Il silenzio è d’oro

Mi sono sposata civilmente quando mio figlio aveva sei mesi perché, contrariamente al solito, è stato il mio compagno a sentirne la necessità ed insistere nonostante avesse riconosciuto il bambino e vivessimo insieme dalla sua nascita.  A me sarebbe bastato che mio figlio avesse un nucleo famigliare sereno e un padre. Figuriamoci il matrimonio religioso.
Glissando signorilmente sulla separazione a distanza di appena un anno per svariate motivazioni,  le battaglie legali per ottenere il contributo di mantenimento del bambino,  la richiesta di dare continuità e riferimenti ad un rapporto altalenante, e da lì a breve il disinteresse e la totale sparizione, bene, dall'evidenza di questi fatti ho tratto la conclusione che il matrimonio non è un valore aggiunto vincolante nè affettivo nè economico nei confronti dei figli. Salvo eccezioni.

Che ognuno poi nonostante l’evidenza, di fronte a un’improvvisa folgorazione scelga l’altra metà della sua mela e voglia credere che sarà tutto diverso, ebbene questa possibilità non puo’ essere negata.

 

Massimo D’Alema – che dovrebbe cominciare davvero a stare zitto e ciancicarsi sette volte i peli del baffo prima di parlare – D’Alema il pensatore ha esternato il suo leader maximo pensiero (poi subito ri-manipolato, del resto così fan tutti) sul matrimonio gay inaccettabile perchè “…come previsto nella Costituzione è l’unione di persone di sesso diverso finalizzato alla procreazione”.

Clap clap clap.

Ora, che il mondo intero si è (stra)volto cercando, certo con qualche fatica, un equilibrio diverso e più consono ai cambiamenti,  se nel secondo millennio una coppia gay (o lesbica) volesse sposarsi in chiesa con abito bianco e santa messa io timidamente direi che son fatti della Chiesa riconoscere o meno quell’unione.
La religione è un dogma: è così e basta.
Ma se nell’Italia repubblicana e laica, al funzionario del comune una qualsiasi coppia gay, bianca, gialla o nera, giovane o ottuagenaria,  chiedesse di essere sposata (intendendo per matrimonio quell’insieme di doveri e diritti reciproci) a che titolo il  funzionario del comune dovrebbe rifiutarsi? Perchè non procreano?
E' necessario modificare la Costituzione? 
Mai come in questo momento plaudo a Nanni Moretti e alla sua esortazione.
 
D’Alema, dì qualcosa di sinistra!”
 Dico io ma… i Dico?

 

Ps. L'Italia è un paese di santi e navigatori, sopratutto di turisti ad hoc su vasta scala, dalle cliniche spagnole per la fecondazione assistita,  tutta Europa per il fine vita, per il matrimonio gay, senza escludere i viaggi della speranza per cure mediche che qui costerebbero l'inverosimile.
Noi siamo in Europa solo quando fa comodo all'establishment e per il resto
si salvi chi puà?

 

15 thoughts on “Il silenzio è d’oro

  1. Simonedejenet ha detto:

    è il cagnolino di silvio. senza offesa ai cagnolini. Comunque, è questo che meritiamo, visto che votiamo divorziati difensori della famiglia, tenutarie di bordelli dove accadono le cose più incredibili, mentre difendono eterodossie che non esistono, in natura; cocainomani proibizionisti …

  2. stefanover ha detto:

    D'alema non merita la mia attenzione.
    Il matrimonio invece (qui in Italia) ha un suo perchè… dato che i non sposati non hanno accesso ai dati personali dell'eventuale convivente, non solo… non possono ottenere la reversibilità della pensione… ed altre graziose "featuring", riservate ai cogniugati.

    Fra parentesi in questo fantastico paese, si condannano i gay adducendo una loro malattia, e si danno i domiciliari a chi ammazza eseguendo pratiche sado-maso, che più malati ignoranti e infami di così non saprei !

    perchè l'aberrazione è più accettata dell'amore !

  3. crimson74 ha detto:

    Non parliamo poi di quei matrimoni che, andando male, vengono sentiti comunque come 'vincoli' da rispettare, si pensa che 'rinunciare' sarebbe un 'fallimento' e allora si resta insieme per forza…

  4. Lindadicielo ha detto:

    Certo che l'on. D'Alema ha perso una bella occasione per starsi zitto…

  5. strangetheblog ha detto:

    Porca paletta !! Ma almeno si sarà reso conto che ha parlato come un bigotto dell' 800 ?? E questo è stato un Compagno Comunista ??Ma 
    che schifo !!!

  6. Kaliparthena ha detto:

    Anch'io credo che il matrimonio dei genitori non sia un valore aggiunto per la prole, soprattutto adesso (finalmente i figli nati al di fuori del matrimonio hanno gli stessi diritti di quelli nati da due persone sposate).

    Una delle coppie sposate più felici e longeve che conosco è formata da due uomini (un mio amico ed il suo compagno, che, vivendo a Berlino, hanno potuto ufficializzare in municipio la loro unione). Credo che prima o poi l'Europa dovrà essere unita, non solo dalla moneta, ma anche da leggi fondamentali che regolano il vivere civile. Altrimenti non avrà futuro. 

    Personalmente sono allergica al matrimonio, ma, chiunque desideri convolare a nozze civili, dovrebbe poterlo fare.

    Un esempio di italica vergogna: un convivente non può assistere la persona che ama in ospedale, nè ricevere informazioni sul suo stato di salute.

    D'Alema? Non mi è mai piaciuto. E' un personaggio politico ambiguo. Comunque i bacchettoni ed i moralisti non hanno bandiera: ce ne sono tantissimi a destra, ma sono ben rappresentati anche a sinistra.

  7. sherazade2005 ha detto:

    A tutti e tutte le mie e i miei cari AAAmici chiedo venia ma
    sono terribilmente occupata con l'ultimo sole della stagione

    sheragranitapertuttidavantialtramontochesale?

  8. luigi7 ha detto:

    erdonandoti per l'ultimo sole di stagione, mentre qui in Pdania piove…ti dico che some sempre, in questa repubblica delle banane, si enfatizza troppo..d'accordo, l'uscita non è stata delle migliori,ma crocifiggerlo per questo…da noi si vive di gossip e di scandaletti, mai che si pensasse al bene del paese, mai…ma tant'è..
    sul matrimonio, che ti devo dire? un cattolico cristiano sa che se si sposa in Chiesa, firma un vincolo…se non è sicuro, si sposi in comune, e per i figli va bene lo stesso…quanto alle coppie gay, mah…libertà per tutti, ma in chiesa no dai…

  9. sherazade2005 ha detto:

    Luigi,

    tu sei troppo attento alle parole e dunque avresti dovuto notare che io NON parlo di matrimonio in chiesa e che D'Alema si riferisce al matrimonio tra gay che la Costituzione, NON la chiesa la Costituzione nn prevede.

    Mi cito e ti omaggio da una capitale piovosa e grandinosa con sole

    " se … una coppia gay (o lesbica) volesse sposarsi in chiesa …direi che son fatti della Chiesa riconoscere o meno quell’unione.
    La religione è un dogma: è così e basta.

  10. sherazade2005 ha detto:

    Stefano,

    i 'conviventi' dici? ti rispondo con una provocazione: "non si puo' avere la botte piena e la moglie ubbrica" per dire che dal punto di vista ci-vi-le le coppie 'di fatto' eterosessuali che desiderano essere tutulate, chiesa o non chiesa, lo sono sposandosi civilmente in comune. Se ci si vuole ritenere liberi ad oltranza in modo anarchico credo sia una contraddizione in termini chiedere poi di avere accesso a (alcuni sì altri no) diritti/doveri.

    E' vero sono drastica ma in linea di principio in una democrazia ci sono regole sancite da condividere e rispettare e quando non vi fosse accordo il referendum è il mezzo per modificarle (divorzio, aborto, prossimamente il fine vita ed ora quello sul 'porcellum').

    sheraquestoilmiopensiero

    Kalip-ina

    ricordo che la prima volta che sentii parlare di 'coppia' omosessuale avrò avuto dieci anni (tanto tempo fà!) e ce la descrisse mia nonna che era stata a New York a trovare sua figlia, mia zia.  E nel parlarne non descrisse questa unione come un'anomalia ma anzi rafforzo' il seso di serenità ed equilibrio che aveva percepito ospite a cena a casa loro.

    Questo per dire che gli orientamenti sessuali non hanno niente a che vedere con la'more ma piuttosdto con le convenzioni e, malauguratamente, con la religione.

    Sulla sortita di Massimo D'Alema, inopportuna più che mai in questo mom di grande allarme economico e mo-ra-le…glisso perchè sarei molto ma molto cattiva.

    Linda cara e StrangeblogLiù

    penso di avere 'evaso' anche la vostra sottolineatura 

    sheranelventoenellagrandinemachièchebussa?sonoituuuoni

     

  11. sherazade2005 ha detto:

    Ps. per Stefano

    il caso sado-maso che citi, lo 'shibari'  beh per quanto possa essere aberrante fa parte di giochi erotici  tra consenzienti e la magistratura ha appurato che i tre, tutti ampiamenti maggiorenn, i fossero consenzienti e soprattutto le ragazze non fossero alle prime armi. Stefano Rodotà ne ha scritto con grande abilità ponendo molte accezioni al termine 'consenziente' come esserlo per compiacere qualcuno, per andare contro corrente ecc..ma sempre ai fini legali consenziente.

    Quello che invece mi indigna è sentire di tanti 'pirati' della strada che in preda a effetto di droge o alcool falciano vite di persone che certo il loro consenso non l'avevano dato e dopo pochi mesi sono rimessi in libertà.Questo davvero è vergognoso e mi fà indignare.

    sheral'Amoreèaltracosa

    Libro che vi  consiglio  vivamente (pauroso ma anche molto introspettivo) è "Il gioco di Gerald" di Stephen King

    http://it.wikipedia.org/wiki/Il_gioco_di_Gerald

  12. Kaliparthena ha detto:

    Che nonna moderna avevi! Molto più avanti del Sig. D'Alema…
    Alcune chiese protestanti sposano persone dello stesso sesso, ma ogni religione ha le proprie regole. Il Vaticano rappresenta i cattolici, mentre lo stato dovrebbe rappresentare tutti gli italiani. Dovrebbe… 
    Sono d'accordo con  te anche riguardo alla tragedia sado-maso. E' un mondo che non conosco, di cui non sapevo quasi nulla (per i miei gusti e la mia personalità è inconcepibile) E ho appreso ora (con stupore) che esistono scuole di sesso estremo. Scuole legali. Perciò, se è legale tenere corsi in cui si insegnano pratiche erotiche pericolose, perchè in caso di disgrazia i sopravvissuti devono essere arrestati? Erano 3 persone consenzienti, adulte ed anche avvezze a pratiche di questo tipo. Non vedo il reato…

  13. sherazade2005 ha detto:

    Kalip-pina

    ciao cara.
    Rientro rabbrividendo a causa di un vento gelido che si è alzato.
    Mia nonna era una donna nn troppo moderna:  registrava una situazione per i tempi ancora borderline  ma da donna intelligente e sensibile l'accettava.

    Di molti 'gusti' sessuali non proprio morbidi e delicati, de Sade e la sua Justine  http://www.lafrusta.net/rec_sade_justine.html mi hanno resa edotta  ma non sedotta. Stefano Rodotà da ricamatore qual'è ha fatto una bella analisi sulla misura in cui si puo' essere davvero 'consenzienti' ma a me non sembrava il caso delle due ragazze artefici (non coinvolte) nel gioco mortale.

    sheratantiabbracciperscaldarsiunpo(cominciailamentoinversobrrr

  14. anonimo ha detto:

    secondo me le aberrazioni sessuali sono sintomo di un disagio psichico, fisico, mentale… pertanto vanno isolati e curati anche se maggiorenni consenzienti (ubriachi, drogati…  cervellomutandosi…)
    Franco

  15. sherazade2005 ha detto:

    Franco 

    in linea di principio sono d'accordo con te però starei attenta avendo molti dubbi sul 'chi controlla il controllore?' 
    Resta il fatto che corri in sanzioni pesanti se non metti il casco in moto, la cintura in auto, o il bimbo nell'apposito seggiolino,  ma nulla è previsto – appunto – per le molte pratiche, come vogliamo chiamarle? . contronatura? Ma ti chiedo:  i  SEX TOYS lo sono? Un feticista (Tomas Mann si dice lo fosse) dei tacchi a spillo? 

    sheramoltidubbialcunecertezzemadicarattereticomorale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...