La vie en rose

 

 

 

…e andando a ritroso

.

.

 

da forse due  anni – in primavera – nel giardino confinante, col sole, fioriscono voci di bambini.

Una bimba in particolare domina le scena. E’ la prima ad intonare una canzone ma anche l’unica a piangere come una trombetta acuta e sfiatata.

Oggi le voci giungono inanellate, veloci ed alte,  liberate dal grigiore opaco della pioggia.

Le percepisco –  sottofondo  alla  lettura dei quotidiani “Violenza a Roma. Allarme stupri”–  un po’ scollacciata al primo sole;  le gambe molli che ondeggiano e cadenzano il pensiero sonnolento che rigurgita ricordi da cartolina.

 

Noi due ‘figlietti’ un pò in guerra e un pò in pace, farfalle impazzite raccogliere minuscole margherite e poi  correre veloci a deliziarci del primo bacio di nostra madre.

Nostra madre, il capo reclinato sulla spalla di Sergio che ci ha lasciato il ricordo di due eterni colombi innamorati.

 

Isolina, onnipresente, strappata al suo letargo, nelle gite al laghetto di Avigliana,  esplorare i prati verdi sconfinati, velocissima come una lepre, chè con la freccetta a ventosa a mo’ di bandierina  fissata sul suo guscio sarebbe stato impossibile perderla.

 

Cirilla, detta anche l’Innominata perché solo a sentire sussurrare il suo nome si presentava questuante,  invidiosa e onnipresente, attratta ora dall’acqua ora dal cestino del pranzo promessa di un bocconcino: “Mamma il succo, perpiacere…un panino…”.

Cirilla che in una sosta per la pipi’ (la sua) fu dimenticata a terra e dopo qualche chilometro, inchiodata la macchina, la inquadrammo  che correva trafelata le orecchie al vento lungo la strada del monte Peglia, il cuoricino allo stremo.

 

E come non nominare Pipino il Breve, criceto nostrano, che si addormentava solo sulla spalliera del divano nascosto tra i miei capelli arruffati?

Io, che per accarezzarlo un giorno mi rovesciai addotto la padella con l’olio bollente e ancora oggi quando mi sento salire il magone inconsciamente accarezzo il seno dove resta chiaro e grinzoso il perimetro indelebile della mia sventatezza  associato all’amore che ha riempito la mia infanzia.

 

Non si può, oppure non è facile, vivere né il presente né progettare il futuro se non ci accompagna  la bisaccia dei nostri ricord, quali che siano.

Oggi c’è il sole, i bambini sono in fiore, aperta la mia bisaccia ne è uscita la Piccolina inquieta e volitiva anche un po’ maschiaccio; ci siamo confrontate in silenzio mentre oltre il verde della recinzione e il profumo del mio gelsomino, filtrano le note di una canzone di Cristina Davena.

 

Tempi moderni  che mutuati da Jeeg Robot del mio bambino portano a  ‘La vie en rose’.. sì, perché noi da piccoli cantavamo canzoni da ‘grandi’:

 

“Quand tu me prends dans tes bras
Quand je regarde dans tes yeux
Je vois qu’un Dieu existe
Ce n’est pas dur d’y croire.

…………..Je vois la vie en rose".

.

 

34 thoughts on “La vie en rose

  1. DreamLady ha detto:

    Quante volte nella vita mi sono detta ‘non è giusto vivere di ricordi’. Testa alta e vai avanti. Poi ti rendi conto che non li puoi cancellare, non riesci nemmeno a sceglierli… quando arrivano sono un fiume in piena… a volte sono belli.. a volte no… ma sono noi. Noi siamo anche i nostri ricordi.. quali che siano.

    L’ho scritto ieri ad un amico ‘la vita va capita all’indietro, ma va vissuta in avanti’ come disse kierkegaard.

    La bisaccia si fa sempre più pesante, ma siamo ben allenate..

    Nottina piena di bei sogni di prati in fiore…

    rosschehagliocchiettipiccolipiccoli

  2. anonimo ha detto:

    sweet dream

    la forza della sopravvivenza ci consegna la parte migliore e noi stessi tendiamo a confermare che nessun madico è migliore del tempo a lenire le vecchie ferite; le lacerazioni profonde rimosse.
    Del mio ex marito (storia davvero tra-gi-ca) oggi ricordo le nostre teste vicine le nostre comuni lascrime di gioia e piccolo piccolo come un ovetto di porcellana il viso
    bellss del ‘nostro’ bambino.
    Quello fu davvero e sicuramente l’acme della felicità perfetta.

    Come puo’ – e qui vi è una nota polemica verso tutti quegli uomini che bacchettano e giudicano sulla vita delle donne – come puo’ un padre dimenticarsi per una gonnella qualsiasi di quell’attimo e cancellarlo per oltre 25 anni?

    ops sto divagando e la campanella mi chiama.

    Nuonalavoro con il tuo ‘ponte’, sfaticata del nord :=)

    sheraspettailpontonedelprimomaggiodeilavoratori

  3. anonimo ha detto:

    “in primavera – nel giardino confinante, col sole, fioriscono voci di bambini.”

    Non leggevo una frase così bella da molto tempo.

    -Ombra-

  4. anonimo ha detto:

    uàn tò trì prova commento…

  5. anonimo ha detto:

    Ah ecco… ora si vede, scusa ma prima non mi si visualizzava.

  6. Stefano1060 ha detto:

    Ogni tanto credo sia necessario lasciarsi andare ai ricordi che a volte belli a volte brutti sono comunque la nostra storia. Stefano dal sole della Liguria(almeno oggi c’è)

  7. sherazade2005 ha detto:

    Ombretta

    sherasolograziedettodaunMaestro..tuttarossa

  8. sherazade2005 ha detto:

    ohoh stefi

    la nostra storia che -leggo ogggi – riferita al 25 aprile (nel bene e nel male tu hai detto) lavora per la cancellazione della Liberazione dell’Italia nazista e fascista.

    Chissa’ che succederà a Biancaneve e i sette nani? Il riferimento alla lontana alla bassessa del premier sarà percepita come irrispettosa?

    sherasenzabellenotizieoltrealsolicinocheapparequiquoqua

  9. sherazade2005 ha detto:

    scusate molti refusi ma davvero corro. leggete alla cieca :=)

  10. DreamLady ha detto:

    confermo quello che dice stefano… oggi il sole c’è!!!!

    rosschecontaigiornicherimangono

  11. DreamLady ha detto:

    sherinaaaaaaaaaaaaa… letto anche io la ferale notizia… e sono nauseata… dalla stupidità dall’ignoranza e dal mancato senso di dignità che devono provare solo certe persone nell’aprire bocca per darci aria e basta!

    rosssempre+incavolata!

  12. sherazade2005 ha detto:

    Dreammina :=)

    Tante bimbe festose che si scambiano baci…li elargiscono anche?

    sherachecolsolebacerebbechicchessia(oquasi)

  13. sherazade2005 ha detto:

    mmm splinder mi censura?

  14. romanticaperla ha detto:

    Concordo,viviamo momenti che non possiamo più fidarci di nessuno.
    A volte ti viene da chiedere che ci veniamo a fare al mondo se poi è così difficile vivere quando sei sana.
    Episodi di violenza in continuazione,carovita,povertà ecco che cosa ci troviamo di fronte.
    Un abbraccio
    Ciao vany

  15. anonimo ha detto:

    solo un bacio e un buon we..Principessa non sono scomparsa ma sono incasinata.
    Abbracci abbracci
    Patri

  16. Rudiae ha detto:

    i tuoi ricordi si intrecciano oggi ai miei.
    inevitabilmente mi son tornante in mente tutte le “bestioline” che han fatto da contorno alla mia infanzia.
    tra tutti una coniglia nera cresciuta in casa come un gatto, accovacciata sui cuscini del salotto come una vera regina.
    …e Diana, la cagnolina cresciuta con noi.
    Ricordi di giardini e primavere che si inseguivano e ci “buttavano” fuori casa per i giochi più belli. Non ci sono più i bambini che giocano per strada, nemmeno nei paesi più tranquilli.
    Non c’era ancora Cristina d’Avena, ma c’era molto Zecchino d’Oro…

    quarantaquattro gatti in fila per sei col resto di due non te la canticchiavano i tuoi?!

    …papà mi “ossessionava” con “lo sai che i papaveri son alti alti alti e tu sei piccolina, e tu sei piccolina…” (sante parole!!)

    baci mescolati a pensieri e ricordi buttati lì!

  17. irazoqui ha detto:

    BUON 25 APRILE.

  18. anonimo ha detto:

    Rudella

    ricordi ‘buttati li’? oppure un piccolo assaggio tirato fuori dalla tua bisaccia da viaggio?

    sherachequaquarantaquattrogattiossugnurrrNONONO

  19. sherazade2005 ha detto:

    Iraz accetto grata questo tuo augurio oggi.

    Dalle macerie dell’ 8settembre l’Italia passa alla riconquista della Libertà e della Democrazia nella giornata del
    25 Aprile del 1945
    Si da’ un tema costituzionale con il
    2 giugno del 1946
    E arriva alla stabilizzazione del sistema politico con le prime elezioni del
    18 aprile 1948.

    Molto fa comodo a una certa classe politca edulcorare o, meglio, dimettere e nella sua attuale impraticabilità oltre che impopolarità
    L’antifascismo è parte integrante dell’identità repubblicana.
    Su questo NON ci piove.

    sherazebasta

  20. Stefano1060 ha detto:

    Hai perfettamente ragione, ma il mio pensiero di ieri era riferito solo alle ns storie personali di bambini cresciuti. Oggi purtroppo è un’altra storia molto più brutta. Ora per tirarmi un pò su lo spirito vado a farmi un giro nelle 5 Terre. Ste

  21. sherazade2005 ha detto:

    stef

    l’avevo capito ma ero ‘reduce’ dalla lettura dei quotidiani e delle esternazioni del gustavone selva(oscura).

    verrei volentiri con te. mi ci porti nel taschino?

    sherarestaqui

  22. DreamLady ha detto:

    sai che penso? che una volata nelle 5 terre.. farebbe bene anche a me ;-))

    concordo con Rudinaaaaaaaaa-… ‘lo sai che i papaveri son alti alti alti…’ era il cavallo di battaglia di mio padre insieme a ‘au clair de la lune, mon ami Pierrot… prete-moi ta plume pour écrir un mot…’

    rosscolpiedinonervosetto

  23. sherazade2005 ha detto:

    sisisisisisi 5 terre (famo sei :=))

    oggi ho delle scarpettine ancora piu’ belline di ieri.

    sheracolpiedinoballierin/vezzoso

  24. sherazade2005 ha detto:

    oh pensato…

    Molti andranno a fare passeggiate, mano nella mano, con la figliolanza, col cane col…
    b ene io mi sono avvantaggiata e se qualcuno/una mi volesse invitare
    avrei optato per queste (s)comode scarpettine da corsa

    sheraforsehaqualchedubbio???

  25. xxxmarcoxxx ha detto:

    Pensi davvero di sfoggiare domani quelle scarpe non proprio da motociclista? mi metto la cravatta?

    hai sentito i tuoni?

    marcu’

  26. xxxmarcoxxx ha detto:

    dimenticavo. Ti anticipo il tempo di domani così sorridi.

    fatto!

  27. xxxmarcoxxx ha detto:

    sorry

  28. Medicineman ha detto:

    le scarpe di cui al numero 24 sono vere o sono un artistico clone? No, perchè con quel verde (petrolio) come dovresti vestirti?
    Evviva la primavera, i tacchi alti e i colori strani.

  29. sherazade2005 ha detto:

    Marco Grazie.

    tempo ottimo davvero ma durato troppo poco :=(

    sherakisskiss

  30. sherazade2005 ha detto:

    mAdman

    mi sembra passata una vita. che giornate.

    Torniamo alle scarpette. Sono di un verde meno bottiglia di qual che sembra, scamosciate, ed assolutamente improponibile per me.

    Ma è un negozio molto “in” ed io e la Rudie -anche lei piuttosto spartana – ci dilettiamo a fotografarle.
    Ti sei scordato le scarpette rosse
    per la marcia della Perugia-Assisi?

    sherasupeghinarossedeveancorascaramenticamentevotare.

  31. sherazade2005 ha detto:

    Anzi, quasi quasi le lucido e ci arrivo al seggio…
    rosso di sera

    sheracispera

  32. Rudiae ha detto:

    Non ci crederai, ma ieri le scarpe verdi le ho viste indossate da una coraggiosa donzella!
    …bellissime!!!!

    ormai sono in pantofole, ma per tre giorni ho calzato solo scarpette rasoterra con suola di gomma…

    bacio comodo comodo

  33. sherazade2005 ha detto:

    Rudella?

    bacio comodo comodo ah ..
    allora un bacio alla vaniglia :=)

  34. Perlediyogurt ha detto:

    Alle volte vorrei tanto tornare ai miei sei anni:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...