Un inutile fucile per stravolgere l'universo

"Sotto il tetto di rami alzava il muso
di notte verso l'alto del cielo,
un ghiaione di sassi illuminati.
A occhi larghi e respiro fumante
fissava le costellazioni, in cui gli
uomini stravedono figure di animali,
l'aquila, l'orsa, lo scorpione, il toro"

"Una farfalla bianca sta sul corno del re dei
camosci, un fucile sta a tracolla del vecchio
cacciatore di montagna…"

Erri De Luca, IL peso della farfalla, ed. Feltrinelli

RomanticaVany aggiunge un altro passaggio:

"Lui ci vedeva i frantumi staccati dai fulmini e i fiocchi di neve sopra il pelo nero di sua madre, il giorno che era fuggito da lei con la sorella, lontano dal suo corpo abbattuto.
D'estate le stelle cadevano a briciole, ardevano in volo spegnendosi sui prati. Allora andava da quelle cadute vicino, a leccarle. Il re assaggiava il sale delle stelle"

.