Guardami negli occhi

C’è bisogno di silenzio, di grande capacità di introspezione per elaborare il sogno. l’eterno e sfaccettato sogno dell’amore.

Non è diario, non è cicaleccio, non  dotte disquisizioni sul senso delle parole, sul come  e il quando attuino il nostro bisogno di esistere e quanto,  nell’infinitesimale tempo prima che si materializzino,  ci appartengano ancora  o vengano –  al contrario  – immediatamente, decodificate e fatte proprie dal destinatario.

Alcuni sostengono  che poter dire ‘Ti amo’ sia liberatorio e racchiuda nel suo valore  onnicomprensivo sia noi che l’oggetto del nostro amore.

‘Ti amo’ :  il mio bisogno di aprirmi, esprimere il mio amore,  quanto rappresenta, che peso ha sull’altro? Qual’è e quando possono coincidere  il sentire, la necessità di essere amati e di amare.

 Il punto nodale  – cui molti innamorati non sanno adeguarsi – è che la misura non è univoca;  la capacità mia di ‘donare tutta me stessa’ difficilmente potrà coincidere con il bisogno di appropriazione dell’altro e viceversa. E’ la diversità che ci contraddistingue, che ci attrae e che introiettiamo modificandola per poi, spesso, ritrovarci soli, traditi nel nostro sogno da chi sembra essersi allontanato  (Sei diverso, sei cambiato.).

Quando sento dire  (o dico non venendo creduta) : ‘Ho fatto l’impossibile’ io mi chiedo come si possa adattare questo ‘impossibile’. 

 Accettarci per quel che possiamo offrirci muti oltre le parole, con cui tentiamo di farci  accogliere, e materializzare l’infinito dei  nostri sentimenti.

Al neonato non ancora ‘addomesticato’  bastano un suono dolcemente modulato, l’espressione serena, la fisicità morbida di una presenza rassicurante: il ‘Ti amo’ è implicito, non detto.  Sopravvive a ogni dubbio e comunica  empaticamente all’altro/i la nostra vicinanza, il nostro bisogno di amare e di essere amati, accettati.

In una società  come la nostra , inutile e pretestuoso richiamarci ai saggi sulla liquidità del sociologo  Zygmunt Bauman,   priva di valori profondi,  avvilita dalla spudorata mercificazione del corpo e – purtroppo! dalla spettacolarizzazione anche dei sentimenti  affermare Ti amo spesso corrisponde più che al sentimento ad una forma di malcelato protagonismo.

“Guardami negli occhi, stringimi la mano, fammi sentire che ti manco, sempre, anche adesso che sono qui”

Buon fine settimana lungo, Un abbraccio circolare.

foto sherazade2011

Annunci

56 thoughts on “Guardami negli occhi

  1. Laura ha detto:

    Bacioni cara, buon lungo weekend, sei fantastica, ❤

    • sherazade ha detto:

      Cara Lauretta sapessi quanto ‘ci’ machi. Spero solo che tu sia serena.
      Ti abbraccio forte e questa volta una tirata di coda dispettosa a Willy 😉
      sheranientepiù

      • Laura ha detto:

        Ci sono tesoro, sto preparando un altro post ma ci vuole tempo, i lavori in casa per ora sono fermi, andiamo un po’ in giro, ti abbraccio tanto tanto, ❤

  2. Antonio De Simone ha detto:

    Bellissime parole Shera! 😃 Buona serata e buon weekend! Un abbraccio! Antonio

  3. indianalakota ha detto:

    In questa società sembra addirittura che l’amore vero dia molto fastidio a chi non ce l’ha! E che per molti l’amore sia qualcosa di ridicolo o irraggiungibile (sempre per chi non ce l’ha). Sempre bellissima la tua cagnolina 😊 Anche il loro é amore vero ed eternk

    • sherazade ha detto:

      Ridicolo credo che lo sia così come molto spesso in modo eclatante viene rappresentato.
      L’amore è un fatto intimo e rapporto tra due esseri non lo si può ridurre a favola perché è in questa falsa rappresentazione che si creano illusioni altrettanto false.
      Sally ringrazia 🌷🐶

  4. Marco ha detto:

    Per ciascuno penso che le due parole…ti amo… significhino qualcosa di diverso….

  5. lauraluna ha detto:

    Post bellissimo da rileggere e da gustare parola per parola.
    Grazie Shera.

  6. lamelasbacata ha detto:

    Difficilmente lo dico a parole, è più probabile che lo dimostri con i gesti o le piccole attenzioni. Sono fatta così…
    Un abbraccio di buon fine settimana Sherina!

  7. mauri53 ha detto:

    Definire l’amore? troppo complicato per me, è un sentimento multiforme e ognuno ha il suo modo.
    Buonanotte

  8. Enri1968 ha detto:

    Buongiorno! Leggo ora, complimenti hai sempre una sensibilità fuori dal comune.

  9. Primula ha detto:

    Buongiorno cara Shera.
    Un buon risveglio con questa lettura. Più che “parlare” d’amore serve dimostrarlo. Il “ti amo” sussurrato, pronunciato con enfasi, urlato al mondo perché altri sentano (quanto è facile farlo e poi non mantenere quanto detto!) è una sottolineatura, la conferma di fatti concreti.
    L’amore per me è questo, e in tutte le sue declinazioni.
    Buon 2 giugno! 🌺❤

    • sherazade ha detto:

      Cara Primula l’amore è in tutte le sue silenziose declinazioni.
      Buon 2 giugno non scordiamocelo anzi e ricordiamo il peso che hanno avuto le nostre nonne nella costruzione di questa ormai bistrattata Repubblica italiana…
      Sherabbraccicari 😙

  10. Georges 2679 ha detto:

    Beau billet et jolies photos …Bonne fin de semaine…Bisous

  11. eliysa ha detto:

    Bellissimo post. Porta a riflettere…. molto. Buon Week end . Un abbraccio

  12. gaberricci ha detto:

    Post molto “denso”, ci vorrà un po’ per digerirlo per bene.

    Una cosa è certa: essendo uno molto pudico nelle sue emozioni, non posso che condividere la conclusione.

  13. kowkla123 ha detto:

    ist ja stark, Ist Wochenende, also viel Spaß und Erholung

  14. rodixidor ha detto:

    L’Amor, ah l’Amor ! 🙂
    Si è detto tutti e quando affrontiamo l’argomento temiamo sempre di ripetere tante cose già dette, non riusciamo ad esprimere il concetto originale del nostro sentimento che è singolare e universale. Lo viviamo e lo sentiamo che il nostro è specifico, uguale e diverso da quello che vivono gli altri ed anche da quelli che noi stessi vivemmo: la magia del particolare che istanzia l’universale. Non sono un tifoso delle lingue straniere ma in questo campo l’inglese sa esprimere meglio di quanto faccia la nostra lingua. Un britannico non è attore del suo innamoramento, noi “ci innamoriamo” lui “ci cade dentro” (falling in love). Quando invece soffre della mancanza di qualcuno fa esattamente il contrario e non attribuisce alcun colpa a chi gli manca, come in fondo sotto-intendiamo noi latini, ed è consapevole attore della perdita e dice: I miss you. 🙂

    • sherazade ha detto:

      Sai che Noemi è tra le nuove ‘leve’ forse quella che mi sembra abbia più contenuti oltre che risultarmi simpatica? Bella canzone.
      Grazie dei riferimenti inglesi sopratutto per quel ‘cadere’ nell’amore che ne rende l’ineluttabilità . Sul paragone ‘I miss you’ molto meno : troppe variabili.

      Tornando a noi, il 5 inizia la radioterapia e per ora continuiamo tutti a cercare di barcamenaci con le nostre paure.

      sherabbraccicarianzicarissimisinceri

      • rodixidor ha detto:

        Bisogna solo sperare che vada tutto bene ed essere fiduciosi.
        La canzone, come sicuramente sai, è del grande Ivano Fossati ma mi piaceva proporti una versione più fresca come la bella Noemi, che anche io amo, sa dare.
        Sul discorso delle troppe variabili non ho capito, ma avremo modo di approfondire.
        Un abbraccio … ma forte. 🙂

  15. Mél@nie ha detto:

    @”Guardami negli occhi, stringimi la mano, fammi sentire che ti manco, sempre, anche adesso che sono qui…” – MAGNIFIQUE!!! ❤

  16. tramedipensieri ha detto:

    Ricambio l’abbraccio! 😍❤️😍

  17. MisterGrifo ha detto:

    Buddha disse: “La differenza tra innamorarsi e amare è sostanziale. Quando tu passeggi e vedi un fiore e lo vuoi, lo raccogli e lo tieni per te. Questo è innamorarsi. Mentre se passeggi e vedi un fiori ma non lo raccogli ma lo innaffi e ne prendi cura…questo è amare.”

  18. MARGHIAN ha detto:

    Un abbraccio circolare a te, Shera. Di piu’, un abbraccio sferico. Di piu’, ipersferico, ciao 🙂

  19. giovanna ha detto:

    Ciao bellissimo post, un abbraccio carissima.

  20. Uomo ha detto:

    Ho letto tutto d’un fiato fino a quando mi è mancato. Quasi spasmodicamente tecnico e minuzioso quanto hai scritto sull’amore. Bene. Solo dico questo quindi per non poter dire altro perché così posto richiede una disquisizione sui vari postulati enunciati ed andrebbe contro invece la tua opposizione ad averne, dico, di disquisizioni in merito. Ed allora, se questo basta mi fermo, ma se fosse necessario ricercare quella pazzia dello spirito, la traiettoria tracciata nel vento dei sogni e dei desideri, il lancio nel vuoto del donarsi coraggiosamente e sventolando il baluardo del desiderio di amare e di donarsi e di ricevere quei doni, certi doni, allora forse c’è qualcosa da scrivere, ancora di più e toccando quelle vibrazioni forti e inconsistenti dell’anima lascando scorrere l’inchiostro che chissà se ce ne sarebbe poi abbastanza.

    Complimenti per il blog. Significativo. Vengo da te saltellando fra amici comuni.

    Uomo

    • sherazade ha detto:

      Ringrazio di essere arrivato saltellando e di avere trovato ancora il fiato per rispondermi così doviziosamente.
      Ovviamente mi hai fatto arrossire e per un momento ho anche creduto ai tuoi complimenti.
      Perché scrivere in ogni modo in ogni lingua e da mille angolazioni diverse dell’amore e non averne mai abbastanza? Perche leggere parole d’amore o immedesimarci in un amore altrui ci fa sciogliere il cuore?
      Credo perché cerchiamo delle risposte concrete per incasellare un sentimento che trova proprio nella sua irrazionalità la ragione di essere.
      In fondo siamo un po’ come il bambino che smonta la macchinetta nuova fiammante non per vandalismo ma per meglio capire il suo funzionamento ma quando lo ha capito non è più in grado di ricomporre i pezzi.

      Sheraconungrazie

  21. 65luna ha detto:

    Si puo’ dire ” ti amo” anche con il silenzio, io adoro il silenzio. Bel post, abbraccio! 65Luna

  22. keypaxx ha detto:

    “Ti amo” è superfluo. L’amore gira intorno alle parole non dette e agli sguardi. È semmai una conferma e un’ancora, quando stai per annegare sommerso da bufere impreviste.
    Un sorriso per la settimana.
    ^____^

  23. bernard25 ha detto:

    Bonjour ou mon bonsoir mon amie , ami

    Je ne suis pas présent tous les jours

    Mais notre amitié est comme une fleur ou

    comme une orchidée ou celle-ci fleurit parfois

    Dans des endroits insoupçonnés

    Cette fleur il faut savoir la cultiver et en prendre soin

    Avec tendresse et patience

    Je te souhaite une belle journée ou soirée bisous

    de même pour tous les tiens

    Bernard bisous

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...