come nelle epoche remote

Figli dell’epoca
Siamo figli dell’epoca,
l’epoca è politica.
Tutte le tue, nostre, vostre
faccende diurne, notturne
sono faccende politiche.
Che ti piaccia o no,
i tuoi geni hanno un passato politico,
la tua pelle una sfumatura politica,
i tuoi occhi un aspetto politico.
Ciò di cui parli ha una risonanza,
ciò di cui taci ha una valenza
in un modo o nell’altro politica.
Perfino per campi, per boschi
fai passi politici
su uno sfondo politico.
Anche le poesie apolitiche sono politiche,
e in alto brilla la luna,
cosa non più lunare.
Essere o non essere, questo è il problema.
Quale problema, rispondi sul tema.
Problema politico.
Non devi neppure essere una creatura umana
per acquistare un significato politico.
Basta che tu sia petrolio,
mangime arricchito o materiale riciclabile.
O anche il tavolo delle trattative, sulla cui forma
si è disputato per mesi:
se negoziare sulla vita e la morte
intorno a uno rotondo o quadrato.
Intanto la gente moriva,
gli animali crepavano,
le case bruciavano e i campi inselvatichivano
come nelle epoche remote
e meno politiche.

Il componimento è tratto dalla raccolta Vista con granello di sabbia di Wislawa Szymborska, Adhelphi Edizioni, 1998

Non è indispensabile essere ‘dentro’ alla politica o chiamarsene fuori, per capire che la vita che tutti viviamo è “un problema politico” :
“…Basta che tu sia petrolio, mangime arricchito o materiale riciclabile…”
indicano che tutto in noi ha una valenza politica che ci chiede di porci con consapevolezza di fronte ai problemi della vita, alle sue contraddizioni, di farci delle domande, di confutarle e alla fine di scegliere e quale che sia la nostra scelta essa “è” una scelta politica.

Wislawa Szymborska (Kórnik, 2 luglio 1923 – Cracovia, 1º febbraio 2012) è una poetessa che amo molto e che ho scoperto troppo tardi . Negli anni quaranta la pubblicazione di un suo primo volume venne rifiutata per motivi ideologici: il libro, che avrebbe dovuto essere pubblicato nel 1949, non superò la censura in quanto «non possedeva i requisitisocialisti». La sua prima poesia, Szukam słowa (Cerco una parola), fu pubblicata nel marzo 1945.
E morta nel febbraio del 2012 lasciandoci le sue bellissime poesie, lucide e attuali , senza ‘fronzoli’ come quella che ho scelto oggi.
Wislawa Szymborska è cresciuta negli anni della seconda guerra mondiale, ha lavorato e si è dovuta piegare per anni al socialismo, per poi prenderne le distanze negli anni successivi.
Nel 1996 ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura con la seguente motivazione: “per una poesia che, con ironica precisione, permette al contesto storico e biologico di venire alla luce in frammenti d’umana realtà”.
Wislawa Szymborska non è una poetessa che si studia a scuola penso anche che passato il clamore del Nobel – quasi sconosciuta, come spesso accade soprattutto se si è donna – sia stata nuovamente ‘riposta sullo scaffale. Ed è un vero peccato.

slide02

Dimenticavo, ovvero WP ha saltato: è un uscita una biografia  su Wislawa Szymborska Cianfrusaglie del passato ad opera di Anna Bikonr e joanna Szczesna, Adelphi editore.

Annunci

32 thoughts on “come nelle epoche remote

  1. gianni ha detto:

    Grazie perché non la conoscevo.

  2. Laura ha detto:

    Avevo letto di lei in un altro blog che parlava di grandi donne, infatti lei lo e’, brava Shera, baci cara, buona serata, ❤ ❤ ❤

  3. manutenzionepiscina ha detto:

    Non la conoscevo nemmeno io( sono molto ignorante). Grazie per averle dedicato un post cara. Spero che ne farai altri. Buona serata. Annalisa

  4. Elena ha detto:

    L’ho scoperta pure io solo qualche anno fa, interessante la biografia della quale parli, mi sa che la leggerò, grazie! Buona serata!

  5. Io l’ho conosciuta grazie al Nobel lo ammetto, prima non sapevo chi fosse! Devo avere qualche sua poesia scaricata e stampata infilata nei miei diari… è stato bello rileggerla! GRAZIE! buona serata cara, un abbraccio

  6. momix ha detto:

    sul mio scaffale non è mai tornata…rimane sempre tra i libri che ho vicino…
    credo inoltre che, come succede ahimé spesso, la sua dipartita le abbia regalato nuova luce. Su questo avrebbe scritto una poesia facendoci sorridere e rabbrividire insieme, come nel suo stile magico, semplice e schietto.
    Ottima scelta Shera 🙂
    buona serata
    momi

  7. tramedipensieri ha detto:

    Una Grande poetessa, donna intelligente e anche ironica…
    Le sue poesie sono davvero la storia raccontata in versi, e non solo storia naturalmente

    Un abbraccio
    .marta

  8. Francesca ha detto:

    Bella, anzi, bellissima. E sono una che non ama alla follia la poesia… direi che l’ho sempre tenuta da parte, tranne rarissimi casi. Che posso dire… questa mi arriva dritta al cuore. Non so dirti nemmeno perché, forse perché la sento più “reale”.

    • sherazade ha detto:

      Franci “reale” l ‘oggi descritto curiosamente senza orpelli. Stilettate.
      Nn mi dire che nn ti piace Emily Dickinson che seppure in modo diverso trovo abbiano nella semplicità della parola molto in comune. Anatema ? A me pare.
      Sherasolesolesolesvegliatevibambine

      • Francesca ha detto:

        Tranquilla… non sono proprio digiuna di poesia… è che forse avrei potuto abbandonare la mia reticenza (dovuta principalmente agli studi scolastici; certi poeti non li reggo proprio) e andare un po’ oltre. Per dire, sono innamorata della Plath 😀 lo confesso

  9. giselzitrone ha detto:

    Liebe sherazade wünsche dir einen schönen Donnerstag schöner Beitrag,ich habe es noch nicht gelesen ich lese sehr viel wenn ich die Zeit finde,ich denke jeder Mensch hat seinen nutzen.Grüße dich lieb und Umarmung Gislinde

  10. Ma Bohème ha detto:

    Ciao Shera.
    Mi aggiungo ai tuoi lettori proprio quando posti il testo di una poetessa che amo molto per il suo linguaggio diretto, la sua frequente irriverenza nei confronti del pensiero comune che me l’hanno spesso fatta associare a Rimbaud, altro genio ribelle che adoro.
    Come non provare piacere leggendo i versi di “Ad alcuni piace la poesia” ossia a pochi, piace come la pasta in brodo, come una vecchia sciarpa, come accarezzare un cane. E a lei piace perché è “la salvezza di un corrimano”: la poesia è ovunque nel quotidiano, basta osservare.
    Ricordo che i suoi testi hanno avuto un boom di vendite in italia quando Saviano lesse e commentò anni fa, a Che Tempo che fa, alcuni suoi versi. Be’,, almeno in questo caso la TV è servita a qualcosa.
    La Szymborska a scuola? Non si legge nemmeno Hikmet; se in Letteratura Italiana si arriva a Montale è già un traguardo, e nelle Letterature Straniere, Francese per esempio che ho insegnato per anni, non si riesce a oltrepassare il confine di Apollinaire, peraltro un altro grande innovatore. Le responsabilità sono ovviamente da dividere.
    A presto 🙂
    Primula

  11. mfantuz ha detto:

    Non ho comprato ancora un libro della Szymborska, perché ho la fortuna di avere nella mia città una biblioteca ben fornita, ma conosco questa eccelsa poetessa e ti ringrazio di aver scritto un articolo così bello.
    Buona serata, Marco.

    • sherazade ha detto:

      Marco grazie.
      Le biblioteche sono la nostra memoria. Eppure il piacere egoistico di tenere tra le mani il libro è unico.
      SherabuonWECONabbraccio

      • mfantuz ha detto:

        Grazie a te Shera, ma se dovessi comprare tutti i libri che mi piacciono non mi basterebbero i soldi che non ho, invece così ho decine di migliaia di libri a mia disposizione. Ci sono libri che ho comprato anni fa che non ho ancora letto, mentre in biblioteca ce ne sono sempre dei nuovi, io sono attratto dalle novità, da un mondo nuovo, lontano, forse volo troppo in alto e come Icaro mi brucerò le ali, pazienza, ogni tanto serve staccarsi da terra.
        Buona giornata e buon fine settimana.
        Marco

  12. Georges 2679 ha detto:

    Beau billet…..Bonne journée et bon week-end…bisous

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...