Cattivi pensieri

Il primo giorno di quaresima, ieri, si è chiuso con un pensiero di morte:la mia.
Ho cercato di capire cos’era quel sentimento buio che mi riportava indietro a molti anni fa.  a quel lungo momento di spaesamento, presa tra i sensi di colpa per il bambino svegliato all’alba e catapultato al nido e il bisogno , non soltanto economico, di mantenere il mio lavoro.
Una vita troppo piatta in un mondo che scoppia?
L’avere superato quell’età nella quale la progettualità, il bisogno di fare ti tiene sulla corda?
Poi stamattina come al solito il suono modulato della sveglia, il musetto di Sally che si è infilato tra i capelli e il collo, il nasino umido e la sua irrefrenabile gioia di ritrovarci.
E ancora il pensiero di mia madre, che si ribellava a quei miei momenti negativi, alle lunghe discussioni che ci prendevano sul senso per lei alto di ogni vita e la mia sopportazione disincantata.
“Hai tutto” mi diceva “stai bestemmiando”.
Sì ma certi cattivi pensieri vengono proprio quando si è ben mangiato.
Sarà il tempo, siamo passati dalla neve a 17 gradi. Non ci sono più le mezze stagioni ed io non ho avuto mai le mezze misure.
Devo mettermi a dieta, in tutti i sensi.

8 thoughts on “Cattivi pensieri

  1. pyperita ha detto:

    Spero che la bella stagione ti porti pensieri positivi.

  2. luigi ha detto:

    concordo, anche perchè altrimenti quest’estate manco ci entri nel costume…
    quanto ai piensieri cattivi, si vede che avevi mangiato la peperonata a colazone e t è rimasta sullo stomaco:)))

  3. gianbilico ha detto:

    Un memento mori come riflessione è un ottimo preludio quaresimale. proprio per limitare i cattivi pensieri oggi che è Venerdì si dovrebbe digiunare a pane e acqua vecchia e cara pratica ascetica ormai messa in cantina da noi cattolici , qualcuno si vanta addirittura di non mangiar carne, ma è solo sfrontatezzza in una realtà dove i più considerano out sbranare una fettina d’arrosto. Ebbene torniamo ai cupi pensieri della bloggiana. o piuttosto come facciamo anche noi a superare tutto il nostro passato e rimanere indenne anche se un pò ammaccati?.Ebbene forse ognuno di noi guardando a ritroso si meraviglia un pò di se stesso ma in fondo delle cose il vero traguardo è uscire indenni dall’eterna lotta del ” abbiamo incontrato un nemico e siamo noi”. Sinceramente non so se influiscano sui cattivi pensieri situazioni alla Botero o in antitesi alla Giacometti ,però una cosa la so; i cattivi pensieri ci lasciano cinque minuti dopo aver tirato le cuoia.
    Si parla di recessione, di fatica ad arrivare alla terza settimana ; ah… già , in effetti pensando alla stagnazione dei consumi con due pezze tu hai risolto la spesa sugli indumenti. Meno stoffa c’è più risparmio si ha.Così l’estate è più che risolta. 😉

    laquaresimaèarrivataèbellaemelagodotuttAAAetusiimenoscojonataaltrimentichiqualcuno\aèingradodifartiunequilibraturAAA

  4. banzai43banzai43 ha detto:

    OK, ma senza esagerare.
    17° anche a Milano e col sole.
    Buon fine settimana.
    banzai43

  5. giovanotta ha detto:

    carino il finale 🙂 .. penso che una certa ansia esistenzial di questi tempi attanagli tutti, sia chi ha sia chi non ha problemi economici o di lavoro, certo guardando i reportage tv dalle zone di guerra, dovremmo pensare a quanto siamo dopotutto fortunati ecc. ecc. eppure il mondo si è fatto così piccolo ed interdipendente che la assoluta serenità credo non sia proprio possibile, a meno di non farsi monaco/a buddista 🙂 ciao

  6. katherine ha detto:

    Purtroppo ogni tanto certi pensieri cominciano a frullare per la testa. Passano gli anni ed aumentano, forse perchè la strada che probabilmente riusciremo ancora a percorrere ci pare ormai più corta di quella che abbiamo percorso e ci chiediamo se le esperienze acquisite ci basteranno per percorrere quel cammino senza troppi incidenti. Cominciamo a renderci conto che le persone scomparse stanno aumentando sempre più e che i nostri figli hanno sempre meno bisogno di noi, così vorremmo poter essere ancora figli noi stessi per poter chiedere quei consigli ed ottenere quel conforto che un tempo avevamo e che da troppo tempo non abbiamo più.
    Per fortuna sono momenti, poi passano…ritorneranno e passeranno di nuovo…
    Buona domenica! Qui sembra estate.

    • giovanotta ha detto:

      bella questa cosa che vorremmo essere ancora figli per poter chiedere quei consigli e ottenere il conforto che avevampo un tempo..
      che grande ruota la vita eh . 🙂 un saluto

  7. sherazade ha detto:

    Grazie a tutti e tutte.
    Ovviamente il vostro pensiero e la vostra presenza mi sono di grande conforto e questoa era la mia silenziosa (silenziosa?) richiesta.

    Kathy, è vero, ricordi? avevamo già parlato del dolore della impossibilità di essere figli ma solo una sorta di ‘colonne’ portanti per altri.

    sheraunabbracionecircolaregrandegrande

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...