Sebben che siamo donne, paura non abbiamo

 

 

.

.

Il voto – come  in questi giorni stiamo sottolineando nei nostri blog –  è un diritto e allo stesso tempo un dovere dei cittadini, ma pure essendo tutti, senza distinzione di sesso, portatori dello stesso diritto, le donne  si sono viste negare questa parità giuridica e la conquista del voto amministrativo e politico è stata lenta  e si estende  ancora oggi a un terzo dei paesi che fanno parte dell’Onu.

Infatti, solo  a partire dai primi anni del Novecento, alcuni Stati hanno concesso alle donne il diritto di partecipare direttamente alla vita politica del proprio paese, attraverso il diritto/dovere del voto.

Una curiosità: il  primo Stato a riconoscere questoo diritto è stato la Nuova Zelanda nel 1902, l’Italia solo nel 1946.

 

La popolazione italiana al luglio del 2009 toccava i 58.126.212  milioni di individui così suddivisi:

 0-14 anni: 13,5% (4.056.156 maschi / femmine 3.814.070)
15-64 anni: 66,3% (19.530.696 maschi / femmine 18.981.084)
65 anni e oltre: 20,2% (4.903.762 maschi / femmine 6.840.444).

.

E’ successo, ieri, che l’ineffabile presidente del  consiglio, Berlusconi, nel suo comizio elettorale al Lingotto di Torino abbia indirizzato le sue attenzioni – insinuanti e di pessimo gusto – verso Mercedes Bresso, presidente della regione  Piemonte e candidata del centrosinistra per le prossime regionali, naturalmente utilizzando quel suo ammiccante e polveroso linguaggio da cabarettista:

 "Sapete perché – arringa sornione – Bresso è sempre di cattivo umore? Perché al mattino quando si alza e si guarda allo specchio per truccarsi, si vede. E così si è già rovinata la giornata".

Care donne, diciamolocelo tra noi,  ma quante anche tra quelle che lo voteranno -perché è indubbio che vi siano anche donne che lo votano questo bellimbusto da strapazzo – a parte quella minoranza di ‘sventole’ che sgambettano nelle televisioni, ripeto. quante di noi, donne normali più o meno gradevoli, a volte belle, anche bellissime,  guardandoci allo specchio appena sveglie (e non) ci facciamo prendere dal cattivo umore? e tuttavia cominciamo la nostra giornata più o meno ‘ingrugnate’?

Come Rosi Bindi, (altra miracolata dalla attenzioni del premier) anche Mercedes Besso è una donna impegnata in politica e dovrebbe essere ‘attaccata’ sul piano politico e non su quello estetico, che per entrambe è comunque dignitoso e normale senza essere una maschera di cerone,  il corpo sorretto da invisibili puntelli.

Ah, dicevo, se solo le donne  – tutte –  si ribellassero a questi insulti che indirettamente imbrattano ognuna di noi, indipendentemente dal colore politico, e gli negassero il loro voto? 

Donne (e uomini,naturalmente) disarcioniamo il Cavaliere! !!

 

Rapporto Censis 2007:

 

 

Uomini e quaquaraquà

 

“…l’umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà… Pochissimi gli uomini; i mezz’uomini pochi, ché mi contenterei l’umanità si fermasse ai mezz’uomini… E invece no, scende ancora più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi… E ancora più in giù: i piglianculo, che vanno diventando un esercito… E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre… Lei, anche se mi inchioderà su queste carte come un Cristo, lei è un uomo… Anche lei, disse il capitano con una certa emozione.”

Leonardo Sciascia  – "Il giorno della civetta”.

.

Un libro controverso,  anticipatore,  che suscitò molto clamore e prese di posizione da parte di altri grandi scrittori schieratisi  pro o contro e ne continuarono a discutere anche dopo la  morte di Sciascia.

 

Vi consegno il “Il giorno della civetta”  con non poca amarezza.

E nel  constatare quanto calzante,  e tristemente attuale, sia – ancora, soprattutto oggi – la geniale suddivisione per categorie,   mi chiedo e vi chiedo quale la proporzione in questo mondo inquinato e acquitrinoso tra quaquaraquà e  uomini?

.

 

.

 

.

.

.

.