse  una carezza ho allontanato la mia tristezza di ieri ed ho accolto il messaggio di mia mamma, del sor Renato abbracciandomi stretta  al falegname Roberto e naturalmente con le lacrime che scendevano da sotto gli occhiali (che vergogna).

Piangere fa venire gli occhi belli e luminosi, questo lo diceva mia nonna,  e piangere  dopo tanto  struggimento è salvifico : è come tornare a respirare dopo una lunga apnea.

Piccoli uomini? Silenziosi portatori di Pace.

Fiduciosamente sapersi abbandonare, foto sherazade

parole (e anche pensieri)

Ghiaccio bollente

sapore di  bacio

nel buio

disinnescata cornucopia

incontenibili emozioni

anima danneggiata

gabbia  oscillante

finestra schiusa

parapendio

volteggiare

massimo inganno

logora gioia

muta

piuma in piombo

illusione

vorticosamente

(angelo mio)

caduto

piangi rugiade.

Te
amo.

La prima camelia (foto sherazade)

Buon fine settimana. Teniamoci strettistrettissimi

EQUI (n) OZIO

“È uno degli eventi astronomici meno rari (avviene due volte all’anno), ma è sempre uno spettacolo e un piacere. Oggi alle 11.29 del mattino il Sole ha determinato l’equinozio di primavera, ovvero, il Sole ha attraversato, passando dall’emisfero australe a quello boreale, l’equatore celeste e ha toccato il cosiddetto punto vernale: ovvero l’intersezione tra l’ eclittica e l’equatore celeste. Questo momento non è fisso sul calendario, ma cambia perché  il calendario non  può misurare con perfezione il moto della Terra attorno al Sole (per questo ci sono gli anni bisestili). Fino al 2102 l’equinozio di Primavera sarà sempre il 20 o qualche volta il 19. Il 21 marzo, invece, è la data  convenzionale con cui inizia la nostra primavera.”

Quasi fine di Marzo. 20 per l’appunto.

Stiracchiarsi al primo tenero  sole, sbadigliare, tendere i muscoli pronti alla rincorsa di quella nuvoletta che attraversa veloce  lo spicchio della finestra già socchiusa… ma poi no, meglio aspettare.

 e mentre Sally continua a poltrire sotto la copertina di pile

la rosa anticipa ogni cosa e fiorisce rubando la scena al  Maggio

I raggi salgono alti nel cielo attraversano le prime rade foglie

Non si può resistere al richiamo

Andiamo et voila les deux jeunnes filles en fleurs..

Buona Primavera. Teniamoci stretti anzi trettissimi.

foto sherazade (salvo un Matisse)

 

Sotto il segno del Cancro

Il segno include i nati dal 22 giungo al22 luglio. Io ci rientro per un giorno: il 21.

Come si dice con aria vaga un po’ divertita: non ci credo molto a tutti questi indizi … ma chi l’ha detto.. massì comunque l’oroscopo lo leggo giusto per divertimento…ah per quel che conta però :  “Né di Venere né di Marte non si viaggia né  si dà principio all’arte”.

Per il 2017 cosa rivelano le stelle? Il quadro generale è di certo meno fosco: e gli astrologi sono tutti concordi nel dire che nel 2017 tutti i segni zodiacali potranno tirare un sospiro di sollievo, lasciandosi il peggio alle spalle.  Troppo semplice no? Chi di noi non ha passato, diciamo così, in modo  edulcorato,  in questo appena trascorso 2016  un ‘brutto quarto d’ora’?

Chi di voi è, come me, del Cancro?

121214

La sintesi che ho scelto è di Simon & the Stars:

“Il 2017 contiene un invito importante:       saper lasciare il guscio delle abitudini e delle sicurezze di sempre e sbarcare in un nuovo continente di occasioni, opportunità e soddisfazioni. Molti nati del segno sono alle prese con grandi cambiamenti nel lavoro, trasferimenti di città o traslochi. Il “nuovo” alle volte fa paura, non c’è che dire, ma contiene il seme di una nuova felicità. Per ottenere ciò che non hai mai ottenuto occorre fare qualcosa che non hai mai fatto. Questo è il messaggio che questo nuovo anno ha in serbo per te.”

Per me, alla mia età , ( e per fortuna dati i tempi che corrono)  il lavoro non è un problema, i traslochi forse neppure ma vale e mi piace la sollecitazione a ‘lasciare il guscio delle abitudini’ e annusare insieme a Sally l’aria in cerca di qualche nuova occasione.    Sì,  mi piace.

Marzo2015

La donna Cancro  rappresenta  uno dei segni più femminili e sensuali dello zodiaco.  Romantica e sognatrice, imposta la sua vita sulla realizzazione affettiva. È portata a svolgere attività nell’ambito sociale. Non è particolarmente attratta dalla vita mondana, ma si costruisce una fitta e solida rete di amici.Le sue armi di seduzione sono la grazia e la dolcezza.    La sua lunaticità la porta a improvvisi mutamenti di umore, irragionevoli ostinazioni e silenzi e ingiustificati che disorientano il partner.

Chi avrei potuto incarnare: Certamente George Sand. (1804/1876)

220px-die_junge_george_sand

considerata tra le autrici più prolifiche della storia della letteratura.  Femminista, quanto basta(va), attivista nel dibattito politico con il ‘torto’ di non avere mai preso posizioni nette,   tuttavia la sua opposizione alle politiche illiberali del papato  le costò la messa all’indice di tutti i suoi scritti.

Ma, ma, ma … di George Sand condivido soprattutto l’anticonformismo nelle sue relazioni sentimentali anche se i miei non sono i tempi di un Alfred de Musset o del sublime  Fryderyk Chopin penso che  l’ amore non sia statico ma mutevole :  eterno nell’arco temporale che è vissuto,  mutevole in luci e ombre come la luna che governa il segno del Cancro.

c089npkwiaa0ibo

E ben oltre l’oroscopo e il segno di appartenenza…

Buon Anno 2017 e il mio Augurio è sincero, forte e ce la metterò tutta per me e per voi e non sarà una grande fatica perchè lo dicono gli astrologi: andrà meglio, molto meglio.

Stay Human

Piazza della Minerva è una piazza del  centro storico di Roma , nel rione Pigna, ed situata in prossimità del Pantheon.

Il nome Piazza della Minerva deriva dall’originaria esistenza in questo luogo di un tempio fatto erigere da Gneo Pompeo Magno e dedicato appunto a Minerva Calcidica, la cui statua  oggi si trova in Vaticano.

La basilica di Santa Maria sopra Minerva, baricentro dell’intera piazza, era già citata nel VIII secolo  col nome di (ecclesia) “S. Mariae in Minervio”

Al centro della piazza, e voltando le spalle al convento dell’Inquisizione, si trova fin dal 1667 l’elefantino del Bernini, sormontato da un piccolo obelisco, scavato nel chiostro e proveniente dall’Iseum Campensis santuario dedicato alla dea Iside e al suo consorte costruito a Roma nel Campo Marzio.tra il 43 e il 23 a.C.

Penso che tutti i media abbiano riportato l’ennesimo atto vandalico perpetrato ai danni di questa città meravigliosa che è Roma al di là delle sue disfunzioni e delle diatribe politiche.    Questa volta a farne le spese è stato l’Elefantino di Piazza della Minerva ritrovato con una zanna spezzata, per nostra fortuna, prontamente ‘rabberciata’ nell’arco di pochissimi giorni.

Un danno che questa volta mi ha doppiamente e personalmente colpito al cuore e che, sempre più spesso, guardando al degrado generale delle azioni così come dei sentimenti mi fa quasi essere ‘felice’ che mia madre non ci sia più.

Perché adesso? Cosa c’entra con l’Elefantino e Piazza della Minerva mia mamma?   Era nata a Roma, è vero ma mia  mamma nel 1946

si era sposata a Santa Maria in Minerva e la narrazione di questo suo momento da favola era ricorrente ogni volta che insieme a braccetto o di corsa, io sempre indietro  e col fiato corto,  attraversavamo la piazza.

Vandali senza memoria della bellezza, senza cultura per il bello.     Come si può vivere?

Stay Human

October (fest)

October and the trees are stripped bare
Of all they wear.
What do I care?

October and kingdoms rise
And kingdoms fall
But you go on
And on.

Ottobre e gli alberi sono spogliati /Di tutta la loro veste.
Cosa mi importa? / Ottobre ed i regni sorgono / Ed i regni cadono / Ma tu vai avanti / E avanti.

Una piccola e  personale carrellata di foto,  alcune dell’anno scorso.

La pioggia invece è vera e sancisce il cambio di stagione a vantaggio di colazioni più ricche, sempre colorate e sopratutto in amorosa compagnia.

“Chi non ha mai posseduto un cane, non può sapere che cosa significhi essere amato.”

..e se a dirlo è Arthur  (Schopenhuer)  universalmente considerato uno dei maggiori pensatori di tutta la filosofia occidentale moderna ed è lo stesso che abbastanza cinicamente affermava :

“C’è un unico errore innato, ed è quello di credere che noi esistiamo per essere felici.”

allora dobbiamo proprio crederci e se così non fosse dovrebbe bastare lo sguardo di Sally.

Che Ottobre vi sia propizio in tutti i suoi 31 giorni poi si vedrà.

Un abbraccio circolare a tutti voi.