L’albero della vita

 
Alcune opinioni per darvi un’idea.

“l’albero della vita all’Expo 2015, orgoglio Italiano.”

“Il mio parere è che tecnicamente è molto bello e fatto bene e ha un grande impatto, per cui complimenti agli sforzi di tutti quelli che lo hanno realizzatoi. Detto questo, direi che per il tipo di opera non ci rappresenta, non richiama minimamente nessuno stile o tecnologia italiana, fa pensare a qualcosa di cinese, giapponese o coreano… non lascia traccia di nulla che sia associabile alll’Italian style… Penso che nessuno si ricorderà tra qualche anno dell’albero della vita italiano di EXPO….”

“Quanti milioni di euro sprecati, quanto ci sono famiglie con bambini piccoli , che non arriva a fine mese, e muiono di fame … papa’ che si suicidono perche oramai dalla disperazione … di non poter portare avanti la propria famiglia !!!!! welcome to Italy Nazione dell’ Egoismo puro.”

“Risposta a Ferdinando Buongiovanni : non pensi a tutti gli operai che hanno lavorato per costruire tutto ciò? O loro non meritano di lavorare? Magari se non avessero lavorato lì, sarebbero morti fi fame anche loro. Ma perché non accendete il cervello, insieme alll’albero della vita???”

“NOTA X TUTTI. L’Albero della Vita è stato finanziato e costruito da Orgoglio Brescia: cordata di aziende bresciane. Finanziato, vuol dire che le aziende stesse ci hanno messo i loro soldi. Non un euro è stato speso dai contribuenti italiani.”

Di polemiche e di ‘fattacci’ tutti abbiamo sentito ampiamente parlare i più attenti , quelli che ci hanno tenuto ad approfondire, si sono fatti un’idea più organica.

Voi cosa ne pensate? Andrete a Milano? Oppure ci siete già stati?
I primi giorni di settembre ho progettato una visita e fino ad allora prenderò esempio dalle tre scimmiette . Positività e poi ricomincerò a mugugnare.

Penso che, da adesso, come diciamo noi a Roma, ‘a bocce ferme’ bisognerebbe essere benevoli verso il progetto Expo, cercare di avere un minimo di fiducia e dunque guardare all’ Albero della Vita come ad un buon auspicio futuro.