Piangerò ma solo un poco

Mia madre raccontava sempre quanto io fossi ribelle e ‘hard to die’  nell’ ammettere le mie colpe impertinenti.

Mia madre sorrideva quando ricordava, avrò avuto tre anni,  che al momento di scontare la pena e venivo invitata con voce forzatamente severa,  il dito indice minaccioso,  ad andare a mettermi con la mia seggiolina seduta in ‘quel’ canto  io petulante rispondessi: “No! Là no…qua!”

Mia madre mi sussurrava, quando ormai grande mi rannicchiavo a piangere tra le sue braccia, che da piccola niente mi smuoveva al pianto, non un castigo,  non un sopruso, non le ginocchia sbucciate se  intrepida e spericolata cadevo frenando sul brecciolino del vialetto d’estate nell’emulare mio fratello.

Mia madre si rattristava per certe mie durezze, per il mio non essere diplomatica quel tanto che sarebbe bastato per rendermi la vita più semplice.

Ora mi guardo dentro nel silenzio della casa, le finestre brinate e non so neppure io perché questo groppo; eppure ero proprio io a tacciare mia madre da ‘pappolona’ in certi suoi momenti di dolce tristezza nel ricordare la sua infanzia.

“E impari che c’e’

felicità

anche in quella urgenza di scrivere su un foglio i tuoi pensieri,

che c’e’ qualcosa di amaramente felice anche nella malinconia. “

 Richard Bach, Il gabbiano Jonathan Livingston

 Mia madre era bellissima di una bellezza folgorante mai esibita; aveva la dote di sapere ascoltare. Il suo cuore aveva mille cassetti ed in ogni cassetto conservava un amore, a me sembrava un luogo disordinato eppure non ha mai avuto incertezze.

Piangerò, ma solo un poco,  prima del sonno.

Sweet dreams

Annunci

58 thoughts on “Piangerò ma solo un poco

  1. lamelasbacata ha detto:

    Ti auguro bei sogni, dolcemente malinconici ❤

  2. lauraluna ha detto:

    Ci sono momenti in cui sono stata felice ma nello tempo anche dolcemente triste .
    Questo tuo scritto me li ha fatti ricordare.

  3. gaberricci ha detto:

    Ti sono vicino, per quanto può servire.
    Gaber

  4. clipax ha detto:

    Un bel ricordo…

  5. phlomis68 ha detto:

    Tenera Shera un dolce abbraccio :))

  6. quarchedundepegi ha detto:

    Non credo ci sia molto da aggiungere a quello che hai scritto.
    Mi piace moltissimo constatare che non solo io ero considerato “ribelle” e che hai preso in considerazione il gabbiano più famoso del mondo. Ti manderò la foto di un gabbiano fotografato un paio di giorni fa.
    Buon risveglio… ci penserà Sally a svegliarti?
    Quarc

    • sherazade ha detto:

      Buongiorno cari Quarc !
      Diciamo che Il gabbiano come alcune poesie di Bach si accomunano x me con Il Piccolo Principe !
      Sally dorme con me sul letto è molto rispettosa si sveglia e mi sveglia festosamente solo quando io azzardo un primo piccolo movimento .
      Sai che a Roma abbiamo molti gabbiani portati a mangiare nei secchioni dei rifiuti?
      Che sporcizia povera Roma.
      Aspetto il tuo gabbiano marinaro. Qui continua un forte vento caldo. Colori sa film di fantascienza.
      Sheraconunabbracciodomenicale

  7. Mariantonietta ha detto:

    l’urgenza di scrivere la conosco e rivivo il ricordo di mio padre che tu mi hai ispirato.

  8. Pupazzovi ha detto:

    Ciao Sherazade ………..

  9. Ma Bohème ha detto:

    Siamo molto simili Shera nella mancanza di diplomazia, nel sostenere sempre e comunque la nostra opinione, ma anche in un fondo di malinconia che riaffiora di tanto in tanto quando non riusciamo a mandare giù il “groppo in gola”. Piangiamo poco, io quasi mai, e questo forse rende i momenti di tristezza più intensi. È un periodo così così anche per me. Ti abbraccio forte forte sentendo dentro i tuoi ricordi. Passerà questo momento, ma sono sfumature della vita che è giusto vivere.
    Primula
    P. S. Pioggia e tempo uggioso non aiutano.

    • sherazade ha detto:

      Cara Primula
      Nn ero una mammona e mia mamma più attenta alle nostre emozioni che All ordine esteriore.
      Ho sempre avuto con lei in confronto costante un reciproco sostegno tra donne quando sonò cresciuta. “La Rondine è volage ” diceva di lei suo padre iconoscendone la libertà da schemi e stereotipi. Con lei ho perso ancora di più la capacità di lasciarmi andare al pianto. Adulta e madre non più figli a.
      Il grigiore e il vento l odore del caffè che sta fAcendo mio figlio il suo limone in giardino eppure spesso capita io mi senta spersa.
      Sheradessoallparco….

  10. Furtivamente ha detto:

    Post intimo e sentito ! Grazie per aver condiviso con noi …

  11. Georges 2679 ha detto:

    Voilà un chien qui est bien heureux….bonne journée

  12. kowkla123 ha detto:

    ich sag mal, lass ihn doch, wünsche dir einen schönen Ruhetag und eine gute kommende Woche

  13. giovanna ha detto:

    Un abbraccio carissima!

  14. il barman del club ha detto:

    Bisogna sempre fare una differenza fra la tristezza e la malinconia, quasi a voler dire che i momenti di solitudine si possono modulare per i propri colori pastellati, i quali, non possono avere tinte violente, ma carezze dove perdersi e ritrovarsi. Angoli dove rifugiarsi insieme alle piccole meraviglie che curcondano la nostra casa. Sempre dolce, come diceva il “detto”. È proprio così che ritroviamo il sorriso…

  15. Nicola Losito ha detto:

    Belle e profonde le parole in ricordo di tua madre. Evidentemente c’era un legame che di sicurò continuerà nel tempo.
    Nicola

  16. giovanotta ha detto:

    Ciao Sherazade la tenerona! certo novembre con pioggia non aiuta (e che pioggia! con l’arrivo del nuvolazzo nero più tromba d’aria m’è preso un colpo).. ci mancano le persone che non sono più accanto a noi, ma – tu m’insegni – “scarpe rotte eppur bisogna andar” . Buona settimana 🙂

  17. cucinaincontroluce ha detto:

    Nel periodo buio che sto vivendo, leggendoti, mi sento meno sola…
    Un bacio!

  18. Elena ha detto:

    Ma allora anche a te è presa un po’ di malinconia?! Quanto al non essere diplomatica….un’altra cosa in comune,anche se con gli anni mi sono sforzata di esserlo di più. Baci e buona settimana

    • sherazade ha detto:

      quando come dici tu si diventa grandi si impara a dare delle priorità e soprattutto a risparmiare energie negative : in buona sostanza si impara a fregarsene di tante cose😉

  19. Papillon ha detto:

    E chi meglio di lui… anzi lei se non sbaglio.

  20. keypaxx ha detto:

    Un abbraccio per la tua malinconia.

  21. Julian Vlad ha detto:

    Di rado il rievocare persone amate riesce a coniugare la malinconia del ricordo e la gioia di averle avute accanto, avvolgendo entrambe con la medesima lieve tenerezza. Tu hai questo dono.
    Un abbraccio

  22. luciathinks ha detto:

    oh mammamia Shera quanto è meravigliosa e triste questa tua riflessione…hai fatto piangere anche me e non poco.
    Un abbraccio.

  23. tachimio ha detto:

    Mi piace tantissimo come imbastisci i tuoi discorsi cara shera. Questo discorsetto su tua madre ha fatto venire un groppo anche a me. Tivogliobenemanonsoloateanchealtuocanetropposimpaticoisabella

  24. alessialia ha detto:

    beh ogni tanto le lacrime servono e fannouscire i sassolini dagli occhi…
    ciao shera!

  25. Credo di capirti, percepirti nn sai quanto Cara Sherazade🌙

  26. sherazade ha detto:


    Bisogna essere sereni sempre e comunque.
    ssshera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...