Amarsi un po’

Corpi scultorei seminudi esibiti sulle spiagge, in tutti i luoghi di villeggiatura oppure fanno mostra si sé nelle città. Non si possono non vedere.
Il corpo, il nostro corpo, lontano dalla sua essenza, vissuto attraverso lo sguardo degli altri. Se ne accorgono con un brivido di onnipotenza le giovani donne quando il loro corpo appare per la prima volta ‘appetibile’, conquista consensi e diventa oggetto di desiderio, condizione di vita.

Il corpo usato come grimaldello. Le pesanti diete, gli esercizi fitness massacranti, l’ossessione per la propria forma, gli interventi di chirurgia estetica per modellarlo adattandolo a stereotipi sociali, ne sono un esempio evidente. Non è più un fenomeno soltanto femminile perché oggi, lo dicono le statistiche, donne e uomini quasi si equiparano in questa rincorsa ossessiva alla forma e in subordine alla giovinezza perché è nella giovinezza che il corpo riflette il gradimento sociale.

Non ci vuole lo psicoanalista per capire che certe trasformazioni tramite chirurgia estetica a cui si sottopongono i corpi femminili e maschili non rispondono affatto al criterio dell’abbellimento in sè, ma a quello di una sua radicale metamorfosi al fine di renderlo il più possibile simile a quello che l’immaginario, sopratutto erotico, esige.

Ed è sempre attraverso il corpo che si esprimono le proprie insoddisfazioni, sanguinano le ferite dell’anima, striscia il bisogno di essere amati ‘oltre’ cosicchè le rivendicazioni si manifestano nelle grandi obesità o nelle forme gravi di anoressia o, ancora, nel distruggere le fattezze del corpo con protuberanze, piercing, attraverso operazioni chirurgiche che lo stravolgono, lo rendono mostruoso, e attirando l’attenzione provochino angoscia.

Un argomento pesante, indigesto, motivato da due situazioni diametralmente opposte.

Il corpo stratosferico e ‘pompato’, visetto alla Barbie,  della modella Kriz Jonasdottir che pare abbia spopolato agli europei di calcio

E la tennista francese Marion Bartoli, vincitrice a Wimbleton nel 2013(riconosciuta per le sue ‘rotondità) che è arrivata a pesare meno di 45 kg per un’altezza di 1,70cm

 

Esiste un modo diverso di piacersi? Di farsi accettare?

Credo di sì: amarsi un po’.

Annunci

84 thoughts on “Amarsi un po’

  1. pattykor122 ha detto:

    Esatto l’amore per se stessi e accettarsi per come si è…bello. Ciao share 😘

  2. Giusy Lorenzini ha detto:

    Non dormo stanotte e allora scrivo. Come non darti ragione? Chi ha plasmato le coscienze della massa, chi ha voluto che l’apparire a tutti i costi, sia l’arma vincente, a discapito di mille altre doti che ognuno possiede? Invecchieranno anche queste strafi…che…sai, e saranno rimpiazzate velocemente. Nessuno può fermare la caducità della carne e chi ha investito tutte le proprie risorse su questo, si ritroveranno malissimo. “Quant’ è bella giovinezza che fugace fuggi via, del doman non ve’ certezza…” Il fascino, è tutt’altra cosa! Ciaoooo!!!!! 💋

    • sherazade ha detto:

      Cara Giusy
      un film emblematico Viale del tramonto.
      Donne, anche attrici brave per le quali al di la della giovinezza non vi è più ruoli e dunque che a 40 anni sono la maschera di loro stesse vedi Meg Ryan o Julia Roberts.
      Mah! Il fascino hai ragione è altro e appartiene alla mente.
      sheraccaldatamooolto mooltissimoooihohi

      • Giusy Lorenzini ha detto:

        Portiamo con orgoglio la nostra bandiera, io ho 54 anni e non lo nascondo. C’è una sala da ballo nel mio sciagurato paese, dove vanno tutti al rimorchio sfrenato…tranne le cinquantenni. Un’amica mi racconta che i sessant’enni – sett’antenni, vogliono le trentenni…i maschi trentenni vogliono le cinquantenni per farsi delle belle esperienze sessuali, insomma lei ha cinquant’anni, si è rotta di tutto questo casino e quest’anno va in vacanza in Australia, fregandosene di tutti quanti!
        Anchequicaldodamorire ciao!

        • sherazade ha detto:

          Giusy le cinquantenni ‘nature’ piacciono ai trentenni non tanto per l’esperienza ma perchè i giovani non hanno nulla da dimostrare: sono sicuri di loro stessi, non sono in andropausa e se ne fregano anche perchè le donne donne portano tutto un bagaglio di potenzialità.
          Ah saperlo! L’Australia è un mio sogno.
          sheratiabbracciodalontano

          • Giusy Lorenzini ha detto:

            Fa l’infermiera…potreste farlo insieme questo bel viaggio! Ciao!

          • sherazade ha detto:

            Troppo tardi volendo per organizzarci e poi per esperienza prima di fare un viaggio anche solo di una notte bisogna conoscersi …
            sheraprevidentexnnavereguai(odarne)

          • Giusy Lorenzini ha detto:

            Giusta osservazione, comunque per Michela garantisco io! Tra l’altro lei ha girato tutto il mondo, quando vado in ospedale mi racconta le fantastiche storie dei suoi incredibili viaggi…ed io non posso fare a meno d’invidiarla! Buonanottesulserio!🌘

  3. ergatto ha detto:

    io pure non dormo….. ed aggiungerei che il non sapersi accettare per quello che si è dimostra come la mente umana sia fragile e soggetta a condizionamenti esterni d’ogni genere. L’autostima collocata nel giusto posto in classifica (io sono meno intelligente di gente come la Montalcini ma molto piu’ di altra come renzi…) significa indirettamente amarsi e vivere serenamente senza frustrazioni e tristezze….

  4. ParoleaNessuno ha detto:

    Come hai ragione ! Amarsi un pò ! … Sembra quasi un sogno pensare d’amarsi un pò…

  5. Pupazzovi ha detto:

    È vero bisogna amarsi e sapersi accettare con i prori difettucci…

  6. Miss Precisetti ha detto:

    “Amarsi un po’
    è un po’ fiorire
    aiuta sai
    a non morire”
    Lo cantava Battisti. Accettarsi serenamente è difficile… ma è davvero la chiave di tutto ☺
    Un saluto 😘

  7. Laura ha detto:

    Condivido Shera, amarsi e accettare i nostri difetti, io sono pallina e mi amo lo stesso, 😀 ti abbraccio cara, buona domenica, hai scritto un bellissimo post, ❤

  8. rachelgazometro ha detto:

    Mi tengo i miei 60/62 kg per 1, 70. Faccio un po’ di sacrifici per non andare oltre che proprio non mi piacerebbe ma di sicuro non lo vivo come un problema.
    Riguardo a tutti quei muscoli, li trovo orribili anche negli uomini.

    • sherazade ha detto:

      Rachel sei…perfetta.
      io tappina 60kg x 1.60 vado in palestra da sempre e ho un buon tono muscolare che mi Ha permesso di non affrontare una pericolosa operazione alle vertebre.
      Penso ed è provato scientificamente che con l’allungarsi della vita media sia necessario avere cura in modo sano del proprio corpo per cercare di affrontare la vecchiaia nel modo migliore.
      È anche difficile riconoscere quel filo sottile che determina Il piacersi dal volere piacere ma come sempre la via di mezzo eccetera eccetera.
      Shetaccaldatassaje

  9. magicamente73 ha detto:

    Un po’ capisco chi non riesce a volersi bene, chi non riesce ad accettarsi. È una brutta forma di insicurezza.
    Non arriverei mai alla chirurgia estetica e solo una volta ho ceduto alla tentazione delle pillole per dimagrire… che poi ho preso solo per un paio di giorni.
    Non capisco le esasperazioni, ma l’insicurezza che le genera quella si che la capisco.
    Pensavo di essere “vittima” del bombardamento mediatico che ti impone dei canoni di bellezza univoci.
    Poi sono stata in vacanza un weekend in un rifugio. La coppia che ci vive non ha televisione ne abbonamenti a giornali di moda.
    Lei era ossessionata dalla magrezza. Non sono riuscita a capire da dove arrivasse l’input li, sperduti tra le montagne. Ma c’era.
    E lui, in pantalone nepalese, camicia indiana e collanina etnica sottolineava come sia stupido sottostare a canoni di moda… quando lui stesso era la fotocopia di mille fricchettoni.

    • sherazade ha detto:

      È molto interessante quello che dici rispetto alla coppia isolata dal mondo mediatico che tuttavia ne subisce le influenze.
      Una cattiva informazione fa credere che la magrezza sia indispensabile per essere sani ma così non è se diventa una ossessione.
      Ea proposito del suo compagno diciamo fr icchettone mi viene in mente Mauro Corona che vorrebbe essere esempio di semplicità ed invece è la parodia di se stesso…iconografia del montanaro che non è più.
      Piacersi è difficile perché proprio per un eccesso di ipercriticità si trovano in noi difetti che possono diventare insormontabili quando vissuti come impedimento alla propria realizzazione.
      Certamente se i denti storti o un naso alla Cyrano de Bergerac su un visino piccolo ci danno ansia forse questo intervento può essere necessario. È altrettanto necessario pomparsi il seno ad una V o sesta misura?
      Difficile proprio dire e alla fine altrettanto impossibile porre dei limiti e dunque vediamo e teniamoci quel che vediamo.
      Sheraconunabbraccio

  10. magicamente73 ha detto:

    Mi è partito il post prima della chiusura.
    Volevo lasciare il quesito aperto:
    Che sia sul proprio corpo con diete, chirurgia estetica o tatuaggi o mediante vestiti che ti aiutano a mimetizzarti, forse non è solo il volersi bene che fa scattare la molla, c’è anche qualcos’altro, no?

    • sherazade ha detto:

      Inadeguatezza alle richieste impostate a una diversa bellezza? Del resto il canone di bellezza femminile è passato dalle rotondità botticelliane alle forme efebiche Twiggy solo che adesso è evidente che non vi è scelta vincente se non ti omologhi..
      Potrebbe essere plausibile come risposta?

  11. crimson74 ha detto:

    Non mi pare sia una novità: la ‘modificazione del corpo’ per venire incontro a taluni criteri estetici è vecchia quanto il mondo, basta pensare alle ‘donne giraffa’ di certe tribù africane, mi pare, ai dischi di legno inseriti nelle labbra, la fasciatura dei piedi nella Cina medievale (e non parliamo dei tatuaggi). Ogni epoca ha la ‘sua’ niente di strano, così come il fatto che il corpo sia stato da sempre lo ‘specchio’ di malesseri interiori. Certo, forse tutto oggi è amplificato dall’invasività dei mezzi di comunicazione, dalla pubblicità, dai social network, ma in fondo sono fenomeni ‘comuni’, che fanno parte dell’essere umano… Forse, in fondo, in una certa misura inevitabili…

    • sherazade ha detto:

      Cri’ nel frattempo sono successe un po’ di cose in questi ultimi due millenni e in Europa soprattutto nel Novecento c’è stato il voto alle donne il femminismo la liberazione sessuale che avrebbero dovuto incidere nel profondo del senso di dare spazio ad altri valori che non fossero i canoni di bellezza via via modificati ed adeguati al mutare del desiderio maschile!!
      È proprio facendo questa riflessione io vedo che in questa esasperazione del piacere agli altri (perché non credo alla formula di chi dice lo faccio per piacere a me stessa) ,ci sia la profonda mancanza di una cultura oltre all’apparenza, una profonda mancanza di contenuti!
      adesso una sosta per un po’ di qualche cosa da mettere sotto i denti!!
      Shera

      • crimson74 ha detto:

        Si, ma non fai i conti col tempo: il femminismo è roba di trent’anni, che rispetto a svariati secoli è nulla… senza contare che il ruolo della donna nella storia ha avuto alti e bassi (in Grecia, a Roma e presso gli Etruschi c’erano era piuttosto ‘avanzato’)… quindi diciamo che siamo in una ‘fase’, che non è dato sapere né se, né quanto duri…

  12. crimson74 ha detto:

    P.S. Io mi tengo il mio 1,65 di altezza, i miei 50 / 55 chili di peso e la colonna vertebrale con una scoliosi accentuata che esteticamente non è per nulla un bel vedere, ma se capita non ho problemi a mettermi a torso nudo… Faccio esercizio fisico regolare, questo si (forse a volte pure troppo), e lì forse sono un po’ ossessionato anche io: come se quel poco di ‘ciccia’ che mi porto appresso, almeno la volessi trasformare tutta in ‘muscoli’…

    • sherazade ha detto:

      Sempre il nuoto? Qui ritorniamo caro Marcello al problema che il peso possa incidere negativamente sulla salute… ora quando si hanno problemi alla colonna vertebrale sorvegliare il peso è indispensabile e avere una buona muscolatura è una buona postura aiutano.
      Sheravantitutta

  13. tramedipensieri ha detto:

    Si cerca di far quel che si può …

    Un abbraccio
    Qui c’è un caldo pazzesco, ma va bene! 😃🌞😃

    • sherazade ha detto:

      marta …martiyna Roma bolle neppure Sally hai intenzione di uscire e siamo letteralmente barricate in casa che è fresca perché i doppi vetri impediscono al calore di entrare.
      Il mio no assoluto all’aria condizionata!
      Sherabaciuzzi 😚😚😚

  14. kowkla123 ha detto:

    danke für die vielen Hinweise, ich habe glaube ich das richtige Maß gefunden, schönen Sonntag wünsche ich

  15. Papillon1961 ha detto:

    E poi per scatenare la libido è più importante la testa…

    • sherazade ha detto:

      Certo che si anche se al primo impatto una certa gradevolezza ne è il passe-par-tout 😊

      • Papillon1961 ha detto:

        Ovvio… cmq, dimmi che son perverso ma col tempo ho imparato ad adorare certe imperfezioni, segno dell’esperienza… ti giuro, una modella non mi direbbe nulla… acc, aspetta devo aprire la finestra mi è cresciuto il naso… (il naso, ho detto!) 🙂

        • sherazade ha detto:

          No nn credo tu sia perverso nelle persone poi subentra un quid e la bellezza passa in secondo ordine!
          Quanto alle modelle posso capirti :vengono vissute per il loro ruolo patinato ma probabilmente’ a nudo’ senza riflettori magari appena sveglie potrebbero piacere!
          Shetadessomoltoanudoxilcaldo

  16. katherine ha detto:

    Eh a volte penso a quel che dovrei rifare e mi accorgo che dovrei proprio fare un restauro totale! Ma sono troppo fifona per il bisturi, e pigra per tanta ginnastica. Cammino, faccio un po’ di stretking, non mangio molto, ma di tutto, peso 52 kg per 1,60 a piedi scalzi e cerco di accontentarmi. D’altra parte vedo certe facce rifatte con zigomi che sembrano palline da tennis e labbra che sembrano barche e, a quel punto, preferisco restare “nature”. ( ogni volta che vedo Donatella Versace in tv mi viene male!)

  17. scorpionedargento ha detto:

    Secondo me prendersi cura del proprio corpo, cin fitness e dieta, non è solo per farsi accettare dagli altri, ma da una migliore qualità della vita, una volta ero contrario alla chirurgia estetica mentre adesso penso xhe ofnuno debba scegliere per sé a patto di non esagerare, un po’ magari i belli son vanesi e non si dispiacciono dell’invidia o ammirazione degli altri. Ma ognuno ha i suoi punti forti e deboli.

    • sherazade ha detto:

      Discorso ineccepibile tuttavia a me pare che oggettivamente la chirurgia estetica Per modificare il meglio i segni del tempo abbia risultati da clown qualcuno diceva labbra a canotto conosciamo tutti Alba Parietti oppure quelle due noci che sembra portare in bocca come uno scoiattolo quella bellissima donna cinquantenne che è Sabrina Ferilli!
      Del resto senza fare cure invasive ci sono creme e cremine che utilizzate quotidianamente hanno un ottimo risultato sinceramente io preferisco essere una bella sessantenne sì sessantenne che ne dimostra meno che una sessantenne ridicola che ne dimostra molti di più ma naturalmente questo è il mio pensiero!
      Come state lassù al nord e le api che fine hanno fatto?
      Sherabientot

      • scorpionedargento ha detto:

        Qui al mare c’è parecchio caldo, ma non c’è afa, cicale assordanti eheh, le api abbastanza bene, ho 4 alveari per i quali ultimamente trovo poco tempo e voglia di affrontare lo stress dell’animaluccio poco collaborativo.

  18. scorpionedargento ha detto:

    La barbie della foto ps è proprio bella preferisco le fotomodelle fitnessate.

    • sherazade ha detto:

      Quando tramonta il sole!
      De gustibus! Io nn sono fittnessata faccio pilates striding e corpo libero ma senza ansia per mantenere efficienti gli ingranaggi e naturalmente il risultato 😛

      • gianni ha detto:

        Qualcosa si deve pur fare, l’importante è non cadere nel baratro di chi vuol piacere a tutti, seguendo un canone estetico talmente variabile e spesso sbagliato, da essere impossibile.
        Viene spesso puntato su di un “cavallo” che dia l’immagine bellezza-dell’anno, ma non si sa davvero chi sia a puntare, né quanto quel cavallo sia costruito, naturale, caso unico, e via discorrendo. Qualche anno fa era l’epoca delle donne (e degli uomini) tutta testa, ovvero 1,75 36 di taglia lei, 1,85 44 lui… spalle massimo 40 centimetri e, ovviamente, poporzioni da Bratz. Oggi son tornate le costole contabili oppure le bambolone… La domanda è: perché seguirle?
        Si torna sempre sul solito argomento di sempre: ci piace davvero o dobbiamo uniformarci? Le donne vere, gli uomini veri, quali sono? E poi oh, il corpo, come tutta la vita è una mano a poker, devi giocare con le carte che hai, senza troppo rammaricarti no? Hai gli addominali così così? Non sei due metri d’altezza? Non sei biondo\a occhi blu? E sarai altro!
        E quindi: amarsi un po’… molto più di un po’!!
        Ps.:la caviglia è sempre un bel luogo dove perdere lo sguardo.

        • sherazade ha detto:

          Caro Gianni prima di tutto mi devo scusare se sono tutta autoreferenziale ho visto che hai pubblicato a più riprese ma ho una stanchezza di mente che mi impedisce di vedere oltre il mio naso prometto che mi rimetterò in pari a settembre!
          Quali siano le donne vere gli uomini veri certamente è difficile da dire soprattutto perché mai come ora c’è questa moda di artefare il corpo come fosse pongo te lo ricordi il pongo ci hai giocato? a me pare che i risultati siano davvero brutti innaturali.
          Vedi attrici bellissime ridotte a mascheroni e sono credo donne di 50 anni la Roberts per esempio o quella deliziosa Meg Ryan e tutto questo il nome dell’eterna giovinezza.
          Per me e posso parlare solo per me e tralasciando malattie gravi come possono essere la bulimia e l’anoressia questa smania ossessiva del corpo è una ferita incerta da una società tendenzialmente povera fi contenuti e insicura.
          Non nascondo di essere un po’ vanesia e direi una bugia come tutti del resto se affermassi che gli anni che passano mi lasciano indifferente e per tante ragioni che non solo ristrette all’aspetto fisico.
          Vado in palestra da vent’anni sto attenta al peso per una questione di salute mi trucco mi vesto carina cerco di non essere ridicola e poi che gli altri facciano quel che credono.
          Oddio non so più che cosa ho scritto perché il display del cellulare è piccolo piccolo quando avrò riletto forse mi renderò conto di aver detto delle scemenze ma del resto anche nel blog anche nelle questioni serie visto che io non mi sento esperta di nulla cerco di essere leggera come la farfalla che in ricordo di mia mamma ho tatuata sul polso.
          Buone vacanze caro Gianni ti mando un abbraccio grande e ti ringrazio della compagnia.
          Shera 🌷🍀🌹

          • gianni ha detto:

            Per il tuo stesso motivo risponderò quando avrò una vera tastiera alla tua bella risposta

          • gianni ha detto:

            Ed ecco la mia risposta (in fine).

            L’argomento è complesso, verte sull’accettazione di quello che si è e sul concetto di bellezza, che di solito è quello che vale per gli altri. Ovviamente viviamo anche per gli altri e venire apprezzati dà una certa consistenza al proprio io, non si discute. Ciò che mi fa però pensare, e molto, è come sempre il cosa viene proposto come modello e soprattutto da chi! Chi è che detta determinati canoni?
            Inoltre quello che mi fa paura è perdere di vista cos’è una persona: una persona è un uomo, una donna, vivi! Con i reni, con il fegato, le ossa per sopportare una corsa, un parto, una nuotata! Conosco persone che considerano grassa una donna (Ma anche un uomo) che quando seduto ha quella specie di piega sul ventre, cosa che accade anche a chi è veramente molto magro… Si detesta cioè quella che è la naturale disposizione della fascia addominale in seguito al comprimersi dell’intestino! Si arriva a odiare la naturale essenza della donna (e dell’uomo) perché ha i fianchi in un certo modo o le gambe fatte in un certo modo.
            Questo per i canoni estetici chiamiamoli assoluti… Ancora di più per le persone normali, con i loro bellissimi o comunque caratteristici difetti, con le imperfezioni con il normale metabolismo (puoi mangiare di più una volta, essere gonfio e / o fregartene di essere in un certo modo)! Se subiscono pressione dall’esterno possono fregarsene, perché consideri chi te lo dice non certo autorevole su come devi essere, oppure subire da poco a molto queste pressioni.
            E quindi? Mah, personalmente sono per tornare a capire cosa siamo, e poi discutere su cosa è davvero bello compatibilmente con la salute.

            Buone ferie cara (e bella) Shera.

          • sherazade ha detto:

            Caro molto prezioso Gianni
            E lo dico senza ironia perché la tua risposta è davvero molto completa e va a scavare in angolini del nostro io e dell’immaginario collettivo che raramente vengono alla luce perché troppo scomodi!
            Poiché di solito salvo per gli sconosciuti vagabondi che arrivano non si sa da dove è perché i nostri blog sono volage come una rondine e dunque vorrei riprendere l’argomento facendo della tua risposta un nuovo post anche alla luce ( che sarebbe meglio fosse pietosamente penombra ) di quei corpi martoriati da troppi tatuaggi da troppi pesi da troppe aspettative che ho visto crescere di giorno in giorno sulle spiagge…
            Non ricordo dove ne chi disse che in questa era di offuscati ideali di riferimento si sia trasferito questo onere alla cultura e punizione del corpo .
            Grazie ancora a presto confrontarci 😚😚😚

  19. Julian Vlad ha detto:

    Dici niente, cara Shera: amarsi un po’, non vorrei esagerare affermando che sia la chiave di tutto, ma più spesso che non il contrario, risulta essere la cosa più difficile.

  20. massygrifo ha detto:

    Amare se stessi però senza esporsi all’esagerazione e al fanatismo.

  21. Elena ha detto:

    Ieri facevo una riflessione sul corpo. Ho visto una donna, sulla cinquantina. Aveva una gonna corta (troppo), le gambe mostravano tutti gli anni. E con questo no critico, perchè come sai pure io son pigra e non ho certo gambe toniche, Però la decenza ci deve essere nell’esporre il corpo. E comunque amare se stessi e il proprio corpo è fondamentale, Un abbraccio grande.

    • sherazade ha detto:

      Elena
      Credo che fare autocritica sia una cosa assai difficoltosa se vedo quel che vedo in giro!
      Tu parli di gambe ma io vedo donne assai più avanti con gli anni con il davanzale strizzato ed esposto neppure avessero vent’anni…
      Sheraconunabbraccio buona vacanza

      • gianni ha detto:

        Non dimenticate neanche gli uomini, con pance interminabili, che si affacciano da pantaloncini scandalosi e gambette da merlo! Al di là del lato puramente estetico (ognuno è libero entro la decenza di vestire come meglio crede) penso al rischio salute…
        Ps.: il peggio viene dato negli autobus dove abiti strizzati\e e acrilici impensabili trasformano l’ascella in roba immonda! 😀

  22. keypaxx ha detto:

    Molto difficile accettarsi in una società come la nostra, che pone l’apice dell’individualismo estetico come obiettivo forzato per la realizzazione personale. Per fortuna, in molti casi, il cervello corre in aiuto…
    😉
    Un sorriso per la settimana.
    ^__^

    • sherazade ha detto:

      Keypaxx carissimo le tue parole di fiducia chiudono bene questi nostri commenti.
      Caldissimo a Roma tante zanzare e molta afa però va bene auguri per il resto della settimana accettati e ricambiati.
      Shera 🌷🍀🌹

  23. GabrieleVDiMaio ha detto:

    Certe cose (e certe sofferenze) sono così diffuse da diventare “legittime”, e paradossalmente passare inosservate.
    Un saluto

    • sherazade ha detto:

      Hai ragione Gabriele
      a chiamarle sofferenze perché lo sono sicuramente a livello interiore quanto a passare inosservate a me non sembra forse a loro stessi sicuramente.
      Sheraconlanuonanotte

  24. elisabettapend ha detto:

    a me dell’estetica non importa un cavolo, è proprio dentro che mi sento marcia. ok, va bene. vado😜

  25. loscalzo1979 ha detto:

    Infatti l’importante è volersi bene accettandosi nei piccoli difetti che abbiamo, un po di pancetta o qualche imperfezione, se per il resto stiamo attenti alla nostra salute, non fa male a nessuno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...