gazpacho

DOMENICA 15 GIUGNO…PIOVE NEL MIO GIARDINO

Nella cucina spagnola, il GAZPACHO (pronuncia: gazpàcio) è una zuppa fredda a base di verdure crude, molto apprezzata d’estate in regioni calde come l’Andalusia. Gli ingredienti principali sono tradizionalmente peperoni, pomodori, cetrioli e cipolla, arricchiti di volta in volta con erbe aromatiche differenti. Immancabile il pane raffermo, ammorbidito in acqua, che rende cremoso il composto.
Una gaffe piuttosto comune per i profani, particolarmente sfruttata in film e fiction, è lamentarsi perché “la zuppa è fredda”.
Nel film “Soul Kitchen” di Fathi Akin un cliente chiede testualmente di scaldarlo. Il gazpacho torna al cliente portato dallo chef che, “gentilmente”, spiega come nella ricetta tradizionale spagnola vada servito freddo.
Il GAZPACHO e comunque un piatto prettamente estivo e va mangiato freddo talvolta addirittura con cubetti di ghiaccio e accompagnato crostini di pane con uova sode. Viene anche usato come aperitivo servito in bicchiere, come energetico rinfrescante ed è questa la versione che io preferisco perché mi ricorda un bellissimo, indimenticabile per odori, ardori e colori, viaggio in Andalusia o meglio a Granada ovvero la città tra le altre città oltre Roma dove credo potrei volere andare a vivere.
Aperitivo al GAZPACHO
Ingredienti per 6-8 persone:
8 pomodori
2 cetrioli
1 peperone rosso grande
1 cipolla piccola
1 spicchio d’aglio grande
1 bottiglietta da 250 gr di salsa di pomodoro
1 cucchiaino di salsa piccante Westchester-
¼ di bicchiere di succo di limone
½ bicchiere di aceto di vino rosso
3 cucchiaini di sale
1 cucchiaino di peperoncino
1 cucchiaino di paprika
1 avocado
Affettate cetrioli, pomodori, peperoni e cipolla. Tritate nel mixer l’aglio. Aggiungete poi i restanti ingredienti e frullate il tutto fino ad ottenere una crema morbida da conservare in frigo dalle 4 alle 8 ore.

Cesaria Evora non manca mai perchè è una delle mie cantanti preferite dalla voce dolorosamente suadente, ambasciatrice mai altezzosa del suo Paese, Capo Verde. E’ morta un paio di anni fa ma perfortuna ho avuto modo di sentirla a Roma incontra il mondo un paio di volte.

Voilà| per quasi l’ ora di cena, quando il sole comincia a cedere all’arietta della sera e gli amici arrivano freschi e ringalluzziti dal pensiero della buona compagnia, il GAZPACHO fa il suo ingresso trionfale servito come aperitivo, in un bicchiere anziché in un piatto fondo o in una ciotola.

Tutto il resto è gioia (mentre a Roma la pioggia evapora prima di toccare terra)

Annunci

47 thoughts on “gazpacho

  1. Rebecca Antolini ha detto:

    questo ci provo a fare… mangiamo un paio di giorni.. ma con questo caldo non ho nemmeno tanta fame… mi piace proprio … 😀

    • sherazade ha detto:

      vedi Pifffff?
      anche io so essere una vegana 😉
      ma quando mi conviene.
      Nella versione più da zuppa si aggiunge un paio di fette di pane raffermo bagnato e frullato con gli ingredienti.

      sherapioveforteora

      • Rebecca Antolini ha detto:

        evito il pane mi gonfia 😀 l’idea tutta cruda mi attira tanto 🙂 oggi fa un cado pazzesco qui non so più cosa fare sono sempre nella doccia non voglio accendere l’aria condizionata… preferisco che Tatanka poi entrare e uscire …amo le finestre aperto a vedere il verde del mio giardino 😀 … ma l’afa di Verona fa morire .. fra pocco mi mangio un ghiacciolo alla pesca fatto in casa 😀 gnammmmmmmmmmm

    • sherazade ha detto:

      Rebecca
      il Gaz me lo hai ricordato tu con il tuo post vegano 😉

  2. sherazade ha detto:

    Pif a roma sta diluviando ma è ancora afosissimo. due ghiaccioli please

  3. quelfilosottile ha detto:

    me gusta mucho !!
    ;))

  4. Ghostbox ha detto:

    Ciao!
    Sarebbe perfetto in questo momento di calura estrema…peccato però per i peperoni e i cetrioli, che mi piacciono molto ma non digerisco!
    Da provare comunque…
    Simone

    • sherazade ha detto:

      Simone
      ora te la dico tutta: io non digerisco nessuno dei due e neppure l’anguria,
      Però è talmente una squsitezza mentre lo mangi-sorseggi che vale la pena. Tanto poi si cena e poi si va a dormire 😉

      sheraciaoconlapioggiaquasicalda

    • sherazade ha detto:

      siiiii Donne sull’orlo di una crisi di nervi di Pedro Almodóvar solo che Pepa ci aveva messo aggiunto dei barbiturici 😉

      grazie della segnalazione che avevo dimenticato ed è carinissima-

      sherahahah

  5. acasadisimi ha detto:

    buono! moooolto buoooono!

  6. Gregorio Leone ha detto:

    Interessante grazie per aver condiviso questo post.

  7. TADS ha detto:

    l’ho mangiato la prima volta in Spagna verso la fine degli anni 70, da allora ogni tanto me lo preparo, esattamente come tu suggerisci di fare, mi piace veramente molto…

    TADS

    ps: belle le infradito… bello anche il piedino 😉

    • sherazade ha detto:

      TADS
      ECCERTO! da bravi torinesi nn ci facciamo mancare nulla. Gazpacho in estate e bagna cauda in baita. Però meglio nn invertire con le stagioni e cmq anche d estate in montagna mai con le infradito 😉

      sheratacco12questosconosciuto

      • sherazade ha detto:

        TADS
        conosci Granada? se no è imperdibile una volta nella vita…per chi apprezza la vida loca e tante bellezze dall Alhambra al Sacro monte alle terrazze da dove incroci li montagne e i tramonti con un aperitivo di Gazpacho.

  8. melodiestonate ha detto:

    uhhm che buono…..scusa ma è tuo quel bel piede curato con quelle bellissime infradito?

  9. cat ha detto:

    Cesaria is lovely … no doubt … so seems that recipe … I will try it … smiles … and lots of love, cat.

  10. thescouse ha detto:

    Con le temperature bollenti di questi giorni……..

  11. Roberta Dellabora ha detto:

    Buonissimo! Complimenti per l’articolo!!
    un saluto, Roberta

    Ho aperto da poco questo nuovo blog su moda, arte e design. Se ti va, passa a trovarmi. Ti aspetto!
    Blog Kitsch & Camp
    Facebook

  12. Deve essere gustoso…provo a prepararlo..chissa’ cosa esce!
    Ti sapro’ dire!!

  13. katherine ha detto:

    Ci sono stata anch’io a Granada ed è una città veramente bella, anche se piuttosto calda ( io l’avevo visitata ad agosto!!!!)
    Non ricordo se avessi assaggiato il gazpacho però.
    Buona domenica! Qui piove e fa freddo come in autunno!

    katheinfreddolita

  14. tuttotace ha detto:

    Che voglia che mi hai fatto venire!!! (Ti ho lasciato un premiuccio da me) buona giornata!

    • sherazade ha detto:

      Tuttotace……quadi a farti passare la voglia ti comunico che il meteo prevede abbassamento di temperatura a tutto mercoledì. 😉
      Passo e intanto un grazie.
      Sheraddopo

  15. sportelloutenti ha detto:

    Il Gazpacho io lo associo sempre al film di Almodovar “donne in preda ad una crisi di nervi” dove l’ho sentito nominare per la prima volta
    Baciottissimi
    Elisa

  16. sherazade ha detto:

    Elisa infatti, grande Almodovar.

    sheravantichemancapoco

  17. luigi ha detto:

    conosco il gazpacho, l’ho mangiato er me gusta mucho :))
    non conosco la cantate, chiedo venia…
    piove pure qua, tranquilla….

  18. Francesca ha detto:

    Declino a malincuore l’offerta di una scodellina – sono un curioso animale mitologico: l’italiana allergica al pomodoro crudo, praticamente una tragedia nel nostro paese 😉 però assaporo Cesaria Evora… me l’avevi già citata parlando di David e il ricordo s’era perso per strada (mannaggia ‘sto esame), ma ritorna molto forte. Questa musica è struggente. E che voce. Voglio approfondire… sentire altra musica… anche perché ultimamente anche qui va per la maggiore quella delle gocce di pioggia…

  19. sherazade ha detto:

    Vuoi tragediare con me? poi magari, seriamente, passerò a leggerti 🙂

  20. ideeintavola ha detto:

    Grazie per la ricetta, mi sono sempre proposta di cercala e poi…niente!!e poi che bello il tuo giardino!!! 😀 baci

  21. sherazade ha detto:

    Ciao Sssonia
    nn mi dire che una cochetta provetta c
    par tuo nn ha mai gustato questo estivo nettare degli dei xfetto con le tue decorazioni.
    Grazie x il mio giardino. Ci tengo molto è una piccola oasi x una città come la nostra e a men di dieci fermate da Termini.

    Sherabbraccicaricari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...