L’importante per una foto, quello che la rende una buona foto,
è che sia vera, nel senso pieno del termine.
Che sia onesta. Senza tagli. Senza trucchi.
Senza troppi artifici tecnici.
(Man Ray)

Ho provato a sostituire la parola  ‘foto’   con la parola vita e  l’equilibrio del ragionamento resta integro.  Ho pensato alla musica, sollecitata da questa immagine.    Ho osato di più, questa volta con la parola amore  e  non una sbavatura,  calza a pennello.
Non c’è dunque limite  alla profondità di alcune semplici riflessioni.   Quel che manca ai comuni mortali è saperle legare  al quotidiano.   Quale il limite?

September Morn  Neil Diamond

Followers croce e delizia

‘Come briciole di Pollicino’

Il 26 aprile del 2012 scrivevo questo post che riporto, tagliato:

“Per un caro amico che se ne và alla chetichella.
(…..) Trasferirmi da Monte Mario a Monte Sacro fu per me un trauma.
(….)E proprio accanto al portone c’era il Sor Renato con la sua officina per motocicli, impagabile negli anni.
(…..)Noi prendemmo possesso della casa a febbraio e il 31 dicembre dello stesso anno suo figlio sedicenne, Davide, tornando a casa fu investito dall’ autobus e morì sul colpo. Questo fatto tragico fece da collante.
(…..) Morì mia mamma e non so come, erano i giorni di Pasqua) gli raccontai che lei, pur non credente, la domenica delle Palme dava a noi figli un rametto di ulivo benedetto che io custodivo di anno in anno nel portafoglio. L’anno seguente, e da allora ogni lunedì dopo la domenica delle Palme, io trovavo sul parabrezza del motorino o della macchina un rametto di ulivo. In silenzio ci abbracciavamo mentre lui grande e grosso si schermiva, entrambi presi dall’ emozione .
Anche quest’anno ho avuto il mio rametto d’ulivo ma me lo ha dato in mano burberamente perché non era riuscito a trovare la mia macchina.
Il lunedì successivo la serranda è restata chiusa.
Oggi ci sono stati i funerali e la chiesa traboccava di corone di fiori e di persone.
(…..) Non è necessario essere grandi uomini (o donne), per essere amati e ricordati è sufficiente lasciare come Pollicino tante bricioline che portano al cuore di chi resta.”

“a tenerezza di un uomo gentile.

E’ PASSATO UN ANNO DA QUANDO il Sor Renato ci ha lasciato, eppure, ieri, domenica delle Palme, io ho trovato sul parabrezza della mia auto il ramoscello di ulivo. E’ vero che il sor Renato veniva un po’ additato come il gazzettino della nostra via ma qualcuno deve essere stato il destinatario di questa mia confidenza e quel qualcuno (che poi ho scoperto essere il falegname) con il suo gesto ha voluto ricordare un uomo gentile compiendo un innegabile gesto di te-ne-rez-za nei miei confronti.”

 

Trascrivo questo, oggi, di nuovo domenica delle Palme, 2014, rimarcando che allora questo mio pensiero piacque a 7 di voi e ricevetti ‘soltanto’ 13 commenti incluse le mie risposte.

Perché lo dico? Perché ho ancora nella mente le parole con cui un amico (ma amico nella blog sfera forse può suonare un po’ una forzatura) mi ha informata che avrebbe smesso di scrivere sul suo blog perché al di là di fatti contingenti, soprattutto non ha trovato nel blog nell’ arco di tre anni (contro i miei oltre 12) quello scambio fruttuoso di idee che si aspettava ma anzi la malafede (ma anche questa è una parola grossa) di chi ti si avvicina, pone i suoi Mi piace senza leggere, per aumentare i suoi followers e poi sparisce, gratificazione dei numeri.
Per me ci può stare tutto e certamente ognuno di noi, almeno qui, penso possa agire come crede, essere o non essere sé stesso. E’ una individuale.

Io non mi aspetto niente ma certamente il tutto mi rallegra e scrivo le mie cose un po’ a margine delle mie giornate seguendo il flusso di un pensiero quale che sia forse anche un po’ pigramente perché questo mio spazio possa essere una piccola agorà aperta dove io – un po’ scioccamente prendendomi in giro – offro i miei ‘baci e abbracci’ per darle una connotazione meno astratta. Sia ben chiaro non abbraccio e bacio chiunque io incontri a Piazza del Parlamento (specialmente di ‘sti tempi bui).
Le persone che seguo più o meno assiduamente sono quelle che mi trasmettono sensazioni senza troppe arzigogolature. Lo ammetto, pratico fino in fondo l’ossimoro ‘profondità nella leggerezza’. Mi interessano i gusti e le motivazioni di chi ‘posta’ un film o anche solo un’immagine. Non so nulla di cibo ma leggo molte ricette.

E qui mi permetto di scomodare Pietro Ingrao e riportare un suo passaggio che potrebbe adattarsi a noi internauti;

“….Se volete c’è una convinzione più di fondo che mi porto dentro da lungo tempo: che noi ci trasformiamo con gli altri, gli altri sono diversi e sparsi e in cerca. Tutti siamo sparsi.”

In 12 anni rileggendo i vecchi post ed i relativi commenti mi rendo conto di quante per-so-ne ho incrociato, sempre amichevolmente, ognuna con le proprie preferenze, in tempi diversi.
La chiusura di Splinder e il successivo passaggio su WP non è stato indolore eppure eccomi qui con alcune amiche e amici veri che conto li racchiudo nelle dita di una mano, ma ci sono anche i singoli contributi sempre ben venuti e  per quel che durano, senza acrimonia, senza retro pensieri. C’è sempre tempo di ritrovarsi.

Oggi è domenica delle Palme, io ticchetto più a lungo del solito e sono un po’ stanca eppure anche la sola persona che vorrà condividere questo mio ricordo del Sor Renato e le ingarbugliate riflessioni sul senso dello scrivere qui e ora, quella singola persona nel momento che mi legge e la leggo mi è amica.

Have a rest ovvero torno presto

Stacco un momento.
Vi prego accomodatevi e come di solito avviene portate qualcosa, bevete, conoscetevi e
sopratutto
aspettatemi per domenica.

mygarden

Guardate il giardino che si risveglia, togliete quella fogliolina avvizzita

giardinoaprile

Vi intrattiene Sally con la sua palletta

SallyPalletta

e in sottofondo la prima canzone d’ammore Voi?

Non siate pigri.

La patata tra Cultura e arte culinaria.

 
“Che fai?”
“Leggo il mio Artusi.”

Non che io sia una cuoca provetta ma sono senz’altro molto attenta al cibo, alla sua presentazione, alla sua storia e per questo l’Artusi è perfetto. Mi piace rileggerlo spesso e sognare cene semplici, o dolcemente complicate, per me irraggiungibili, fantasiose.
‘La scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene’, appunto di Pellegrino Artusi, scrittore e gastronomo, fu pubblicato la prima volta alla fine dell’Ottocento dopo la riunificazione dell’Italia ed ebbe, ed ha, il merito di racchiudere con accenti a volte ironici e riferimenti storico-culturali ricette culinarie di tutte le regioni italiane da lui visitate una ad una tanto da attribuirgli il merito di aver posto le basi per la formazione della cucina nazionale italiana.
Il libro ebbe alterne fortune ma divenne molto conosciuto nel mondo, dopo la pubblicazione nel 1970 a cura della casa editrice Einaudi.

Perché l’Artusi per poi selezionare una ricetta straniera o, peggio ancora, dei nostri eterni antagonisti in fatto di cucina e di vini, i cugini francesi?

E’ in uscita un libro del giornalista e imprenditore gastronomico Craig Boreth che si intitola ‘ A tavola con Hemingway’ una sorta di guida di ristoranti, bar, bettole, ricette messe insieme seguendo le tracce di Hemingway in giro per il mondo da Cuba a Parigi, a Venezia, nel Vecchio e nel Nuovo mondo.
Si va dalle ricette più macchinose alle più elementari tipo le patate all’olio che Ernest H. mangiò a Parigi nel 1924 alla brasserie Lipp e che così ci descrive:

“La birra era molto fredda e meravigliosa da bere.Le pommes à l’huile erano sode e marinate, e l’olio d’oliva delizioso. Macinai del pepe nero sulle patate e inzuppai il pane nell’olio di oliva.Dopo la prima lunga sorsata di birra mangiai e bevvi molto lentamente…raccolsi con il pane tutto l’olio e tutta la salsa e bevvi la birra lentamente fino a che cominciò a diventare meno fredda, e allora la finii e ne ordinai un’altra mezza e guardai mentre la spillavano”.

Pomme de terre à l’huile
2 porzioni, 500grammi di patate
6 cucchiai di olio extravergine di oliva; 2 cucchiai di vino bianco secco; 2 cucchiai di aceto rosso, 2 cucchiai di brodo di manzo, uno spicchio di aglio,sale e pepe.

Lavate e sbucciate le patate e mettetele a cuocere in acqua fredda e salata. Portate a ebollizione finche nonle ritenete cotte
Scolate le patate e appena sono abbastanza fredda tagliatele a fettine, quindi mettetele in una terrina e mescolate delicatamente con l’olio, l’aglio, sale e pepe.
In un pentolino scaldate il vino, l’aceto e il brodo. Quando il tutto è ben amalgamato e ben caldo versate sulle patate e mescolate il tutto con mano leggera.
Pane in abbondanza per assicurarsi quella che a Roma è ‘fare la scarpetta’.

Semplici patate? Bene ma come si facevano alla brasserie Lipp, a Parigi, nel 1924, e per compagno a tavola Ernie Hamingway!
Scusate se è poco.

Lettera a un’amica

cara Jean

parti da un presupposto sbagliato. Io non mi faccio ‘i fatti miei’ ma sto piuttosto alla finestra e questo non mi impedisce di avere dei mie pensieri e fare delle mie riflessioni.
Mia madre sarebbe stata molto più aperta di te perchè conosceva i giovani e sapeva vedere nel futuro ed il futuro non può essere un ritorno al passato in un mondo cambiato vorticosamente come cambiato è il ‘target’ dei nuovi cittadini-elettori. Cosa ne pensa mio fratello Stefano (intendi lui?) non lo dico perchè sarei, credo, cattivella.
Mai avrei brindato a champagne in questo mio Paese a pezzi ma so riconoscere la sfida che 3 milioni di persone hanno lanciato ai nostri tre candidati. Si diceva che anche 2milioni sarebbe stata una cifra ambita.
Il ‘tuo’ Partito che è stato anche il mio, non esiste più dai tempi della Bolognina, dalla sofferta rottura di Pietro Ingrao, dalla scissione in Rifondazione comunista. Quel partito è stato mandato nelle soffitte di Botteghe Oscuere insieme all’amore di Togliatti e di Nilde Jotti e siamo diventati prima alberi e poi son cresciute margherite, abbiamo inglobato ‘amici’ come la Binetti, e un tesoriere un po’ troppo allegro nel gestire i fondi comuni, come Lusi. Semplici acronimi senza orizzonte. Abbiamo perso la nostra dignità e la nostra credibilità.
Il D’Alema di cui Gianni Cuperlo è espressione, è colui che ha inventato quella bella operazione della Bicamerale, mentre come se non bastasse, litigiosi a sinistra sempre, RC ha fatto cadere il governo Prodi.
Bersani si è barcamenato e il nostro elettorato esausto si è disgregato. Saper perdere le elezioni vincendole e resuscitare un Berlusconi ormai agonizzante è opera di questo nostro non partito. Le ‘Larghe intese’ da nessuno di noi votate sono il risultato dell’assenza di un pensiero vincente a sinistra.
L’alternativa era l’allora giovane Cuperlo? O Civati anche preparatissimo ma non abbastanza competitivo. Non si può pensare di fare politica se non si ha anche un forte ‘appeal’ all’esterno.
Luca ha votato Renzi e quel che ha detto Renzi ieri sera lo ha convinto ad ascoltare nonostante i reroconti sportivi della domenica. In effetti quello che tu definisci novello imbonitore ha messo una foga e una concretezza che a me ha ricordato, perdonami, i veri vecchi compagni.
Io voglio dargli fiducia, quella stessa fiducia che ha tirato, per prima, Luca fuori di casa senza la mia sollecitazione: “Allora si va?”.
Il futuro sono loro e Renzi sa bene che è con i giovani che deve fare i conti anche e sopratutto in termini della tanta vituperata immagine. Ma del resto questo lo sanno bene i vecchi volponi che da anni hanno assunto curatori di immagine, gost writers addetti stampa. Anna Maria Testa
” giornalista pubblicista dal 1988. Collabora con diverse testate e con Rai e si occupa di comunicazione politica.” ha curato campagne elettorali e ‘immagine’ dei nostri cari compagni a partire da leader Maximo sin dalla fine degli anni Ottanta.
Trucco e parrucco fanno parte dello spettacolarizzazione della nostra classe politica, che orfana dei suoi circoli e delle sue sezioni, dismesso il fiore all’occhiello dei suoi Centri studi, è diventata show televisivo, reality, ma ha perso il contatto con la realtà e con le persone-
Siamo alla frutta, mia cara, e non soltanto perché impera il salutismo delle diete. Siamo a dieta perché l’impoverimento progressivo del nostro Paese è nella mancanza di obiettivi, di programmi di una classe politica sbracata e compiaciuta di sé.
Indignarsi non basta (più) e tre milioni di persone, quali che siano, lo hanno detto. La palla passa a Matteo Renzi e aspettiamo che nel tempo di qualche partita cominci a segnare. Ne va di tutti noi.
Ti abbraccio e non me ne volere .

Ps per i miei amici del blog. Ho votato Matteo Renzi ben conscia che non può rappresentare la continuità interrotta del mio Partto la cui fine fu segnata dal volto rigato di pianto di Pietro Ingrao e che si abbraccia a una compagna di cui soltanto chi era presente ricorda, ancorchè di schiena il nome. Quella persona ero io.

Il XIX e penultimo congresso del PCI si tenne dal 7 all’11 marzo 1990. Tre le mozioni una del segretario Achille Occhetto,che proponeva di aprire una fase costituente per un partito nuovo, progressista e riformatore; una seconda, firmata da Alessandro Natta e Pietro Ingrao, che invece si opponeva ad una modifica del nome, del simbolo e della tradizione; ed una terza proposta da Armando Cossutta, simile alla precedente.
La mozione di Occhetto risultò vincente con il 67%.

One love (Love is temple)

Il libro/saggio : “Cinque meditazioni sulla bellezza”. L’autore Francois Cheng , uno studioso  cinese trasferitosi in Francia,  nel 2002 ha avuto  l’onore – primo e unico asiatico – di essere eletto Accademico di Francia.

E’ un saggio tutt’ altro che ‘palloso’ che colpisce per l’attualità e la pressante necessità di  “farsi carico del male del mondo”. Questa una delle sue argomentazioni:

“Nessun discorso sulla vita è vero se non comprende il male che la abita,  E’ importante che il rifiuto di arretrare davanti al dolore non ci annienti ma che, al contrario, conduca ad una maggiore consapevolezza…..incoraggiandoci a essere ricettivi all’istante,  alla bellezza.”

E all’intervistatore che gliha chiesto  cosa intenda per “istante” spiega:

“In effetti è fondamentale  precisare questo concetto.  Noi non possediamo il tempo, ma possiamo possedere l’istante. Non si tratta di concentrarsi sul presente per godere dei piaceri che ci può  offrire:  questa è l’attitudine di chi è consumatore, approfittatore. L’istante, invece, raccoglie tutto ciò che abbiamo vissuto e sognato, tutto il passato ma anche il futuro verso cui tendiamo e il desiderio che ci portiamo dentro, in un momento di vero senso. Per raggiungerlo, bisogna mantenersi umili e perseveranti. Possedere in modo assoluto l’istante, moltiplicare gli istanti della nostra vita è l’unico modo che abbiamo per vincere la morte. Non dobbiamo coltivare nostalgie e rimpianti ma, al contrario, prepararci ad accogliere l’istante, che è sempre incontro. E’ questa l’eternità cui abbiamo accesso.”

Forse che monsieur Cheng ha riscoperto l’acqua calda? E, allora, se è davvero così semplice perchè è anche così maledettamente difficile?

Senza perdere la tenerezza (e la speranza)

Qualche settimana fa, si è prestato a un bagno di folla per nulla intimorito, anzi divertito, è salito e sceso dalla jeep più volte per salutare completamente a suo agio.
In modo colloquiale, senza pomposità, si è accomiatato  augurando a tutti una buona domenica e un buon pranzo.
Ha fatto un primo riferimento al sentimento della ‘tenerezza’, che non dobbiamo temere, come soltanto un altro suo conterraneo fece: ‘Bisogna saper essere duri senza perdere la tenerezza’.
Oggi, rivolto ai giovani li ha esortati: ‘Non fatevi rubare la speranza’.
Insomma due uomini argentini che strade diverse hanno portato ad essere rivoluzionari entrambi.
L’uno è morto e sarà difficile cancellarlo perchè dalla storia è passato direttamente alla leggenda. L’altro, vivo e vitalissimo, è approdato a Città del Vaticano: ha scelto il nome di Francesco ed è il nuovo Papa di Santa Romana Madre Chiesa.
Personalmente nulla mi accomuna a lui, essendo io agnostica, se non il fatto che è capo di una potente comunità planetaria  collocata in suolo italiano e che ‘non si muove foglia che Papa non voglia’ tanto pesano i suoi diktat nelle scelte politiche del nostro Paese,  sopratutto e non solo.
Mentre la mia Italia arranca, in modo del tutto inatteso vedo gesti e sento parole che da tempo mi aspettavo da tutt’altra parte e nel nulla acquistano autorevolezza.

‘Non fatevi rubare la speranza’ esorta Francesco,  mentre il mio Che Guevara ci ricorda di tenere duro senza disperdere la tenerezza, linfa vitale di una comunità solidale.

Tenerezza e speranza non mancano, qui, ma..allora?

nudiallametà

 

Cara amica ti scrivo (di tutto di più

Caracara,

sono stata molto ‘contropelo’ questi giorni (e ancora non mi è passata) e come mio solito mi ritraggo nel guscio per uscire solo se sollecitata. Grazie per averlo fatto.

E intanto settembre se n’è andato senza buone nuove . Sono riprese le messe cantate e le giaculatorie mentre molti coetanei e amici di Luca sono allo sbando e galleggiano sui loro sogni di carta straccia (lauree) rispondendo ai call centers o hanno accettato  contratti capestro da fame e con scadenze anche bimestrali! Già tre  dei suo gruppo più stretto sono stati licenziati. Pietro si era appena sposato ed ha un mutuo sul groppone mentre Simone senza lavoro è dovuto tornare in Sicilia dai genitori. Questi dati sulla disoccupazione e soprattutto sulla disoccupazione giovanile,  che incalzano ogni giorno – non sono per la censura, per l’affossamento – non aiutano  a scollare la sfiducia che c’è già di suo.

Ieri sono stata alla Camera dei Deputati dove hanno presentato un film su Pietro Ingrao, fuori concorso a Venezia.  Un lungo viaggio attraverso il novecento vissuto nel silenzio della sale, un centinaio di persone,  contando i parenti,  tra cui, forse, ero io tra i dieci più giovani. Un mondo fissato ad un’era che poco si discostava a quella dei dinosauri e se Lucy non fosse già stata trovata anche lei sarebbe stata lì..tu che hai condiviso con me quei momenti di grande passione e quell’ Alta febbre del fare potrai capirmi.

Sono uscita con un grande magone.

Questo il LINK  Voi non mi avete convinto

Ho il telefono a riparare per via della scheda audio ed ora utilizzo una vecchia scatoletta, dunque ti dovrai accontentare del mio pensiero amoroso e di una fotografia vecchia, non di giornata, ma con la caffettierina color del lillà mooolto trendy.   Ci sentiamo presto e magari cercherai di recuperare il tempo della crostata perduta.

Ti abbraccio con la sally-ina cuore ridente della nostra casa. Non puoi immaginare quanto mi sia salutare quell’ora abbondante al parco immersa in un verde smeraldo rigenerato dalle piogge dopo la calura, a fare sciocchi discorsi con persone di ogni tipo che ormai conosco alternativamente da tre anni. Entrare nel nostro spazio ed essere accolta da tanti musi affettuosi,  code al vento che ho visto crescere. Molte brave n(d)onne inorridirebbero a sentirmi parlare così. Chi mi ha conosciuta in altri tempi mi vedrebbe come una controfigura della mestessa che trottava a testa bassa per completare ogni giorno i tanti tasselli che messi insieme ci rendono delle wonderwomen molto women strapazzate e poco wonderabili

  I newyorchesi ? Baci

 

E le ste(A)lle stanno a guardare

“Lo scriva pure, non me importa un cazzo….

Sono vittima di invidie,  Mangano il mio eroe.”

A ripeterlo per la seconda volta non è un mocciosetto grintoso che vuol far carriera nella mafia, così come un certo tipo di  ragazzine di questi giorni vorrebbero essere come Belen,  farfallina inclusa. No, questa concetto è stato ribadito da un tal Marcello Dell’Utri,  in odor di mafia da sempre, che la magnanimità connivente (una mano lava l’altra) di Silvio Berlusconi – sua la paternità di un’altra frase celebre: “Lo stalliere Mangano fu un eroe” – ci ha imposto come senatore della nostra Repubblica ed è  tutt’ora in carica mentre le sue vicende giudiziarie hanno ripreso, come dire?,  nuova linfa anche se questa volta il povero Berlusconi sarebbe la vittima, vittima?  Si, da parte di  Dell’Utri che lo avrebbe ricattato a suon di milioni.