A kiss is still a kiss

.

You must remember this
A kiss is still a kiss

A sigh is just a sigh
The fundamental things apply
As time goes by..

.

.

A kiss is just a kiss?

 

,

 

NO, decisamente NON le piaceva.

Troppo bello.

Troppo biondo.

Troppo elegante nei modi.

Troppo serenamente sicuro di sé.

Eppure piaceva a molte sue amiche e dunque…dunque non rifiutò la sua proposta di andare al cinema anche perché il film era (non inorridite succedeva il secolo scorso e dunque potrebbe essere una favola bella) “Chi ha incastrato Roger Rabbit?” un film, oggi, tra i suoi preferiti.

Il cinema era l’Etoile, un bel cinema  nel cuore della  vecchia Roma, un elegante edificio del secolo scorso,  dimesso da svariati anni per lasciare spazio prima a un sala Bingo e poi..poi in un qualche cosa di inutile.

Entrarono e si accomodarono, molto compiti, lui a suo agio e lei un po’ sussiegosa.

A un certo punto lui le prende una mano, la mette tra le sue e intreccia le loro dita. Ha delle belle mani, ma lei si ritira indispettita.

Lui nel buio la guarda e le chiede se le ha dato fastidio.

Mentre sullo schermo Jessica Rabbit si muove sinuosa, invitante, lei si volta verso di lui indispettita e gli sibila nell’orecchio:

 “Certo che sì, quasi non ci conosciamo. Non ha nessun senso”,

Lui allunga l’altra mano, blocca il  viso di lei e le dà un lungo bacio.

“Credi che ora ci conosciamo meglio?”

In effetti sì. Da quel momento lui divenne il suo splendido rospo e per tutto il tempo che durò il loro avventuroso love affair li si poteva incrociare, un po’ ovunque  a Roma, camminare mano nella mano, le dita intrecciate come piaceva a lui e come ora piace molto anche a lei.

La ricetta è lasciare decantare: alla fine riaffiora la dolcezza del ricordo.

Stretta la foglia, larga la via, dite la vostra ch’ho detto la mia.

 

 .

.