Tanti auguri Pietro

(foto Testata:   via delle Botteghe Oscure angolo Libreria Rinascita – diritti riservati sherazadeFlickr

A minuti, il 30 marzo Pietro Ingrao compie 99.
Era già  un riferimento importante nella dirigenza del Partito comunista italiano  quando il  9 ottobre 1967 a La Higuera Ernesto Che Guevara veniva assassinato a soli 39 anni . Sapeva di essere in pericolo di vita e per tempo aveva scritto una lettera testamento indirizzata alla moglie ed ai suoi cinque figli.

“Cari Hildita, Aleidita, Camilo, Celia ed Ernesto,
se un giorno leggerete questa lettera, sarà perché non sono più tra voi. Quasi non vi ricorderete di me e i più piccoli non ricorderanno nulla. Vostro padre è stato un uomo che ha agito come pensava e di certo è stato coerente con le proprie idee.
Crescete come buoni rivoluzionari. Studiate molto per poter dominare la tecnica che permette di dominare la natura. Ricordatevi che l’importante è la rivoluzione e che ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
Soprattutto, siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualsiasi ingiustizia commessa contro chiunque, in qualsiasi parte del mondo. E’ la qualità più bella di un rivoluzionario.”

Questa lettera che voglio dedicare a Pietro Ingrao così come  altri pensieri fanno parte della  biografia del Che ‘Senza perdere la tenerezza’ dello scrittore Paco Ignacio Taibo II che ha messo insieme i tasselli di una vita breve quanto intensa attraverso i diari, le lettere personali, appunto, le testimonianze, i documenti inediti conservati negli archivi di Cuba.
Questo ultimo saluto, stringato e diretto, esprime l’essenza del vivere e ribadisce valori universali che la sinistra italiana ha smarrito andando via via spogliandosi per confondersi in questo melting pot senza costrutto.

Io mi o.n.o.r.o di avere lavorato per Pietro Ingrao per quasi dieci anni, fianco a fianco, di avere condiviso con lui il primo drammatico (ma possibilista) strappo della Bolognina. Ho vissuto la fine del Pci e visto nascere il Pds, si sono succeduti molti acronimi ma non si è ancora giunti a nulla di buono, anzi.

Io vi ho chiesto, in modo anche un po’ provocatorio, nel mio post precedente perché mi leggete e voi mi avete dato motivazioni gratificanti. Le prendo per buone e me le riconosco e vi ringrazio ma devo aggiungere che tutto quello che a me piace della persona che sono diventata lo devo ai lunghi anni di formazione che ho vissuto a fianco di Pietro Ingrao, ( allora Presidente del CRS,  Centro Studi e iniziative per la  Riforma Stato)  che mi ha aperto alla bellezza della letteratura, del cinema, della poesia perché come lui stesso ha sempre sostenuto negli anni laceranti del fascismo bisognava fare una scelta e la sua fu gioco forza politica.

Un lungo filo rosso lega la mia vita a quella di Pietro Ingrao e si congiunge a mia mamma e a molte compagne e compagni della loro generazione di cui molti giovani e giovanissimi non conoscono né il nome né il loro posto nella Storia del nostro Paese.

Sono andata fuori tema. Chiudo gli occhi e gli mando un bacio e il mio pensiero:

“Tanti auguri Pietro, ti voglio bene.”

ingrao

e per conoscere meglio Pietro Ingrao vi suggerisco la sua autobiografia (e il titolo è già poesia)

Volevo la luna – edizioni Einaudi. Un testo che ‘va a braccetto’ con il  titolo di un suo ‘libretto’ di poesie

L’alta febbre del fare.  Leggeteli entrambi, sarete più ricchi.

Annunci

27 thoughts on “Tanti auguri Pietro

  1. Pandora ha detto:

    Non sei andata fuori tema, affatto! hai seguito il cuore con passione.
    Notte Shera
    Pan

  2. cordialdo ha detto:

    Spero tu mi consenta di utilizzare questo mezzo per unire ai tuoi i miei auguri più fraterni a Pietro Ingrao, compagno di fede politica. Grazie. Ciao. Osv..

  3. Nichirenelena. ha detto:

    Mi sono commossa! 🙂 grazie di cuore.

  4. sherazade ha detto:

    Osvaldo
    Questo mio e’ un trampolino che farà srrivsre a Pietro Ingrao la nostra stima e riconoscimenti ma anche la nostalgia di quando essere comunisti aveva un significato al (r) to.
    Shera

    • cordialdo ha detto:

      Per chi come noi ha creduto in quei valori, essere comunisti non ha perso nè il suo significato e nemmeno il suo messaggio di pace, di solidarietà e di unità dei popoli. Osv.

      • sherazade ha detto:

        Osvaldo sono valori insindacabili calpestati da una classe politica cialtrona e irresponsabile che anche nell immaginario distrugge spacciandoli per obsoleti.
        Sherandareavantitestalta

  5. sherazade ha detto:

    Nichi
    la tua è la mia commozione.
    Sheraunabbraccio

  6. Francesca ha detto:

    Sai che ti invidio? hai toccato, sentito, vissuto la storia viva, mentre io mi sono limitata a guardarla passarmi accanto, studiandola e osservandola. Che dire, grazie di aver condiviso questi pensieri. Si sente che sono qualcosa di estremamente prezioso…

    ps. la piccola foto di Sally… scusa se te ne parlo qui ma… è un piccolo incanto 🙂

    • sherazade ha detto:

      Credo Francesca che tu fossi quanto meno bambina quando tutto questo concatenarsi di fatti accadeva. Solo i grandi ideali producono
      Grandi uomini. In questa corsa nel nulla senza scomodare Baumann cosa potrà esserci oltre il ‘giovane’Renzi che ( s)corre veloce?
      Sally era piccola che stava nel palmo della mano. Ora che è grande occupa tutto il cuore e ogni tanto io mi ribello..
      sherallalucedellaserancoraluminosa

      • Francesca ha detto:

        Hai proprio ragione, su tutto. Ero una bambina, si. E ora… quale storia? Non possiamo nemmeno decidere del nostro paese. La posso solo guardare con distacco, la storia. Siamo al tramonto? a volte penso che ci sia un tale livellamento verso il basso… da rendere obsoleti i grandi ideali e anche… i grandi sogni. E i grandi uomini? ci stavo pensando, sto scrivendo qualcosa su “La classe operaia va in paradiso” e penso a cosa possa essere stato Volonté, anche come intellettuale. Un uomo che voleva solo una cosa: un ideale legato alla realtà, per la realtà di tutti gli uomini. E ora? Vedere i suoi film mi mette sempre una certa malinconia. Perché ora un uomo come Volonté, mettiamo, non lo vedo più possibile? Ma è una domanda retorica… me ne rendo conto, la risposta è piuttosto ovvia.

  7. naffo ha detto:

    Poco tempo fa ho letto “Volevo la luna” e mi è piaciuto molto, nonostante io non ami le autobiografie. Quindi mi unisco con piacere agli auguri. In questi tristi tempi dove imperversa uno squallido giovanilismo (giovanottismo?), soprattutto nella cosiddetta sinistra, io brindo ai 99 anni di Pietro Ingrao!

    • sherazade ha detto:

      Naffo
      unica l’immagine di un bambino seduto sul vasetto da notte che voleva la luna. Non un’automobilina o un dolcetto ma la luna!

      sherachissaquandoancoraspettareilcambiamento

  8. sherazade ha detto:

    Franci,
    io direi che in questi tempi tutto si consuma velocemente senza avere il tempo di desiderare niente realmente.
    Non c’è tempo per la riflessione, per l’elaborazione compiuta di un pensiero, si è perso il senso della comunità.
    Tu parli di Volontè ma quello è stato tempo di registi impegnati di Lina Wertmuller, di Marco Ferreri, di Bertolucci, di Antonioni, Francesco Rosi, Elio Petri…vado avanti?
    Oggi tutto è commedia ‘Riderei se non fosse da piangere’.

    sheragiornatafaticosabuonissimasettimanamicara

  9. Questo post è molto commovente..difficile che non susciti riflessioni…
    tornerò a leggerti..spero di non apparire invadente

    • sherazade ha detto:

      Perchè dovresti essere invadente. Mai e soprattutto non in questo caso così raro di ricordare e rendere omaggio ad uno dei nostri grandi Vecchi del Novecento. Un uomo che si è speso senza riserve per consegnarci un futuro migliore e che noi vediamo bistrattato dai nuovi galletti ultimi a cantare, stonando in tutto.

      sheraspettoconpiacerentraquandovuoi 🙂

  10. Topper ha detto:

    Avevo letto questo post il giorno stesso in cui lo hai scritto. Ma per capirlo meglio volevo informarmi perché conoscevo Ingrao solo di nome. Ho raccolto un po’ di informazioni su di lui, sullo Strappo della Bolognina, sul PCI. Adesso posso ringraziarti per avermi dato l’occasione di imparare qualcosa di nuovo e interessante. Questo è uno dei motivi per cui ti leggo.

    • sherazade ha detto:

      Topper,
      la fortuna, se la sai cogliere, degli anni che passano (oh ma non sono Matusalemme) è saper cogliere gli avvenimenti. Annusare il mondo che ti circonda.
      La curiosità e la voglia di capire.
      Poi conta anche il dove ti trovi in quel preciso momento ma questo vale per tutto anche in amore 😉

      sheràbientot

      ps la mia mail è lunadifiele2008@gmail.com avrei bisogno di chiederti qlc sull’Africa e la tua fondazione. Tks

      • Topper ha detto:

        Sembra un ammonimento, invece è proprio quello che penso anche io. Curiosità e fame di sapere mi caratterizzano da sempre. Se avessi anche una buona memoria e un po’ di tempo in più, sarebbe molto meglio ma va bene così. Si cresce un pezzo per volta.

        La mia mail è topperharley@blu.it. Dimmi tu cosa vuoi sapere della mia associazione, posso darti tutte le info che ti servono e lo farei con enorme piacere. Grazie.

  11. giovanotta ha detto:

    tanti anni di lavoro accanto ad Ingrao.. sei stata fortunata Shera :- )
    su facebook la pagina di Chiara è piena di parole affettuose,
    anche lei è stata fortunata ad avere tale padre..
    Neanche a dirlo, mi unisco agli auguri di tutti
    ciao

  12. il barman del club ha detto:

    un giorno Orwell scrisse che soltanto dire la verità è un atto rivoluzionario, probabilmente quello che manca ora. Ingrao credeva veramente nella verità della nostra epoca, nella coerenza di un’idea ormai fatta a pezzi per assecondare le strategie di un liberismo che ha distrutto la nostra società. E la situazione attuale del mondo non può che dargli ragione. Purtroppo mancano i grandi uomini e senza di loro saremo sempre vittime degli avvoltoi di turno… e il banchetto non gli manca !

    • sherazade ha detto:

      “Nel tempo del disastro universale. ..”
      Però penso che anche il banchetto si sta esaurendo per la poverta che avanza e i troppi a voler mangiare.

      SHerassaisofferente

  13. fimoartandfantasy ha detto:

    Ti ho assegnato il mio LIEBSTER AWARD!!
    Ti va di continuare? 🙂
    Un soffio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...