S(p)esso e volentieri

All’inizio Prajapati (signore degli esseri viventi) creò uomini e donne e fissò, in centomila capitoli, come comandamenti, i precetti seguendo i quali conseguire i tre scopi della vita (Dharma, Artha e Kama).
Swayambhu Manu redasse i comandamenti del Dharma; Brihaspati redasse i comandamenti dell’Artha; Nandi, seguace di Mahadeva, redasse quelli del Kama in mille capitoli.
Questi Kama Sutra (gli aforismi dell’amore), scritti da Nandi in mille capitoli, vennero ridotti a cinquecento capitoli da Shvetaketu, figlio di Uddvalaka; Babharavya di Punchala li ridusse ancora a centocinquanta.

Unione del Loto

Posizione adatta a chi ama i baci e le carezze. I partner si ritrovano faccia a faccia. L’Unione del loto è la preferita dagli amanti.
Lui è seduto sul letto o per terra (e perchè no sulla spiaggia au clair de la lune? :=)) con le gambe piegate e le piante dei piedi l’una contro l’altra. La compagna siede sopra di lui con le cosce che stringono la sua vita.

“È facile togliersi i vestiti e fare sesso. Le persone lo fanno continuamente. Ma aprire la tua anima a qualcuno, lasciarlo entrare nelle tue paure, nel tuo futuro, nel tuo sorriso, questo è essere nudi.” (Marilyn Monroe)

L’arco e la freccia
arco

E’ una posizione laterale, richiede impegno per essere raggiunta, ma una volta che i due partener sono “sistemati” regala un godimento ‘spettacolare’. Lei si sdraia su un fianco con le gambe tese, lui dietro di lei. L’uomo infila le gambe da dietro in mezzo alle gambe di lei e avvicina il bacino. Dopo la penetrazione l’uomo inarca la schiena e appoggia le mani sulle spalle della donna che a sua volta tiene con le mani le caviglie di lui. (sconsigliato vivamente a problemi di schiena..)

“Si può dire che non ci sia nessun individuo sano che non aggiunga al normale scopo sessuale qualche elemento che si possa chiamare perverso; e la universalità di questo fatto basta per sé sola a farci comprendere quanto sia inappropriato l’uso della parola perversione come termine riprovativo.” (Sigmund Freud)

La vite intrecciata

Una posizione laterale che permette alcune alternative: i partner sono cmq faccia a faccia, petto contro petto, con le gambe intrecciate. L’uomo piega le gambe ad angolo retto e la donna tiene una gamba distesa tra queste e l’altra piegata attorno alla sua vita. I due corpi sono intrecciati come i tralci della vite, dando un’impressione di intimità e di fusione. (sembra complicata ma..a me non dispiace!)

“Il piu’ raffinato dei lavori si realizza nel puro silenzio. Ogni attimo fuggente di silenzio, senza pensieri, desideri e sentimenti, e’ un faccia a faccia con noi stessi.” (Deepak Chopra)

Kama

kkk

AAA

elle Kappa incontra il Kama Sutra

 

elle Kappa

“Vedi cara, l’amore è una cosa, il sesso un’altra!”

 

“E.. la roba che facciamo noi…come si chiama?”

.

.

Kama Sutra

. 

Cito testualmente qualcosa che in particolare mi ha fatto pensare:

 

“La donna, solitamente relegata in una posizione di costante inferiorità, e considerata una sorta di prolungamento dell’uomo, ha però la possibilità di riscattarsi proprio nell’amore se  si dedica con devozione e fedeltà assoluta al proprio uomo  e,  ponendosi al completo servizio dell’amore, realizza la sua vera missione nella vita, trasformandosi in una creatura sublime.

Ancora,  visto che l’amore è essenzialmente sensualità, è nell’erotismo che la donna conquista la parità con l’uomo in un’intimità senza egoismi dove entrambi hanno diritto al proprio piacere."

 

Pongo, dunque una domanda blasfema chiedendo se da qui nasce il detto che “Dietro alle fortune di un grande uomo c’è sempre una (grande) donna”?  

Forse perché, godendo il riposo del guerriero, l’uomo le dà voce?

 

Suvvia, so di essere provocatoria.

(NOI, oggi, comandiamo apprescindere ma con l’uomo giusto dal talamo passiamo direttamente a un Ministero.)