Fuit quoddam tempus..

 

 

Granada, 28 settembre 2005

 

 

In questa terrazza così accogliente che spazia su Granata e l’Alhambra, mentre tuona furiosamente tra le nuvole allarmate ancora tinte di rosa,  mentre l’abbraccio della Sierra ci avvolge rassicurante, sento forte lo sgomento di tanto mio nulla e:

“ …cerco l’errore decisivo colpa di tutto che potrei avere commesso e non riesco a trovare.” (f. kafka)

 

Suvvia, non è poi così grave  sopravvivere ai propri mal di pancia.

.

.