(sul ponte sventola) Bandiera bianca

Borghezio: “La Idem?
Puttane nelle istituzioni”

Ma poi ci fu il Maestro Battiato che parlò di troie e troiaio riferendosi al Parlamento italiano ma in quel caso lui chiarì che era un’espressione colorita per definire un mercimonio generalizzato. Dovette dimettersi da assessore, lui.

L’europarlamentare Borghezio (è stato poi espulso? Dal PE), non è un neofita. Ricordate in quell’occasione se la prese sempre con una donna, Cécile Kyenge, Ministra del Governo italiano in carica, indirizzandole una volgarissima battuta razzista.

Sarebbe troppo facile obiettare che l’attuale ministra per le Pari opportunità di questo Governo , Josefa Idem, passerà alla Storia dello Sport internazionale per le molteplici medaglie d’oro vinte per l’Italia, e non certo per l’epiteto affibbiatole da codesto rubizzo e volgare rappresentate del sesso forte, quello che verso la mezzanotte non disdegna una ‘toccata e fuga’ per qualche dieci euro.
Quello di cui non riesco a capacitarmi è che un uomo che evade le tasse o porta capitali all’estero o commette qualsivoglia reato contro il patrimonio viene definito mascalzone, furfante, furbetto, e una donna debba essere etichettata sempre e comunque come una puttana.

Abbiamo assistito tutti noi impotenti (gioco forza), attoniti , alla mancanza di rispetto, al progressivo degradare del linguaggio , al non rispetto delle istituzioni e di ciò che dovrebbero rappresentare.
Quello a cui non voglio e non potrò mai adattarmi, adattarmi no, ma porre tra me e gli ‘altri’, è una sorta di barriera anestetica contro il linguaggio virulento, la violenta delle parole e delle azioni che colpiscono le donne. Il genere femminile in quanto tale.

Certi non personaggi alla Borghezio dovrebbero venire ignorati , e in questo i media sono colpevoli nel fare da megafono a certi comportamenti che reiterati ormai non ‘sputtanano’ più l’autore ma feriscono ogni donna nella sua dignità di persona. Rendono ‘luoghi comuni’ atteggiamenti inaccettabili, autorizzano nei fatti ogni violenza contro le donne.

Quanto alla ministra Idem se ha fatto, come pare, dei pasticci ai danni dell’erario pagherà ma per piacere, evadere le tasse non significa essere una puttana e comunque visto che è il ‘mestiere più antico del mondo’ perché non cominciamo a preventivare di mettere tutte queste prestatrici d’opera a partita Iva e multare sia loro che i clienti in assenza di ricevuta fiscale? Altro che Imu sì, Imu no.
Io ci farei un pensierino ma purtroppo questo è un Paese bigotto di vizi privati e pubbliche virtù dove una disadattata minorenne marocchina viene riconosciuta dall’ intero Parlamento nipote di un leader straniero.

Ecco, allora, che il termine neutro ‘troiaio’ trova purtroppo parecchie applicazioni come asseriva il Maestro Franco Battiato

Annunci

8 thoughts on “(sul ponte sventola) Bandiera bianca

  1. meo..... laura ha detto:

    di fronte a tele personaggio mi vergogno di essere uomo ed italiano…….non ho parole…………..marcello

  2. sherazade ha detto:

    mettiamoci
    Meo
    anche un po’ di rabbia.

    sheramannaggia!

  3. il barman del club ha detto:

    hai una ragione sacrosanta… anche perché in questi ultimi vent’anni la degenerazione del linguaggio, e peggio ancora, del pensiero culturale, ha subito una arretramento talmente irreversibile da fare quasi paura.
    Mentre le tecnologie hanno cambiato radicalmente il nostro presente in divenire, l’Italia ha subito una involuzione inconcepibile e la politica è lo specchio di questa situazione, di cui, dalle “loro” parole si potrebbe addirittura scrivere un bestiario: dal “BungaBunga” al “W la gnocca”, dal “Porcellum” al “Mattarellum”, dal “Cielodurismo” al “Cielopochismo”, dalle “Meteorine” alle “Orgettine”, e via di questo passo… arrivando al colmo delle frasi di quel parlamentare europeo che ci fanno vomitare. Siccome il “male” o il “marcio” fanno sempre più notizia, ecco che subentra quell’elettrodomestico che Pasolini definì non a torto uno dei mezzi più antidemocratici del sistema, ed eravamo solamente negli anni ’60. Ora che il processo di cambiamento è avvenuto e la “neolingua” imperversa ci chiediamo se non ci sarà mai limite al peggio…

    • sherazade ha detto:

      Barman
      a sottolineare quello che dici (e peggiorare le prospettive) il fatto che qui, in Italia, atteggiamenti e comportamenti criminosi come anticostituzionali non vengono mai puniti e, purtroppo, è agli occhi di tutti che gli impuniti, e qui davvero stampa e media hanno le loro responsabilità, e diventano degli eroi ‘vittime del sistema’ ormai marcio per antonomasia.
      E a chi mi riferisco è ovvio 😦

      sheraàlasalut

  4. Francesca ha detto:

    Quello che tu isoli come “… il linguaggio virulento, la violenta delle parole e delle azioni che colpiscono le donne. Il genere femminile in quanto tale.” è pornografia, a mio avviso. E chi usa un tale linguaggio in realtà sta descrivendo se stesso… perché noi siamo quel che pensiamo.
    Hai scritto davvero un bel post, che potrei sottoscrivere…

    • sherazade ha detto:

      Ti ringrazio Francesca
      noi siamo dei contenitori dove, purtroppo come dice molto dettagliatamente Barman, sono stati ammassati in questi ultimi 20anni soprattutto, messaggi fuorvianti e dove le tecnologie hanno fatto e fanno da megafono alla parte peggiore, vorrei dire dell’Italia, ma forse è meglio del mondo.
      Come uscirne? Basta essere a posto con sè stessi (e una parte minore degli altri)?

      sheragrziemolteapresto

  5. riccardo ha detto:

    Ciao.
    Battiato, perdendo forse il suo aplomb ma guidato da un grande amore per ciò che dovrebbe essere la vera politica, “doveva” esser messo a tacere.
    Borghezio e simili, che sono parte integrante di un sistema avanspettacolistico e filo-fascista, possono rimanere al loro posto; anzi “devono.”
    Purtroppo, linguaggio e mentalità di certi “politici” rispecchiano linguaggio e mentalità di buona parte della tanto idealizzata società civile. Pardon, incivile.
    Penso che su questo, troppo spesso finiamo per glissare.
    Ecco perchè penso che la ricostruzione del Paese dovrà essere oltre che politica, anche sociale, morale ed intellettuale.
    A volte capita di sentire spropositi allucinanti anche da parenti stretti….

    P.s.: se posso osare, non chiudere il blog… è molto interessante!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...