Priorità

 
 

“L’accessorio necessario”

 
Così viene presentato da una nota rivista uno dei pezzi cult della prox stagione invernale (ormai iniziata ma io dal parrucchiere l’ho letta in  ritardo, infatti la notizia è del settembre scorso)   la micro tracolla di pelle o alligatore con dettagli dorati di Ralph Lauren disponibile anche nel negozio milanese di via Montenapoleone: 400 (quattrocento) metri quadri appena (anche qui vale il ritardo della rivista)  rinnovati dove, oltre all’abbigliamento  “tra pareti di mogano e intonaci veneziani, gli accessori sono i nuovi protagonisti”  a cifre accessibilissime (si sa Montenapoleone non è viale Jonio,) che si aggirano, restando alla borsettina “accessorio necessario”  intorno ai 17mila dollari, monetina più,  monetina meno.
Non sottovalutiamo che con il cambio in euro noi risparmiamo un tantinin …circa?
Oh! fate voi perché io in matematica sono  sempre stata un po’ somara.
 
Siccome il Santo Natale si avvicina e il Babbo Natale comincia a annotare i suoi impegni,  se qualcuno volesse anticiparsi nel regalarmela, in alligatore, of corse,  credo che dovrei essere chiara fino in fondo e ammettere prosaicamente che al posto della preziosa tracollina, io sto vagheggiando un carrellino per la spesa, piccolo e pieghevole,  che ho visto nel nuovo negozio di cinesi, giusto dietro casa mia,  il costo ammonta  già direttamente in euro a 18, ovviamente se volete risparmiare un poco forse la si potrebbe acquistare via internet in dollari a circa…mmm …sempre somara in matematica  resto.
 

 
 

 Alligator Cartridge Bag – $ 17.995.00

 

Annunci

23 thoughts on “Priorità

  1. eretico2004 ha detto:

    questo non sarebbe meglio?

  2. timeline ha detto:

    Ecco sì…un mega carrello è un regalo prezioso…io l'ho avuto in dono quest'estate e trovo sia stato un gesto d'affetto vista la fatica mia nel provvedere alla spesa in modo canonico 🙂

    Sull'alligatore sorvolo…meglio mi taccia.

    ciao Sherazade…un abbraccio caldo in questa pioggia fredda che non vuole saper di smettere…

    Blue

  3. sherazade2005 ha detto:

    un po' pesantuccia err ?

    sheramaipiaciutelebattute…

  4. sherazade2005 ha detto:

    Blue

    sai perchè ci sto pensando al mio 'micro' carrellino?
    perchè ho timore che pur di riempirlo comprerei anche il superfluo.
    Invece con le buste quando le senti pesare (basta solo 1 kg di frutta)
    cominci a pensarci.

    Eccolo!

    anche qui il diluvio e una luce triste e opaca.

    sherasenzavogliesvogliata

  5. anonimo ha detto:

    Il carrellino…  si per non appesantire la schiena…. 😀

    Ciao|

    MarcoNe

  6. Kaliparthena ha detto:

    Un accessorio necessario è una contraddizione in termini, ma probabilmente i giornalisti della patinata rivista non conoscono bene la lingua italiana.

    Sicuramente, se ti rechi a far spese a piedi, un carrellino è molto più utile d'una tracolla. Ma sei sicura di voler domandare a Babbo Natale un umile carrellino dei cinesi, invece che un trendy-fashion-shopping-car in pelle di tigre di Sumatra, con ruote in oro zecchino e tutto tempestato di smeraldi? Pensaci bene, perchè sarebbe un'occasione da prendere al volo: un milione di dollari USA (solo 730.600 Euro, con il cambio odierno) . Carpe diem…

  7. sherazade2005 ha detto:

    Kalip sei una serpe, un coccodrillo in seno anzi senone!

    In primis: in una vita che è tutta 'frivolezze' (per usare un eufemismo) è la borsa (e non la vita) a fare la differenza e dunque ecco là che diventa in-di-spen-sa-bi-le l'inutile o meglio il superfluo. 
    Sai quante donne se la comprerebbero a rate?

    Secondino: nooooooooooooooooooooo! non puoi mettermi una tale angoscia!
    Dovrei forse fare scegliere (te inclusa) tra due regali niente male?
    A me sembrava già di essermi allargata un po' troppo  e di avere recuperato con la battuta sul carrellino!

    sherasususu'chestaserasimangiaravioloni

  8. sherazade2005 ha detto:

    marcoNe

    m.me kaliparthena mi ha fatto venire l'acquolina in bocca…
    Ho visto un sito niente male x la tua truppa: 

    http://www.homeExchange.com oppure in italia http://www.scambiocasa.com.
    mia mamma antetisiana e fautrice delloscambio casa ando in danimarca, inghilterra e spagna. Certo Roma è Roma 

    sherascambiagiardino80mqxvillAntiguaperiosoestivosoloPresidenti

  9. KatherineM ha detto:

    ahahahaah! Forte il carrellino in pelle di tigre di Sumatra…quando avrai comprato il carrellino avrai anche esaurito il conto in banca, ergo, non potrai più comprare nulla da metterci dentro! Ma un carrellino del genere fa sempre la sua figura, anche se vuoto eheheheeh!

  10. eretico2004 ha detto:

    a me nun me so mai piaciute le borse…:-PP

  11. luigi7 ha detto:

    ma 18 euro un carrellino della spesa cinese mi sembra una ladrata!!…la borsa in coccodrillo invece mi pare in linea col mercato..quindi i ladri sono i cinesi…io ho notato che si sono fatti più furbi, i cinesi, e hanno alzato di parecchio i prezzi…il gap con la borsa di Lauren si ridurrà anno per anno..e verrà il giorno in cui costerà piu un carrellino cinese che una borsa di coccodrillo…sto sognando vero???
    buona domenica….

  12. sherazade2005 ha detto:

    Luigi,

    sarebbe un bel sogno….il berlusconismo è una malattia con una lunga, lunghissima degenza.
    Hai ragione, andro' dai 'miei' cinesi e contratterò duramente sul prezzo minacciandoli di non comperare più da loro i sacchetti per le "pupù" della Sally-ina che mangiando bene….produce ogni volta che esce .

    sherabuonissimadomenicaconunventoamillequasidafinedelmondo

  13. ranafatata ha detto:

    Pensavo che il prezzo che citavi all'inizio fosse un'iperbole… che ingenua! 🙂

  14. Kaliparthena ha detto:

    La Sig.ra Beckham, Madonna e Lady Gaga fanno bene a comprarsi borsette da 18 mila dollari, perchè chi guadagna cifre iperboliche è giusto che spenda anche cifre iperboliche, facendo così del bene all'economia, e favorendo l'industria del lusso, che dà lavoro a molti operai.
    Tutte quelle donne, invece, che si comprano un costoso accessorio a rate, o mandano in rosso il conto corrente, farebbero bene a riflettere un attimo. Con quella cifra, si può acquistare un'automobile nuova…

    RitaChePossiedeSoloBorsetteInTessuto

  15. sherazade2005 ha detto:

    ranuccia .

    kaliparthena
    donniciuole che dovrebbero ricordarsi da dove provengono.
    Non sono d'accordo con te, in questo sono un po'  drastica o solo una sognatrice. Ci sono molti modi per far girare il mercato e più solidali.
    Pero' ti posso assicurare che il mio ultimo acquisto, amore a prima vista, è una bella tracolla in tessuto scozzese.
    Credo che per noi donne, soprattutto se lavoriamo la borsa non sia un accessorio ma una necessità, carina, possibilmente in sintonia con gli altri colori ma soprattutto comoda per farci entrare come dice Linda, proprio tutto.

    sherasantinumiquicontinuapioveredibruttoooooo

  16. sherazade2005 ha detto:

    kathy

    mi ci vedo proprio al mercato con il carrellino provvisto di rotelle d'oro a contrattare su un chilo di mandarini.

    SherAlchyxte

    err

    mica devono piacere a te le borsettine. TU pensa al 'mio' regalo.

    shershery

  17. luigi7 ha detto:

    ognuno si deve accontentare di ciò che può realizzare..in fondo, la felicità non sarà mica una borsetta di coccodrillo no? ci sono valori molto più importante, e poi, secondo me, sono le piccole cose che ci fanno felici…(certo che io un Ferrarino se potessi…)
    buon inizio settimana..

  18. eretico2004 ha detto:

    ah ecco il regalo..

    che preferisci? , gioielli o quadri, zaffiri o libri antichissimi, ritrovati ultimi della tecnica, o dischi antichi da collezione quali 78 giri introvabili, o antiche mappe del tesoro in bottiglie abbandonate sulla spiaggia..
    un carion o un portagioielli..una clessidra 

    oppure  un viaggio, o una giornata organizzata, che ne so una cena con intere sale di ristoranti o alberghi prenotate con tanto di orchestrina che poi finoscono con un tango vestitit eleganti. o una sauna insieme,.una crociera , magari sul mio panfilo personale , o che ne so una spoecie di festa con spogliarellisti ? O preferisci un focolare acceso, in un castello inglese disabitato e misterioso? Un ballo in maschera? Se poi vuoi possiamo prendere il mio jet privato e arrivare dove vuoi?

    Io se potessi ti regalerei la possibilità di rivedere la tua tenera e cara mamma per farti passare una splendida gioranta con lei..io potrei fare il cameriere per l'occasione e magari mettere su un disco sul grammofono mentre servo spumante e stuzzichini
    sperando che la piccola Sully però no mi morda la mano 🙂

    ciao

  19. sherazade2005 ha detto:

    Luigi,

    credo che in alcune cose, in alcuni nostri desideri, come quello di essere felice (un parolone!) o rendere felici NON bisogni mai accontentarsi.
    Molte persone sono tristi (o inaridite) non per la borsetta (o la ferrari) che non hanno ma perchè manca qualcosa per cui avrebbero potuto lottare.

    sherancorapiovemannaggialipescetti

  20. sherazade2005 ha detto:

    err

    la seconda parte del tuo regalo mi ha riportato a un giovanissimo (elegantemente bello) Richard Gere in Pretty woman quando con il suo jet personale la porta, mi sembra, a cena a Parigi.
    Sì, sarebbe un bel regalo e lo preferisco alla borsettina e al carrellini in tigre di Sumatra.

    Ma poi hai toccato le corde del mio cuore e sai che nulla ha valore quanto la presenza di mia mamma.
    Le "Feste" si avvicinano ed io sono già terrorizzata perchè non ci sarà e il suo vuoto non potrà essere colmato da ben 4 bambini nuovi che sono arrivati nella nostra famiglia.

    sheraungraziesilenziosodalcuorelassaperdePierinochetuseimejio

  21. Kaliparthena ha detto:

    Sono donnette, ma sono riuscite sgomitando a farsi strada e, proprio perchè non sono di nobili natali, ciò che hanno se lo sono conquistate ed ora si circondano d'oggetti lussuosi.
    E' vero, ci sono molti modi di far girare il mercato. L'industria del lusso è solo uno dei tanti settori che i super-ricchi possono agevolare. Ma spesso queste donnette, oltre a dar lavoro agli operai che producono borsette da 18.000 dollari, fanno anche tanta beneficienza e, dal momento che fa anche tendenza, acquistano pure prodotti del commercio solidale. Non credo che si debba demonizzare le star della musica e del cinema. Sono frivole, ma fanno anche cose buone.

  22. sherazade2005 ha detto:

    kali

    sgomitare? bene delle persone cui tu fai riferimento leggo le 'gesta' sui rotocalchi dal parrucchiere.
    Se vogliamo dire 'sgomitare' cavoletti! anche la Ruby tunisina in fondo che stà facendo? Sgomita e forse se lo farà con la derminazione propria di chi non è nato 'bene' meritevolmente  riuscirà a  far girare il mercato del lusso.

    A mio figlio (maschio) non ho insegnato a sgomitare, scusami, lo preferisco senza ferrarino.

    Fermo restando che molti donne e uomini dello star system si dedicano in associazioni benefiche. Alessandro Bergonzoni con una sua onlus per i bambini africani, per esempio. Il grande direttore d'orchestra Zubin Mehta che si dedica a un'orchestra di ragazzi palestinesi e israeliani a dispetto della guerra. Nelle donne Angelina Joli viene spesso fotografata in paese del terzo mondo, ambasciatrice Unicef ha anche adottato dei bambini. E allora anche se poi vestono capi lussuosi,  che sono anche una conseguenza dell'ambiente in cui vivono, pazienza, anzi meglio.
    Insomma il lusso sfrenato tout-court quasi impudico, non è nelle mie corde.
    Per carità c'è posto per tutti…i gusti.

    sheraunabbracciodiscordante

  23. Kaliparthena ha detto:

    Non credo sia giusto paragonare Madonna o Lady Gaga o Julia Roberts a Ruby. Non vado dal parrucchiere e l'unica rivista che acquisto è Newton, perciò non conosco i pettegolezzi sul conto delle dive; ma so cosa fanno ufficialmente: sono pop star ed attrici. Lavorano moltissimo, fanno film, concerti massacranti… cosa possono avere in comune con una prostituta?
    Personalmente ammiro gli/le scienziati/e, personalmente nutro più stima e considerazione per un'infermiera che per un'attrice, personalmente amo la sobrietà e trovo volgare l'ostentazione del lusso; ma non credo sia giusto denigrare le persone che lavorano per il mondo dello spettacolo. E' il sistema che prevede compensi stratosferici per le star e stipendi miseri per le infermiere. E' il sistema che è sbagliato. Le dive guadagnano molto e possono decidere come spendere i loro compensi. Mi scandalizzerebbero di più, qualora emulassero Paperon de Paperoni, tenendo fermi enormi capitali…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...