non è Il pranzo di Babette

Meglio voltar pagina.  Matteo Renzi lo abbiamo cucinato ben benino e staremo a vedere se lievita a dovere.

Da un po’ di tempo la serietà non mi si addice e più giro tra gli amici blogger (s) e più mi rendo conto che tutti sono molto più preparati di me su (quasi) tutti gli argomenti anche se in cuor mio mi difendo  dicendomi che in fondo le idee le avrei ma sono  troppo pigra per  tirarle fuori .. . So essere arguta, anche simpatica, ma pare che riferito a una donna  questo sia un contentino facile come quando le si dice che ha dei bellissimi occhi.

Andiamo dunque e che la gola si prenda il palcoscenico perchè mangiare dovrebbe essere patrimonio dell’umanità anche se la Fao.. accidenti! ho detto politica no!

Zuppa di cozze, patate e porri (4 persone)

1 kg di cozze (il periodo è ottimo e le si trova belle grasse);   4 patate medie tagliate a cubetti;    tre porri tagliati a tondelle;   una cipolla tritata, uno spicchio di aglio, sale e pepe. Timo o dragoncello per dare un ulteriore profumo sfizioso.

Fate saltare in padella con un cucchiaio di olio, per circa tre minuti,  la cipolla, l’aglio e i porri infine aggiungetevi le cozze ben lavate e il dragoncello; aggiungetevi un litro di acqua, portate ad ebollizione e cuocete per 15 minuti.   Prelevate dal brodo di cottura le sole cozze e fatevi  cuocere le patate precedentemente tagliate a cubetti. Quanto le patate saranno cotte frullate tutto in modo da ottenere una crema nè fluida nè densa ma consistente. Sgusciate le cozze lasciandone intere cinque per ogni porzione.

Servite  ben caldo suddividendo equamente , rpt equamente!,  le cozze sgusciate e guarnite con quelle lasciate intere messe al centro o sparse ad arte nel piatto.

Il risultato è graditissimo oltre che nutriente;  il costo assai contenuto giacchè come secondo può bastere una teglia di cardi o di finocchi passati al forno.

Vi ho convinti?  Allora alla prova (del cuoco)  e fatemi sapere.

Il Pranzo di Babette, un film poetico e nutriente che troverete in versione completa su Youtube.

Annunci

20 thoughts on “non è Il pranzo di Babette

  1. Francesca ha detto:

    A scriver di politica spesso ci si avvilisce, almeno questo mi accade.
    Certo, le nostre idee non le possiamo sopprimere… meglio cucinarle ! 🙂

    Scherzi a parte, ottima mi sembra questa ricettina, devo provarla ! 🙂

    • sherazade ha detto:

      Francesca,
      pero, ora, forconi permettendo (tutto un po’ preoccupante) che possa ricominciare a parlare di politica in termini positivi.
      Intanto riscaldiamoci con questo ottimo passato semplice e sfizioso.

      sheràprestociaociaociao

  2. sportelloutenti ha detto:

    Giro la ricetta alla genitrice, chissà che non trovi ispirazione
    Baci
    Elisa

  3. il barman del club ha detto:

    ho capito ci vuoi prendere per la gola… Va bene, accettiamo il consiglio; d’altronde è pur vero che un pranzo ben servito (e il bellissimo film da te citato lo conferma) è sempre un insieme di complicità, poesia e sensualità, se poi ci uniamo anche l’allegria, concludiamo la serata nel migliore dei modi. Proverò la ricetta, mentre io ti consiglio come abbinamento un bel Falanghina dei Feudi di San Gregorio (non si sbaglia mai).
    Allora un brindisi… per il nostro futuro!

  4. sherazade ha detto:

    Barman
    il pranzo di Babette fu però un vero tripudio di prelibatezze e lei ci spese tutta la sua fortuna guadagnata in una grossa vincita.
    E’ che anche nella vita stringata dei devoti e fustigatori della carne, quel banchetto portò il sorriso sulle labbra di tutti, indistintamente, senza troppe preghiere fugando ogni dissapore 😉
    Tu dici Falanghina? ed io socchiudo gli occhi dal piacere.

    sheramanoibastanchemoltomeno

  5. il barman del club ha detto:

    “Il pranzo di Babette” è un altro “concentrato” di bellissime metafore che – dalla Comune di Parigi (uno degli eventi più terribili dell’800) fino al valore dell’artista eternamente povero, ma ricchissimo della sua anima – ci comunica le stesse sensazioni proposte dalla tua semplice ricetta: basta essere vivi dentro per regalare un po’ di felicità…

    • sherazade ha detto:

      Eggià. Per paradosso questa ‘felicità’ in questo ultimo anno mi è stata molto tarpata da tutto quanto sta succedendoci intorno.
      Molti amici e figli di amici e amici di amici versano in condizioni abbastanza disastrate.
      Il mio ex direttore di banca, incontrato poco fa, andato in pesnione voleva comprare una casa al mare. Gliene ho chiesta notizia. Ha dovuto fermare tutto perchè parte della liquidazione l’ha impegnata per la sorella e il cognato che entrambi hanno perso il lavoro.
      Questo è il nostro BelPaese oggi ed essere felici (sereni) è quasi un privilegio.

      sheraunabbraccio

      • il barman del club ha detto:

        già… il rovescio della medaglia. Siamo arrivati nella situazione che, se lavori stai bene o discretamente almeno, ma se lo perdi si è veramente nei guai. Non so che dire… ti regalo questa:

        LE COSE BELLE
        Lo so, ma non posso mettermi a cantare di gioia
        se il vicino curvo sul volante del suo gioiello
        appena cambiata la marca dell’olio e pulito il carburatore
        gasa più forte. Cosa vuoi che canti?
        Ti dirò di più. Mi commuove il filo d’erba
        e non c’è niente di più misterioso e struggente
        del grande cielo di Lombardia che riempie la sera;
        ma quel vino rosato
        porta alcool alla miccia della mia rabbia: puoi vederle anche tu
        le operaie racchiuse nei furgoni. Le cose belle?
        Lo so che esistono, ma te ne parlo
        in segreto, sottovoce, con un po’ di vergogna.

        LBERTO NESSI

  6. il barman del club ha detto:

    scusa… il nome dell’autore è “Alberto”
    buona serata !

  7. geleselibero ha detto:

    riuscite sempre a farmi venire fame anche dopo cena

  8. giovanotta ha detto:

    sai che non ho visto il film? grazie per l’input (anche quello sulle cozze)
    ;- ) buona domenica!

    • sherazade ha detto:

      Giovanotta, cercando il trailer ho visto che su youtube c’è tutto il film, vedilo perchè come hai letto dagli interventi di Barman è un film con molti risvolti, un po’ come piacciono a noi 😉

      sherabuonasettimana

  9. luigi ha detto:

    odio le cozze, ma la zuppa di patate e porri l’ho mangiata ed è buonissima..
    stai ancora rosicando per Renzi?? :)))

    • sherazade ha detto:

      Lu’ carissimo patataro, aggiungi due cozzette per farmi piacere, così come io non ‘rosico’ per Renzi riconoscendolo in questo striminzito panorama l’unica alternativa possibile.

      sherabuonissimasettimanaetu’rosica’quisolecaldoeluminoso 😉

  10. il pranzo di babette è un capolavoro ma la zuppa di cozze patate e porri mi pare anche meglio con tutto il rispetto per Axel che non è l cantante dei guns&roses!
    Ora sono davvero affamato. 🙂

    Ben

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...