donne e cinema

Nell’aprile 2013 usciva in Italia questo film ‘ Come pietra paziente’ sulla vita e i pensieri di una donna, una madre afgana.
Donne vittime sacrificali, non importa la religione la cultura, le donne sono sempre le prime a farne le spese. A volte tornano clamorosamente alla ribalta ma silenziosamente quotidianamente le donne muoiono un po’ ovunque.
Troverete il film sicuramente in rete vale la pena di vederlo:  tra ieri e oggi nulla è cambiato anzi tornerà più cruento in Afghanistan.
Teniamoci strettistretti ❤

sherazade2011

In Afghanistan una giovane donna accudisce il proprio marito, ormai in stato vegetale a causa di un proiettile che gli ha oltrepassato il collo, abbandonati entrambi al loro destino dai famigliari e dai compagni della Jihad.
Nelle lunghe ore di solitudine, tra incursioni di truppe nemiche e macerie che piovono sulla loro testa, lei inizia a parlargli, a raccontarsi dal giorno che quasi bambina fu data in sposa  a lui, eroe di guerra,  sempre assente. Gli ricorda la brutalità dei rari rapporti sessuali (“Che cos’ero io per te? Un pezzo di carne?”),  gli confida le sue sofferenze, il timore di essere sterile e di essere gettata in strada come un animale malato in pasto ai maschi della famiglia e non, dà voce alle sue sofferenze e alle sue umiliazioni, spera che lui inerme, come morto, spossa essere la sua ‘pietra  paziente’,  che secondo la tradizione persiana, finita la confessione si…

View original post 196 altre parole

41 thoughts on “donne e cinema

  1. Enri1968 ha detto:

    Ciao, una profonda amarezza, hai fatto bene ad indicare questo film.

    • sherazade ha detto:

      Questo film che mi colpì già nel 2013 perché in Afghanistan tutti avevavo fatto danni e oggi Il passato si ripresenta ancora più cruento. Buonanotte

      • Enri1968 ha detto:

        E stiamo parlando di anni fa.

        • sherazade ha detto:

          I danni dell’ Occidente! Voglio vedere come la mette Salvini con questi che non potrà tracciare da vacanzieri ma profughi a tutti gli effetti…
          Non so se hai visto di parecchi anni fa il film danese A war. “La guerra come dittatura dell’egoismo, come mancanza di giustizia e verità, fondata su una disparità di trattamento, che ha visto sempre l’Occidente autoassolversi da ogni peccato, cavalcare l’ipocrisia e mentire a se stesso.”
          Buona giornata !
          P

          • Enri1968 ha detto:

            Cara, siamo sulla stessa lunghezza d’onda, sul pensiero dell’occidente.
            Hai letto il discorso di J. Bieden?
            Un esempio magistrale di diplomazia e di ipocrisia, l’unica cosa su cui saremo d’accordo è che ha preso una decisione che nessuno voleva prendere.
            Poi leggendo le parole di G. Strada sui costi della missione USA e i nostri ITA c’è da impazzire vedendo l’attuale risultato.
            Mi spiace per le donne, i bambini e gli uomini aghani.

          • sherazade ha detto:

            Io ero negli Stati Uniti e finivo l’università.
            Le rivolte studentesche contro il Vietnam la mobilitazione generale. Hanno detto che l’Afghanistan sarà il Vietnam di Biden.
            Tutto era meglio di Trump E tuttavia…

          • Enri1968 ha detto:

            Non scordiamo gli americani sono famosi per il loro pragmatismo: nel discorso di Biden c’è un passaggio secco e importante i russi e i cinesi hanno sempre visto bene che gli Usa fossero lì perché c’era un costo di risorse economiche notevole e gli usa non potevano permetterselo …

            Deve essere stato interessante esser là a studiare! Bella possibilità hai avuto e colto.

          • sherazade ha detto:

            I casi della vita quella volta ebbero risvolti molto positivi per me e mio fratello!

  2. Laura ha detto:

    Ciao Shera cara, il solo pensiero di quello che succedera’ in Afganistan mi fa star male, hanno sbagliato tutti lasciandoli soli, baci amica mia ❤

  3. Massi Tosto ha detto:

    Noi siamo quelli civilizzati, qualli all’avangiardia, quelli che esportano modelli di vita migliori e mi fermo qui

  4. Sembra essere un film interessante con contenuti interessanti.

  5. silvia ha detto:

    Lo cercherò, brutta situazione davvero, quella attuale che poi, salvo qualche sprazzo, è quella di sempre.

  6. luisa zambrotta ha detto:

    Ma di che ci preoccupiamo? Con tutta la democrazia che abbiamo esportato, ora tutti troveranno l’Eden😞😞😞
    …. e chi non aveva questa fede si aggrappava all’aereo in partenza

    La situazione mi angoscia

  7. Caterina Milanesio ha detto:

    Sicuramente un film che fa riflettere e che ci riporta all’orrore di questi giorni. Povere donne, nascono già con il marchio di un destino infame addosso. Non oso pensare a ciò che succederà loro da adesso in poi. Abbracciamoci forte e ringraziamo di essere nate in Italia.

    • sherazade ha detto:

      Cara Caterina mentre noi battaglia mo per la lunghezza o meglio la cortezza delle gonne i drammi sono ben altri. Del resto non siamo né tu né io che possiamo cambiare la Storia. I potentati economici e politici gestiscono il mondo è in buona parte senza che ce ne accorgiamo troppo anche noi.
      Spero tu abbia avuto delle piacevoli vacanze e che forse non sono ancora finite.
      Tanti abbracci e una carezza a Willy

  8. elisa ha detto:

    grazie della segnalazione …sembra un bel film – ho visto il trailer
    Elisa

  9. bernard25 ha detto:

    Bon Jeudi A Tous
    “Faites-vous votre objectif de faire sourire quelqu’un ce jeudi par un petit acte de gentillesse, vous pourriez changer la vie d’une personne d’une manière que vous ne réalisez même pas.”

    “Le moindre acte de gentillesse vaut plus que la plus grande intention.”

    “Les jeudis et matins ne se mélangent pas. Rien ne va avec les matins.”

    “Une des meilleures choses que vous pouvez faire jeudi est de vous tenir pour responsable de vos objectifs.”
    bisous BERNARD

  10. fauquetmichel ha detto:

    La vittima femminile. Eppure è lei che dà la vita.
    Abraccio
    Michel

  11. Divya Soni ha detto:

    This is beautiful
    Love this

  12. almerighi ha detto:

    ero fermo a Viaggio a Kandahar, mò me lo scarico subito, grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...