Cave canem

“Molestava la ex fidanzata 65enne
80enne arrestato per stalking
La denuncia è scattata domenica mattina dopo che nell’ennesimo appostamento figlio e genero della vittima sono stati presi a schiaffi. “

Questa notizia mi ha fatto inizialmente sorridere “Ma come – mi sono detta – lasciarsi andare a simili intemperie in età tanto avanzata nella quale di dovrebbe acquisire una certa pace dei sensi a vantaggio di una maggiore attenzione alle cose del mondo! Siamo andati, davvero, proprio tutti fuori di senno!”

Il nostro codice penale prevede il reato di stalking – dal termine inglese “to stalk” = fare la posta, braccare la preda. Con esso si intendono tutte le condotte persecutorie – quali comportamenti invadenti, di intromissione, con pretesa di controllo, minacciando costantemente la vittima con telefonate, messaggi, appostamenti, ossessivi pedinamenti – verso una persona e che interferiscono nella vita privata della stessa.
Lo stalker (uomo o donna,  sia chiaro) agisce nei confronti di una persona che è vittima in quanto legata a lui da un rapporto affettivo o non basato su una relazione che può essere reale, ma anche solamente immaginata.
Il fenomeno prende il nome di “cyberstalking
auando l’azione di stalking è attuata tramite l’utilizzo internet, posta elettronica, chat, sms e messaggistica istantanea e si caratterizza per l’assenza di contatto “fisico” con la vittima, pur mantenendo condotte minacciose o moleste.

Purtroppo è lo stesso web ad agevolare il controllo del perseguitato: basti pensare al tracciamento dei movimenti tramite applicazioni di geolocalizzazione quali Foursquare, Facebook Places, ovvero alla costante quantità di informazioni reperibili in rete (a messi a disposizione da social network, blog, newsgroup, mailing list, ecc.).
Il rovescio della medaglia è che con gli stessi mezzi il ‘perseguitato’ ha modo di rintracciare il suo persecutore.

Come difendersi?
Innanzi tutto, è importante un uso consapevole del web, proteggendo la propria privacy, evitando di pubblicare e diffondere i propri dati personali (soprattutto relativi ai luoghi di residenza e di lavoro) e avendo sempre l’ accortezza di non lasciarsi prendere da immediate fascinazioni. Insomma alemeno agli albori della conoscenza vale il vecchio adagio

“Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio”

E noi? Noi blogger? Stesso ragionamento utilizzando anche  un altro proverbio:

“Prevenire è meglio che curare”.

Fermo restando che anche in rete il reato di stalking una volta comprovata l’identità dell’autore costui (o costei) viene punito a querela della persona offesa.

In una intervista Sting ammise di essersi riferito  a sé stesso, alla rottura del suo primo matrimonio per chiudere un testo che non esitò a bollare “cattivo, geloso e possessivo”

Concluso un estemporaneo adulterio, un procuratore legale crede di poter riprendere la sua vita normale con la moglie, ma l’amante lo perseguita ossessivamente..
Film ‘vecchiotto’ ma ben strutturato e incalzante.

(immagini prese dal web)