Il corpo violato

 

 

L'altro giorno leggiucchiavo una delle mille ricerche raffazzonate. Questa volta si parlava di bambine e di come la pubertà dai 12 anni fosse passata agli 11 se non ai dieci. Molto dipende dall'alimentazione ma si mettevano in campo anche fattori, come dire?, di assimilazione al modello femminile proposto dai mass media.

Sempre recentemente ho letto di una diatriba tra 'opinionisti' (come si diventa opinionisti mi piacerebbe saperlo per poterne valutare l' autorevolezza ben oltre i miei pregiudizi di frante ad una Lory Del Santo piuttosto che un…come si chiama un tal ragazzotto uscito da uno dei tanti reality e che ha trovato la sua massima collocazione in televisione dove sputa sentenze spacciate per 'verbo'.?) insomma si dibatteva sui bambini di una gara canora che si esibivano (scimmiottavano) cantando canzoni dal contenuto adulto e se non fosse, invece, molto più adatto alla loro età Cino Tortorella con il suo Zecchino d'oro e i Quarantaquattro gatti in fila per tre con resto di due.

Pare di no ed allora l'asticella del confine tra i luoghi del bambino e quelli dell'adulto si sposa sempre in avanti.

Una ragazzina di 15 anni che si apre vari profili su FB con la scusa assai improbabile di avere perso le password, che chatta con ragazzi molto più grandi di lei, che desidera scappare dalla cerchia ristretta di un piccolo paese, e alla quale la madre permette di andare in giro fino all'alba, certo con la cugina ventenne, ma anche con ragazzi di quasi trent'anni. Che madre è mai quella che non solo non vieta alla figlia minorenne di uscire la sera ma, se anche fosse, non le pone un limite e non l'aspetta sveglia? Non la guarda dritta negli occhi, non la "fiuta" come un segugio che ne ripercorre a ritroso la strada.

Una bambina a tutti gli effetti che si trucca alla moda e che per ingraziarsi le attenzioni maschili si finge già grande.

Ma le cose più orrende arrivano inaspettate, anche di giorno, in un giorno di estate nel quale viene programmata una normalissima passeggiata al mare lì vicino.

Ed è proprio in una delle poche volte che la madre potrebbe stare tranquilla che '"orco" si materializza alle due di quel pomeriggio nella figura dello zio. Uno zio che aveva da tempo messo addosso gli occhi a quella ragazzina che stava sbocciando e sulla quale aveva indirizzato i suoi orrendi, inaccettabili, desideri.

Desideri e attenzioni, pare, non graditi ed allora nella sua foia il maschio uccide la bambina senza rispetto, senza pensare che quella ragazzina lui l'aveva vista nascere e che da lui avrebbe dovuto ricevere affetto e fiducia.

Ancora una volta, statische attendibili che io non ho alla mano, dicono che i peggiori carnefici di noi donne, fanciulle o bambine, sia quell' "orco" che troppo spesso vive acquattato all'interno della cerchia famigliare.

Gran brutto mo(n)do morire a quindici anni in un giorno d'estate con un piccolo bikini sottobraccio.

 

 

 

Annunci

28 thoughts on “Il corpo violato

  1. Lindadicielo ha detto:

    Dovremmo insegnare ai nostri figli a parlare e a confidarsi con noi o con i loro educatori, per rompere, DEFINITIVAMENTE, questo muro di sconcezze e di omertà. E imparare noi a leggere nei loro occhi, sui loro visi, nei loro gesti, problemi e disagi…E' l'unico modo che abbiamo, nel nostro piccolo, di fermare l'orco.

  2. sherazade2005 ha detto:

    Linda,ciao cara.Ci sono situazioni di grande disagio sociale (e questo mi sembra il caso)dove 'dialogare' con i propri figli è pura utopia.Ho tanta rabbia dentro, non voglio leggere e sentire oltre.Il grande affabulatore Vespa ha già fatto la sua trasmizzione 'prima'. Ora Seguiranno tutti gli altri.Il problema è alla base. Una stato sociale che non esiste, un'educazionemorale soppiantata dalla televisione e da comportamente 'altri' vincenti.L' "orco" è sempre in agguato ma come dici tu si potrebbero avere gli strumenti per neutralizzarlo.sheracongrandeamarezzadimammaedidonna

  3. Simonedejenet ha detto:

    E' un triste mondo quello in cui tutto viene sepolto da un'indignazione post-mortem a uso e consumo della televisione. Dove tutto viene nascosto sotto il tappeto e dove niente più viene vissuto in modo sano, per poter diventare prodotto. Si parla spesso dei vizi dei giovani d'oggi, che sono quelli dei giovani di sempre, dimenticando che i veri vizi sono quelli dei vecchi di oggi.

  4. sherazade2005 ha detto:

    simo,mio figlio da quando è piccolo è un 'patito' di Chi l'ha visto. Gli piaceva e gli faceva paura la musica da thriller!Continua a seguire la trasmissione se è a casa. E' un'occasione per vedere qlc insieme dopo cena e io ci sto.Ieri a tarda sera quando ho visto che cominciava lo "spettacolo"  ad uso a consumo dell''audience' sulla pelle di una madre pietrificata ho detto NO! ed ho fatto altro.Ma io direi che 'quei' vizi sono i vizi di sempre che nascono da una cultura maschilista fomentata da una società sempre più spudoratamente blasfema.sheraunabbracciodallacittàeternapienadisole(almenoleisì) 

  5. tjorven ha detto:

    bisognerebbe denunciare, parte tutto da questo, i mass media invece di speculare su la morte di una bambina di 15 anni, che si sa fa share, con un sensazionalismo che sa di sciacallaggio sulla pelle delle persone, si dovrebbe parlare di più di come denunciare quando anche solo c'è il sospetto di una violenza in casa, di attenzioni morbose che vanno al di là del normale affetto che si ha in famiglia. I genitori hanno il dovere di ascoltare, di guardare e osservare i propri figli. Denunciare, avere il coraggio di farlo, di esporsi, di dare i mezzi e gli strumenti, anche nella scuola, di poterlo fare, perchè tante altre piccole sarah possano vivere serenamente la propria vita, perchè non accada mai più.

  6. sherazade2005 ha detto:

    tjorvenpurtroppo un mondo utopico.Cio' non toglie che, insisto, questa società gioca un gran brutto ruolo nel deformare qualsiasi realta'.Una realtà che sempre più spesso ha come vittime gli anelli piu' deboli della catena: i bambini e le donne.sherabienvenido&grazie

  7. auradanzante07 ha detto:

    Tu poni più problematiche in questo tuo post che ho letto con vivo interesse.Adesso è troppo tardi per poterne parlare in modo chiaro.Ritorno, cara:-)AuraI BAMBINI VIOLATI!

  8. stefanover ha detto:

    giusto…infatti il controllo materno non sarebbe servito in questo caso.il vero problema secondo me è la certezza della pena…lo zia si farà al max 12 anni, perchè dichiarando che l'ha violentata da morta ha schivato l'aggravante della violenza sessuale, aumentando altresì le probabilità che risulti vittima di un raptus…ora bisogna pensare che per un omicidio volontario deve esserci l'ergastolo e stop. Qualcosa però non torna…erica ed omar sono in semi-libertà, quella di cogne si è fatta si e no due mesi di galera, il nazifascista novantenne è agli arresti domiciliari…è stato depenalizzato il falso in bilancio, l'inquinamento delle acque demaniali, ed i nostri parlamentari si son fatti una leggina apposta per non essere incriminati…viviamo in un paese d'impuniti… altro che balle !di conseguenza tutto ruzzola in basso…gli animali sono gli unici innocenti !

  9. romanticaperla ha detto:
  10. sherazade2005 ha detto:

    ste'sono inorridita anch'io nel sentire che Priebke,  non che sia ai domiciliare, lo era già , MA che ora abbia il permesso di uscire per  ragioni 'serie' come "andare in farmacia". L'ho visto infatti uscire circondato da parecchi poliziotti. CHI li paga e da quale impegno  più 'serio' sono stati spostati?(a proposito hai sentito che Bel Pietro ha la scorta da OTTO anniiii???)Tocchi un nervo scoperto quando parli di CERTEZZA della pena che sare4bbe – forse – un deterrente per molti reati come quello più in 'voga' di falciare persone guidando in stato di ubbriachezza.Ma io credo che molti delitti, ipiù efferati siano compiuti da persone 'fuori di testa'.Un violentatore non è 'sano di mente', Molti che uccidono per un 'raptus' in quel mom non lo siano.Ma le vittime, anche loro hanno diritto di cittandinanza e l'oltraggio DEVE essere pagato, tutto, fino in fondo anche per il rispetto di chi resta a piangerle.Dunque siamo al nodo della Giustizia. MOlto deve esser fatto, non certo quello che preme al premier.Gli animali? Tu sai che amo e rispetto gli animali ma si rende un cattivo servizio anche a loro nel fare continuamente paragoni tra loro e noi.Hai letto La fattoria degli animali di Orwel, storia di una rivoluzione fallita nella fattoria dove gli animali spodestano gli uomini ma ben presto reinstaurano gli stessi meccanismi perversi???sheraunabbracciodaunaromasoleggiata

  11. sherazade2005 ha detto:

    ti aspetto con tuo comodo.sherabbraccidifinesettimanasereno(senonsaràserensirasserenererà)

  12. Kaliparthena ha detto:

    Riguardo a questo argomento ci sono talmente tante cose da dire… non so da dove cominciare.Mi indigna lo sciacallaggio mediatico, i giornalisti che aizzano la folla, raccontanto particolari raccapriccianti (ma la confessione dello zio orco non è secretata?), il luogo del delitto infestato di persone affette da macabra curiosità patologica, i reporter accampati davanti alla casa dei genitori della piccola vittima, i piccoli segreti raccontati ad un diario da un'adolescente e sbattuti in prima pagina, gli estremisti che ne approfittano per invocare la pena di morte, i talk show con protagonista il fratello della povera piccola Sara… (in queste occasioni vorrei avere un'astronave che volando alla velocità della luce mi porti su un asteroide, dove poter stare al riparo da tutto questo orrore, dove mi sia risparmiata la vista del peggio della natura umana)La mia nipotina più grande ha 15 anni. Per fortuna vive in un'ambiente molto diverso da quello in cui viveva la piccola Sara. Non esce di notte. Non frequenta trentenni, i suoi amici sono tutti suoi coetanei. E la cosa che mi fa più piacere è che non vuole fare la velina. Frequenta con molto profitto il liceo scientifico e desidera, dopo la maturità, studiare medicina (le piacerebbe soprattutto diventare una genetista). Insomma, c'è ancora una porzione di adolescenza sana anche nel 2010. Spetta alla società invertire la rotta e cercare di proteggere la parte più giovane della popolazione.

  13. anonimo ha detto:

    Ciao cara, quello che è successo è uno schifo che nemmeno Dio può correggere…Un abbraccioIl Comandante

  14. sherazade2005 ha detto:

    kalip-inatu dici riferita alla tua nipotinas:  "Per fortuna vive in un'ambiente molto diverso".Questo è in parte vero ma non è determinante. Gli abusi avvengono in ogni grado della scala sociale. Vogliamo poi ricordare i preti pedofili ai quali tanti gemitori affidano i loro bambini proprio perchè credono siano in buone mani?Solo la sensibilità e il coraggio di una madre (o di un padre) la capacità di interrogarsi anche sui silenzi dei figli può salvarli.Io  non voglio entrare in dettagli e forse sono una 'dura' ma mio figlio (maschio) a 15 anni anche se inviperito la sera non usciva e quando ha cominciato (per fortuna ha smesso prestissimo) ad andare in discoteca fino all'1 io lo aspettavo sveglia.Ma per assurdo tra lui e mio fratetello c'è solo 10 anni di differenza e da che ho memoria sono andati (e vanno tutt'ora) a pesca insieme. Nella nostra famiglia tanto unita sarebbe stato possibile? Avrebbe potuto succedere ed io non avre avuto la capacità di accorgermene? Mia madre avrebbe potuto dubitare di suo figlio?Da subito io ho sbraitato che "Una ragazzina NON sta fuori fino all'alba e con ragazzi molto piu' grandi"!" e leila sua morte l'ha trovata alle due del pomeriggio per mano dello zio.sherasenzasoluzionemasoloqualchepiccolalineaguidaepoi…. 

  15. sherazade2005 ha detto:

    Il (mio) Comandanteche passa, colpisce e…non c'è già più…sempre piacevole sapere che ti ricordi.sherAlchimieperfettissimexte

  16. stefanomassa ha detto:

    posso dirti che è un post meraviglioso? ciao stef

  17. sherazade2005 ha detto:

    stefanomassaqualcosa di più per renderlo irrinunciabile sher

  18. KatherineM ha detto:

    Questa storia ha colpito moltissimo anche me, come tutti. Non riesco a non pensarci. Ricordo che, quand'ero ragazzina, andavo sempre a casa di un'amica che abitava poche case dopo la mia. Un giorno la mia amica mi aveva raccontato che un giovane uomo, da poco sposato, che affittava un appartamento nella casa di questa amica, le aveva fatto degli strani complimenti e le aveva fatto vedere che, sotto i calzoncini corti, non portava le mutande. Io, che raccontavo sempre tutto ai miei, ne avevo parlato ingenuamente in casa e, subito dopo, i miei genitori mi avevano proibito di frequentare quella casa, con la scusa che c'era uno zio malato di una malattia infettiva. Ho scoperto solo poco prima che mio padre morisse, che lui stesso era andato a parlare ai genitori di quella bambina spiegando quello che stava succedendo. Loro, sul momento si erano offesi, non gli avevano creduto, ma poi, chissà come mai, dopo pochi mesi non avevano più rinnovato il contratto d'affitto a quella coppia..Insomma, se mai uno zio avesse cercato di toccarmi, sicuramente ne avrei parlato ai miei genitori…chissà come mai quella ragazzina si è tenuta tutto per sè, tanto da entrare da sola nella tana del lupo! Se penso poi che quell'uomo ha avuto il coraggio di abusare di lei quando era già morta, mi vengono i brividi. Credo che nessun animale, e nemmeno il diavolo in persona, abuserebbero di un cadavere. Ormai la follia non ha più limiti!

  19. eretico2004 ha detto:

    personalmente non avrei nessuna pietà per queste persone..li ucciderei come cani rabbiosi, come uicciderei i mafiosi e tutti i recidivii diritti umani sono una bella invenzione per fare commercio multilaterale e bilanciare i pagamenti internazionali..per il resto sono una montagna infinite di cazzatese invece di fare porta a porta si torturasse questi bastardi maniaci e si esponessero al pubblico le loro carni per disprezzarle  ci penserebbero prima..Il grano e la gramigna crescono insieme..è vero..ma ogni tanto il contadino la gramigna la brucia..noi la coltiviamoche schifo!!

  20. sherazade2005 ha detto:

    ereticoil tuo pensiero mi piace molto perchè accosti il grano, la parte buona della società, alla gramigna e al contadino che la brucia. Detta così è banale ma mi ha fatto una bellss impressione.Mio figlio  quando ha sentito che quel..individuo era in isolamento ha detto che abrebbero potuto lasciarlo agli altri detenuti  perchè gli stessi carcerati per omicidio ritengono che per gli stupratori di bambini non vi sia pietà.Che dire? La parte emotiva di me direbbe che questa gente dovrebber morire soprattutto quando è rea confessa ma poi, niente è più forte di me dire 'pena di morte' non mi riesce.sheraunabuonanotteorbuongirono

  21. sherazade2005 ha detto:

    kathy carache la tua fosse una famiglia bella traspare da ogni tuo riferimento anche involontario.E come la tua la mia e quella di molti di noi. Ma la bestialità ha anche la capacità di mimetizzarsi e mentre noi parliamo di una piccola donna ri-trovate che ne è di tante e tante altre sparite nel nulla?Io sono certa che tu, anche come insegnante, avrai mille antenne e forse dove non arriva la famiglia ci dovrebbe essere il sostegno dalla scuola, come in alcuni casi per fortuna c'è stato.Con i figli bisogna avere mille occhi e vedere anche dove tutto sembra normale.A me pare che in quanto accaduto qualche connivenza da parte della famiglia debba esserci stata. Ma non sta a me dirlo, ma lo penso.sheraungrandefortissimoabbraccio

  22. KatherineM ha detto:

    In effetti attualmente i ragazzini hanno un po' troppa libertà. Sembrano emancipati, grandi, ma in realtà hanno l'età che hanno e non conoscono tutti i pericoli che si possono incontrare. Certo, la madre non poteva immaginare che a casa degli zii ci fossero pericoli, ma se in qualche modo si fosse resa conto che lo zio cercava di stare solo con la nipote avrebbe potuto tenere le antenne più ricettive. Chissà com'è andata realmente…resta il fatto che questa morte ci ha colpiti tutti moltissimo e ci sentiamo tutti un po' genitori di Sara.

  23. azalearossa1958 ha detto:

    Condivido ogni singola parola di questo post.Opinionisti e bambini cantanti compresi.BacionbacettoallamiaSherina.

  24. romanticaperla ha detto:

    Odio quelle trasmissioni che hai citato sui bambini, i bambini debbono rimanere bambini più che si può.Condivido la tua disapprovazione.Di sarah Che dire….troppo spesso gli orchi non sono dei perfetti sconosciuti,ma sono persone fidate, famigliari  che  vivono accanto o comunque vicino alle loro vittime. Vorrei una condanna esemplare. Per sempre in carcere a meditare sulla malvagità profonda di quell'atto inumano.Brava Sherina fai bene ad affrontare questi argomenti.1Bacione ♥ vany

  25. sherazade2005 ha detto:

    PiccolaVany, Azaleucciacara,come dico nel mio post successivo 'ogni giorno porta il suo affanno'.Voglio ironizzarci ma che brutti tempi viviamo.sheraunabbraccioconpioggerellinafittafitta

  26. Kaliparthena ha detto:

    Hai ragione, Shera. Gli abusi sessuali sui minori avvengono in qualsiasi ambiente e l'orco (o l'orchessa) può essere un genitore,o  un parente, o un'insegnante, o un parroco… A 15 anni, però, se hai un buon rapporto con i genitori e sei vittima delle molestie dello zio, molto probabilmente eviti di continuare a frequentare la casa dell'orco e ne parli con la mamma.L'esempio della mia nipotina, però, non si riferiva alle molestie ed al caso di Sara Scazzi, ma alla parte iniziale del tuo post in cui si dice che il confine tra il mondo del bambino e quello dell'adulto continua a spostarsi in avanti, così come la pubertà si presenta sempre più precocemente. In TV si parla di tredicenni già sessualmente attive, che vanno in discoteca di notte e che spesso aspirano ad andare al grande fratello, oppure a diventare una velina.Per fortuna, ci sono ancora moltissime adolescenti che non bruciano le tappe, che al sabato sera guardano un film in TV e poi vanno a nanna, che amano studiare, che sognano di fare il medico, o l'avvocato, o l'insegnante. 

  27. sherazade2005 ha detto:

    kalip-inadellatua piccola parlavo anche per segnalare un'attenzione che viene data ai giovanissimi e che tu mi riconfermi.Molti tra loro hanno sogni 'antiquati' pensa, magari, fare il pompiere| Peròsalvo il solito premio al più studioso, al più buono di solo non si parla e certamente sono la maggioranza.A me piacerebbe (Utopia!) che ognuno di noi leggendo i vari commenti siincuriosisse ad allargare il proprio 'giro' perchè saltellando si incontrano bloge persone straordinarie. Una di queste è la mia amica Kathyhttp://katherinem.splinder.com/lei è un insegnate speciale con una grande fiduzia nonostante tutto. Ti suggerisco la sua lettera con il .sherindifettodirispostachiedetempo

  28. Kaliparthena ha detto:

    Grazie per il consiglio,Shera. Passerò presto a fare una visita al blog della tua amica Kathy.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...