Il simbolismo nel Gattopardo

Bisogna che tutto cambi perchè tutto resti com'è
 
disse Tancredi al Principe di Salina, suo zio, che gli rispose:
 

“…e dopo sarà diverso, ma peggiore”.
 
“Eggià… ” 

pensa la sottoscritta affranta battendo il tempo col piedino.

 

...ieri (ascoltate attentamente il testo)


e oggi

e domani? domani sara, magari, "un altro giorno" prendendo a prestito l'ottimismo dell'indomabile Rossella?

 

Annunci

”Trovato neonato in una stalla…

 

25 dicembre 2009

 

”Trovato neonato in una stalla.

La Polizia e i servizi sociali indagano.
Arrestati un falegname e una minorenne.”

 

Betlemme – L’allarme è scattato nelle prime ore del mattino, grazie alla segnalazione di un comune cittadino che aveva scoperto una famiglia accampata in una stalla. Al loro arrivo gli agenti di polizia, accompagnati da assistenti sociali, si sono trovati di fronte a un neonato avvolto in uno scialle e depositato in una mangiatoria dalla madre, tale Maria H. di Nazareth, appena quattordicenne.

 

Al tentativo della polizia e degli operatori sociali di far salire la madre e il bambino sui  mezzi blindati delle forze dell’ordine, un uomo, successivamente identificato come Giuseppe H. di Nazareth, ha opposto resistenza spalleggiato da alcuni pastori e tre stranieri presenti sul posto.

Sia Giuseppe H. che i tre stranieri risultati sprovvisti di documenti di identificazione e permessa di soggiorno, sono stati tratti in arresto.

 

Il Ministero degli Interni e la Guardia di Finanza stanno indagando per scoprire il Paese di provenienza dei tre clandestini. Secondo fonti di polizia i tre potrebbero infatti essere  degli spacciatori internazionali, dato che erano in possesso di un ingente quantitativo d’oro e di sostanze presumibilmente illecite. Le sostanze rinvenute sono state inviate al laboratorio per le analisi.

La polizia mantiene uno stretto riserbo sul luogo in cui è stato portato il neonato.

Nel corso del primo interrogatorio in questura gli arrestato hanno riferito di agire in nome di Dio, per cui non si escludono legami con Al Quaeda.

 

Si prevedono indagini lunghe e difficili.

 

Un breve comunicato stampa dei servizi sociali, diffuso questa mattina, si limita a rilevare che il padre del bambino è un adulto di mezza età, mentre la madre è ancora una adolescente. Gli operatori si sono messi in contatto con le autorità di Nazareth per scoprire quale sia il rapporto tra i due.

Nel frattempo Maria H. è stata ricoverata presso l’ospedale di Betlemme e sottoposta a visite cliniche e psichiatriche. Sul suo capo pende l’accusa di maltrattamento e tentativo di abbandoni di minore:
Gli inquirenti nutrono dubbi sullo stato di salute mentale della donna, che afferma di essere ancora vergine e di avere partorito il figlio di Dio.

 

Il primario del reparto di Igiene mentale ha dichiarato oggi in una conferenza stampa:
”Non sta certo a me dire alla gente cosa deve credere, ma se le convinzioni di una persona mettono a repentaglio – come in questo caso – la vita di un neonato, allora la persona in questione rappresenta un rischio sociale. Il fatto che sul posto siano state rinvenute sostanze stupefacenti non migliora certo il quadro. Sono comunque certo che, se sottoposte ad adeguate terapie di due anni, le persone coinvolte – compresi i tre trafficanti di droga – potranno tornare ad inserirsi a pieno titolo nella società”.

 

Pochi minuti fa si è sparsa la voce che anche i contadini presenti nella stalla potrebbero essere consumatori abituali di droghe. Pare infatti che affermino di essere costretti a recarsi nella stalla da un uomo molto alto e con una lunga veste bianca e due ali sulla schiena (?), il quale avrebbe loro imposto di festeggiare il neonato.

.

.

 

(stra)Vizi privati e pubbliche virtu'

 

 

Apprendo che il video di cui si parla (ma pare ne stia spuntando un secondo. e non fate finta di non sapere di cosa stiamo parlando!) era stato offerto a Alfonso Signorini, direttore di CHI, il quale  ha raccontato a Sky Tg 24 che la decisione di non diffondere il video era stata sua.

Tuttavia ne ha dovuto informare il suo editore, Marina Berlusconi,  che ,a sua volta, lo ha riferito al padre.

 

A questo punto il Presidente del Consiglio, nella persona di Silvio Berlusconi,  ha telefonato al Governatore del Lazio, Pietro Marrazzo, comunicandogli l’esistenza di un video poco edificante sul suo conto e, nello stesso tempo, confermandogli la sua solidarietà,

 

Un Proverbio?

“Una mano lava l’altra e tutte e due lavano il viso” 

Oppure?

”“Do ut des”

Oppure?   Dite voi.

 

Caro Marrazzo, ai tempi della sua gloriosa conduzione di “MI manda Rai 3” come avrebbe affrontato questo problema?

Con che coraggio affronterà a viso aperto noi, cittadini romani che l’abbiamo votata, lasciandoci seppur tra fiumi di lacrime, in questo  mare di merda a poche mesi dalle regionali?

Ancora, pare che sia applicabile da parte dei farmacisti cattolici l’obiezione di coscienza rispetto alla vendita della pillola RU 486.  

.

Se così fosse, in ugual misura, questi poveri autisti delle auto blu, utilizzati – diciamo eufemisticamente ‘fuori servizio’ e per ‘certi servizi’ – non potrebbero fare altrettanto? Obiettare.

Ore, immagino, ad aspettare dietro l’angolo che lorsignori scarichino le loro pulsioni.

Davvero tutto è permesso? anche umiliare in questo modo tanto abietto un lavoratore?

.

.

I am just looking for an honest man

.

.

.

Il sesso verde (siamo tutti ecologisti)

 

 

 

Quotidiani, nel bene e nel male, come  giornalacci  pornografici in bianco e nero che i ragazzi tiravano fuori da sopra gli sciacquoni dei bagni delle superiori e che  poi di nascosto guardavamo anche noi ragazzine un po’ tremebonde ma certe di avere osato molto ed avere, poi, molto su cui fantasticare.

 

Oggi, tette e culi, labbra come gommoni che quelli che arrivano a Lampedusa sono niente.

Ragazze aviotrasportate che sbarcano per girotondi su bianchi cavallucci di carta pesta, 

bagni di sole integrali con in primo piano un bel popò maschile perché anche quello fà coreografia…gira coca(inaina)? È marginale perché si (s)balla  al ritmo impietoso del menestrello di corte mentre il vetusto nonno sovrano pregusta la (pre)scelta, modello Escort e non proprio nuovissima.

 

Dicevo? Ah, sì. Troppe donne intelligenti che ingenerano paure e turbamenti, “zitelle petulanti”  troppo brutte per essere utilizzate, senza che sfiori il pensiero che troppi uomini sono molto peggio e le zitelle intelligenti (altrimenti anche dette ‘singles’) non si mettono davvero al loro livello tanto per.

 

Da queste ed altre considerazioni,  la mia necessità di sfogliare lestamente e rumorosamente ogni pagina di politica e annesse volgarità per dedicarmi alle pagine di cultura e a eventuali notizie sfiziose, allegre e maliziose che possano lasciarmi sfuggire un sorriso.

 

E una curiosità che ingenera  un sorriso che diventa un a bella risata, un toccasana, e anche, chissà, una prospettiva futura, la voila ed è anche educativa.  Ha a che fare con la maggiore sensibilizzazione che si è venuta, giustamente, a creare per il pianeta, l’eco sistema in generale, per tutto ciò che ha il sapore di genuinità.

 

Insomma tutti ecologisti  e in questo caso senza pruderies  visto che i comportamenti responsabili entrano, adesso, anche in camera da letto. E mentre  nelle situazioni più severe c’è chi, rifiutando la chimica della pillola, ritorna al coito interrotto, o al famoso calcolo delle probabilità della nonna (che non a caso aveva fatto almeno 8 figli),  altri scelgono preservativi di plastica riciclata. E poi ci sono i  lubrificanti naturali (Ultimo tango), e – udite udite – vibratori senza pile a ‘impatto zero’ il cui segreto sta in una ma novellina che consente di ricaricare le batterie “da estrarre prima dell’uso”. Gente precisa ‘st’ ammericani!

Queste e tante altre innovazioni ‘verdi’ sono ad opera della  Hearth Erotics una ditta dell’Oregon all’avanguardia  del settore che per ora  accorcia le distanze attraverso internet.

 

Recente è anche l’abitudine di formare dei gruppi di acquisto che mirano alla qualità comprando alla fonte  e al miglior prezzo che deriva dalle maggiori quantità ordinate….un pensierino di ordine collettivo lo facciamo anche noi?  

 

 

 .

.

.

..

.

Finchè c'è una piccola vita..

 

Non si placano le polemiche tutte in politichese, spinte ora qui ora più in là, galleggiando nell’ultima calura d’agosto, mescolandosi in malefiche schiume che bussano fin’anche all’ingresso della meravigliosa Grotta azzurra.

Eppure eccomi preda di uno spasimo di tenerezza, un mancamento,  nello scorrere le foto delle 74 tartarughine Caretta caretta che si sono schiude proprio a Lampedusa e che da lì inizieranno la loro vita in mare, in un mare ‘nemico’, difficle da fare proprio.

Lunga vita piccole anime e che gli uomini che incontrerete (speriamo mai) vi siano benevoli quanto quelli che hanno permesso la vostra nascita. Niente di peggio potrebbe accadervi che incrociarli sulla vostra strada.

.

Caretta caretta

..

 

Ciak si gira

 

In fondo sono una signora, un po’ suis generis, ma pur sempre una signora dell’altro secolo

 

e dunque sta per iniziare il silenzio, il silenzio prima della tempesta, dove tutti diranno tutto e il contrario di tutto perché tanto due più due ora tirando e ora strattonando esalterà da una parte il tri-pudio o, qual colpo di tosse mettendosi per traverso, spazzerà via la sinistra in Italia

 

ma io da ospite impeccabile, seduta compostaMENTE nel mio spazietto, non proferiro’ verbo, non muoverò un muscolo uno, chiederò a Clodilde  (ma femme de menage) di farvi accomodare

 

guarderò con occhio costernato il tempo ballerino, contrita  lamenterò tra me e me stessa la dipartita delle mezze stagioni, e all’improvviso al cader delle prime gocce, pigolerò esausta:

 

Piove, piove di nuovo!”

 

Piove, GOVERNO LADRO!” …

 

…ma siete stati voi, voi miei cari ospiti, a dirlo: una signora non parla di politica, fa gossip da salotto (che poi sia la stessa cosa è del tutto casuale, come ogni riferimento a persone o fatti ..ecc..)

.

Apartheid – Hei Rosa, come here pls

 

 

Era il primo dicembre del 1955, quando Rosa Louise Parks, cittadina americana di colore, a Montgomery, Alabama, rifiutò di cedere il posto ad un bianco sull’autobus.

Fu arrestata ma questa piccola donna comune innescò la scintilla che portò alla fine dell’apartheid.

Il deputato leghista Matteo Salvini,  che oggi compare su tutti i quotidiani per avere proposto “Metro con posti riservati solo per milanesi” riportando l’Italia ai livelli più bui ancora dell’America del secolo scorso, dovrebbe consultare qualche libro di storia, prima di farsi ridere dietro dal mondo, e mettere gli italiani in un così grave imbarazzo, soprattutto in momenti  in cui  tutto servirebbe fuorchè incarognirsi su i peggiori aspetti razzisti che già non mancano.

L’onorevole pensatore si scernisce sostendendo che la sua era ‘solo’ una pro-vo-ca-zio-ne.

Ma solo pensare certe cose non è ver-go-go-so? In qualche modo non insozza noi tutti?

Scusate molto. Io vado a docciarmi. Non so voi…

.

.