Il giorno di Capodanno (2014)

 

 

Sally2014

 

Il primo giorno dell’anno
Lo distinguiamo dagli altri
come se fosse un cavallino
diverso da tutti i cavalli.
Gli adorniamo la fronte con un nastro,

gli posiamo sul collo sonagli colorati,

e a mezzanotte lo andiamo a ricevere
come se fosse un esploratore
che scende da una stella.
Come il pane, assomiglia al pane di ieri.
Come un anello a tutti gli anelli.
La terra accoglierà questo giorno
dorato, grigio, celeste,
lo dispiegherà in colline,
lo bagnerà con frecce di trasparente pioggia
e poi, lo avvolgerà nell’ombra.
Eppure,
piccola porta della speranza,
nuovo giorno dell’anno,
sebbene tu sia uguale agli altri
come i pani a ogni altro pane,
ci prepariamo a viverti in altro modo,
ci prepariamo a mangiare, a fiorire, a sperare.

Pablo Neruda e suo tramite da me per tutti voi i miei più cari

auguri per un 2014 migliore 

Annunci

31 thoughts on “Il giorno di Capodanno (2014)

  1. cat ha detto:

    Love the pic of the pooch … Happy New Year to you … Love, cat … meouw … smiles …

  2. ipitagorici ha detto:

    Auguri !
    Per me è stato un buon 2013, spero in un 2014 per lo meno uguale, e che vada un po’ meglio alla società nel suo complesso…

  3. Pandora ha detto:

    Grazie Shera, hai saputo scegliere le parole giuste…
    Che sia un anno migliore per tutti e tutto!
    Pan

  4. Rebecca Antolini ha detto:

    Ciao cara Shera, anche a te o meglio a VOI 😉 un felice 2014.. con amicizia Pif

  5. luigi ha detto:

    e vada per gli auguri dai..sperando sia migliore per tutti.
    AUGURONI!!!!

  6. sportelloutenti ha detto:

    Augurissimi!!!!
    Purtroppo ho fatto solo una toccata e fuga di tre giorni per il compleanno dei miei nipoti e non sono riuscita neanche questa volta a organizzarmi, ma confido che fra poco ci riproverò
    Elisa

  7. Francesca ha detto:

    Moltissimi auguri anche a te, con un grande abbraccio

  8. Rebecca Antolini ha detto:

    Ciao Shera
    Ti auguro un felice 2♥14, tanta salute, un lavoro sicuro, una vita colmo d’amore.. e tutto quello che desideri… sia il 2♥14 il tuo anno migliore .. 😉 Pif ♥

  9. giovanotta ha detto:

    splendida poesia e bellissima foto! entrambe adatte alla circostanza! 🙂
    TANTISSIMI AUGURI SHERA!!
    ci si legge quest’altr’anno! 🙂

  10. Mélanie ha detto:

    ciao bella, bonne année et bonne santé! 🙂 un abbraccio tolosano, cheers! 🙂 Mélanie

  11. il barman del club ha detto:

    finché abbiamo questi compagni che ci vogliono bene, gli auguri sono tutti racchiusi nei loro sguardi dolcissimi, nel loro amore che dovrebbe essere il nostro, nel loro desiderio di vita che ci dovrebbe insegnare quanto è importante essere umili…
    Auguri Shera!

  12. Francesca ha detto:

    …posso dirtelo? Uno, blog delizioso. Due, cagnolino delizioso… lo confesso, anche io ho un Jack Russel… Come faccio a non iscrivermi? Buona serata!

    Francesca

    • sherazade ha detto:

      Franci
      allora siamo in famiglia. Jackini croce e delizia ma dove la prendono tutta ‘sta vitalità?

      sheraccontamideltuoemandafotoplease

      • Francesca ha detto:

        Lui è un terremoto condito con giochini rumorosi e guinzaglio (si porta a spasso da solo), tutto avvolto nello stesso paninozzo. Un paninozzo buonissimo, perché non posso fare a meno di lui, è adorabile 🙂 ha una vitalità che non tutti sanno sostenere e se viene gente a casa sono letteralmente terrorizzati, anche perché riesce a saltare quasi fino alla loro faccia. Si, è veramente forte. E dire che ho sempre avuto cagnoline tranquille, tipo barboncino, dove le mettevi stavano. Lui invece no, poi è intelligentissimo… apre le porte da solo… ma che te lo dico a fare… lo sai benissimo, sono cose che si possono capire solo se si ha un Jack! e a proposito di banalità… si chiama Jack. Che fantasia eh! però in compenso ha un migliaio di soprannomi…

        • sherazade ha detto:

          L’intelligenza e la capacità di interpretare le parole. Anche sally quando vuole uscire va a prendersi colalre e guinzaglio ma nella stagione fredda…col cavolo che porta le nike a mio figlio! Infatti se la ronferà fino a domattina.
          Ho avuto sempre cani e anche ‘impegantivi’ ma come lei anche in fatto di amorosità nessuna la eguaglia.
          Ho cercato da te delle foto ma sei riservatissima in proposito!

          sherabuonanotte

          ps Sally xchè a mio figlio piace la canzone (maro’ che tristezza) di Vasco Rossi

          • Francesca ha detto:

            Vero, Jack ha un’intelligente non indifferente, anche nella comprensione. Lui sta sempre in giro, ma in quei giorni in cui uno è più giù del solito, è come se ti si incollasse addosso, sempre con discrezione. Magari strofina il muso una volta o due di più alla tua mano, ti cerca più spesso, ti si accuccia accanto ogni volta che ti siedi. Ti capisce, a volte più di una persona.
            Il blog è giovane 🙂 prima o poi Jack potrebbe fare irruzione anche lì, chi lo sa! Prima o poi comunque te lo presento… non temere 😉
            Per il nome… va bene tutto, Sally è anche carino… e se io avessi dovuto mettere il nome del mio idolo musicale… avrei dovuto chiamarlo come minimo Dave (come Dave Gahan, Depeche Mode), ma c’è chi è stato inflessibile…

          • sherazade ha detto:

            🙂
            ps arrivo da un commento su lupokattivo

          • Francesca ha detto:

            Ah, bene, è da lui che mi rivelo come la patita di trash quale sono, il mio lato malvagio 😉 ahahah!!

          • sherazade ha detto:

            ub jack ti salverà 😉

            sheraconcarezzina

  13. wolfghost ha detto:

    Oh… com’è dolce in questa foto Sally! 🙂

    http://www.wolfghost.com

  14. Elisabetta Lelli ha detto:

    La notte scorsa non potevo prendere sonno (Cfr. il “periodo fetido”), e mi sono iscritta al tuo blog… e mi sono “goduta” questa creatura, la sua dolcezza, la sua innocente Bellezza.
    E, sai? guardare il musetto di Sally mi ha rasserenato.
    Grazie, Shera (+ così, giusto?).
    E grazie, Sally! Sei stupendissima… ❤

    E.

    • Elisabetta Lelli ha detto:

      Scusami, m’è partito un “+”, invece di “è”.

    • sherazade ha detto:

      Eli, un grande piacere saperti per un mom rasserenata. IO ammetto senza pudori che Sally dorme con me non proprio (ancora) dentro le lenzuola ma con il musetto che appena spengo la luce si sistema quasi al pari del mio sul cuscino.
      Dally ha compiuto 4 anni ed io più o meno da quella data ho smesso di prendere il tranquillanteperchè sentire il suo respiro, accarezzare il suo corpicino mi placa.
      Geazie delle tue parole 😉
      sheraunabbracciocompiaciuto

      • Elisabetta Lelli ha detto:

        Shera, non credo di dover aggiungere altro alle tue parole… alle tue esperienze con i nostri “furry Friends”… a parte che anch’io e Peggy dormiamo abbracciate… NEL letto 🙂
        Ho avuto la fortuna di vivere con gli animali fin da bambina. Da loro (non mi stancherò mai di dirlo), ho imparato le cose più importanti, quell’ “essenziale” che tanto andiamo cercando e che, semplicemente abbassando lo sguardo, è proprio sotto i nostri occhi.
        Non credo esista “il” cane, o “il” gatto; ognuno dei miei amici animali (cani, gatti, polli…), mi ha donato qualcosa a suo modo.
        Mai mi hanno fatto un solo torto, a parte morire.

        EliunabbracciodiCuore 🙂
        (Mi piace il tuo saluto, perdona l’appropriazione!).

        • sherazade ha detto:

          Come hai detto tu ogni essere vivente ci insegna, persino la pianta di geranei in giardino, il limone ci ‘parlano’.
          Poichè c’è tra noi questa sintonia ‘animalesca’ ti segnalo un mio post del 2007 e ti aggiungo che il protagonista è ancora vivo e ormai enorme…..suspence
          https://sherazade2011.wordpress.com/2007/12/03/un-amore-silenzioso-rosso-rosso/

          sheranonservonoparoleeneppureabbraccixcomunicareamore

          • Elisabetta Lelli ha detto:

            Cara Shera,
            quanto è vero!
            E dunque… “ascolta”. Avevo un Rododendro meraviglioso, sul balconcino della camera da letto di mia madre. Era bellissimo, forte, fioriva due volte l’anno, era sano, era… felice.
            Mia madre si ammalò di cancro. Quando lei morì, in quella stessa stanza, improvvisamente non ci fu più musica, più amore, più suoni dolci, parole sussurrate. Il Rododendro iniziò a sfiorire, a indebolirsi. Lo vedevo morire, ma non m’arrendevo: cambiai il vaso, la terra, lo trasferii su un altro balcone, ma non volle più vivere. Morì, forse di solitudine, forse per mancanza d’amore, forse perché era morta mia madre.
            Quando fu completamente secco recisi un rametto e ne feci due piccoli pezzi. Uno lo tengo nella camera di mia madre, l’altro pezzetto secco lo portai a lei, infilandolo nel marmo della sua tomba. E dissi piano:
            “Mamma, tienilo con te.”.

            ***
            Vado a leggere del tuo “rosso-rosso silenzioso!
            (amorericevutoabbracciodigratitudineEli)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...