Poveri ricchi!

Anno nuovo ricco di sorpresine anticipatamente sgradevoli.
Si parla di grandi sacrifici e di grandi cifre che tralascio e sottolineo piccoli esborsi quotidiani.  
A Roma aumenteranno i biglietti dell’autobus da 1 a 1.50 e cmq diminuirà il servizio che da anni è più che altro un disservizio costante. Si dovrebbe pagare una tassa sugli animali da compagnia soprattutto – si dice –  dovuta alle loro ‘deiezioni’ che i più educati accompagnatori raccolgono mentre una minima parte ancora mantiene la cattiva abitudine di ‘far finta di niente’ e nel contempo schiaccia col piede il mozzicone della sigaretta oppure se ha il raffreddore – cosa assai comune di questi tempi – lascia sbadatamente cadere a terra il clinex che pulisce il suo naso ma sporca irrimediabilmente la strada perché anche gli spazzini costano e man mano che vanno in pensione non vengono sostituiti e dunque la pulizie dalle strade della mia circoscrizione avviene a zone e all’incirca ogni 20 giorni.
Sorpresa a metà, perché mi era stata preannunciata ieri, La Repubblica da 1 euro è passata a 1.20 ovvero il 20% pulito pulito di aumento.
Presa l’abitudine di fare il giro dell’isolato con la Sally sono solita fermarmi al Bar dietro l’angolo e anche qui il caffè come per magia e come se nel ripostiglio non avessero di scorta almeno due confezioni, il costo  è salito a 90 centesimi (contro gli 70 di ieri).
Passando da una delle poche drogherie che ancora sopravvive mi sono fermata per prendere un detersivo per i panni “quello che costa meno” e l’ho trovato a 4.50 contro i soliti 3/3.50. Naturalmente il commento è stato:  ‘è aumentato tutto’! Insomma nella notte come nello Schiaccianoci,  nei negozi chiusi ogni genere e ogni cosa danzando si è aumentata da sola e allegramente il prezzo.
 Questo per dire che alla fine mi son proprio stancata di scrivere  seriamente di politica che non condivido e nella quale non ritrovo nessuna delle grandi utopie per le quali in tanti abbiamo speso le nostre energie. Diciamo che  non ho più lo stimolo a controbattere i balbettii di leader che assai poco hanno in comune con i problemi concreti e quotidiani delle persone.
Mi infastidisce giudicare l’operato di un governo talmente tecnico (per carità sobrio e nella sua sobrietà ineccepibile dopo la ciarlatana volgarità del suo predecessore) che a tavolino taglia e taglia e riduce a numeri percentuali  i bisogni primari, le aspettative di giovani e vecchi, donne e uomini. E incautamente (non voglio azzardare scientemente) continua a  non valutare il divario tra la ricchezza sotterranea (o esibita)  intoccabile e ingiusta e la povertà sempre più tangibile dei molti. Il giornale, oggi, è un bollettino di guerra per la chiusura definitiva (Golden Lady, signore mie, tra l’altro)  di aziende che mettono sulla strada non solo i singoli dipendenti ma le famiglie che alla sicurezza di quel lavoro affidavano il loro futuro o, almeno, una sopravvivenza dignitosa.
 A qualcuno, in queste sere di festa non sarà sfuggita l’occasione di rivedere il film di Ettore Scola
“C’eravamo tanto amati”
che narra nel tempo che va dal 1945 al ’74 le vicende di tre amici, partigiani, diversi per ceto e cultura.
Nel film assistiamo all’imbruttimento di un’Italia che nasce dalla lotta partigiana piena di speranze, ma che svaniscono presto mentre alcuni si rassegnano, altri si arrangiano ed altri perdono il filo di quel discorso sociale alt®o che inizia la sua deriva nel boom economico. Tre vite sconfitte, in modi diversi, perdenti.
Riguardando il film  sono rimasta folgorata dal personaggio di Romolo Catenacci (uno strepitoso Aldo Fabrizi) come quello che più rappresenta – oggi più che mai  tra scandali e corruzione, politica e morale  –  l’essenza più ripugnante e ‘vincente’ del nostro paese,  un uomo  laido, arrivista, re del malaffare  convinto di essere nel giusto perché:
“negli onesti c’è quella purezza che se gli capita l’occasione diventano più mascalzoni dei mascalzoni veri.”

27 thoughts on “Poveri ricchi!

  1. katherine ha detto:

    Beh, non per niente c’è il proverbio che dice: “L’occasione fa l’uomo ladro”. Probabilmente, chi detiene una qualsiasi forma di potere, prima o poi ne approfitta per se stesso e si dimentica degli altri, chissà…Passano gli anni, la storia dovrebbe insegnare, ma gli uomini non cambiano e non vogliono imparare.
    In effetti quest’anno non sento proprio la voglia di festeggiare…non sento l’aria del Natale, del Capodanno…Vedere in tv tutte quelle persone che perdono il posto di lavoro e che non sanno dove sbattere la testa non è un bel vedere e mi sentirei in colpa se avessi voglia di festeggiare. Stiamo a vedere come andrà e speriamo in un miracolo, ormai non ci resta altro!

  2. pyperita ha detto:

    Condivido completamente il tuo commento.

    • sherazade ha detto:

      pyperita, grazie.

      Kathy
      in quello che dici c’è purtroppo molto di vero ed è la rgione per la quale io ho collegato al film i miei dolori di pancia.
      Tanti anni fa Enrico Berlinguer (vox clamantis in deserto) pose l’accento sulla QUESTIONE MORALE. iN seguito, alla bisogna, qualcuno tuono qualcosa in propostito e lì finisce. Leggevo oggi che La Malfa è da 37 parlamentare!!!
      Il Pci e poi il Pd avevano, flebilmente il secondo, proposto un max si tre legislature (15 anni) ma certo a nessuno è convenuto tagliarsi le vene.
      Oggi alcuni deputati sbraitavano che si sta tentando di equiparare il loro stipendio a quello degli OPERAI! Una vergogna!

      sheramasenonconvienecheritorninoazapparetuttilaterracomeCincinnato

  3. luigi ha detto:

    avete tanto strepitato in attesa del Messia, adesso non vi potete lagnare….
    se questa sudicia manovra l’avesse fatta Berlusconi, lo avreste impiccato, ma pure se la faceva Bersani finiva male..l’ha fatta un pirla varesotto, e tutti zitti…
    non cambierete mai…mai…
    siete sempre quelli dei 2 morti e 600 feriti a capodanno…e delle feste in piazza come nei paesi sudamericani…
    (dai ci sono pure io di mezzo,,..anche se ovviamente mi dissocio da cio che sta capitando)…
    il bello deve ancora venire…mica finisce qui….
    un abbraccio ex padana:)))

  4. sherazade ha detto:

    Luigi
    sarò seria. Questa orribile manovra per molti aspetti irrispettosa verso i più ‘deboli’ andava fatta (e sarebbe stata assai meno dolorosa) almeno dieci anni fa. E tu ricorderai che al contrario per noi a tutto il 2011 “La crisi NON c’è”, “La crisi ci ha appena sfiorato”, “La crisi è stata superata”, poi ad agosto il patatrac.
    E’ ovvio che nessun partito – rpt nessuno – rispetto ai suoi potenziali elettori in fuga avrebbe mai assunto impegni di tale entità senza ‘rimetterci’. Tutti indistintamente si preparano a subentrare al Governo MOnti il più morbidamente possibile avendolo tutti (la Lega fa altra politica) appoggiato per il “bene dell’Italia” contrastandolo larvatamente: “Mamma Gino mi tocca..toccami Gino che mamma non vede”.
    Il bello/peggio deve ancora venire, ti diamo, credo, tutti ragione.

    sheraricambiol’abbraccioconunabbracciotiepidoromano

  5. azalearossa1958 ha detto:

    Ecco un post che avrei voluto scrivere io!
    È così, proprio così, assolutamente così!!!
    Condivido tutto, compresi i commenti e le risposte che hai dato.
    Nessun partito avrebbe mai avuto il coraggio di fare una manovra seria, per la paura di perdere consensi, quindi meglio mettere lì qualcuno super partes che poi si toglie dalla scena e tutti saremo qui a dire che “noi saremmo stati più bravi”. Ipocriti!!! Tutti, dal primo all’ultimo. Compresi quelli che vanno dicendo che la manovra che stanno mettendo in atto è equa. Ma per favore!!
    Ah, sì… forse è vero: il caffè alla buvette adesso costa 80 cent invece di 60. Grandi sacrifici! Mi fermo, altrimenti comincio a spararle troppo cattive.

    I commenrcianti? Gli industriali? Bei tipi. Dall’avvento dell’euro in poi non hanno fatto che speculare, e nessuno a vegliare, a controllare, a bacchettare. Chissà perchè.

    Bon, mi ritiro nel mio vasetto, che già son livida per quel che mi è capitato, meglio che mi calmi, altrimenti mi piglia il coccolone.

    Baciobellasherinachescrivegrandigrandiverità♥

  6. ipitagorici ha detto:

    Finalmente anche le altre città italiane stanno raggiungendo Genova nel costo dei biglietti dell’autobus. Penso che però mai raggiungerete la pena del nostro servizio.
    Qua aumentano i bigletti e vengono stroncate le corse, con tagli al personale : cazzo, riuscirei anch’io a gestire l’AMT in questo modo e di economia non capisco nulla.

    I prezzi aumentano e si sentono, per fortuna non uso praticamente mai la macchina e vado al lavoro a piedi, fa bene alla salute e al portafoglio.

    Quel film di Scola è geniale, il personaggio di Fabrizi memorabile, ottimo consiglio che ho subito recepito, i blog sono fantastici perchè ti danno davvero la possibilità di conoscere qualcosa di nuovo, con un po’ di curiosità…

  7. avante ha detto:

    C’è aria di ciascun per sè e crisi per tutti.Certo l’inverno del nostro scontento si sazia con un pò di fumo di Cortina d’Ampezzo, ma io questo voglio vedere per tranquillizzarmi, ho bisogno di vedere il male. A me pare che in tutto questo scontento manchi il lievito, come si fa con l’impoverimento strisciante , gli imbrogli bancari, la disoccupazione a non montare in collera.
    Sì ma una collera diretta a chi? Alla Chiesa con la panzata dell’ici , a tassisti , ai
    farmacisti ai notai o a quali altre botteghe? Con chi bisogna prendersela? Mica
    con i grandi capitalisti americani arabi o asiatici? Rimanendo terra terra e guardando la dinamica dei prezzi sui beni di largo consumo, questi hanno avuto incrementi modesti di contrappasso le pubblic utility hanno fatto avuto aumenti di sei volte rispetto ai beni di largo consumo.Bisognerebbe essere dei veri demolitori e non tecnici protodemocratici per demolire l’area robusta del mercato protetto riportandola dentro un mercato competitivo eppoi continuano a menarmela con gli evasori , quando la spesa pubblica(che non la fanno gli evasori) è aumentata di 25 punti in 25 anni roba da far venire le traveggole ad un equilibrista .Il credito alle piccole imprese è diventato un’ectoplasma e per cercare di voler comprendere l’incomprensibile come mai nessuno ha voluto fare un abbattimento del debito pubblico con il mattone di Stato così da non incidere sulle nostre tasche.Ma non bisogna mai dimenticare al socialismo municipalizzato che negli ultimi tre anni non è riscito a fare 1 euro di utile avendo passività per oltre mezzo miliardo di euro e poi ancora ma ste’ di tasse le vogliamo ridurre o no?
    Ps:Per uno che compra il foglio portato a 1,30 euro già tre anni fa in tempo di vacche mezze magre si può dire che ho smaltito la crisi da un bel po’.

    quandosaròassuntostenografoallacameraticompreròungionaleuncafèunbAAAcioperuginaognmattinasenzadimenticareildetersivoperlalavandaqutidiana 😉

    • sherazade ha detto:

      ecco mentre scrivo unAAA risposta la voce dello speaker del tg3.

      E’ vero grande disonestà generale ma incentrare tutto il danno sugli evasori è fuorviante.
      Il malgoverno e anche la volontà di non combattere l’evasione fiscale con apposite leggi e controlli mirati sarebbe stato determinante.
      Per il resto che dire?? puntare il dito x nascondere la luna porta a niente ma tacere o far passare per ‘normalità’ i danni solo perchè non ti toccano direttamente, credo sarebbe disgustoso oltre che una conclamata aridità.

      sheragraziemoltomavistocheci6servirebbeAAAncheunalavatriceperl’anima

  8. sportelloutenti ha detto:

    Ciao Sherazade hai assolutamente ragione… i nostri politic non hanno assolutamente il polso della realtà e sembrano vivere in un altro mondo. Guarda i tre parlamentari che se ne sono andati in vacanza alle Maldive in un albergo superlusso. Ma che messaggio mandano ai loro elettori se non quello “non votatemi più io non vi rappresento”
    Elisa

    • sherazade ha detto:

      Elisa

      senza fare demagogia ma semplicemente con un po’ di senso del limite e i piedi x terra l’on Casini, l’On Fini e un altro paio di di parlamentari non avrebbero potuto evitare di andare a far Natale alle Maldive manco fossero gli attori di un cine panettone? Che vergogna! Poi son lì a sternazzare perchè gli si vuole togliere qualche privilegiuccio in termini di equità.

      sherabuonannoepoicisaròpurveroche”chilafàl’aspetti”

  9. Rita ha detto:

    “La gazzetta di Mantova” che da diversi anni non è più indipendente ed ora appartiene al gruppo di Repubblica, costa € 1,20 già da parecchi mesi ed un caffè a meno di € 0,90 qui a Mantova non si trova, perciò chissà quali spiacevoli sorprese ci attendono…
    Il governo tecnico ha lo scopo di fare il lavoro sporco che nè il Centro Destra, nè Il Centro Sinistra, nè il Terzo Polo avrebbero mai voluto fare. Qualcosa bisognava fare, ma questa manovra, a mio parere, nei prossimi mesi si rivelerà un colossale errore. Le tasse, sempre più alte, saranno pagate solo dalla gente che già le pagava prima (come la sottoscritta) e chi evadeva, continuerà ad evadere. Tanta pressione sulle persone oneste farà fallire parecchie micro-imprese (come quella della sottoscritta), ma anche molte imprese più grandicelle, che adesso impiegano delle persone che poi resteranno a casa. Tanta pressione fiscale e tanti rincari azzereranno la crescita e senza crescita come si può sperare di superare la crisi? Questa manovra colpisce soprattutto i pensionati, i giovani, le persone più deboli e gli ONESTI. Questa manovra è anche poco democratica, perchè obbliga parecchia gente a farsi un conto in banca anche se non lo vuole e ad usare le carte di credito anche se non le sopporta. E intanto i pagamenti in nero continueranno come prima… Questa manovra protegge i banchieri e le caste e tartassa i comuni cittadini.

    • sherazade ha detto:

      Rita,

      siamo d’accordo su tutto, nel senso che sprimiamo le stesse perplessità.
      Mantova so per certo che è una citta piuttosto cara ma anche tra le più vivibili.
      Il mio parlare di centesimi era un modo x esemplificare il problema. Comprare a 20 centesimi in più La Repubblica e pagarne altrettanti in più per un caffè non significherà molto x le mie tasche. Ma so che ci sono persone che sono sfuggite ai calcoli dei nostri governanti che lesinano il centesimo e solo a scriverlo mi prende rabbia e tristezza.
      Io posso cmq asserire che nonostante io stia “bene” comincio a pormi (in rapporto) il problema a spendere 15/20euro per un libro in più perchè, purtroppo, rientro nella categoria che legge non “più di 3 libri all’anno” ma “più di tre libri al mese”. E poi tutto il corollario di benzina, assicurazione e via dicendo…

      sherasuvviaguardiamoalmeglioepoi”chivivràvivrà”baci

  10. Rear Window ha detto:

    Certo la manovra di Monti è piuttosto deludente, perchè non rispetta certo quel criterio di equità sociale con il cui Professore si era presentato.
    Quanto a “C’eravamo tanto amati” è uno dei capolavori della Commedia all’Italiana. Quando ancora si riusciva a far ridere con coraggio e qualità delle nostre miserie.

  11. azalearossa1958 ha detto:

    Ma sono arrivati anche qui, i tre re?
    E che ti hanno portato?
    Dicci, dicci…. che ti hanno portato?

  12. romanticavany ha detto:

    Non si capisce perché il valore del sacrificio deve essere solo dei più onesti?
    Non si capisce perchè sempre a quelli vengono chiesti i sacrifici,non
    c’è fiducia, cioè le cose non corrispondono più.
    L’onestà e la fiducia dovrebbero essere corrisposti da chi ci rappresenta.
    Speriamo che le cose si mettano bene.
    Buonanotte cara Sherina passerà questo momento.
    1 Bacione ♥ vany

    • sherazade ha detto:

      @ Vany

      infatti come è stato sintetizzato a pagare (chi più chi meno in base alla retribuzione della ‘busta paga’) sono i “soliti noti”.
      Io per mia (s)fortuna con l’aggravante di essere ‘single’ – perchè essere single per il governo è quasi un sinonimo di ricchezza – guadagno benino e in questa tornata sono molto più penalizzata di quanto, conti alla mano, non sia giusto. Mi taccio ma esprimo molte riserve.

      Credo che il ‘blitz di Cortina’ sia stata soltanto una mossa ad effetto perchè cmq non ci vuole altro che la volontà x stanare la gran parte degli evasori x i quali basterebbero i controlli incrociati. Una patrimoniale ‘vera’ abrebbe risolto parecchio.

      sheryinaconabbraccioebacettoallaPiccolina

      @Azaleuccia…
      “re” Magi? ma io sono una democratica e il regno dei cieli credo non sia previsto.
      Tutto bene cmq e la Befanina mi ha portato altri dolcetti (ma quanto sarò buona?)!!

      sheradessosiricominciaseriamente

  13. luigi ha detto:

    il blitz di Cortina ha solo dimostrato una cosa: a parole siamo tutti contro l’evasione fiscale..leggere i commenti dei parlamentari del PDL mi fa capire che alla fine la patrimoniale NON SI FARA’ MAI…MAI…
    e questo governo di professori non si azzarderà mai a toccare la casta dei ricchi…vorrebbe dire darsi la zappa sui piedi da soli..
    infine, la riduzione dello stipendi odei parlamentari dipenderà dal Parlamento: ti lascio immaginare come andrà a finire
    buona domenica

  14. sherazade ha detto:

    Luigi
    sai che politicmente abbiamo idee divergenti ma in questo caso no. Il governo tecnico del Prof Monti per quanto possa avere la’ppoggio del presidente Napolitano deve cmq presentarsi in Parlamento per l’approvazione e dunque ovvio che non è totalmente autonomo e dove lo è la ragione è quella che abbiamo segnalato un po’ tutti qui: porta avanti quel ‘lavoro sporco’ che nessun partito ha osato affrontare per paura di perdere il suo elettorato.
    Gli stipendi che portano a casa lorsignori (ma tutto l’entourage:autisti, commessi, stenografi, funzionari) sono una vergogna rispetto alla indicizzazione di pensioni superiori a 1400 euro LORDI:
    Inoltre credo che senza tante commissioni sarebbe stato abbastanza ZAC definire un taglio a tutte quelli voci che non riguardano il mero stipendio che ammonterebbe di fatto a meno di 5mila euro.
    Ho lavorato per cinque anni al Parlamento Europeo e lì TUTTE le spese dovevano essere specificate e qualora (come è successo per me) vi fosse un residuo di cassa dal budget assegnato, questo è restituito. Nessuno si sogna di gonfiare le spese perchè (sapessi quanto lo rimpiango) è un ‘altro mo(n)do di vivere e di pensare il proprio dovere e la cosa pubblica. Un esempio? vi sono all’interno bar e tavola calda e un lussuosissimo ristorante riservato ai soli parlamentari ed ai suoi ospiti. Il conto non viene rimborsato e “l’addition” (conto) benchè si finisca con dolcetti locali squisiti, è sa-la-tis-si-mo. Raramente vedi i deputati nei pochi alberghi di super lusso e se sì sono italiani.

    Una bella notizia, triste allo stesso tempo, il 24 maggio i ‘nostri’ COLDPLY saranno a Torino. Tutto sold-out 😦

    sherasaròpureterronamailsoledioggiinpadaniavelosognate

  15. banzai43 ha detto:

    Ciao amica mia.
    Non fare la furba. Sei stata vista a Cortina. Hai preso un caffé e non hai chiesto lo scontrino. Vergogna!!!
    Una abbraccio ed una grande carezza sorridente.
    Ad inizio 2012 vietato incazzarsi. Ma da domani SI !!!!!!!!!!!!!!!!

    banzai43

  16. sherazade ha detto:

    Banzai

    come potrei incazzarmi ospitandoti? Difficle avermi vista a Cortina. Non sopporto il freddo e la neve mi piace ammirarla in fotografia. Io ero alle Maldive (o Barbados, sai nn ricordo!) e mi sono sì incazzata perchè l’onorevole Casini aveva la suite più grande e, pare, si mormora, abbia pagato un ‘cip’.

    sherossignurguardantomonsieurlePresidentcosìseriosohosorrisodipiacere

  17. azalearossa1958 ha detto:

    Oh Shery!!!!!!!!!! Ma quanto sei stata veloce…. supersprintshera! 😀

    Brutto cliente la dislessia, anche se, come hai scritto tu, grandi personaggi (sapessi quanti!) sono riusciti ad emergere e a prendersi la loro rivincita. Ma poveri bambini, devono fare fatica doppia, se non di più!!!

    Bacibacibaci♥

  18. avante ha detto:

    Bella la scarpettAAA modello “c’era una volta il futuro” adatta per falsi ricchi e falsi poveri e c’è pure la stoffa per sognare 🙂

    SuraccontacelatuttamaquantotidilapidiAAAscarpette

  19. sherazade ha detto:

    mAAA insomma!
    xfettamente in linea con il tema, lasciandomi dietro una ‘cortina’ fumosa non ammetterò mai il mio budgettino personale devoluto in beni di largo consumo
    e stretta eleganza da ricca o povera in linea con la ‘sobrietà’ e il rigore (della stagione).

    sheryncalodinventivaconquotaparteinsvogliAAA(l)tezza

  20. Marco ha detto:

    buon anno carissima!!!! purtroppo le cose nn vanno bene e anzi non se ne vede bene la soluzione. Prima dei cretini e ora persone almeno serie ma troppo legate ad un concezione “economica” … poco attenta alle reali necessità delle persone.

  21. sherazade ha detto:

    Marco…già

    ma anche loro non indenni da qualche ossicino nell’armadio.
    Credo che il potere sia un po come il re Mida, per lui tutto diventava oro mentre questi nostri governanti di ‘oro’ non ne hanno mai abbastanza.
    Persone con alti incarichi e lauti stipendi ma molto alti che negli anni anche senza ‘arrangiarsi possono accumulare ricchezze per noi inimmaginabili, questi individui si fanno irretire da una vacanza pagata! Davvero nessuna dignità. Il berlusconismo anche di questo ci ha privato: della dignità venduta/comprata con conseguente sfiducia negli organi dello Stato che poi sono singole persone.

    sheramoltiabbraccieinboccallupoxte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...