Chi ci nasce e chi le suda (sette camicie)

Ho cercato di fissare qualcosa che potesse strapparmi/vi un sorriso, un avvenimento da ricordare magari attraverso il tempo, un  like di un curioso.     Nulla. Anche la mia vita è abbastanza uniforme anche  se ammetterlo è già un grosso successo.

C’è chi nasce con la camicia e chi con la pelliccia chi deve sudare sette camicie e chi invece rischia di lasciarci la pelle.

‘Il mondo è fatto a scale…’ mentre ‘La speranza è l’ultima a morire’.    Luoghi comuni, pane quotidiano.

Una bella cagnolona che il suo giovane padrone, cervello in fuga in Danimarca,  ha portato con sé.  Hanno entrambi le carte apparentemente  in regola ed entrano tranquillamente nel Paese  finché un giorno incidentalmente le autorità danesi ‘scoprono’ che la dolce Iceberg, questo è il suo nome,  porta in se la colpa di essere un dogo argentino razza  vietato in Danimarca perché nella Black List dei cani pericolosi.

Le autorità decidono che Iceberg deve essere soppressa seduta stante.

Per fortuna con l’aiuto di alcune associazioni animaliste con  una petizione Iceberg è stata risparmiata e rispedita in aereo in Italia ha potuto riabbracciare il suo padrone all’aeroporto di Fiumicino

Un altro cane anche questo, portatore sano di ferocia, viene sbattuto sulle prime pagine dei quotidiani dove si legge a lettere cubitali:

Bull Terrier Sbrana il suo addestratore ritrovato morto“.

Sid è portato in canile e nel frattempo viene praticata l’autopsia al povero addestratore per capire la dinamica  del fattacio.     Per fortuna perché si accerta che il giovane addestratore mentre era con il cane è stato colto da malore ed è morto  e dunque  i morsi inferti post mortem erano  iniziati, forse, per prolungare un gioco.  Avete presente quegli addestratori con il braccio imbottito che aizzano il cane?

Probabilmente Sid a questo punto diventa un cane problematico. Speriamo bene.

In Italia alcuni anni fa, in seguito ad un qualche terribile accadimento,  venne stilata una lista di cani ‘difficili’ per i quali era necessario avere un patentino.  Non se ne fece più nulla e di fatto purtroppo sono razze ( tra queste il dobermann,  il Dogo argentino, il pitbull , il cane corso, il mastino.) che molto spesso attirano l’attenzione  di persone innamorate della loro possenza e della  loro presunta aggressività ma sono  incapaci a gestirli oppure proprio per questo carattere indomito questi cani  diventano giocattolo/arma  pericolosa  di ragazzotti arroganti.

Ecco, qualcosa di buono è successo e le mie due storie hanno trovato un lieto fine.

Per chiudere il cerchio e parlare di qualcuno che è nato non con una ma con sette camiciole..

La voila:

Buona serata, Buongiorno ma teniamoci strettistretti anzi strettissimi .

 

Annunci

79 thoughts on “Chi ci nasce e chi le suda (sette camicie)

  1. Evaporata ha detto:

    Ciao Shera, dai un bacio a quel musetto lì. 😀

  2. lauraluna ha detto:

    Abbraccia per me Sally.

  3. Massi Tosto ha detto:

    Anche la mia Movie di camice ne ha diciassette

  4. Primula ha detto:

    Avevo letto queste notizie. L’arrivo di Iceberg e l’abbraccio con il suo padrone è emozionante.
    Sally? Una principessa. ❤️😘

    • sherazade ha detto:

      Cara Primula del nostro cor,
      rispondo io in qualità di servente perchè la Principessa come tu hai spesso modo di costatare dorme mollemente adagiata …
      Tu? Stanca?
      shera&Sallynfinitiabbracci

  5. Laura ha detto:

    Amore di Sally, tanti bacini a voi due, ❤

  6. lamelasbacata ha detto:

    Non esistono cani cattivi, ma esistono molti cattivi padroni che sarebbe meglio venissero educati ai diritti e ai doveri dei loro compagni animali.
    Belle che siete voi due! :-*

    • sherazade ha detto:

      Magicamente Dimmi delle tue esperienze se ne hai…
      sherabuonagiornata

      • magicamente73 ha detto:

        Purtroppo l’ultima esperienza non è stata felice.
        Lavorando da casa quest’estate, ho sentito urla nei giardini dietro casa. Sono corsa fuori ed ho trovato Romeo, micione rosso adorato da tutti morto con vicino una signora in lacrime che teneva al guinzaglio un pitbull, con il muso pieno di graffi.
        Cosa era successo è facile intuirlo
        Le cose che mi hanno colpita sono state:
        La reazione del veterinario che ha detto un “e vabbe”
        La reazione della proprietaria del gatto, che è stata piu mite della mia
        La reazione della proprietaria del pitbull ” me l’aveva detto mio marito di non uscire col cane, che non lo so tenere”

        Per ora non ho avuto la possibilità di farla spaventare,
        Pianificavo di incontrarla, lei a piedi, io in macchina, e sfiorarla con lo specchietto
        … “e vabbe, me l’ha detto mio marito di non usare la macchina grande che non la so guidare”

  7. LupoGrigio ha detto:

    hai detto bene, molto spesso capita che questi animali vengano presi e utilizzati da persone che non li sanno gestire ma che si vantano del loro aspetto e della loro fisicità ( degli animali intendo ) con conseguenze purtroppo dannose sia per i cani che per persone.

    • sherazade ha detto:

      Proprio così lupogrigio e a pensarci bene il patentino, non so In cosa consisterebbe, ma comunque dovrebbe valutare non già l’indole del cucciolo ma bensì la stabilità caratteriale del futuro probabile padrone.

      Sherabuonagiornata
      Tu Hai un cane e come si chiama?

      • LupoGrigio ha detto:

        esatto sono d’accordo per il patentino, l’unico amico di famiglia in questo momento è un enorme pesce tropicale ( non è un piranha ) vorrei un cane lo ho sempre avuto, ma sarebbe veramente difficile da gestire e la mia compagna non ne vuole sapere, mi piacciono i bulldog.

        • sherazade ha detto:

          Sai A questo proposito del pesce Io ho avuto per 8 anni il classico pesciolino rosso che era diventato enorme e se ti va potresti trovare anche un mio post su di lui che a tutti gli effetti era un membro della famiglia.
          Purtroppo non sappiamo capacitarsi come un giorno Ho fatto un salto spostando la griglia che lo proteggeva e la mattina l’abbiamo trovato sul pavimento ed è stato davvero un dolore.
          Il Bulldog è un bel cane e dicono anche di carattere giocherellone e Amoroso con i bambini ma ha il difetto di sbavare molto e forse per questo la tua compagna non è molto ricettiva…
          Proprio per le difficoltà nella vita di Far coincidere tutto un cane piccolo ma comunque di carattere come sono tutti i Terrier non crea grossi problemi per i viaggi gli alberghi e ristoranti ed è un piacere che ci si può concedere.
          Mi sono dilungata e ti saluto.
          SherabuonEE

  8. Georges 2679 ha detto:

    Ces bulls terriers me font toujours un peu peur…je préfère nettement ton chien il à l’air sympa…Bonne journée..Bisous 🙂

    • sherazade ha detto:

      Caro Georges
      L abito non fa il monaco ! A volte anche noi umani abbiamo corporature ed espressioni che possono incutere soggezione… ma il cuore è buono!
      SherabonWE&BISOUS

  9. tramedipensieri ha detto:

    Mi pare stanca la cuccioletta :D:D:D

  10. crimson74 ha detto:

    ‘Sta storia dei cani pericolosi è un argomento delicato, che spesso può portare a situazioni poco piacevoli; la domanda è: esistono cani ‘pericolosi di per sé’ o tutto dipende da come vengono cresciuti ed educati? Su facebook qualche tempo fa mi è capitato di ‘litigare’ col padrone di un dogo argentino, stizzito per certe mie affermazioni riguardo la pericolosità ‘intriseca’ di certe razze; il tipo poi si è inalberato, chiedendomi di ritrattare e davanti al mio rifiuto mi ha levato l’amicizia (pazienza). Il punto è che i padroni ti diranno sempre che ‘dipende da chi li cresce e chi li educa’, che la colpa è sempre dello scemo di turno che non ha capito con che cane avesse a che fare, invocando dei ‘corsi per padroni’. Personalmente, continuo ad avere le mie riserve: sarà anche una questione epidermica, ma davanti a un dogo argentino ho seri dubbi, non parliamo verso alani o dobermann (i quali guarda caso, alla faccia del ‘dipende dal padrone’ in giro per strada non li vedi mai e chissà perché). C’è, secondo me, un fattore ‘genetico’: la tendenza ad aggredire, o la possiiblità che il cane ‘esca di matto’ prescinde dal padrone, il cui comportamento ovviamente può aggravare o meno la situazione. E’ una questione millenaria che deriva da generazioni di incroci e che non riguarda solo l’aggressività: il beagle – Snoopy, è un cagnolino tanto carino, è un cane geneticamente creato per l’inseguimento: puoi crescerlo come ti pare, ma se non lo porti in giro a scorrazzare a sfogarsi per due al giorno, il risultato è che ti devasta casa 😀
    Massima comprensione per il padrone che ha visto il proprio cane a rischio soppressione, ma per me le autorità danesi dal loro punto di vista avevano ragione: insomma, tra un cocker e un dogo c’è una bella differenza…

    • sherazade ha detto:

      Caro Marcello Parto col dirti che mio figlio è cresciuto con una coppia di Dobermann di taglia gigante. Forse non li vedi in giro perché i cani seguono le mode e Noterai che adesso nelle pubblicità, nei film x strada Vedi solo Jack Russell. Ma vanno di moda anche Golden Retriever i pitbull hanno ripreso a circolare e i minuscoli chihuahua che ti assicuro sono più pestiferi di un dogo un po’ come i piranha.
      Quanto alle modificazioni ha portate come sempre da questo stramaledetto uomo Certamente nonostante l’ambiente sereno e la buona volontà alcuni cani possono dare di matto ma questo come al solito avviene anche per noi.
      Ci sono comunque alcune regole imprescindibili come ad esempio non fare gesti Bruschi davanti a un cane che dorme oppure in taluni casi non prendergli la ciotola del mangiare Mentre stanno mangiando o non toccarli addirittura questo perché certamente l’istinto a volte ha il sopravvento…
      Personalmente A scanso di ogni miserrima possibilità non metterei un pitbull o un Dobermann accanto a un bambino piccolo vuoi perché i bambini piccoli sono pestiferi e vuoi perché un cane con una chiostra di denti ed una bocca anche questa modificata nel tempo dagli uomini per azzannare anche non volendo potrebbe fare danni.
      Dopodiché la tenerissima sully cane da tana inglese con mia gioia ma raccapriccio in giardino ha ucciso con pochi colpi secchi e senza spargimento di sangue 3 topi grandi come gatti e questo è nella sua natura. Un pennuto qualsiasi potrebbe camminare davanti indisturbato.
      Per taluni di questi cani cosiddetti a rischio conta molto anche l’allevamento Da dove vengono presi ti ripeto bisognerebbe avere tanta intelligenza da capire prima il nostro carattere e poi decidere eventualmente con che cane convivere.
      Quello con il cane il proprio cane è a tutti gli effetti un matrimonio e bisogna essere certi di poter andare d’accordo o se preferisci il cane è un po’ un figliolo da educare e da proteggere dal quale riceve in cambio e te lo dico senza sdolcinatura una mole di affetto che non avrai mai da nessuno tutta la vita.

      Bel sole bella giornata e adesso al parco perché hai ragione mio figlio non sono io che porto se porto Sally al parco ma è lei che poverina si sobbarca questa mia fisima🐶🐶🐶🐶🐶

      • lauralunaLauraluna ha detto:

        Io adoro i bastardini e i cani che ho avuto : Paco, Poldo e Poppins sono stati tutti presi nei canili. Dolcisdsimi e docili, ci hanno accompagnato fedelmente, senza mai dare un solo segno di nervosismo.

        • sherazade ha detto:

          Cara Laura ogni cane ha una sua storia è un suo percorso all’interno della famiglia.
          Di Sally mi sono innamorata accompagnando un amico in un allevamento è stata lei a rubarmi il cuore.
          Tutta la notte me la sono vista davanti agli occhi e la mattina sono andata a prenderla pagandola un occhio della testa ma si sa l’amore il colpo di fulmine non si comandano…
          sherabuonagiornata

  11. kowkla123 ha detto:

    schön ist das, erhole dich gut, Klaus

  12. il barman del club ha detto:

    Purtroppo a volte la scelta dei cani cade nelle manie e nelle mode del momento, soprattutto pensando a quei padroni che fanno dell’animale una sorta di giocattolo, opportunamente acquistato solamente per essere mostrato nei suoi défilé quotidiani. Ma poi sappiamo come finisce…
    In riguardo alle camice, a me piacciono, ne possiedo più di cento, ma le ho dovute tutte comprare perché sono nato senza, e ti posso garantire che ho sudato… sudato parecchio.
    Se poi Sally è fortunata penso che se la sia meritata questa gioia, perché alla fine, gli scambi reciproci della felicità sono tutti racchiusi nelle piccole cose. In fondo, anche in tuta e maglietta la vita continua…
    🙂 🙂 🙂

    • sherazade ha detto:

      Caro il mio barman
      Tu sei una persona meravigliosa e non lo dico per piaggeria Ma perché ho avuto ed ho modo di apprezzarti dunque non vi è stato sudore più provvidenziale.
      Per quanto riguarda la fortuna credo proprio che rassicurarla come la dea bendata sia corretto : c’è un primo passaggio che non dipende da noi ma da coincidenze fortunate Dopodiché tocca a noi non farci sfuggire l’attimo.

      Sherabbraccicari 🍸🍹🍷🍸🍹🍸

  13. katherine ha detto:

    Ho letto anch’io le notizie sul dogo argentino salvato e sul fatto che l’altro cane non abbia ucciso l’uomo che avrebbe dovuto addestrarlo, e ne sono molto contenta. Probabile che l’aggressività del cane dipenda, spesso, da come è stato allevato, ma sicuramente una buona parte relativa al comportamento dipende dall’istinto. Così il pastore tedesco è una buona guardia, il jack russel uccide i topi, il levriero corre come il vento ma non abbaia, il cane da caccia è sempre alla ricerca di una preda da portare al padrone, fosse anche una pallina e il volpino come il mio è un cane sentinella, al quale non sfugge nemmeno il passaggio di una pulce senza fare un baccano pazzesco. I nostri due cani sono veramente fortunati, trattati come dei principini, mentre altri poveri cani sono nati sotto una cattiva stella. Proprio come succede anche agli uomini.

  14. Bella fortunella la viola. Bravaa e brava anche tu ^.^

  15. keypaxx ha detto:

    Gli animali, in effetti, sono come le persone: qualcuno nasce fortunato e qualcuno no. Io ho da sempre la passione per i gatti e la fortuna, per ora, di poter concedere loro degli spazi aperti, libertà, vitto e alloggio. Oltre, ovviamente e quando lo vogliono loro, le coccole.
    Un sorriso per una serena settimana.
    ^_____^

  16. bernard25 ha detto:

    Bonjour ou Bonsoir mon AMIE SHERAZADE

    Le Bisou est un excellent signe d’affection
    Surtout à l’approche des fêtes

    Cela fais toujours du bien
    Il témoigne de l’Amitié et de Réconfort

    Ou une réponse et à un besoin
    Vive les bienfaits du Bisou

    Je t’en fais plein ..

    C’est avec ces bisous que je viens
    Te souhaiter une belle journée ou belle soirée
    Pleine de douceur ou une nuit remplit de beaux rêves
    Biiiiisouuuus BERNARD

  17. Dario Angelo ha detto:

    Due storie diverse ed entrambe per fortuna a lieto fine per i cani protagonisti (un po’ meno per l’umano del secondo dei due, ma si è trattato di triste fatalità), che confermano ulteriormente, se ancora ce ne fosse bisogno – ma è una precisazione retorica, perché senz’altro ce n’è bisogno, anzi – che gli animali da affezione, e i cani in particolare poiché per taglia e indole possono diventare pericolosi se maltrattati o gestiti male, oltre, va da sé, a patire sofferenze inutili, non sono giocattoli per bambini o trofei da esibire e dare per scontati con disarmante superficialità, ma individui di una particolare specie con caratteristiche ed esigenze, appunto, specifiche. E necessitano non solo che li si ami di un generico e idealistico afflato emotivo “umanizzato”, ma che li si impari ad accudire, conoscere e gestire in ragione di tali loro specificità, e nel rispetto delle normative vigenti che possono variare da un luogo all’altro.
    In chiusura di argomento, le foto della Sally stanno sempre bene, e non v’è dubbio che lei, sì, sia proprio nata con un intera scorta di camicie 😉
    Bau!

    • sherazade ha detto:

      Caro Dario
      Hai centrato in pieno tutte le problematiche.
      La stessa Sally che sicuramente nel DNA non ha insita la belligeranza chiamiamola così di un Dobermann se nel sonno ( dorme sul letto lo ammetto) in automatico Alza la testa e mi ringhia poi si rende conto è mi scodinzola. L’altro cane che avevamo prima se soltanto gli toccavi un pelo mentre mangiava faceva altrettanto si rivoltava mostrando i denti. Sono reazioni ataviche è come dici giustamente tu bisogna sapere quale cane di Che carattere Si avvicina di più a noi.
      Mi sembra che tu ne abbia due o forse tre mi sbaglio?
      Grazie di questo tuo contributo così ricco.
      sherabbraccicari

      • Dario Angelo ha detto:

        Non c’è di che!
        E non sbagli, ho tre cani, tutti meticci (allego diapositiva mattutina in formazione vigile stile cavalieri dalle lunghe ombre: https://julianvlad.files.wordpress.com/2017/11/treamigos.jpg), due maschi di taglia media e una femmina piccolina che nelle proporzioni e nei tratti ricorda un po’ un Jack Russell. Dovremmo farla conoscere a Sally, chissà che non diventino amiche 🙂

        • sherazade ha detto:

          Certo che si. Ho scoperto che non era una fisima del mio veterinario portare la cuccioletta subito al parco in mezzo ad altri suoi consimili.
          Questo ha fatto sì che non diventasse rabbiosa del incrociarli per strada dove spesso invece viene, sarebbe aggredita da cani non abituati.
          Purtroppo Ritorniamo al discorso dei padroni i primi colpevoli di comportamenti sbagliati così come lo sono i genitori di figli non troppo per la quale !
          Sembro forse un po’ saputella ma leva il forse😉.
          Freddo ma soprattutto pioggia fitta e odiosa.
          sherabbraccicari
          Ps. Vedo male la cagnolina ma anche le macchie potrebbero essere della famiglia del Jack

  18. Blackrabbitsinmyhead ha detto:

    La mia anche ed è tutta nera😄

  19. luciathinks ha detto:

    Sono felice che per Iceberg sia andata bene! …Mi spiace invece per il futuro incerto dell’altro cagnetto 😦 Baci grandi a Sallyna ❤

  20. sellerjoshua ha detto:

    trop mimi ton chien ,il a l air vraiment très heureux .Moi,j’ aimerais avoir une maitresse qui s’ occupe de moi

  21. sellerjoshua ha detto:

    hi hi hi pou rire ….E

  22. sellerjoshua ha detto:

    Et Bonne continuation

  23. sellerjoshua ha detto:

    j ‘ aimerais avoir aussi une maîtresse pardon pour la petite faute ,j’ ai oublié le mot aussi

  24. […] Una bella cagnolona che il suo giovane padrone, cervello in fuga in Danimarca,  ha portato con sé.  Hanno entrambi le carte apparentemente  in regola ed entrano tranquillamente nel Paese  finché un giorno incidentalmente le autorità danesi ‘scoprono’ che la dolce Iceberg, questo è il suo nome,  porta in se la colpa di essere un dogo argentino razza  vietato in Danimarca perché nella Black List dei cani pericolosi… continua su: https://sherazade2011.wordpress.com/2017/11/23/chi-ci-nasce-e-chi-le-suda-sette-camicie/ […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...