Cara AAAmica ti scrivo,

 

 

Carissima Aurora….
 

Qualcosa di buono l’ho fatta.

Una riconcilazione , uno stringersi quasi per mano con la cruda terra, anche se per poco è una buona cosa , è rigenerante, ed ha del riconciliante. Gli alberi di ulivo sono strani, se li osservi con attenzione da vicino vedi il tronco che comicia ad alzarsi verso il cielo si biforca in altri rami come tutti gli alberi , ma la stranezza sta nel vedere rami in salute e rami svuotati dentro, quasi privi di vita che a malapena si reggono e in un’intreccio assomigliante a coppe pronti a brindare invitano chi li degna d’ attenzione.  Il raccolto c’è stato, non è stato un granchè per la magra dell’annata ,ma c’è stato, col solito spasso,  col solito tornare ad essere fanciulli ,con le chiacchiere più strampalate fra una risata un monito e sproni alla mia lentezza . Per i bambini è stato un toccasana. Rotolarsi per i campi ,sporcarsi di terra, liberarsi da ogni rimprovero  ”non fate questo e non fate quest’altro ,attenti che vi fate male”  li rinvigorisce e poi vederli inseguirsi fra di loro con canne,  legni, tirarsi olive è un salto ai ricordi della mia infanzia.

Si aspettava la vendemmia come un evento sacrale  e quella fenomenale  ballata sull’uva dentro i tini per la spremitura, compito che spettava a noi piccoli ed alle donne. Poi c’erano le vespe,  le api,  i pungiglioni,  i pianti, i rimproveri,lo scappare di continuo , il mangiare per i campi,bere di nascosto il vino degli adulti, i quali portavano dei  fazzoletti annodatiche si calavano in testa  fieri come generali in alta uniforme,.E poi dormire tutti insieme, con i nonni,  gli zii , su letti preparati sopra la paglia con l’anziano del gruppo che faceva l’ultimo giro di ronda con le candele in mano per controllare tutto e tutti e poi il soffio sulla candela  che metteva fine alla giornata.

Tutto adesso è finito , non è rimasto nulla. Solo ricordi .

 Con un po’ della mia tristezza voglio augurarti una buona domenica.
 

F

Annunci

31 thoughts on “Cara AAAmica ti scrivo,

  1. sherazade2005 ha detto:

    Una lettera tutta mia che -avutone il permesso  – vorrei regalasse anche a voi in queste giornate di autunno avanzato e di reiterati starnazzamenti mediatici sulla salvaguardia del pianeta – un ricordo per chi ha vissuto quei momenti e un senso di religioso rispetto verso quella grande cultura contadina che stiamo sperperando in nome del mercato.

    Grazie mio caro Amico per avermi pensata.

    hserapuntoebasta

  2. ranafatata ha detto:

    Be’, shera, se volessi tornare alla magia della raccolta delle olive, vieni a trovarmi (in un anno di "carica", magari, che quest’anno è una tristezza). Certo, i tempi sono cambiati, ma la campagna conserva ancora il grande fascino, un po’ misterioso, del contatto con la terra e con la natura. Niente bambini, tra le mie zolle, ma magari cani, e poi sporcarsi di untume di olive, mangiare in mezzo all’erba, raccogliere la verdura selvatica e la frutta che offre la stagione. Sarebbe bello potersi circondare dei propri amici in momenti come questi… 🙂

  3. Simonedejenet ha detto:

    Tranquilla, appena vedi il nuovo modello di qualcosachetipiace, ti passa 😉

  4. sherazade2005 ha detto:

    Ranuccia

    il mio rammarico, e dunque la magia di questa lettera, sta nel fatto che io non dovrei ri-tornare a quei riti  ma iniziare ex novo perchè io sono nata cittadina e da sempre.
    Le mie gite in campagna sono quelle che venivano fatte al lago di Avigliana, per esempio, o nei paersini intorno a Torino. O da cittadina nelle montange della Velle D’Aosta.
    Ma con la terra non ho mai avuto un contatto tanto diretto.
    Immagini niente di piu’ triste dei bambini che giocano ai giardinetti? Ecco, Io sentivo dall’alto del 5 piano gli zocccoli dei cavalli e correvo ad affacciarmi  per vederli passare!

    Oggi sopra Orvieto nel nostro casale di romani che ci passano le feste abbiamo anche gli ulivi e raccogliamo le olive cosi’ come le susine piuttosto che le albicocche ma NON è la stessa cosa.

    Delle grandi feste corali delle campagne di un’italia che credo asbbia dimenticato perchè allo scambio reciproco di braccia si sono sostituiti quelle enormi rumorose macchine dai bracci di metallo.

    shersherlabimbacherafelicediaccarezzareuncavallo

  5. sherazade2005 ha detto:

    simo

    la tua criptagine i è incomprensibile ma chi sono io per esortarti -magari – ad aprire la tua scatola di ricordi?

    sher

  6. Rudiae ha detto:

    Ti lascio giusto una foto, quella dei miei ulivi… giusto per sottoscrivere condividendo le sensazioni che F. ha voluto regalarti.

    baci innamorati deglio odori della mia terra!

  7. antares666 ha detto:

    Come mai descrivi tutto questo "fiorire di vita"?
    Un abbraccio e buon week-end a te, carissima

  8. Simonedejenet ha detto:

    Purché non mi voglia aprire la scatola cranica 😉

  9. sherazade2005 ha detto:

    ru’

    peccato che gli ulivi non si vedano :=(

    sheraguarderàpeperoncinidelsud

  10. sherazade2005 ha detto:

    simo’

    sei recidivo e non aggiungo altro.

    sherafal’offesaesisentedavveroffesa

  11. sherazade2005 ha detto:

    Marco

    tanto quanto non credo in troppe cose quanto il profumo di terra rimossa, delle sue manifestazioni più piccole, che apprezzo da cosi’ poco tempo,  mi riconducono alla vita quale che la si intenda.

    sheràbientot

  12. Soulboarder ha detto:

    Una lettera che sembra una poesia, una dichiarazione d’amore per una civiltà che sopravvive solo nei ricordi e che oggi è fatta di macchine rumorose e di nessuna passione particolare.
    Il bello è che la Rudina parla di cose che può aver vissuto solo in parte e che per il resto sono probabilmente ricordi dei più anziani (cioè non credo che usassero le candele quando era piccola! 😉 Però è un bel clima, una via di mezzo tra il primo campeggio delle nostre infanzie e le storie raccontate davanti al fuoco. :-))
    Aloha

  13. Rudiae ha detto:

    …Giufo NON L’HO SCRITTA IO QUELLA LETTERA!
    disattento conterraneo mio.
    Lì, se ho ben capito, si parla di ulivi siculi! 😉

    Shera mia cara, io li vedo così bene i miei ulivi. Una foto bellissima tra l’altro (non opera mia però, ma di un amico che è un artista!)…
    guarda meglio va!
    baci baci

  14. sherazade2005 ha detto:

    mr. Soul

    una parola ‘stona’ e non fa parte della cultura della terra, della socialità che intorno alla terra, la sera intorno al fuoco, nei passaggi di stagione in stagione si cementava: an-zia-ni.

    I VECCHI erano la memoria portante, i custodi della vita e dei suoi segreti. Non esiste civiltà senza i vecchi.
    La vecchiaia dirittura d’arrivo del percorso umano che oggi si dilata in un’eterna, fittizia, giovinezza.

    Rudina è giovane ma i rqcconti sono parte di un vissuto ancestrale che ha fatto suo.

    Grazie caro Giufo di questo tuo intervento.

    sherachedellacittàconoscesololeggendemetropolitane

  15. sherazade2005 ha detto:

    ru’

    NON vedo QUI nessuna immagine

    sherasorrysorry

  16. romanticaperla ha detto:

     

  17. Rudiae ha detto:

    ci riprovo….

    stavolta dovrebbe esserci!
    Ps. Temo che Giufo abbia frainteso. La letterina non l’ho scritta io!
    come stai?
    BACI ETERNAMENTE A MOLLO!

  18. Simonedejenet ha detto:

    :****************

  19. sherazade2005 ha detto:

    Simonedejenet

    tutto intero! nimmanco, anzi faccio finta che non ti conosco.

    sheraSimonedejenet machièquello?

  20. sherazade2005 ha detto:

    rudyyyyyyyyyy

    eccolo il tuo ulivo contorto ma? dici che noi intorno ai 102 anni
    diventeremo qualcosa di simile?

    Il tempo romano nn è malvagio nel senso che non piove ma
    l’aria è afosa e c’è un vento fastidioso.

    Tutta la famiglia allargata alle nipotine, afona solo Sally imperversa senza tregua.  ma se sà so’ creaturine (le possinooo)

    sherabaciassiuttiasiuttiviacolvento

  21. penny46 ha detto:

    ciao. grazie della tua visita. la lettera è quasi un tornare indietro, quando le olive, si raccoglievano con le mani, ora ci sono le manine, di plastica o quelle macchine rumorose,  che  sgrullano la povera pianta, povera. Adoro la campagna, ma non raccogliere le olive, poi quest’anno c’è un’amoria, le piante sono vuote. 
    buona domenica, che bello si dorme 1 ora di più  ciao ciao

  22. romanticaperla ha detto:

    Una bellissima lettera che ricorda scene di vita,di stagioni.

    Anche se gli anni passano le stagioni sono sempre uguali , scene che si ripetono con le nuove generazioni.
    Ma per noi gli anni passano e ci trasformiamo con le nostre esperienze….resta comunque da dire che qualsiasi sia la nostra età i migliori anni della nostra vita devono ancora venire.
    Un bacio,un abbraccione ,ti auguro una felice e serena domenica.

    🙂 vany

  23. sherazade2005 ha detto:

    Cara Vany

    non sono certa che queste ‘scene’ si ripeterenno a lungo visto come si sta procedendo a un impoverimento progressivo e costante delle risolse della terra.

    Ma quello che deve restare e dobbiamo preservare è la memoria dei vecchi da tramandare di figlio in figlio (vorrebbe essere un ‘neutro’ ma poi penso al
    "parlare non è mai neutro" di Luce Irigaray  e mi correggo).

    sheramachenoiosaconquestecitazionipompose

  24. sherazade2005 ha detto:

    ciao Penny

    mi trovavo a passare……ho passato il solito confine e ti ho trovata.

    shersherapresto

  25. Soulboarder ha detto:

    Allora scusate non avevo proprio capito nulla.
    Ad ogni modo la lettera è bella (chiunque l’abbia scritta) e racconta di cose vissute in altri tempi, con altri ritmi di vita oggi quasi sconosciuti :-))
    Un abbraccio

  26. sherazade2005 ha detto:

    comodo, comodo, Mr. Soul

    sherabonnenuittina

  27. sherazade2005 ha detto:

     Il Washington Post stronca una nostra su Obama: "Ossessione eccessiva per il suo volto e il suo corpo"

    Menomale che il Wash.. non passerà mai sul mio blog

    sherachenonriesceafelicitarsxlasuaSallyina

  28. Masso57 ha detto:

    Mi limito a salutarti, adesso che sono in fuga dalla Lègion…… 

  29. CuoreBlu ha detto:

    bello, uno scorcio su un mondo che non ho mai conosciuto direttamente.

  30. sherazade2005 ha detto:

    Massiiiiii

    ben trovato e bentornato anche se avrei una notizia buona e una…
    Riavemo un segretario comunista e un Governatore (boccaccia mia statte zitta).

    sherafilosopheggiasolochicadepuo’riririsorgere

  31. sherazade2005 ha detto:

    CuoreBlu

    per la tua stessa ragione ci tenevo di ‘regare’ a tutti questo ampio resoconto di vita vissuta e tramandata.

    sheraunabbracciocorrendo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...