Sebben che siamo donne (paura non abbiamo…

“Polemiche e consumatori divisi negli Stati Uniti dopo la scelta dell’azienda XY di abbigliamento di mostrare come modella, per una pubblicità di lingerie,

l’attrice 62enne Jacky O’Shaughnessy

Immagine
Dunque non sono mancate le polemiche negli Stati Uniti per tale pubblicità con tanto di didascalia enfatizzata: «Il sexy non ha una data di scadenza».
Una decisione che ha diviso e generato dibattito anche sui social networks moderni maitres à penser (non si muove foglia che web non voglia). Taluni hanno bollato l’idea come “non attraente” , altri invece hanno esaltato il messaggio lanciato dal marchio. E del restoho letto che la stessa azienda nel 2012 aveva pubblicizzato, testimonial la stessa attrice, una linea di abbigliamento
Mi domando, scusate, passata quella ‘certa età’ non esiste più moda? Tutto si deve risolvere con i pannoloni e l’attak per la dentiera?

Nella foto ‘sotto inchiesta’ si vede questa signora di 62 anni portati egregiamente posare con un reggiseno e mutandine rosse, seduta in modo rilassato, pudico, in una posa che richiama lo joga.

Gli anni di vita e le aspettative di vita si sono talmente allungate da convincere molti Stati a spostare a 67 anni l’età pensionabile, con qualche lieve variante. In Italia è così.
Per la maggioranze delle donne l’età pensionabile non è certo una passeggiata. Al momento di tirare i remi in barca e godere un po’ la vita ecco che si ritrovano per lo più a fare il secondo mestiere (gradito quanto ti pare ma impegnativo) di nonne e/o a seguire i vecchi genitori ultra ottantenni perché la vita si è allungata per tutti, nella buona e nella cattiva sorte.

Considerando che a metà dell’Ottocento Flaubert descrive Emma Bovary come una donna attraente ‘ a dispetto dei suoi trentacinque anni’ di strada ne abbiamo fatta. Oggi mediamente una donna tra i 35 e i 38 anni  (tralasciamo qui le implicazioni socio-economiche)  ha il primo figlio ed è nel pieno della sua bellezza.
A 50 anni i tabloid ne esaltano la ‘prorompente’ vitalità,  ne contano, come medaglie, la lunga serie di toy- boys (non è così per tutte, ovviamente le donne ‘normali’ non destano attenzione e dunque se non a livello di pettegolezzo di quartiere se ne sa poco). Mirabili e (invasive, aggiungo io) interventi chirurgici tirano qua e gonfiano là. Le donne con il cervello che funziona , comunque, con diete sane e palestra o movimento, davvero non dimostrano l’età anagrafica.

Per tornare alla querelle che agita l’America che non ha niente a cui pensare, tutto questo polverone si alza, per assurdo, proprio ora che, sembra al momento “a sua insaputa”,  Illary Clinton, classe 1947,  potrebbe correre per la presidenza americana evincere visto che i sondaggi la danno, ora, al 77%.

Per quel che mi riguarda, da donna libera, attenta ad alcune regole di vita sana, che con i sessant’anni deve cominciare a prendere dimestichezza, sia pure con qualche privilegio, penso che sia troppo facile strattonare la copertina dove fa comodo, soprattutto quando si tratta di criticare le donne.

Eppure,  in questo momento mi viene in mente l’allegria contagiosa della risata, dell’inconfondibile voce, dei colori sgargianti di una Sandra Milo ultraottantenne e penso che ognuna di noi può fare quel che si sente, sapendo che però servono spalle larghe perché per le donne di qualsiasi età basta un nonnulla e il dileggio l’offesa aperta riferita alla sua fisicità  è la forma più semplice, diretta e meschina per tentare di svilirla.

Annunci

fermare il femminicidio, repetita iuvant.

Settembre.
Tempo di vendemmia.
Senza una stagione precisa, sempre più,
le donne cadono a grappoli.

Rimini.
Giovane donna di 30 anni assassinata
nella cucina dell’albergo con un coltello piantato nel cuore.
Finita la ‘stagione’ il giorno dopo sarebbe tornata a casa.

Delitto di Udine.
Un uomo avrebbe confessato l’uccisione di Silvia Gobbato, 27 anni, mentre la giovane stava facendo jogging.
Il che potrebbe significare che fare jogging non sempre mantiene in forma: meglio scappare.

Ma una donna la si uccide anche con il disprezzo delle parole.
Beppe Grillo, leader del terzo partito in Italia attacca la Presidente Laura Boldrini.
“E’ un oggetto di arredamento del potere”
Come dire? ‘una donna bisogna che piaccia, che taccia e che se ne stia in casa’. Fora de ball, alla francese, tout-court.

FERMARE IL FEMMINICIDIO.

24 settembre, solo una maciata di giorni sono trascorsi eppure:

Bari, Bisceglie.

Tragedia sfiorata: un uomo di 36 anni ha rubato le chiavi di casa della ragazza che lo aveva lasciato ed ha tentato di ucciderla folgorandola con un phon  mentre lei stava facendo – ignara – la doccia.

Roma.

Sperona con un furgone l’ex  moglie per ucciderla. Dopo reiterati insulti, minacce e botte l’uomo ha inseguito la sua vittima con un furgone per poi schiacciarla contro un muro di cemento.

Da parte mia non credo che possa bastare una legge ad hoc per fermare questa furia omicida contro le donne  (quasi sempre preceduta da atti violenti ‘regolarmente’ denunciati dalle vittime) .Penso, piuttosto, che la cultura maschile, la società, debbano cambiare atteggiamento imponendo rispetto e misura nella pratica del quotidiano.

In effetti lo penso ma temo,  che salvo le molte eccezioni, la cultura del ‘maschio’ padrone, spesso -oggi – padrone sopraffatto dalla sua stessa pochezza scoppi all’nterno della sua cerchia famigliare anzichè trovare nel confronto con la società una riappacificazione umana.

http://youtu.be/GGjSrEKW7co FRAGILE

Miriam è andata via

“Miriam era dolcissima e fortissima”.

Faccio mia la definizione di Ezio Mauro perchè Miriam Mafai era davvero questo e aggiungerei aperta al dialogo, umile, mancava dell’arroganza che definisce questi tempi bui.

Capisco sempre più lo spaesamento di mia mamma nel vedere le sue donne di riferimento andarsene una ad una. Se n’è andata prima lei di altre e poi loro e oggi Miriam così simile a lei. Io le piango e le mantengo vive nel cuore e le immagino corrucciate di fronte a tante nefandezze che rispuntano come funghi a dispetto delle loro lotte, dei loro sacrifici.

Attraversano questo mondo, segnano con il loro amore e la loro lungimiranza il passo al cambiamento,  quando corrono troppo si fermano e ci prendono per mano. La grandi donne d’ ‘una volta’.

E noi che restiamo ci sentiamo tutti  sempre un po’ più orfani.

Sebben che siamo donne

Ogni anno arriva l’8 marzo e noi donne ci facciamo offrire mimose e fingiamo di godere di un giorno di ‘follia’ tutto per noi un po’ come lo concedevano i Signori del castello ai loro servi il primo giorno di carnevale.
Per quanto si possa essere evoluto il rapporto donna-uomo, o meglio uomo-donna,  le cose vanno parecchio male e con la donna mai realmente ‘soggetto’ ma spesso solo ‘oggetto’ passano dei messaggi che banalizzano, allontanano dal reale, quasi giustificano atteggiamenti molesti, aggressivi e spesso violenti fino a conseguenze estreme.

Dall’anno scorso collaboro con telefono rosa e vi posso assicurare che i racconti che sento non sono che la minima parte di quello che compare in forme eclatanti sui media.
Ci sono piccole violenze subdole e denigratorie “sei una povera scema, senza me dove andresti”,  Violenze fisiche denunciate dopo mesi o anni (o mai) perché “lui mi ama” oppure “lui farebbe male ai nostri figli”
E ora BASTA!