Bella ciao

“Una canzone del mondo senza padri ma con tanti nonni e zie.  Una canzone che viene da lontano da diversi luoghi e diverse epoche.   Una canzone antica e moderna dunque contemporanea.   Una canzone che ti muove cuore e testa e sventola alta come una bandiera.    Una canzone che racconta una storia triste ma trasmette gioia e coraggio.   Una canzone di lotta e di amore.   Una canzone di libertà anzi la canzone della Libertà.
Le origini sono leggendarie,  plurali,  incerte. In principio non ci sono i partigiani, non solo.  Bella Ciao paga debito anche alle mondine, ai soldati della Prima guerra  e alle donne dell’800, forse a dei violinisti  yddish.   Di contaminazione in contaminazioni si può risalire  a perdersi nel Cinquecento normanno.
Dagli anni ’60 del secolo scorso cominciano a cantarla tutti. E’ tradotta in più di quaranta lingue, con versioni in sinti e  e in cabilo.
I francesi, grazie a Yves  Montand, la cantano persino in italiano.  Dopo l’attentato di Charlie  Hebdo un anno fa, il popolo in piazza la intonava.
“Vale così tanto e per tutti perché  non c’è altra canzone in nessuna lingua  a dare una così gioiosa stangata  all’oppressore, stando al testo,  all’invasore”.
Come Guernica è molto più di un quadro, Bella ciao è molto più di una canzone: Cantandola  si è rivoluzionari “non con la durezza delle armi, ma con i colori della poesia”.

047cd44ff2000ed8256f7f38b6174073

Non riesci a non cantarla.  E viene da battere le mani a ritmo.  E viene il sorriso.  Sono decine di versioni e ciascuno  è libero di cantarla come vuole.
Sempre Bella Ciao è.
Forse non ha padri ma siamo tutti suoi figli.

(Recensione di Gian Luca Favetto al libro Bella ciao di Carlo Pestelli.  Le parti virgolettate sono dell’  autore.)
Oggi è il 25 Aprile. Una pagina importante della nostra Storia.