Paese che vai, Zingarelli che usi


 
Se in questo quasi ventennio ci siamo imbarbariti tanto da accettare (la maggioranza) una classe politica che si esprimeva (fino alla scorsa settimana) ruttando, imprecando, alzando il dito medio; se abbiamo visto  un luogo ‘sacro’ come il Parlamento italiano  invaso da figuranti che mordevano sguaiatamente tocchi di  mortadella, altri che mostravano un cappio; se si dileggiava una deputata con gravi problemi fisici e se, infine (ma l’elenco delle nefandezze sarebbe ancora troppo lungo) abbiamo avuto un tal Berlusconi, presidente del Consiglio, che parlava dell’Italia come di un “paese di merda”…allora per tutte queste ragioni è quasi fisiologico che l’ultima “sciacquetta” di turno assurta al ruolo di fidanzata di calciatore (un ennesimo piccolo ‘dio’ del pallone  importato a fior di euro dall’Argentina) – derubata  nel centro cittadino del suo Rolex ,  ebbene è lecito che la tapina essendo il furto avvenuto a Napoli, sbotti su Twitter nel poco italiano che mastica:

“Napoli è una città di merda!”

Costei,  potenza del dio denaro! nel giro di poche ore si scusa, ritratta “ero in preda all’ira e alla paura”  e Napoli torna ad essere una città meravigliosa anche grazie alla dichiarazione di quello  -come chiamarlo? sprovveduto? zotico?  – del presidente del club napoletano Aurelio De Laurentis che a Studio Sport così commenta l’accaduto:
Napoli non è una città violenta e semmai la capitale del crimine ora è Roma. Certo, in momenti come questi chi gira con auto e orologi di lusso dimostra di non essere diventato abbastanza napoletano”. 
Insomma non se avete capito, è a Roma che si ruba ma a Napoli non bisogna essere tanto sprovveduti o “gonzi” da girare col Rorex. Tutto e il contrario di tutto.

 

 

Annunci

28 thoughts on “Paese che vai, Zingarelli che usi

  1. sherazade ha detto:

    Per chi avesse – davvero – tempo da perdere qui l’articolo

    http://napoli.repubblica.it/cronaca/2011/11/28/news/de_magistris_a_lady_lavezzi_sss-25704737/?ref=HREC1-12

    E per finire suggerirei, mi permetto di suggerire al sindaco di Napoli, di lasciar perdere simili scuse e di occuparsi . apprescindere, di cose serie.

    sheramaxchènonesiste+ilsensodelimetedelproprioruolo?

  2. matemauro ha detto:

    In casi come questo non c’è nulla di meglio della classica espressività napoletana (eduardiana, nello specifico…;-))

  3. sherazade ha detto:

    uff Mauro,

    è sparito il mio commento e mo’…vado e colpisco e torno…

    sheramannaggiammè

  4. crimson74 ha detto:

    Dunque, che una persona straniera ‘espettori’ quella considerazione, si può capire… così come la pronta ritrattazione… certo (e questo non è vero solo per Napoli), ad andare in giro sbandierando il Rolex ci vuole coraggio… Quanto a De Laurentiis, siamo alle ‘guerre tra poveri’… Roma negli ultimi è teatro di ‘guerre tra bande’ e tutto questo con un’amministrazione che vinse le elezioni proprio col tema della sicurezza…

  5. matemauro ha detto:

    Psss… Sheriii… abilita le “faccine” nei commenti, plz… 😉

    Maurocheunafaccinavalpiùdidueparole

  6. avante ha detto:

    Mi pare un pò pesante chamare sciacquetta una persona che ha subito della violenza ,, poi chi sia e sia non ha importanza, mica ci si può mettere a sindacare sempre sullo stile di vita degli altri :L’oltraggio è oltraggio e basta. Se l’istad stilasse una classifica delle città di merda in italia, Napoli sarebbe per la prima volta in vetta in qualcosa, Io in un’altra città di merda ho avuto il piacere di aver avuto puntato una pistola alle spalle, per il piacere di tre ragazzi che dovevano fare una prova coraggio tutta loro ,, un coltello allo stomaco per un orologio e devo dire che sono esperienze che ti gratificano.In quella città di merda, ed era veramente di merda quando arrivò Bianco non ci crederai,per incanto la sera dopo le nove si tornò a mettere il naso fuori.Quindi quoto la signora Lavezzi e il Borghezio del sud lo lascio alle sue tribune coperte.
    signora lavezzi ora i benpensanti italici ti accuseranno di istigazione e induzione al reato altrui.

    bonnebonnebonnenuit; 😉

    • sherazade ha detto:

      Caro Luigi,

      forse non è stato chiaro ‘cosa’ mi ha realmente indispettita.
      Io stessa sono stata molto malamente derubata, in estate, in pieno centro, di una minuscola catenina d’oro di cui avranno regalato 2o euro, e per un mese ho portato il segno di tre unghiate con uscita di sangue sul decoltée: è stato un atto di una violenza inaudita e mi sono presa una grande paura e tuttavia NON ho imprecato CONTRO tutta Roma ma “contro” quel disgraziato:
      E se ti puo’ consolare, ormai, ovunque si puo’ essere soggetti a subire un pestaggio, una violenza carnale, un furto e tutti ma proprio tutti si ribellano acchè il loro paese e i suoi abitanti vengano identificati con quel singolo atto.

      Quanto a prendertela con Monti, suvvia, sei persona troppo intelligente per non esserti reso conto che alla dieta ci ci aveva già costretto da lunga pezza Berlusconi con la connivenza della ‘tua’ lega. Pretendere che le cose cambino per Natale mi pare come credere a Babbo Natale stesso.

      sherabuonasecondapartedigiornatalu’ancheattè

    • sherazade ha detto:

      Avantè

      Mi spiace che ti disturbi il termine ‘sciacquetta’ e spero che il tuo essere disturbato sia pari al mio fastidio di sentire definire da una ‘squinzia’ arricchita va meglio? una città italiana dove vive e fà la bella vita ‘di merda’. Forse che al suo paese, l’Argentina brandire un rolex al polso sarebbe stato più sicuro?
      Ma è facile usare in piccolo il vocabolario che B. ha inculcato negli anni: a un’Italia di merda non possono che corrispondere singole città della stessa pasta.
      Rifiuto di adeguarmi a simili equazioni e valuto (e a volte anche mi permetto di giudicare) i comportamenti delle singole persone.
      Come ho scritto a Luigi so cosa significhi essere derubate ‘de visu’, e non parlo a vanvera.

      Quanto al tuo caso tu stesso dici :” per il piacere di tre ragazzi che dovevano fare
      una prova coraggio tutta loro “ dunque il problema era dei tre ragazzi e NON della città. Certo della sua cattiva o allegra gestione.
      Con il tuo ragionamento tutti gli italiani sono mafiosi, puttanieri o “escort” come quella sparuta maggioranza (sparuta rispetto ai 60.6 milioni di abitanti) che simili nefaste abitudini ha inculcato insieme all’esasperato significato dell’ “avere” (un rolex da esibire…a Napoli 🙂

      sherazadesenzasesenzama

      • avante ha detto:

        Oh..shery..shery..mettiamo da parte i sillogismi che inglobano mafiosi ,puttane e puttanieri altrimenti cominceremo a morderci la coda anche perchè il mio discorso in maniera striminzito lasciava intendere questa deriva.
        Però ..però…però…devo ammettere che mi è sfuggito qualche passaggio: ma non eravamo tutti figli orgogliosi di De Andrè e di Bocca di rosa.Non tifavamo tutti per la simpaticona puttana perseguitata dai benpensanti? Non riprovavamo tutti l’arroganza di chi calpesta il diritto a vivere dove si vuole e come si vuole , se la condotta non configura in reati o attentati alla coesistenza civile? Si può comunque dare sempre un colpo al cerchio e uno alla botte;nè con chi ha l’ardire di rapire nè con ha avuto la sfacciataggine di farsi rapire, nè con le scosciate che vivono in un lusso da far invidia nè con gli incazzati..E poichè in questi giorni si aspira massimamente alla rivoluzione del costume e molti di quelli che erano tristi sono diventati improvvisamente allegri, non vorrei che liberate le cupezze e i complessi di persecuzione il niuovo manifesto prevederebbe alcuni obblighi esistenziali: difenderai casa tua anche s’è indifendibile, non vestirai altre stoffe all’infuori di quelle usate all’olgettina. Se ci offendono ogni tanto per una giusta causa ben venga l’importante è capire il perchè qualcuno ci inveisce contro.

        AAAlzilamanchinonhamaifintodindignarsi 🙂

  7. azalearossa1958 ha detto:

    Ma oggi, coi tempi che corrono, sono episodi che accadono anche nel paesino più piccino della Lomellina!

    Mala tempora currant…! (Avrò scritto giusto? Boh, il mio latino è tanto tanto arrugginiiiiiiito!)

    ps: come si fa ad abilitare le faccine? ^0^

  8. Massenzio ha detto:

    A me, più che la reazione a caldo di una persona vittima di una rapina, preoccupa la frase a freddo di chi spara nel mucchio, come se la diffusione di un evento negativo ne costituisca una attenuante. Il padroncino del napoli ha perso una ennesima occasione per tacere: ma del resto già i suoi film come produttore parlano per lui.

  9. luigi7 ha detto:

    quindi alla fine, la colpa è della ragazza che OSTENTAVA un Rolex…pazzesco!!
    nel paesino della Lomellina non credo proprio che capitino ste cose…e manco nel mio paesino di campagna…poi può caitare una volta l’anno…non 100 volte al giorno…
    io giustifico la rezione della Lavezzi’s girl..anche x’ qualche giorno prima, pure la moglie di Hamsik ha subito un furto…dell’auto, che però chissà come nai, poco dopo è tornata alla proprietaria: in lomellina non capita….
    ma detto ciò, tutti, proprio tutti, reagiremmo cosi, se in un paese estero subissimo lo stesso trattamento..
    quanto a de laurentiis, faccia i suoi cinepanettoni da due soldi, e si stia zitto…
    infine: ancora con berlusconi e la lega???? ma pensa al bocconiamo che tra qualche giorno di aiuterà a dimagrire di brutto, e dovrai pure stare zitta…
    buona giornata

    luigi

  10. sherazade ha detto:

    Crimson

    “coraggio” e, ma forse sono troppo ‘puritana’ aggiungo, “buongusto” sentimento che quando si guadagnano fior di milioni per correre dietro a un pallone si dimentica.
    Si dimentica le sofferenze di una città allo stremo come Napoli e si ostenta un tenore di vita che sarebbe meglio tenere riservato.
    La delinquenza prolifera ovunque, dici bene anche a Roma a dispetto della campagna elettorale di AleMagno condotta – ricordi? – a ridosso di due delitti di stupro. Eppure io da torinese a Roma ci vivo e posso riconoscere (mi si passi il francesismo) la ‘stronzaggine’ di una parte di romani ma MAI direi che Roma è una città di merda perchè il mom stesso che lo devessi pensare mi sentirei insozzata anch’io.

    Se vogliamo mi dispiace per una ragazza derubata del suo orologio ma certamente mando a ‘quel paese’ la lady Lavezzi che si permette di etichettare come ha fatto tuttà una città: la città di Napoli!

    sheratispiacedirmicheorafaialtuorolex ;).

  11. sherazade ha detto:

    Masso

    siamo alle solite il linguaggio e gli atteggiamenti propri di una sottocultura pacchiana che si esprime a gesti, utilizza pochi e coloriti linguaggi. che accomuna tutti verso basso.

    sheramispiacemaiononcisto

  12. sherazade ha detto:

    Azaleuccia

    Luigi dice che in Lomellina ‘ste cose non accadono, non so ditemi voi.
    Posso dire che dove noi abbiamo da 30 anni la casa di campagna verso Todi. Si teneva il cancello chiuso con un semplice catena e lucchetto. e a Todi le porte di casa il giorno restavano aperte.
    Siamo oramai tutti muniti di allarmi collegati al più vicino posto di polizia. Dipende dal rolex della Lavezzi a da Napoli? Non sarà che qualcosa nell’Italia tutta è sfuggita di mano?

    Le “faccine” ‘spe’, anzi Mauro è il mio ‘maestro’ 🙂 consultalo direttamente!

  13. katherine ha detto:

    In effetti, come hai detto tu, non si trattava di Napoli intera ma di quei ladri in particolare, che magari non sono nemmeno napoletani. D’altra parte Napoli non ha effettivamente una gran bella fama e, se fossi stata al posto della signorina avrei tenuto ben nascosto il mio rolex e non l’avrei ostentato, esattamente come non girerei per una qualsiasi viuzza buia di una qualsiasi città, con minigonna e scollatura. E’ pur vero che si dovrebbe vivere in un Paese libero e potersi vestire o agghindare come si vuole, ma ormai non sono più i tempi ( e non solo a Napoli) e bisogna adattarsi. C’è anche da dire che una persona molto arrabbiata o spaventata può dire, sull’onda del momento e dell’emozione, qualsiasi cosa e anche la legge sarebbe comprensiva, visto che non si tratta di premeditazione ma di reazione ad un atto violento. In fondo, a mente più fredda, si è scusata e, come dici tu, con tutti i problemi che abbiamo, non è il caso di fare una faccenda di Stato per un episodio del genere.
    ps. ho anche una copia del blog su blogspot, caso mai sparisse anche iobloggo eheheheheh! http://viracconto1.blogspot.com

  14. azalearossa1958 ha detto:

    Come no?
    Qui “prendono” come altrove, ormai!
    Borse scippate da sotto’lbraccio così come dal cestino della bici e financo in auto quando sei ferma al semaforo. Cellulari e portatili cambiano di mano così rapidamente che neanche te ne accorgi. Appartamenti svuotati nel tempo che impieghi ad acquistare un cartone di latte nel super sotto casa. Non parliamo delle auto.
    Il fatto è che i tempi grami portano gente grama, in cielo in terra e in ogni luogo.
    ‘nottebellasemprechenonentrinoincasa.

  15. 'povna ha detto:

    è tutto molto molto triste e dimostra che la strada è lunga ancora…

  16. sherazade ha detto:

    Vedi Avantè,

    le puttane sono nate con l’uomo, le escort(s) con il consumismo .
    Le escort ‘ la danno’ per un posto al Parlamento o nelle istituzioni o nelle tivvu’ . Le puttane quelle che stanno per strada ‘forse’ anche per ‘mala sorte’. Alcune (o molte, fate voi) la danno per non perdere il lavoro o per averlo fosse anche quello di netturbina. Non mi interessa questo argomento e non è argomento che ho trattato qui.
    Di certo mi piace molto quello che De Andrè ha prodotto. Anche Bocca di rosa che voleva essere una canzone ‘contro’ il perbenismo. Da qui a dire che io accetterei allegramente che il mio compagno andasse a ‘bocca di rosa’ manager di sé stessa, piuttosto che a escort o trans ce ne corre: Anzi farei correre lui di gran carriera.
    Io sono figlia della tolleranza ma in questo caso non della condivisione del pensiero o del letto.

    Mi rpt: La deriva del linguaggio berlusconiano, l’arroganza di chi non porta rispetto per il piatto in cui mangia e ci sputa dentro (es: Lady Lavezzi) NON posso accettarla. Napoli NON è un paese di merda ma una città, come molte in Italia e nel mondo dove nella morsa del bisogno (o dell’accaparramento –di un rolex – ) si fa strada la delinquenza.

    Io personalmente sono molto sempliciotta nelle offese perché quando era piccola io il max era dare del “cretino”. dell’ “imbecille”.
    Ma anche io mi sono ammodernizzata e qualche volta vola anche a me uno ‘stronzo’ ma è ben indirizzato e non generalizzato.

    sheracmqmiparecheAAAdessocomesedicearromacerchirognAAA

  17. sherazade ha detto:

    ‘povna,

    sì, il mio intento era di evidenziare la tristezza ci un linguaggio usato con l’accetta ‘ndo cojo cojo’

    sheragraziedeltuopassaggio:)

  18. sherazade ha detto:

    Azaleuccia

    io ho dovuto mettere (e abito a Roma e non a Napoli) le grate a tutte le finestre ed una bella porticina a triple mandate.

    shrAllegriagentetantoquelchesirubbbbanosiritrovalmercatino

  19. sherazade ha detto:

    katherine

    quello che dici tu è molto vero ed è dibattito continuo sopratutto tra noi donne che ‘rivendichiamo’ il diritto a girare come ci pare mezze nude, o con rolex o con un oggetto o una macchina costosa. Ma la situazione è quella che è e se non vi dispiace io rinuncio (anche per l’età) a qualche centimetro di gonna o di scollatura a vantaggio di una maggiore sicurezza.
    Vorrei ricordarti che se ammettiamo un’azione (anche verbale) violenta come reazione ad qlc di cui siamo stati oggetto, allora possiamo anche allungarci e capire uno stupro, una scarica di botte, un omicicio.
    Se è vero che l’ira prende improvvisa l’educazione ci insegna a dominarci, almeno questo a me è stato insegnato.

    E cmq e finisco se io da prendermela per qlc io me la prendo con il diretto interessato e non faccio di tutta un’erba un fascio, e lo hai detto anche tu.

    sheraprestocaramicapossidentedi+blogghini 🙂

  20. sherazade ha detto:

    Luigi

    forse non mi sono ancora spiegata
    La colpa’ non è OSTENTARE UN ROLEX (sprovvedutella la fanciulla argentina!!! ci giri per Buenos Aires e vediamo) ma definire TUTTA una città di “merda” per l’atto compiuto da un singolo.

    sheraciolu’guardacheèunbruttogiocospararenelmucchio

  21. luigi ha detto:

    guarda che è il presidente del Napoli che ha invitato la fanciulla a vestirsi da pezzente quando va in giro per Napoli, non io….

  22. sherazade ha detto:

    Lu’ ma io non ho fatto nessun riferimento a te. Mi spiace se hai capito così 😦
    Un discorso su maggiore morigerazione era stato fatto con kath …

    sheràlaprochianefois

  23. luigi ha detto:

    ok….:)))

  24. ipitagorici ha detto:

    Sinceramente è una vicenda non simpatica da tutte le angolature : sia per la ragazza che sbotta contro un’intera città (che fra l’altro è proprio la causa della ricchezza del suo fidanzato, altrimenti se lo sognava il rolex), sia la risposta di De Laurentiis che tira in ballo Roma, sia l’affannarsi dei politici ad occuparsi di una questione a mio avviso non meritevole di opinioni da parte di amministratori che avrebbero tutt’altro da fare…

    p.s.= io a Genova, nel profondo Nord, alla sera non porto dietro nemmeno bancomat e carta di credito, uscendo coi soldi “contati” per quello che devo fare…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...