Aprile (scende la pioggia ma che fa..

Proverbio del mese:
Aprile bagnato contadino fortunato  (e noi in città? frutta a volontà?)
Aforisma del mese:
Nessuno può darti consigli più SAGGI (!) che te stesso.  (dedicato al Pres. Napolitano?)
Proverbio del mese:
A dà retta a le ciarle de li fregnoni (imbecilli) , cerchi er mare e trovi ‘n pantano.  (dedicato a…taci  ‘boccaccia mia’! )
Modi di dire del mese:
Li cudrini (quattrini) sporcheno le dita.  (dedicato a quelli che rubano  a…palate)
Luna e orto:
In aprile bisogno pensare ai trapianti facendo però attenzione alle possibili gelate improvvise.
Il fiore del mese:
Il mughetto composto da delicati e piccoli fiori a grappolo bianchi dal profumo intenso e sensuale che, al contrario, simboleggia la verginità e l’innocenza.
Io mi sposai illo tempore e il mio bouquet era composto da mughetti intrecciati nel tulle ricamato di lilla, l’abito  corto di seta grigio perla, e più che di verginità (era già nato mio figlio) e di innocenza si trattò di vera incoscienza visti i risvolti quasi immediati con cui entrambi reclamammo la reciproca libertà.
Il segno del mese:
Ariete che ‘come la forza della natura irrompe con tutta la sua energia a dare vita al creato, così i nati sotto questo segno (ma io sono una cencerina) sono vitali e passionali ‘(epperò anch’io lo sono).
Il pianeta dominante è Marte, ‘centro divino di energia’.
Il colore il rosso, il metallo il ferro e la pietra il diaspro rosso.
Dedica del mese:
“Oh Roma, patria dell’anima, tu sei veramente la sola, l’eterna. Al di sopra di ogni grandezza umana anche oggi…sotto qualunque degradazione! (G.Garibaldi)
Poesia del mese:
Specchio  –   S. Quasimodo
Ed ecco sul tronco si rompono le gemme,
un verde più nuovo dell’erba
che il cuore riposa:
il tronco pareva già morto, piegato sul declivio.
E tutto mi sa di miracolo, e sono quell’acqua di nube
che oggi rispecchia nei fossi
più azzurro il  suo pezzo di cielo,
quel verde che spacca la scorza
che pure stanotte non c’era.

Nulla è farina del mio sacco, neppure la poesia dura di Salvatore Quasimodo che esprime con tenerezza l’arrivo della primavera.
Queste ed altre curiosità si rinnovano di mese in mese nel calendario che da anni è il più richiesto (e a ragione) da noi ‘clienti, e non, di un importante gruppo di ottica presso il quale da una vita io ‘cerco lumi’ tra occhiali e lenti a contatto.
Un esempio  che insegna come si possa fare pubblicità in modo intelligente e mi riferisco all’orrida, ingiuriosa  pubblicità degli strofinacci che la ministra Fornero ha prontamente fatto ritirare perché alludeva alla violenza contro le donne:http://napoli.repubblica.it/cronaca/2013/03/29/news/pubblicit_con_omicidio_stop_della_fornero-55600147/

Buon Aprile a noi e che finita la pioggia di dubbi stallosi ci sia Primavera anche per la nostra Italia. Perdonate la melensaggine finale (‘Il lato positivo’ c’è e deve essere solo trovato)

2013