Pensieri collegati (turbolenze

 

Si sono sommati pensieri su pensieri e ricordi.

Tutti collegati tra loro dal gomitolo della vita e della morte. Ricordi che si sono risvegliati in questi ultimi giorni dopo un viaggio più lungo del previsto.

Io, esausta,  con quel piccolo ovetto  perfetto sul ventre dolorante e mio marito che mi abbraccia forte e piangiamo insieme di gioia (finirà ma non il sentimento  che in quel momento ci ha fatto sentire  invincibili).

Il senso di sospensione nella penombra quando ho tenuto stretta la mano di mia madre che si andava raffreddando. Il bacio prolungato sulla sua frante distesa, cosi’ da sempre senza una ruga. Il sorriso. La pace ritrovata non più scalfitta dalla sofferenza.

I pensieri si inanellano  veloci e per muoversi si collegano a mille appigli.  La nostra vita rimane così appesa e tentata tra il fermarsi e il fuggire. Placarsi o prendere coraggio e  dare battaglia.

“Domani nella battaglia pensa a me”. 

 lei e luca

domani-nella-battaglia-pensa-a-me

Le riflessioni, le lucide e spietate constatazioni in merito allo svolgersi degli eventi della vita, alla loro casualità ed imprevedibilità e alla loro mancata concatenazione. 

Il titolo è tratto dal Riccardo III, ed è forse più che altro accattivante.

Non è una detective story ma è costruito con una sapiente dose di suspense.

Se vi fidate un po’ di me, leggetelo. 

…e comunque Buona domenica