maraMAO cuccù

 

 

Mao:

«Gli scambi tra i nostri paesi al momento sono davvero miseri. Bisogna incrementarli. Sapete, la Cina è un paese molto povero. Quel che abbiamo in eccesso sono le donne». (Risate)

Kissinger:

«Per quelle non ci sono quote e neppure dazi».

Mao:

«Se volete ve ne possiamo dare un po’…» (ride).

Zhou En Lai:

«Naturalmente, su base volontaria».

Mao:

«Lasciate che vengano da voi. Faranno disastri. E ci libererete di un peso…» (risate) (…) «Volete le nostre donne cinesi? Ve ne possiamo dare dieci milioni». (risate, in specie tra le traduttrici).

Kissinger:

«Il presidente rilancia».

Mao:

«Per voi sarà un disastro». (…)

Kissinger:

«Studieremo la loro utilizzazione e collocazione».

Mao:

«Se chiediamo loro di andare credo che lo faranno».

Zhou:

«Non è detto».

Mao:

«Colpa delle idee feudali, dello sciovinismo diffuso in tutta la nazione».

Kissinger:

«Saremo pronti a riceverle».

Mao (alle traduttrici):

«Ragazze, oggi mi sono lasciato andare a delle stupidaggini per le quali dovrò chiedere il perdono delle donne cinesi».

 

 

 Questo scambio di battute tra il Presidente Mao e Henry Kissinger dimostrano che il ‘nostro’ si è documentato così fattivamente da fare proprie e amplificare le facezie tra i due indiscussi grandi statisti anche se, di tale ‘leggerezze,’ noi donne avremmo fatto  volentieri a meno, quale che fosse la fonte.

.

.

 

E come non ammettere che sulla  captatio benevolentiae di  Kissinger

«Studieremo la loro utilizzazione e collocazione»? anche Ghedini Nicolò,  l’onorevole (pagato da noi ma avvocato a tempo indeterminato di B)   si era ben documentato quando ha sdoganato  il ruolo filantropico dell ‘utilizzatore finale?

.

.

.