Cara amica ti scrivo (di tutto di più

Caracara,

sono stata molto ‘contropelo’ questi giorni (e ancora non mi è passata) e come mio solito mi ritraggo nel guscio per uscire solo se sollecitata. Grazie per averlo fatto.

E intanto settembre se n’è andato senza buone nuove . Sono riprese le messe cantate e le giaculatorie mentre molti coetanei e amici di Luca sono allo sbando e galleggiano sui loro sogni di carta straccia (lauree) rispondendo ai call centers o hanno accettato  contratti capestro da fame e con scadenze anche bimestrali! Già tre  dei suo gruppo più stretto sono stati licenziati. Pietro si era appena sposato ed ha un mutuo sul groppone mentre Simone senza lavoro è dovuto tornare in Sicilia dai genitori. Questi dati sulla disoccupazione e soprattutto sulla disoccupazione giovanile,  che incalzano ogni giorno – non sono per la censura, per l’affossamento – non aiutano  a scollare la sfiducia che c’è già di suo.

Ieri sono stata alla Camera dei Deputati dove hanno presentato un film su Pietro Ingrao, fuori concorso a Venezia.  Un lungo viaggio attraverso il novecento vissuto nel silenzio della sale, un centinaio di persone,  contando i parenti,  tra cui, forse, ero io tra i dieci più giovani. Un mondo fissato ad un’era che poco si discostava a quella dei dinosauri e se Lucy non fosse già stata trovata anche lei sarebbe stata lì..tu che hai condiviso con me quei momenti di grande passione e quell’ Alta febbre del fare potrai capirmi.

Sono uscita con un grande magone.

Questo il LINK  Voi non mi avete convinto

Ho il telefono a riparare per via della scheda audio ed ora utilizzo una vecchia scatoletta, dunque ti dovrai accontentare del mio pensiero amoroso e di una fotografia vecchia, non di giornata, ma con la caffettierina color del lillà mooolto trendy.   Ci sentiamo presto e magari cercherai di recuperare il tempo della crostata perduta.

Ti abbraccio con la sally-ina cuore ridente della nostra casa. Non puoi immaginare quanto mi sia salutare quell’ora abbondante al parco immersa in un verde smeraldo rigenerato dalle piogge dopo la calura, a fare sciocchi discorsi con persone di ogni tipo che ormai conosco alternativamente da tre anni. Entrare nel nostro spazio ed essere accolta da tanti musi affettuosi,  code al vento che ho visto crescere. Molte brave n(d)onne inorridirebbero a sentirmi parlare così. Chi mi ha conosciuta in altri tempi mi vedrebbe come una controfigura della mestessa che trottava a testa bassa per completare ogni giorno i tanti tasselli che messi insieme ci rendono delle wonderwomen molto women strapazzate e poco wonderabili

  I newyorchesi ? Baci

 

Annunci

2 thoughts on “Cara amica ti scrivo (di tutto di più

  1. luigi ha detto:

    è importante che siano riprese le messe cantate, almeno quello…
    io alla camera dei deputati c’andrei..ma poi mi arresterebbero per tentata strage…

    • sherazade ha detto:

      Lu’
      intendevo quella cantate della politica.
      Come quando sei in autobus: nessuno spoca, tutti sono educati ecc.. i politici uguali a sentirli son tutti senza pecca(to).

      sheramannaggiaromamia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...