Magro è bello?

‘Magro è bello’ !
già ma quanto magro e secondo quali parametri?
Da parte di padre io sono siciliana e ho preso le caratteristiche fisiche delle donne meridionali (per me nessuna influenza normanna ahimè) 1,60 e mai sotto i 50 chili ed ora…ssss… facciamo conto che nessuno mi sente.. tocco i 57

Dieta!  non ricordo un periodo di non essere stata a dieta.
Primavera per la prova costume e autunno per rientrare nella mia taglia 44.
Diete all’acqua di rose ma pur sempre foriere di cattivo umore e di isolamento temporale dai deschi altrui. Mangiare cose buone, assaggiare un po’ questo e un po’ quello, il pane croccante e il gorgonzola al mascarpone una botta di calorie ma che saporino e le papille gustative in piena attività che trasmettono estasi e buonumore.

‘Magro è bello’ !
ma questo concetto viene stravolto e diventa una terribile arma spesso letale nella mani di tante ragazzine ed adesso anche di giovani ragazzi.

anoressica

‘Anoressia’
questa l’arma che giovani insicuri puntano contro sé stessi
Il problema esiste e non nei termini generici che io dico.
L’ Anoressia e il suo contrario, la bulimia, sono veri e propri ‘disturbi del comportamento alimentare’ che hanno spesso una matrice psicologica profonda ma altrettanto spesso sono meccanismi innescati da ‘cattivi esempi’ come ad esempio l’esaltazione della magrezza.
“Con l’arrivo della bella stagione chi non ha provato a cercare su Google il termine “dieta”? I suggerimenti, dettati dalle ricerche più frequenti, associano la parola a “dukan”, “vegana”, “a zona”. Provando a digitare “dieta pro…” per “dieta proteica”, Google vi suggerirà anche “dieta pro ana”.
La dieta pro ana è una sconcertante pratica fisica e mentale che coinvolge da anni soprattutto ragazzine con il mito della magrezza. Per chi non conoscesse il fenomeno del web che si è sviluppato intorno all’argomento, è bene che sappia quanto grave sia che “dieta pro ana” compaia tra i risultati più cercati sul motore di ricerca.”

E come se non bastasse, quello che davvero mi indigna è che icone di tali comportamenti siano personalità di spicco di cui viene esaltata la bellezza e di conseguenza la ( eccessiva) magrezza.
Parlo della DivaDonnaIcona del tutto Angelina Jolie che generosamente, in rete, insegna come dimagrire e raggiungere la sua perfezione seguendo la sua dieta.

angelina1

Chi vuole un aperitivo? Un bicchiere di Vino fresco ? due tartine? Un’ oliva o un’ ovolina….poi si va a cena.
Magro è bello?

Followers croce e delizia

‘Come briciole di Pollicino’

Il 26 aprile del 2012 scrivevo questo post che riporto, tagliato:

“Per un caro amico che se ne và alla chetichella.
(…..) Trasferirmi da Monte Mario a Monte Sacro fu per me un trauma.
(….)E proprio accanto al portone c’era il Sor Renato con la sua officina per motocicli, impagabile negli anni.
(…..)Noi prendemmo possesso della casa a febbraio e il 31 dicembre dello stesso anno suo figlio sedicenne, Davide, tornando a casa fu investito dall’ autobus e morì sul colpo. Questo fatto tragico fece da collante.
(…..) Morì mia mamma e non so come, erano i giorni di Pasqua) gli raccontai che lei, pur non credente, la domenica delle Palme dava a noi figli un rametto di ulivo benedetto che io custodivo di anno in anno nel portafoglio. L’anno seguente, e da allora ogni lunedì dopo la domenica delle Palme, io trovavo sul parabrezza del motorino o della macchina un rametto di ulivo. In silenzio ci abbracciavamo mentre lui grande e grosso si schermiva, entrambi presi dall’ emozione .
Anche quest’anno ho avuto il mio rametto d’ulivo ma me lo ha dato in mano burberamente perché non era riuscito a trovare la mia macchina.
Il lunedì successivo la serranda è restata chiusa.
Oggi ci sono stati i funerali e la chiesa traboccava di corone di fiori e di persone.
(…..) Non è necessario essere grandi uomini (o donne), per essere amati e ricordati è sufficiente lasciare come Pollicino tante bricioline che portano al cuore di chi resta.”

“a tenerezza di un uomo gentile.

E’ PASSATO UN ANNO DA QUANDO il Sor Renato ci ha lasciato, eppure, ieri, domenica delle Palme, io ho trovato sul parabrezza della mia auto il ramoscello di ulivo. E’ vero che il sor Renato veniva un po’ additato come il gazzettino della nostra via ma qualcuno deve essere stato il destinatario di questa mia confidenza e quel qualcuno (che poi ho scoperto essere il falegname) con il suo gesto ha voluto ricordare un uomo gentile compiendo un innegabile gesto di te-ne-rez-za nei miei confronti.”

 

Trascrivo questo, oggi, di nuovo domenica delle Palme, 2014, rimarcando che allora questo mio pensiero piacque a 7 di voi e ricevetti ‘soltanto’ 13 commenti incluse le mie risposte.

Perché lo dico? Perché ho ancora nella mente le parole con cui un amico (ma amico nella blog sfera forse può suonare un po’ una forzatura) mi ha informata che avrebbe smesso di scrivere sul suo blog perché al di là di fatti contingenti, soprattutto non ha trovato nel blog nell’ arco di tre anni (contro i miei oltre 12) quello scambio fruttuoso di idee che si aspettava ma anzi la malafede (ma anche questa è una parola grossa) di chi ti si avvicina, pone i suoi Mi piace senza leggere, per aumentare i suoi followers e poi sparisce, gratificazione dei numeri.
Per me ci può stare tutto e certamente ognuno di noi, almeno qui, penso possa agire come crede, essere o non essere sé stesso. E’ una individuale.

Io non mi aspetto niente ma certamente il tutto mi rallegra e scrivo le mie cose un po’ a margine delle mie giornate seguendo il flusso di un pensiero quale che sia forse anche un po’ pigramente perché questo mio spazio possa essere una piccola agorà aperta dove io – un po’ scioccamente prendendomi in giro – offro i miei ‘baci e abbracci’ per darle una connotazione meno astratta. Sia ben chiaro non abbraccio e bacio chiunque io incontri a Piazza del Parlamento (specialmente di ‘sti tempi bui).
Le persone che seguo più o meno assiduamente sono quelle che mi trasmettono sensazioni senza troppe arzigogolature. Lo ammetto, pratico fino in fondo l’ossimoro ‘profondità nella leggerezza’. Mi interessano i gusti e le motivazioni di chi ‘posta’ un film o anche solo un’immagine. Non so nulla di cibo ma leggo molte ricette.

E qui mi permetto di scomodare Pietro Ingrao e riportare un suo passaggio che potrebbe adattarsi a noi internauti;

“….Se volete c’è una convinzione più di fondo che mi porto dentro da lungo tempo: che noi ci trasformiamo con gli altri, gli altri sono diversi e sparsi e in cerca. Tutti siamo sparsi.”

In 12 anni rileggendo i vecchi post ed i relativi commenti mi rendo conto di quante per-so-ne ho incrociato, sempre amichevolmente, ognuna con le proprie preferenze, in tempi diversi.
La chiusura di Splinder e il successivo passaggio su WP non è stato indolore eppure eccomi qui con alcune amiche e amici veri che conto li racchiudo nelle dita di una mano, ma ci sono anche i singoli contributi sempre ben venuti e  per quel che durano, senza acrimonia, senza retro pensieri. C’è sempre tempo di ritrovarsi.

Oggi è domenica delle Palme, io ticchetto più a lungo del solito e sono un po’ stanca eppure anche la sola persona che vorrà condividere questo mio ricordo del Sor Renato e le ingarbugliate riflessioni sul senso dello scrivere qui e ora, quella singola persona nel momento che mi legge e la leggo mi è amica.

Tesoro. adesso parlo io

 

Passate, per fortuna, una sequela killer di feste che più feste non si può, e tutto quello che comportano in calorie e chiacchiere rimestate nel pentolone fino a dare indigestione, vorrei segnalarvi un libricino frivolamente piacevole, regalo del mio figliolo.

 

Piluccando qua e là,  uno spassoso spaccato di vita di coppia (un po’ meno per chi dovesse viverlo).

 

 ‘Silenzio e dissenso’.

 

“ C’è qualcosa che non va?” chiede lui.

“No, niente” risponde lei.

 

In questi casi gli uomini si dividono in due categorie.

 

Alla prima categoria appartengono quelli che sanno benissimo che qualcosa c’è che non va e infatti non insistono troppo al tuo “Niente”. E quando cominci a parlare col gatto fanno finta di nulla e accendono la televisione perché ‘Quelli che il calcio’ è un appuntamento che non possono perdere  tanto meno quando tu parli col gatto.

 

Alla seconda categoria appartengono coloro che non sanno veramente cosa c’è che non va e dunque quando tu rispondi “Niente”, si mettono tranquilli, la fronte  torna serena, e accendono la televisione per vedere  ‘Quelli che il calcio’.

 

A questo punto, tu  potrai anche parlare col gatto per quattro giorni di seguito prima che lui cominci a preoccuparsi…per il gatto."

.

Ovviamente la discussione è aperta risapetto ad altre eventuali categorie di uomini e animali da assumere come interlocutori.

In un mio, seppur remotissimo caso, sostituirei PesceBollo al gatto.

 

tratto da: .‘dimmi dammi fammi’

di Claudio Sabelli Fioretti ed. Aliberti.