Le ragazze del ’46 e l’oggi

“Mi stava stretto che le donne non potevano fare qui non potevano fare là… quando hanno dato alle donne il permesso di votare per me è stata una conquista straordinaria e ci sono andata con gioia: andavo a votare come donna.. ho capito l’ importanza della Repubblica…”

Ecco perchè seppure con moltissime incertezze e pressocchè nessuna convinzione andrò a votare: non posso cedere e rendere vane le conquiste di queste ragazze del ’46, mia mamma era più giovane ma non da meno,  sulle quali ho modellato il mio essere donna e cittadina.

Vi prego di ascoltare questa bella intervista ad Alberta Levi, 96 anni, che ripercorre la sua lunga vita e sopratutto, con grande pacatezza e precisione gli anni del fascismo,  facendoci capire quanto l’antifascismo anche oggi sia un valore  da preservare così come, in questo caso forse, il diritto/obbligo di  votare.

Grazie e teniamoci strettistretti mentre fuori diluvia (bella la neve)

ps. Le ragazze del ’46 è un piccolo, pregevole, ciclo di interviste a cura di Rai3 tutte on line.

Annunci