Strange fruits vs Immagine

 

 

(repetita iuvant, settembre 2007)

 

 

1939. Abel Meeropol  scrisse con Billie Holyday  "Strange Fruit" seduti al  tavolino di un bar  “con ancora negli occhi la fotografia del linciaggio di due neri delle piantagioni del Sud’.

Una sera, il  giornalista Harry Levin  ascoltando  Billie Holyday cantarla, si senti improvvisamente accomunato a un generale, forte e nello stesso tempo confuso,  sentimento di impotenza dolorosa che aleggiava nella sala  e addebitò questo stato d’animo al momento storico che l’America stava vivendo: "Noi eravamo li, storditi ed incapaci di muoverci. Lei ci mise in contatto fisico con quella canzone. Nel mezzo della Seconda Guerra Mondiale, mentre stavamo combattendo per riportare la libertà (e la ‘democrazia’ aggiungeremmo oggi),  Billie ci stava dicendo che c'erano alcune cose incompiute con le quali l'America doveva confrontarsi."

 

Nell’euforia dei primi mesi del nuovo millennio,  stilando una  graduatoria sulla più bella e significativa canzone del novecento,  il Time identificava in  Strange fruit di Billie Holiday  il “monumento musicale”  del secolo discostandosi nettamente  da un sondaggio a tappeto che aveva, invece, optato per Imagine di John  Lennon.

Io sono per “Strage fruit” e con il Time  attonita per il feroce parallelo con l'attualità (che simbolicamente mi riporta a Rosarno alla raccolta delle suoi rossi frutti, per molti unico cibo per giorni e giorni di guerriglia sanguinaria) di quelle strofe: Gli alberi del Sud danno uno strano frutto, /Sangue sulle foglie e sangue alle radici, /Neri corpi impiccati oscillano alla brezza del Sud, /Uno strano frutto pende dai pioppi/…..Profumo di magnolie, dolce e fresco, /Poi improvviso l’odore di carne bruciata…”

 

E guerra sia!  Ogni giorno la scatola dei sogni fittizzi, si lascia sfuggire notizie di soldati dilaniati (i nostri eroi)  di 'civili', numeri grigi non meglio quantificati che fuggono o guardano muti al di là del filo di ferro che – ci vuole coraggio, – si chiama 'campo profughi'.

Terre, città rase al suolo, nessun deodorante al profumo di magnolia a coprire il lezzo di sempre nuovi  corpi martoriati, anime senza speranza, per buona pace delle ricche democrazie e dei  (pre)potenti della terra.

 

 

 

(La versione della canzone che vi propongo è di Nina Simone, una grande artista che l’ha cantata con altrettanta passione).

Annunci

17 thoughts on “Strange fruits vs Immagine

  1. Kaliparthena ha detto:

    Non amo le classifiche, perchè non credo abbiano molto senso. Secondo me, non si può stabilire in assoluto ed oggettivamente quale sia la miglior canzone del secolo, così come il miglior libro o il miglior film. Esistono tanti capolavori e le preferenze possono solo essere soggettive. Inoltre, talvolta è impossibile scegliere tra più cose che ti piacciono in maniera uguale-
    Dovendo scegliere tra  "Strange fruit" ed "Imagine", anch'io opto per "Strange Fruit". Personalmente la preferisco. E questa versione cantata da Nina Simone è davvero splendida.

  2. Lindadicielo ha detto:

    E' un bellissimo posta, Shera, molto intenso e partecipato. Non conoscevo la canzone e sono felice che tu l'abbia spiegata così bene…è così struggente, se se ne conosce anche il significato.
    Imagine è la mia canzone, ma solo per percorso storico e per generazione, e io la amo non perché sia la più bella del mondo ma perché significa qualcosa per me e per le generazioni a me vicine. E poi è di John, e questo significa molto.
    Un abbraccio, cara.

  3. Lindadicielo ha detto:

    …post, scusami 😉

  4. sherazade2005 ha detto:

    ti lascio una delle mie canzoni preferite, come dici tu, per percorso storico.
    I quens e Freddy Mercury..e non aggiungo altro.

    sheraunforteabbracciomalinconicopensandoal(brutto)mondochecisiamo'creati'

  5. sherazade2005 ha detto:

    Kalip-ina

    ho da sempre condiviso con mia madre le canzoni di Billie Holiday e tutta la discografia francese  che in Italia veniva guardata con occhio sospettoso: les 'caves', i girocolli neri di Juliette Greco, le prime canzoni della mala di Edith Piaff, Jacques Brell che tanto ha in comune con le liriche di De Andre.

    sheràbientot

  6. sherazade2005 ha detto:

    Kali,

    dimenticavo Brel con una elle sola e una sua canzone cantata da Nina Simone che fà venire la 'pelle d'oca'.
    Le parole sono struggenti e la melodia non  è inferiore

    (Non mi lasciare, bisogna dimenticare, si può dimenticare ogni cosa che già fugge via, dimenticare il tempo dei malintesi e il tempo perso a chiedersi come, dimenticare queste ore che uccidevano a volte a colpi di perchè il cuore della felicità, non mi lasciare, non mi lasciare….
    io ti offrirò perle di pioggia venute da quei paesi in cui non piove, scaverei la terra fino alla mia morte per ricoprire il tuo corpo d'oro e di luce, creerò un regno, dove l'amore sarà re, dove l'amore sarà legge, dove tu sarai regina, non mi lasciare non mi lasciare….

    inventerò per te delle parole senza senso che tu capirai, ti parlerò di quegli amanti che hanno visto due volte i loro cuori prendere fuoco, ti racconterò la storia di quel re morto per non averti potuto incontrare, non mi lasciare, non mi lasciare…
    si è visto spesso riaccendersi il fuoco del vulcano antico che si credeva troppo vecchio, si sono viste terre bruciate dare molto più grano del migliore aprile, e quando viene sera, perchè un cielo prenda fuoco il rosso e il nero non si sposano mai, non mi lasciare, non mi lasciare…

    non mi lasciare, non piangerò più, non parlerò più, mi nasconderò lì a guardarti danzare e sorridere e ad ascoltarti cantare e poi ridere, lasciami diventare l'ombra della tua ombra, l'ombra della tua mano, l'ombra del tuo cane, non mi lasciare, non mi lasciare…)

    sheraciaooooooooooooooo

  7. acquacotta ha detto:

    come dice il commento #1, non facciamo classifiche, ma queste sono interpretazioni intense e struggenti di testi che ti ringrazio per aver posto all'attenzione..

  8. sherazade2005 ha detto:

    acquacotta

    anche io non amo e soprattutto non seguo le classifiche e tuttavia visto che altri hanno posto queste due canzoni in competizione, ho detto la mia.

    sheragraziediesserepassatatrovarci

  9. avante ha detto:

       Gli americani  sul transeunto sono dei geni  della serie non so cosa scrivere  ma scrivo lo stesso(  vedi Time), cmq per il dibattito sul tema  bisognerebbe capire   dove  finisce l'impegno e comincia la musicalità, (ovviamente possono essere conciliabili entrambi).
     Anche se vado  fuori tema(e mi limito a  leggerlo  il post) tranne imagine  ascoltarle   queste canzoni sono sempre meglio di un lieto fine.

    ascoltarefasemprebenealcoreallaaanima

  10. sherazade2005 ha detto:

    AAAVANTè

    Non posso che ripetermi e confessare che in linea con il Time non avevo di meglio da dire e che cmq quando musicalità e 'impegno' vanno a braccetto —
    ascoltarefasemprebenealcoreallaaanima

    sheradaunagiornataromanadifreddoluminososoleventoso

  11. sherazade ha detto:

    L’ha ribloggato su sherazade2011e ha commentato:

    Non soffro di disturbo bipolare per cui sono allegra e prostrata allo stesso tempo. E’ che nulla intorno a me mi dice che ci sia stata una soluzione possibile per i morti ammazzati, per i disperati, per chi insegue un sogno che disegna ‘solo’ la libertà dalla paura.
    Sherazadeconabbracciocircolare

  12. Rebecca Antolini ha detto:

    Antonio Gramsci disse una volta “L’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva; la storia insegna, ma non ha scolari”
    io mi domando quando l’uomo impara dal sbaglio dal passato e inizia a prendersi la responsabilità delle sue azioni..

    😦

  13. rosarioboc (Sarino) ha detto:

    senza parole Shera, parole che graffiano e la voce di Nina le imprime a fuoco!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...