Adagio ad acchi aperti… David Garret

Passata la ‘buona domenica’ alla men peggio ovvero relegata in casa, co(a)sa piacevolissima se non ha l’idea della clausura.
Sally che impazzava a dispetto della pioggia pressocchè ininterrotta dentro-fuori, palletta-ossetto-biscottino-snnellino e poi si ricomincia.
Non posso che invidiare alcune amiche che hanno già nipoti gattonanti ma che il fine settimana vengono spupazzati dai rispettivi genitori. Che delizia.
Io no, la belva la devo gestire indefessamente con l’aiuto irrilevante (mannò sono ingiusta) del figlio che gioca il ruolo del padre disinvolto, adorato perché arriva a fare il giro dell’isolato quello ‘lungo’ ovvero poco più lungo ma molto più corto rispetto al mio quotidiano sbattermi, per carità tutta salute, almeno per un’ora e mezza al parco.

Anche mia mamma pur non essendo praticante, sosteneva l’arte del proclama che comincia sempre con un “Io ho fatto…. E giù un sospiro con gli occhi rivolti al cielo”.

Ma proprio ieri notte ho adocchiato e non ancora letto del tutto, un bella recensione dalla mia amica, amica vero?, Tersite http://tersiteblog.wordpress.com/.
ANCHE PAGANINI NEL SUO PICCOLO S’INCAZZA: PAGANINI HORROR (1989.

Il collegamento è stato immediato : anche io ho visto un Paganini e non nel lontano ’89 ma proprio lo scorso dicembre a Bruxelles con la neve e non so quanti gradi sotto zero ‘Il violinista del Diavolo’.
Non è del film che voglio parlarvi, che cmq ha un suo perché, ma segnalarvi l’interpretazione di quel bel ‘tocco’ di diavolaccio nei panni di Paganini e che oltre ad essere un ragazzo bello come pochi (de gustibus ma bello è bello) parlo di David Garrett violinista tedesco-statunitense classe 1980, già una superstar di livello internazionale con un vasto repertorio di musica rock adattato ad orchestra.
Nasce, David, come esecutore classico ma dopo questo film, nonostante lui lo neghi, io credo che gli si possa aprire una ottima carriera anche cinematografica. Bello è bello, bravo è bravo. Sono ripetitiva ma fuori piove con qualche sparso chicco di grandine.

Questo tempo dopo l’assaggio esuberante del tutto fiorito anzitempo mi rende ancora più piagnucolosa, mielosamente romantica, spudoratamente ricettiva a…  e allora il brano che può ridarmi una parvenza di dignità unendo il bello al bello, ve lo voglio dedicare

ma anche un assaggio del film…

Annunci

22 thoughts on “Adagio ad acchi aperti… David Garret

  1. sherazade ha detto:

    Cavoletti come posso duettare da sola. Certo il mio David è lì lampante. Invidia?
    Sherasolasolina

  2. il barman del club ha detto:

    si… tanta invidia! Paganini era il Jimi Hendrix di allora (o il Robert Johnson, fate voi) le dicerie dicevano che le donne si masturbassero al suono del suo violino, così come era pieno di donne il sopracitato virtuoso chitarrista. Mio suocero che è un sassofonista di professione mi raccontava che le donne gli uscivano dal sax… Porca miseria ! ma un appassionato di musica come me perché non ha imparato a suonare uno strumento, invece di dipingere e scrivere quattro cavolate.
    Si è vero… invidia ! Tantissima invidia !!!

    • sherazade ha detto:

      Barman
      questo film che ho citato non è certo un capolavoro ma coglie perfettamente questo sentimento popolare che raccontava il lato diavolesco e l’irruenza amorosa di Paganini. A me che sui film in costume non vado troppo pwe il sottile non è dispiaciuto 😉 E il fatto che a interpretare Paganini fosse questo giovanissimo musicista.
      Quanto a noi che amiamo la musica e ci chiediamo perchè non averne fatto la nostra ‘arte’, credo che l’importante è avere avuto l’occasione di decifrarla oltre alla semplice sensazione del ‘mi piace’ o ‘è bellissima’.
      Mio fratello’ piccolo’ è diplomato a santa cecilia in contrabbasso, insegna basso, chitarra classica e suona il blues, mio fratello ‘grande’ si da al flauto dolce, mio nipote al piano, mio figlio gira gli spartiti ed io suono da anni senso infamia il violoncello.
      Il nostro Concerto di Natale è motivo di incontri e prove prenatalizie eppure nella vita facciamo altro, salvo Francis.

      sheradessotirofuorilacrostatadalfornogradirebbelei?

      • il barman del club ha detto:

        l’aura mitica che circonda certi musicisti, nasce proprio dalla leggenda che circonda il personaggio, e forse è proprio quest’aura che rende la storia di una persona normale (come noi, per esempio) qualcosa di diverso. Senza quell’alone mitico la musica non sarebbe quello che è, così come i personaggi che vivono con essa. Probabilmente nella vita tutti facciamo “altro” e altro ancora, eppure, nelle pieghe di un’emozione, l’irruenza del virtuoso, diventa motivo di spunto per fare letteratura, cinema, poesia e multimedialità, e in alcuni casi anche sesso, o se vogliamo, brividi che coinvolgono tutte le nostre pulsioni, perché in fondo, la vita, è un’opera d’arte…

        • sherazade ha detto:

          ‘la vita è un’opera d’arte’…ossignur sono così depravata che mi è passata sotto gli occhi l’immagine di…lo dico? Berlusconi 😦 Mio l’Urlo non già di Munch…però vabbè opera d’arte!

          sheracominciaripiovere

  3. luigi ha detto:

    a me piaceva Mauro Pagani della Premiata Forneria Marconi..lo trovavo immenso

    • sherazade ha detto:

      Luigggi
      ma parliamo di due modi totalmente diversi di concepire la musica e con oltre 30anni di distanza.
      La PFM è il nostro percorso di giovani e DG oltre ad essere, adetta di chi ci capisce, un ottimo violinista, sa portare la musica classica ai giovanissimi, a quelli che,diciamocelo, “Paganini…CHI?”

      sheradajechepoicisonapureinostriColdVivalaVida

  4. franci ha detto:

    Pagani piace tantissimo anche a me 🙂

  5. sabato83 ha detto:

    Molto bravo questo David!

    • sherazade ha detto:

      oh Sabato
      fimalmente un uomo che non storce il naso. Ma pensa che me l’ero dimenticato. Questo film in cui ha fatto Paganini, moro e spiritato, mi ha fatto apprezzare lui in primis ma la sua (non nuova del resto) idea di contaminazione tra la musica classica e il rock mentre la sua bravura come violinista è innegabile a dire di chi se ne intende.

      sherabuonabuonagiornatachevolgeallapioggiagain 😦

  6. quelfilosottile ha detto:

    Mi è piaciuto il racconto 🙂 non conosco il flim.. e molto belle le musiche. Il violino ha un fascino particolare
    serena serata

    • sherazade ha detto:

      si… siiii ma ‘lui’ di lui neppure un cennosi? Il racconto è quotidianità ma non così drammatica. Soni io che vivo male il brutto tempo.

      sherabuonacenancheattè 🙂

  7. Francesca ha detto:

    Bellissimo David e pure bravissimo, ha una delicatezza straordinaria… e cosa dire del film che mi riporti… MI PIACE e sono solo all’assaggio, vediamo come è il resto 🙂

  8. Mr.Loto ha detto:

    Conoscevo già David Garrett perchè apprezzo molto gli artisti che sanno dare un nuovo volto alla musica ed agli strumenti; quando piove diventiamo tutti un pò malinconici…ma serve anche questo, almeno una volta ogni tanto!
    Ciao, a presto.

    • sherazade ha detto:

      hi mr. Loto
      mi fa piacere che anche tu apprezzi DG. Anche io lo seguirvo da qualche anno perchè diciamo che oltre che come violinista giovane, bravo e lasta but not least bello, ha azzardato e gli è riuscita bene la contaminazione tra musica classica e rock-pop il che sicuramente aiuta molti a una maggiore dimestichezza con la musica ‘seria.

      Ti racconto un episodio. L’Estate romana ha avuto dei picchi di genialità. Una di queste fu quella di produrre opera lirica alla curva nord dello stadio Olimpico.
      Vedere Carmen, Turandot, Il barbiere di Siviglia a 15 euro in quel luogo non paludato ha portato alla conoscenza dell’opera moltissimi giovani non da ultimo mio figlio 15enne che in quel luogo mi ha fatto da ‘apripista’ scavalcando seggiolini e persone fino ai nostri posti.

      sherachiacchieronaperdonasserotutti

      ps. quanto alla maliconia devo dire che non mi manca mai 😉

  9. lupokatttivo ha detto:

    Siccome da uomo, david non mi entusiasma granche’ mi associo alla fra e voto cozzi (quello di paganini hortor) pero intanto ti lascio la zampata promessa, anzi adesso ti imbratto il blog, e mi porto dietro anche la sally, che nella foto ronfante e’ bellissima. Saluto dovuto e voluto. Ciao sheretta 🙂

    • sherazade ha detto:

      Lupetto questo sì e un vero massaggino al cuore. Susu mettiti sul lettuccio vicino alla sally…e memedesima.
      David stasera resta fuori.
      Sherachiederespedsodiottiene

  10. Jeremy Merrick ha detto:

    David Garrett è per me una scoperta recente (questo Natale) ma quello che scopro ora è ancora più incredibile : non sono l’unico ad aver visto Paganini Horror!!! 😀

  11. sherazade ha detto:

    ciao Jeremy
    non solo Paganini Horror ma anche e sopratutto interpretato da Garrett
    Il violinista del diavolo!!! Intenso nei colori di una Londra cupa e popolana preda dei pregiudizi.

    sheramachebelpiacereconoscerti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...