Amarsi un po’

Domenica in giardino.

20190609_103725

Il cornetto di pasticceria il cappuccino con il caffè quello che mi piace i giornali che al contrario dicono tante cose inquietanti che non mi piacciono e tuttavia Io respiro coscienziosamente insieme all’ afa che avanza tra il cinguettio debole degli uccellini appena schiusi (Ebbene sì anche in una città ormai mefitica e inquinata come Roma la natura mantiene con forza i suoi ritmi).

20190607_100331

…amarsi un po’

Buona Serena domenica a tutti voi mentre ci teniami strettistretti Anzi strettissimi🐶

post scriptum: vi lascio x qualche
giorno… 🏝🏖🏜

Il sesso degli angeli

 

 

Non credo che  dichiarare la propria omosessualità sia un fatto di semplice ipocrisia.
Il coming out cioè dichiarare apertamente il proprio orientamento sessuale, è un atto travagliato, spesso ritardato, a volte mai espresso, per un senso di colpa culturale,  di inadeguatezza soprattutto nei confronti dei propri cari, delle persone che per lo più concepiscono la sessualità in termini canonici (la Chiesa) o costituzionali (vedi lo scivolone di Massimo D’Alema).
Questo incivile utilizzo di  outing (rivelare senza averne diritto l’omosessualità altrui), questa gogna mediatica,  nata dalla provocazione di Aureliano Mancuso leader della comunità Gay (lanciò il sasso ed ora nasconde la mano) di denunciare, peraltro senza prove, dieci  politici del Pdl che votarono contro la legge sull’omofobia pubblicando i loro nomi su un sito internet non porta a nulla e – io credo – per le ragioni che ho detto poco sopra ma soprattutto, perché la sessualità, o meglio l’orientamento sessuale,  è un fatto privato e nulla deve avere a che fare con il ruolo che ognuno di noi è chiamato a svolgere nella società, sì, anche in parlamento in un momento tanto grave.
Certo, oggi, nel magma putrido di cui siamo circondati è difficile pensare in buona fede e scindere il pubblico dal privato ma io voglio farlo per non cadere, come dire?, nel trappolone che siamo tutti ugualmente corrotti, chi più chi meno.
Del resto vorrei levarmi un sassolino nei confronti dell’onorevole del Pd Paola Concia (promotrice della legge contro l’omofobia)  che dopo tanto pugnare per il bene comune e  aver tuonato la sua rabbia urbis et orbis, lei che cmq poteva, è subitamente conVOLATA  a  nozze con la sua Bella in Germania, segno lampante di distinzione tra chi può e chi non può permettersi certi escamotages. Anche questa è incoerenza di sinistra: andare contro le proprie leggi o, meglio, aggirarle.
Chi mi conosce sa bene quanto so’ essere draconiana nelle mie posizioni femministe eppure io sono contraria alle quote rosa che certamente faciliterebbero le donne nella società ma non educherebbero a sceglierle per qualità ma per sesso (debole e dunque da tutelare).
Pene maggiori per chi fà torto a un gay, a una donna, a un bambino a un vecchio, o brucia un immigrato meglio se nero, a un barbone?
Dati alla mano abbiamo visto che la pena di morte, ove ancora barbaramente  praticata,  non costituisce un deterrente.
Inculcare il senso di pari dignità, di pari diritti. Assumere ognuno singolarmente e a discapito delle apparenze, comportamenti onesti, questo è quello che dobbiamo imparare e non a farci giustizieri o portatori di rivalse:

 

“ah! TU non hai firmato la legge contro l’omofobia?
Allora IO denuncio la tua omosessualità”.

 

Tristissimo!  sarebbe come ammettere che ogni decisione, ogni nostra scelta è schiava delle pulsioni sessuali, e dunque andando a ritroso ecco rispuntare le attenuanti  per le donne che in quel periodo commettono reato, magari dinuovo le attenuanti previste per il  delitto d’onore, oppure imputare alla moglie o all’amante di un giudice (lei che non glie l’ha data) il rigore di una pena.

 

 

Se nasce femmina

Da donna che ha vissuto già tanti fortunati e a volte fortunosi passaggi della sua vita e che si trova  nel mezzo del cammin dilatato e spostato in avanti dai miracoli della scienza
 
oggi, 8 marzo
 
 vorrei abbracciarmi stretta a chi la mia fortuna non ha avuto, a tutte quelle donne che per cena apparecchiamo un sorriso condito con qualche briciola, a quelle donne che consegnano i loro compagni, i loro figli spesso fanciulli, ai loro governanti propugnatori di guerre sante, di liberazione, stramaledette guerre a sostegno di tiranni utili alle loro  economie, a quelle donne, fanciulle, bambine vittime di mutilazioni genitali, sfruttamento, violenze, di stupri etnici. Bambine che mancano all’appello perché mai nate o lasciate morire d’inedia perché ‘economicamente irrilevanti’.
Una manciata di donne di comando, una piccola moltitudine di donne che faticosamente si barcamenano nell’opulento e contradditorio Occidente,  che riescono ad avere un loro spicchio di sole, che lottano perchè altre lo possano condividere con loro, sono ancora assai poca cosa di fronte alla violenza di una società che priva una moltitudine di altre donne di un diritto inalienabile che è il

diritto alla felicità