sitting on … (what for?)

(Sittin’ on) the Dock of the Bay fu registrata solo tre giorni prima della morte di Otis Redding. e di altri sei compagni morti quando l’aereo su cui viaggiavano precipitò nel Lago Monona il 10 dicembre 1967.
Questa canzone entrò nella memoria collettiva dall’anno seguente anche perché rappresentava in effetti un significativo cambiamento stilistico che migrava dal soul al country.

Le parole sono disarmanti nella loro attualità e non è un caso che ben oltre la sua immediata musicalità, tra tante, questa canzone mi sia tornata alla mente. Buon ascolto.

Seduto sotto la luce del mattino
Starò qui quando la sera arriverà
A guardare le navi entrare lentamente
E guardarle andare via di nuovo, yeah
…..
Ho lasciato la mia casa in Georgia
Diretto verso la baia di Frisco
Perché non avevo niente per cui vivere
E sembra che niente incrocerà la mia strada

Sembra che niente cambierà
Tutto rimarrà uguale
Non posso fare quello che dieci persone mi dicono di fare
Allora credo proprio che rimarrò lo stesso, ascoltami

…..
Mi siederò sulla banchina della baia
A guardare la marea andarsene, ooh
Sono seduto sulla banchina della baia
Sprecando il mio tempo