(Tieni le mani in alto sennò) il cielo cade

Per pura casualità mi sono ritrovata oggi a ricordare con la cara Primula  https://primulablog.com/)  il libro poi anche film ‘Il cielo cade’  e mi sono  convinta a (ri)condividere questo mio post del 2015.

Tra gli altri nel commento di Banzai trovo la mia assoluzione :
“Ricordare/ricordarsi che il Male esisteva ed ancora esiste non è cosa inutile. Dobbiamo parlarne per non dimenticare, prima che l’ombra di una nuova Notte ci avvolga lasciandoci senza parola.”
Questo il link delle programmazioni televisive.
https://www.investireoggi.it/lifestyle/giornata-della-memoria-27-gennaio-2017-programmazione-tv-film-non-dimenticare/
Scusatemi la poca ‘fantasia’. Teniamoci stretti.

sherazade2011

“Vi sono due tipi di testimoni: quelli che assistono, guardano e tacciono e quelli che assistono, vedono e parlano. Questi ultimi sono vicini ai martiri (a coloro che si sono sacrificati e sono morti per un’idea), poiché testimoniano con i fatti ciò a cui hanno assistito, a rischio della loro incolumità. Martiri e testimoni «giusti» si accomunano e vivono per
sempre attraverso le generazioni, mentre i testimoni «silenti», come i morti «inutili», dopo qualche generazione scompaiono dal ricordo dei vivi.”. Pietro Kuciukian

Anticipo questa giornata dedicata alla Memoria dell’Olocausto del 27 gennaio (1945) giorno in cui l’Armata Rossa entrò a Auschwitz e liberò gli stremati superstiti del campo perché desidero sottoporvi alcuni film che forse incuriositi vorrete cercare in rete in questi giorni.

L’ordine è quello che io ho scelto per assonanze personali.
Ho parlato di bambini ma per fortuna il mondo del cinema – di cinema qui parlo –…

View original post 415 altre parole

Advertisements

42 thoughts on “(Tieni le mani in alto sennò) il cielo cade

  1. Laura scrive:

    Baci tesoro, buonanotte, ❤

  2. sallychef scrive:

    Altro motivo di lutto questa settimana. Concordo anche sulla scelta delle pellicole.
    besos
    Sally

  3. Anna Di Maria scrive:

    Io credo che sia importante ricordare (peccato che ci sia solo una giornata a ricordare) per non rifare gli stessi errori che purtroppo si rifanno in pieno. E il cinema può dare una mano in questo senso. Io guarderò il 2 canale.
    Io, nel mio piccolo, ho ricordato i bimbi di Terezin…quando si toccano i bimbi significa che l’umanità ha toccato davvero il fondo. Abbraccio cara con l’augurio di una bellissima giornata. ❤

  4. lamelasbacata scrive:

    Io c’ero anche se non osavo ancora commentare e come allora (come sempre) le tue parole commuovono e colpiscono. Buona giornata mia cara, teniamoci stretti alla memoria 😘

  5. Buongiorno carissima e buon venerdì ❤

  6. tramedipensieri scrive:

    Ricordare sempre e passare la Memoria alle nuove generazioni per non dimenticare mai.

    grazie Shera
    .marta

  7. giselzitrone scrive:


    Schöner Text liebe Grüße von mir und ein schönes sonniges Wochenende wünsche ich dir Gru0 und Umarmung Gislinde

  8. Mariantonietta scrive:

    Certo, parlarne serve, ma se si continua sulla stessa strada non sarà che non si è capito molto di ciò che è successo? Si continua a perseguitare ed alzare muri.

    • sherazade scrive:

      Ciao Maria Antonietta prima di tutto Buon anno…siamo ancora a gennaio.
      Ti rispondo con un’altra domanda e cioè se tutto fosse passato in parte sotto silenzio, quel che è stato è stato, non sarebbe oggi ancora peggio? Tu sai certamente che vi è una corrente di pensiero radicata anche se minoritaria che nega l’Olocausto?
      Stanno morendo per ragioni anagrafiche gli ultimi sopravvissuti che sarà del loro monito se noi non ce ne facessimo carico e megafono almeno un giorno all’anno?
      Sheraconunabbraccio

  9. Julian Vlad scrive:

    Cara Shera, non ho nulla da aggiungere a questo così come al tuo post precedente, non perché non meritino commenti (tutt’altro) ma semplicemente perché non sono in vena, in questi giorni, di affrontare tematiche di lutti e sofferenze. Perciò mi limito a un abbraccio, un saluto e un augurio di buon weekend!
    (Possibilmente senza altre scosse di qualsivoglia natura)

  10. io spero solo che la memoria non sia una delle tante date del calendario, ma qualcosa di perenne nella nostra coscienza. Come a dire, passata la data ricomincia il male: sempre presente. Viviamo in un universo dove la violenza è inversamente proporzionale alla quiete, anche se ogni evoluzione per ritrovare un suo equilibrio sacrifica la vita per strada. Io non so come saremo fra mille anni, so come siamo oggi: un giorno boni e un giorno cattivi, sempre in equilibrio con noi stessi nella speranza che vinca il bene, sempre nella speranza che vinca la vita…

    • sherazade scrive:

      Caro barman
      arrivare ad educare le coscienze credo sia un lavoro molto arduo ed io mi accontento che anche soltanto un giorno sia dedicato all’introspezione e alla ‘memoria’ di quanto quotidianamente a mala pena ci sfiora.
      Noi qui sappiamo siamo un piccolo circolo e ci poniamo il dubbio che tutto questo parlare alla fine sia inutile. Ma io credo che focalizzarsi su qlc smuova interessi ignavi o sopiti.
      Non tutti i giovani sono come le nostre nipotine Giulia e Chiara sensibili e informate : molti giovani non sanno e forse anche soltanto un film o un articolo potrebbe smuovere qualcosa dentro di loro!
      Sheramachedicosonopropriosopralerighe

  11. Ma Bohème scrive:

    I bambini: forse ci si scorda di parlare molto più di loro e del loro grido di dolore privo di retorica e per questo ancora più straziante.
    Il bambino col pigiama a righe è un film di emozione pura, ma devo assolutamente vedere Il cielo cade…
    Le parole sulla memoria non sono mai datate Shera, il ricordo non scade anche se… questi giorni mi fanno percepire spesso il contrario.
    Un abbraccio emozionato ❤
    Primula

  12. lauraluna scrive:

    Teniamoci stretti davvero e non dimentichiamo mai, Foibe e gulag compresi, per non parlare degli Armeni. Sinceramente il futuro fa paura.

  13. MARGHIAN scrive:

    Ciao Shera. Ho ricordato anche io in blog la shoah, anzi le.. shoah, con una canzone. Non so se hai visto, comunque e’ una canzone che cita tante guerre e tragedie, fra cui anche le sei milioni di vittime di quel terribile evento.
    Ciao Shera da Marghianconunabbraccio ciao 🙂

  14. keypaxx scrive:

    Triste vicenda, la nostra fragile umanità.
    Un sorriso per la giornata.
    ^___^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...