Let’s make love but..

Sono stato con trenta donne”. L’Inghilterra si divide dopo l’outing di un suo  leader politico. In Italia – pare – la media sia  inferiore tredici partner per lui, sette per lei.

E da questa asserzione l’inchiesta del Guardian..  Ovvero: con quante donne (o uomini) sei andato (andata) a letto, in vita tua? Con tutto un corollario di interrogativi successivi: trenta partner sessuali sono tanti, nell’arco di una vita? Troppi? Pochi?

 

A parte le eccezioni, come si comporta la norma?

 

Nel 2007 un’indagine in 26 paesi condotta per conto della Durex evidenzia: 13 partner per gli uomini, 7 per le donne. Uno studio condotto nel 2005 dalla psicologa Norman Brown della University of Alberta riporta dati ancora più alti per entrambi i sessi e comunque sottolinea che uomini e donne, parlando di queste cose, mentono.

 

Dal canto suo la sessuologa Tracey Cox, osserva che gli uomini esagerano perché sono cresciuti col mito della conquista sessuale, mentre le donne nicchiano e quantificano in difetto perchè ancora oggi subalterne allo stereotipo che le reclama verginali e immacolate:

“Gli uomini, perciò, moltiplicano per due il numero delle loro partner sessuali, mentre le donne lo dividono per tre”.

 

Quel che io vorrei aggiungere non avendo letto nulla di queste inchieste, è che – forse –andrebbero specificati i periodi  e i percorsi di vita delle persone (volutamente non specifico ‘uomini e ‘donne’).

Queste esperienze sono maturate prima, continuativamente,  dopo  oppure senza una vita di coppia?

Perché non vi è dubbio che la vita di coppia costituisce un deterrente.

La scrivana, ad esempio, ha avuto tre ‘grandi’ amori prima del fugace matrimonio semestrale e, successivamente, altre relazioni che in teoria avrebbero dovuto durare in eterno e invece…invece continua a sperimentare il batticuore e a immedesimarsi in Rachel di Blade runner.

 

Siamo alle solite, queste grandi inchieste lasciano il tempo che trovano e sono comunque ‘pilotate’.

Concordo sulla tesi che ‘forse’ gli uomini tendono a vantarsi ma di certo so che noi donne continuiamo ad avere delle  remore a ufficializzare il “quante volte” anche nel confessionale, ove per confessionale si intende il salotto di Desperate housewives.

Sex and the city, mie cari amici  uomini, non va troppo lontano dalla realtà.

 

La onde per cui qualcuna/o si sente di aggiungere qualcosa anche per ‘sentito dire’?

.

.

.

Annunci

59 thoughts on “Let’s make love but..

  1. DreamLady ha detto:

    che sono d’accordo in primis nel non credere mai ‘per fede’ ai sondaggi, di qualunque tipo… anche xkè i risultati, cioè numeri o grafici che dir si voglia (e si vedano in giro) non sono mai corredati dalle informazioni relative al campionamento (fasce di età, ceto sociale, o altro.. ). Si tende a numerizzare e uniformare tutto e io sono una fan dell’unicità!
    Secondo, il ‘sospetto’ quasi certezza del mentire ai sondaggi da parte delle donne in dipendenza dell’argomento, dimostra che è ancora lontana la meta di una apertura mentale e soprattutto difficile da sradicare il tabù che ci vuole sottomesse ad un clichet.

    Last but not least, e solo per esperienza personale, mi trovo meglio a parlare di questi argomenti con gli uomini che non con le donne… va’ a sapere il perchè!

    bacio-coccoloso-quasi-sorridente!

  2. sherazade2005 ha detto:

    Swet dreamy

    grazie della dotta rgomentazione che pero’ come tutte le dotte argomentazioni prende un po’ le distanze dal vissuto :=)
    un vissuto che poi è il quotidiano e non statistiche.

    vado al Pantheon fammi chiedere alla Rudina, tu ci vieni a sederti?

    sherachealsolediventaunalucertolina

  3. DreamLady ha detto:

    no non prendo le distanze, stavo a pensare e a contare ;-))

    beh diciamo che sono 7 e tutti reali… sì, lo so, abbasso la media, ma ragazze, considerate che 20 anni li ho passati in un matrimonio… eccheccavolo mica potevo fare di più!

    per me va bene, ma anche Sant’Ignazio che poi è di strada no? un bel doppio caffè? con dolcetti???

  4. sherazade2005 ha detto:

    Lady-ina ???

    tutti ‘reali’ accidentaccio io nemmeno un principino ma..ora che ci penso un paio di contini asp..non ricordo tra il13dicesimo e, insomma prima del 38esimo :=)

    dolcetti niente! dieta ferrea altrimenti come arrivo al 51nesimo?

    sheranzifammicorrere

  5. DreamLady ha detto:

    niente dolcetti?? :-(((

  6. Rudiae ha detto:

    Mentre mi faccio i miei conti scavando tra reali e fittizi di un trapassato REmoto comincio a chiedermi se ho rimosso o se non è giunta l’ora darmi una MOSSA!
    Lo dico giusto perché bisognerà pur tirarla su sta media COLLABORANDO! Non mi par giusto lasciar tutto a te (principi e contini compresi!) mia cara Shera!!! 😉
    Pantheon???!
    prendo al calcolatrice e arrivoooooo!

    bacioAllaLiquiriziaLeggermenteAlcolico

  7. sherazade2005 ha detto:

    mm la signora Rudella al sapor di
    liquerizia svia in malCELATA letizia un rendiCONTO di cui..sususu.. insomma diciamo che l’eterno dilemma è l’interpretazione e il valore
    che si assegna al ‘persempre’ che l’AAAmore ci consente.

    Non credo di essere una perbenista eppure quel termine ‘sei stato/a a letto’ non mi piace. Dal punto di vista ‘tecnico’ è decisamente il più comodo ma non lascia spazio alla
    passione, all’abbandono e al piacere attivo di ‘fare l’amore’.
    Ma si sa io sono una sentimentale un po’ dark che aspetta il postino suonare anche una quarta volta e nel frattempo controlla le gambe del tavolo (o mette in moto la lavatrice?).

    sherarottadall’unduetredellapalestrinapreprovabikini

  8. Medicineman ha detto:

    Ma guarda che si mettono in conto anche quelle volte che si è pagato. E per gli uomini sono sicuramente di più, sicuramente.

  9. sherazade2005 ha detto:

    mAdman

    sorry? non capitti.
    Ma cmq il sesso a pagamento era escluso dai sondaggi e forse non sarebbe proprio da definirsi “andare a letto” o si? non me ne intendo.

    vorresti riprovarsi seriaMENTE?
    Mi sembri piuttosto laconico ed evasivo. Nascondi qualcosa bytheway? gatta ci cova ;=)

    sherinoncredealmAdrinbling

  10. anonimo ha detto:

    Non so come siano stati fatti questi sondaggi……per quanto mi riguarda abbasso tantissimo la media…..

    Consumismo sfrenato anche nel sesso/amore?
    Mi sembra di si….eppure attorno vedo/leggo tanti/e che stanno a bocca asciutta (per citare solo uno degli organi interessati) mi sembrano numeri un po’ elevati…..

    ma chissà che questo post non spinga qualcuna per spirito di emulazione a concedersi all’amore più facilmente 🙂

    Ciao !

    MarcodaunluminosissimoNordEst

  11. sherazade2005 ha detto:

    “I have a dream”

    “…Io ho davanti a me un sogno, che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza….”

    Oggi, 4 aprile, 40 anni fa moriva Martin Luther King.
    Quanto del suo ‘sogno’ si è realizzato.
    Non siamo forse ancora, in forme diverse, ancora divisi in schiavi e padroni? quanti ce l’hanno fatta?

    Fratellanza. Ho qualche dubbio.

    Da Luther King continuo a recitare il suo discorso (in inglese) quando mi sento spaurita e non oso affrontare il ‘sogno’ che parendomi irraggiungibile vorrei dismettere.
    E dei miei sogni solo alcuni trovano compimento.

    sherasinchinainsilenzio

  12. avante ha detto:

    Stando a queste ricerche,un genere continuamente per tutta la vita fa abuso dell’altro genere altrimenti si sentirebbe sprovvisto di referenze,per cui una, li mostra meno, e l’altro ne fa vanto. Prendiamo uno a caso,afferriamo per i capelli Rasino,insofferrente ai diktat ai precetti che frugano nei trofei virili di entrambi i generi e soprattutto urtato dall’uso di sistemi metrici diversi.Ognuno faccia a modo suo,compia tutti i dribbling possibili, i lanci lunghi inimmaginabili, assist a più non posso,cambi di fronte repentini,rovesciate volanti a go-go e vinca ogni anno il titolo di cannoniere di genere. l’unico neo in tutto questo è che ogni tanto quando nello spogliatoio c’è malumore,balena in testa l’idea con la quale si arriva a pensare a Moggi come il miglior patner possibile.
    Sicchè,il Moggi passato diventa l’unità di misura del presente e futuro Moggi.

    AAAhaunsognoelotienecarosemprechenonloscordi

  13. Stefano1060 ha detto:

    Io non credo molto ai sondaggi in generale e su questa materia anche meno. Credo che gli ometti tendano sempre ad aumentare i numeri(in tutti i sensi eh eh), e le femminucce al contrario non dicono la verità per paura di passare per quella che la molla troppo facilmente. Stefano dal sole della Liguria.

  14. Rudiae ha detto:

    Ci azzecca la farfallina sonante! Anche molto direi… ci avevo visto lungooooo! 😉
    Lavatrice? Tavolo?
    …ti consiglio il micronde: le radiazioni potrebbero portar giovamento! Ma bisogna esser smilzi… quindi meglio provar tra un paio di sedute di palestrina!

    RASAAAAAAA….(con AAA suffisso stavolta!) fino a Moggi m’era tutto chiaro. Poi, forse inebriata dei fumi degli spogliatoi, non c’ho capito più un tubo!!!
    …e mi dispero!

    baciMusicali

  15. avante ha detto:

    rud…. vediamola così .
    ogni persona passata è il metro di misura per vedere quella presente. NOn a caso ci “sfrugulienu” continuamente quasi a catechizzarci sull’obbligo quasi morale di far esperienze con più persone. Il vizietto di fondo è che ogni persona diventa metro a quella precedente e più vai avanti si va più insoddisfatti si è.
    Cannellina adesso le possiamo togliere le AAA a rasino ?:))

  16. KatherineM ha detto:

    Vorrei dire anch’io la mia ma, francamente, non mi sento molto ferrata sull’argomento…normalmente ci si ritrova con amici sposati e i nostri discorsi non cadono mai su questo tema.
    Mio marito comunque, parlando in generale, dice sempre che un uomo non dovrebbe mai vantarsi delle proprie conquiste, ma tenersele per sè.

    Buon weekend!

  17. Medicineman ha detto:

    è che mi vergogno a dire …tre 🙂

  18. anonimo ha detto:

    mAdman

    :=) tre è il numero perfetto ;=) ma anche 3 x 3?

    in effetti se non c’è due senza tre vuol dire che il quattro non è preVISTO.

    SHERA

  19. sherazade2005 ha detto:

    Sono un poco ‘fusa’ e vorrei pero’
    rispondere a Kathe seriamente
    dicendole prima di tutto che mi piacerebbe leggesse l’ultimo post di
    Rudiae sulla condivisione/simbiosi nella coppia.

    E poi – come lei sa perchè ne abbiamo parlato – avere la perseveranza di maturare e crescere con il ‘primo amore’ è privilegio di pochi ma anche scelta individuale che richiede molta perseveranza.
    Perseveranza che lei ha con grande naturale leggerezza e che io non ho
    mai avuto.

    E per finire qui non è questione di lodarsi ma semplicemente di parlarsi chiaro ed esprimere leproprie idee.

    Signora Maestra, lei mi è maestra anche di vita: di una vita che non vorrei ma che ammiro profondamente in lei.

    sherabbraccialasuamicaKathy-ina

  20. sherazade2005 ha detto:

    AAAunicum(not more)

    perdonami te e la Cannellina in quanto amici avrete la compiacenza di aspettarmi sopratutto tu perchè devo strovare la giusta strategia di difesa :=)

    sherapensacheAAAvolitropoltrelasiepenerestintricatonelmezzo

  21. sherazade2005 ha detto:

    Stefano:

    è quello che una delle gironaliste sostiene: vanagloria maschile e
    un velo sottile del silenzio nelle donne.
    (ma io forse sono un po’ maschile, mi viene il dubbio di avere esagerato)

    Ti odio tu, il tuo cielo e il tuo mare dalla finestra.

    sherassolutamenteodiosa

  22. romanticaperla ha detto:

    Io non sostengo nulla,penso che anche di donne ce ne siano di tanti tipi:dalle pure,alle emancipate,a quelle che ogni mese cambiano partner o magari ne hanno 3 o 4 contemporanei.
    E’ forse sempre stato così ed ancora lo sarà.
    baci
    Vany

  23. Soulboarder ha detto:

    Che vuoi che ti dica, mia candida sperimentatrice? Noi “uomini di mondo” siamo sottoposti a grandi pressioni e spesso ci tocca fare buon viso in tutte le circostanze della vita! ;-D))))) Aloha

  24. sherazade2005 ha detto:

    Oh Mr. Soul nice to see youuu :=))

    Capisco, capisco che sia arduo essere ‘hero’ ma mi sembra che allei
    la cosa ci venga parecchio bene.

    Seriously ma perchè quasi nessuno vuole considerare – in genere – le
    ricerche per quello che sono cioè dei numeri da analizzare?
    Fa tanta paura (evidentemente si)ancora parlare di sesso in prima persona esprimendosi?

    Buona notte o buongiorno caro amico Soul dipende da dove sei. Già dove????

    sheraunpo’curiosa

  25. sherazade2005 ha detto:

    Vany

    sei sempre molto acuta e diretta.
    Un bacio anche a te e
    Bonne dimanche ma chère

    sheryelle

  26. sherazade2005 ha detto:

    E’ stata una bella giornata di sole in tutti i sensi i colori di Miro’ e le parole di noi amici come una tavolozza.

    Non so come mi è venuta alla mente una canzone di Ivano Fossati
    “L’amore trasparente”.

    L’amore trasparente non so cosa sia il refrain e per me vuole dire molto
    il dolere di essere stata guardata ‘oltre’.
    La’more trasparente è quello che ti offre e che dai ad una persona che c’è “nella buona e nella cttiva sorte”
    senza piu’ ne alti nè bassi c’è e basta e spesso si diventa trasparenti. Ci vuole un gran coraggio, troppo per me.

    sheracheadessosenevanninna

  27. romanticaperla ha detto:

    Grazie amora x il caffè era molto buono!!

    baci vany

  28. Rudiae ha detto:

    miiiiiiiiiiiiiii che corno!!!
    La bella Vany vuol essere scaramantica!

    Rasa caro credi sul serio che sia l’insoddisfazione il motore? Talvolta sono incontri casuali, il piacere di scoprire cosa c’è al di là di un sorriso che ti ha riempito una giornata. L’insoddisfatto cronico non sarà mai contento… ovvio! Ma mi piace credere che chi acambia spesso partner lo faccia anche un po’ per gioco, per alleggerire la fatica del vivere! …e se si fa con “rispetto” dell’altro e di sè… perché no!!!!

    SHERAAAAAA…. SONO MUTA!!! che mi prendo per tornare a proferire il saggio verbo!???

    baciSilenti

  29. avante ha detto:

    Ah… rud, se è per questo si può dire tutto per stare a passo coi tempi,anche tradurre l’ultimo must ti cambio per rispetto.
    aaasempreinsolente

  30. KatherineM ha detto:

    Ho letto il post che mi hai suggerito: ci vedo tanto mio padre e mia madre. In ogni caso, ognuno ha il suo destino…ognuno è un caso a sè. L’importante è non smettere mai di amare.

  31. Rudiae ha detto:

    …Avanté: talvolta le relazioni NON SI ACCAVALLANO; può capitare che si susseguano anche con ampi intervalli di tempo. Una relazione finisce per un motivo “x” e (dopo anni magari) ne segue un’altra che a sua volta può finire per un motivo “y”…dopo un po’ può capitare di intraprendere una nuova storia …e così siamo già a tre! ;-))

    Non si cambia per rispetto… ma potrebbe essere molto rispettoso lasciar qualcuno anzicché fracassarlo di botte (per esempio! E’ solo un esempio…!!!)

    o no????!!!!

    Shera, mica mi par giusto star qui da sola a tener testa ad AAAvantè!!!

    baciNUVOLOSI

  32. sherazade2005 ha detto:

    Il punto di partenza è da Kathy

    si è quello che si è ed ognuno definisce con una buona dose di fortuna il suo persorso.

    Una persona ‘arida’ va a letto con svariate persone, amare e amore son cose assi diverse.

    Ti ammiro Kathy per la tuo onestà e la tua ‘pulizia’.

    sherAlchy

  33. sherazade2005 ha detto:

    Rudina cara
    sai che non ti lascerai mai sola ma sai anche che in questi giorni sono una scheggia vagante ora al mare ora tra le bellss montagna d’Abruzzo.

    Taglio corto e mi butto su AAA.

    bacidipioggiaenervosissimi

  34. sherazade2005 ha detto:

    AAA(more)

    tu mi scuserai se stanca dal troppi impegni di lavoro e scalette ‘elettorali’ con te mi permetto un (s)ragionamento free wheels, timorosa in qualche modo perchè in te spesso leggo poca benevolentia nel considerare l’altrui pensiero.

    Mi colpisce il concettto “ se per stare a passo coi tempi…”. ove lo stare a passo è in qualche modo ‘colpevolizzare’soprattutto la possibilità della donna ad essere arbitra della propria vita e dei propri sentimenti (visto che l’uomo non solo l’ha sempre fatto ma spesso in ‘dispregio’ della propria compagna considerandola una acquisizione ad esaurimento. Vogliamo ricordare che fino agli anni 50 la legge prevedeva una pena quasi nominale per il delitto d’onore?)

    Le analisi e le indagini si fanno e non sono inutili perché ‘fotografano’ la società, i suoi mutamenti.
    Anche qui, come per l’aborto – mi si scusi il paragone – non è che si decide a cuore leggero di decretare la ‘morte’ di un amore, di un ‘per sempre’ nel quale si era creduto ‘finchè morte non ci separi’.
    Eppure quando ci si sente soli in due, isolati (o traditi) dal nostro sogno, o le strade si separano, davvero la morte arriva ed è la peggiore perché è quella dei sentimenti, del ca(o)lore della vita.
    Non si cambia uomo o donna come le stagioni (o forse si) e non si va a letto per mettere le tacche alla Colt.
    Si cerca l’amore quanto l’amore finisce ma non duplicando il precedente (Rebecca la prima moglie, fa parte di un passato remoto) ma rimettendo in discussione anche i propri errori partendo dal sé. E non è detto di riuscirsi.

    Investire in progetti senza AAAmore, questo dovrebbe fare paura, e uccide dentro, non la solitudine.

    sherachetrapocostramazzasottolascrivania

  35. sherazade2005 ha detto:

    A tout le monde

    sherrrrrrrrrrrrnellapioggia(fuori)

  36. DreamLady ha detto:

    rudiieeeeeee e sherinaaaaaaaa…. forse noi donnine però partiamo con un ragionamento che è difficile da far comprendere ad AAAA..è che noi non siamo macchinine perfette che misurano le doti dell’ometto in cm e con cronometro alla mano in durata… noi cerchiamo altro… e siamo quindi molto esigenti e a modo nostro spaventiamo gli ometti…

    e poi come hai detto bene… la morte in due è la cosa peggiore… contrariamente a tante poi io sono una che non ha mai creduto al ‘per sempre’ fino in fondo… lo dici e ci credi in quel momento, ma a mente lucida sai che nulla è per sempre… siamo tutti mutevoli… noi viviamo di emozioni… forse sta proprio al nostro partner a non lesinarcele…

  37. sherazade2005 ha detto:

    Dreany-ina

    se fossi li e tu qui ti darei un bacio
    e n o r m e :=)

    Hai chiuso perfettaMENTE lo sherypensiero.

    Vorrei solo dire che io credo nel ‘peersempre’ ma chi puo’ dire e quantificare il peso e la lunghezza che ha per ognuno di noi?

    sheracheAAA-more (kisses)

  38. sherazade2005 ha detto:

    Il GranSasso innevato e luminoso visto dall’auto in corsa.
    Voglio tornarci presto. Chi si accoda?

    sherybiancacomeneve

  39. Armandos40 ha detto:

    nel sesso ci sono le statistiche,…nell’amore no

  40. anonimo ha detto:

    vado di fretta appena posso spero di rispondervi , però qualcosa voglio lasciarvela .Guardate parto sempre da un punto ben precioso nei miei concetti, ovvero la coscienza non è l’unica misura del mondo.
    AAAadomani

  41. DreamLady ha detto:

    Bello il Gran Sasso!!! Non fosse così lontano avrei già alzato la manina!

    Ross-che-stasera-giragira

  42. tersite31 ha detto:

    Eccomi… Vedo di provare a fare il serio, come richiesto!

    Ogni persona credo viva amore e sesso in maniera personalissima e mutevole nell’arco della vita, a seconda delle esperienze vissute.

    Due persone (uomini o donne) con approccio quantitativo all’argomento possono avere due ragoni completamente diverse (curiosità, scoperta o malessere, disagio…) e anche la stessa persona può averle in fasi diverse della vita.

    Non concordo con dreamlady per avere conosciuto uomini esigenti e donne spaventate…

    Una persona può vivere il sesso come gioco, come desiderio di dare e ricevere piacere senza coinvolgimento, in serenità, senza per questo perdere di vista il valore altro, più grande, dell’amore.
    Credo che l’importante ( e la cosa più difficile) sia l’onestà e il rispetto reciproco.

    E poi…Credo che contare sia cosa tutto sommato idiota, ma stimolato dal sondaggio ci proverò.
    A tal riguardo, per la precisione, una curiosità… Visto che secondo una teoria di Woody Allen la masturbazione è “fare sesso con la persona che si stima maggiormente”… L’auterotismo entra nel computo?

    (Serio quasi fino alla fine!)

  43. anonimo ha detto:

    Tersi smuacchete :=)

    non conoscevo la battura di woody ma suona strana detta da lui che in quanto a autostima ne ha sempre avuta pochina.

    Nel privato i numeri sono idioti e sono ‘nominati’ ma nelle indagini e nelle inchieste sono fondanti.

    Ora – come io ho sottolineato – ‘andare a letto con’ è diverso da ‘fare l’amore con’ e quindi l’approcio – sempre a mio avviso – è diverso e riguarda il senso che che si attribuisce all’uno o all’altro.

    Grazie per la tua risposta alla mia chiamata e grazie per esserti comportato ‘comme il faut’

    sherasettepiù

  44. sherazade2005 ha detto:

    AAA chiama AAA-more

    “Vado di fretta
    vado di fretta
    non ho più tempo
    datemi retta
    Gino mi aspetta
    dentro un’Alfetta
    piena di muffa
    Vado di corsa
    vado a una festa
    piena di gente
    molto entusiasta
    ora non posso
    vado di prescia
    forse ritorno
    ma non è una promessa
    Vado di fretta
    vado di corsa
    quello che serve è tutto dentro alla borsa
    …………..”

    (vado di fretta – daniele silvestri

    seratempopiovosomoltoimpegnata”vadodifretta”

  45. Rudiae ha detto:

    sto così!!

  46. anonimo ha detto:

    azzzzzzzzarolina Rudellina…

    una cosa tra donne oppure..

    lui chi e’
    lui cos’e’
    lui cos’e’
    lui com’e’
    e’ distratto
    ma e’ certo
    di troppo mollalo
    …..renatino zerino

    sherashemashema

  47. avante ha detto:

    Dunque vediamo un po’. Lo stare al passo coi tempi è un concetto che riguarda entrambi i generi che lo applicano a se in forme diverse.AAA non ho mai tirato fuori neanche in tono sommesso l’idea di colpevolizzare la donna, non so perché ma l’’idea di colpa viene a galla ogni qualvolta che si comincia ad indagare sui perimetri della libertà individuale. Gli anni 50 erano un conto adesso ne sono passati altri 50 e le cose almeno in ambito europeo sono cambiate di molto oltretutto non va mai posto un limite , al meglio.**L’uomo non solo l’ha sempre fatto ma spesso in ‘dispregio’ della propria compagna considerandola una acquisizione ad esaurimento** cara aurora se il dispregio c’è l’uomo la maggior parte delle volte l’applica con l’uso della violenza fisica ma a questa mia cara si contrappono una sistematica e continua violenza femminile,per lo più psicologica, verbale, intrisa di doppi messaggi, i cui effetti sulla psiche dell’uomo sono spesso devastanti. Se fosse vero quello che tu dici sul dispregio verso la propria compagna le tragedie del mondo sommerso dei separati, uomini che dopo aver ricevuto l’atto giudiziario della moglie che chiedeva la separazione hanno perso tutto, moglie, figli, beni, lavoro, in situazioni di palesi ingiustizie giuridiche sarebbero delle bufale enormi. Purtroppo non lo sono. C’è un certo pensiero femminista che è palpabile nei toni e negli accenti che nel gran bla bla dell’uguaglianza dei sesso non riesce a percepire la diversità dei sessi e soprattutto fa fatica a vedere nell’uomo la vocazione sacrificale da cui passa la sua realizzazione e la sua felicità. Vedi l’amore non si cerca, non lo si trova dietro l’angolo o con mille esperienze, lo si coltiva e basta.

    Sull’aborto ammesso che nessuno decida a cuor leggero e vada pure per tutti i tradimenti possibili che il più delle volte non ci sono, il problema insormontabile è che si stabilisce la fine di un’altra vita. Questa scelta spesso viene fatta per proteggere la propria esistenza e non mandare in frantumi i propri sogni. Visto che la coscienza è misura delle cose, in coscienza giustifichiamo ogni scelta anche scellerata.
    AAA (more)

  48. avante ha detto:

    Tu credi veramente che ci sia qualcuno che non investa in un progetto senza amore? Qui il problema è un altro è la fatica di immaginarsi il per sempre ne è la prova lampante nelle parole di Dream. La vera difficoltà è la promessa. Finchè la cosa regge il percorso può essere condiviso però appena si presenta la prima corsa ad ostacoli e viene a galla la famosa promessa *nella gioia(va bene) e nel dolore(deresponsabilizzazione)* assolutamente si cerca di investire tutte le proprie energie in un nuovo progetto persona.

    AAAcheguardalerondinivolteggiareeogniannotornanoallostessonido

  49. DreamLady ha detto:

    mi sento chiamata in causa da AAA e vorrei rispondere e prima di tutto precisare che IO la famosa frase di rito non l’ho mai pronunciata (visto che ero sposata solo civilmente…). Il mio non credere al ‘per sempre’ o almeno non esserne certa al 100% lo applico per esperienza a tutti i fatti della vita, lavoro, amicizie, amori… tutto ha una sua fine. Nulla dura in eterno.
    Non accetto di essere classificata come femminista, ma solo come essere umano di sesso femminile e pertanto ho eguali diritti. E se questo è femminismo … forse non ci capiamo.
    Credo che le anomalie giuridiche patite dai maschietti sedotti e abbandonati siano molto inferiori nel numero rispetto a quelle femminili (basta da se il definirle ‘anomalie’..)

    Il ‘contare’ come ha detto Tersì è una cazzata… ma le inchieste lo richiedono.

    Comunque tutti, in egual misura, tendiamo a fare progetti, ma questo non preclude il vivere le emozioni giorno per giorno e se si ha la fortuna di trovare la persona giusta si va avanti… finchè una delle due parti non cambierà sogno. Non è un abito che passa di moda.

    E scusa Sherinaaaaaa se mi sono lasciata prendere la mano 😉

  50. avante ha detto:

    DREAM…ina
    nessuno mette al bando le emozioni però hanno il difetto queste ricercate in modo spasmodico di mutarsi in vanità coll’effetto di agitarci perennemente.E l’agitazione perenne a lungo andare gioca brutti scherzi alla psiche.

    Commà…
    Può capitare , certo che capitare , in questi casi buona parte dei meriti sul campo va riconosciuto/a ai collezionisti.

    Sulle botte mi sono espresso prima ,qualcosa voglio aggiungerla: la violenza abita nel maschile , questo è un fatto,proprio partendo da questo fatto non si deve cadere in quel circuito psicotico col quale per risolvere tutto si criminalizza l’intero genere maschile.

    cannellinachevuoldarmiaberetroppelimonate

    tersite…
    Anche quando si gioca le regole vanno rispettate altrimenti ognuno fa ciò che vuole e l’immaginazione ci convince a credere che l’amore è Altro.
    ciao

  51. sherazade2005 ha detto:

    Caro Francesco

    Mi è utile risponderti sull’onda delle tue motivazioni.
    Sull’aborto non siamo d’accordo soprattutto partendo dal “quando nasce la vita?”
    Tu mi vorresti dire (spero VIVAmente di no) che anche la pillola del giorno dopo è omicidio?

    Ma non era questo il punto. Del nostro retaggio culturale ci portiamo dietra grande zavorra come l’orgoglio della potenza maschile guerriera (ogni donna una tacca, il riposo del guerriero ecc.) che nulla hanno a che spartire con i ‘diritti’ calpestati che tu enunci.

    Il mio concetto ‘in dispregio di’ era riferito ad una condizione di prevaricazione che vige ancora oggi tacita: all’uomo una ‘scappatella coniugale’ è messa in conto mentre per un uomo il tradimento della propria compagna crea un frattura che risulta insanabile. Non arriviamo ai soprusi e agli eccessi che tu elenchi.

    Apprezzo il tuo animo di coltivatore ma, di grazia, su quali basi si decide quale piantina coltivare?
    Quali i parametri? Non vorrai dirmi che l’uno/a vale l’altra perché questo sarebbe davvero triste.
    Hai ragione nel dire che l’amore non si cerca ma che si puo’ trovare dietro l’angolo SI.
    Tu nel tuo primo intervento ri riferivi ai dirtti eal le responsabilita’ individuali come una giustificazione a permettersi “ogni scelta anche scellerata”. All’assunzione delle proprie responsabilità bisogna che non sia disgiunto il rispetto ai diritti altrui anzi forse da porli radicalmente davanti ai propri.

    E per finire l’amore è una ciliegia sulla grande torta della vita, il sesso, forse, è ‘una ciliegia tira l’altra’ e chiudendo direi che a me – donna libera (quando lo sono) le ciliegine sono piaciute.
    Non credo di avere fatto indigestione, comunque.

    Grazie AAA(more) valeva la pena aspettarti.

    Ps. Davanti alla mia finestra vedo un meraviglioso ciliegio in fiore :=)

    sherassainteressatancheaifioridipesco

  52. sherazade2005 ha detto:

    AAA e Dream-ina (scusate se vi “accoppio”)

    ovvio che io mi trovi a condividere il pensiero di Dream perche per quel che mi è dato conoscerla abbiamo vissuto un po’ gli stessi percorsi femminili e personali.

    AAA sei troppo drastico a stigmatizzare passione, alla ricerca – passamelo – della felicità CONDIVISA come un plusvalore dell’abbondanza.
    Sai attengono molto all’indole.
    Io neppure ho giurato in chiesa ma a differenza di molti che per vanità optano per quella cerimonia ho tenuto fede a un mio “PER SEMPRE”
    – brevissimo – sbagliato da subito.

    Tu sai quanto conti per me mia madre. Ebbene nei miei momenti ‘no’ che mi vedeva piangere e soffrire lei mi strattonava dicendomi “Tu sputi sul dono piu’ grande: la tua vita”.
    Ecco, la mia vita, le mie scelte subordinate a mio figlio. Del resto – e nel rispetto dell’altro – attiene alla sfera personale.

    Magari con calma mi impegno meglio perchè quanto abbiamo detto tutti è molto importante.

    Unatazza di? un teuccioo un aperitivo?

    sherypertutti?

  53. avante ha detto:

    dream ..
    la frase non l’hai pronunciata,ma alla proposta di progetto hai giurato, eppoi non dobbiamo truccare le carte in tavola,non ti ho classificato.Ho detto che annuso ogni tanto un pensiero femminista definito in altri commenti pensiero preecografo, alla Aspesi per dirne una.
    sui progetti in continuo va bene,e sui sogni pure però queste vanno supportate da azioni che ciascuno riferisce a modo proprio se vuol cambiare ogni tanto sogno.

    ciao

  54. DreamLady ha detto:

    AAAA… possiamo arrivare a dire che non ero sola a dire quel ‘per sempre’ ma andremmo avanti all’infinito. Dammi atto che le persone non cambiano come tu vorresti (e non sarebbe giusto), ma nel tempo si modificano. E se non ci sono più sogni comuni, non è giusto per il rispetto di entrambi tenere fede al simulacro di un PER SEMPRE.
    Detto ciò, questa è la mia opinione personale. Mi sono avventata sull’etichettatura, perchè è una cosa che aborro in generale, anche nel campo lavorativo, nelle mie convinzioni politiche. E’ riduttivo catalogare ed etichettare le persone (e forse è anche la ragione per cui odio i sondaggi statistici in generale)… ma è solo la mia opinione…

    Accetti lo sherry di sherinaaa con me? o preferisci il thè? ;-))

  55. anonimo ha detto:

    :=( compressa

    tra due agguerriti parlatori…
    vabbè faccio buon viso a cattivo gioco e gongolante nel vedervi tutti
    impegnati (il teuccio no è troppo tardi) vi lascio il frigo a disposizione.

    AAA un piccolo sfruguglio :=)

    “Sebben che siamo donne,
    Paura non abbiamo:
    Abbiamo delle belle buone lingue
    E ben ci difendiamo.”

    sherachelanottelavedetroppocorticinaperlasuastanchezza

    ps Ma la Rudina che fine avrà fatto?

  56. Rudiae ha detto:

    Gongolo anch’io nel leggere solo ora questo interessante dibattito.
    Capita spesso su questo blog di “incappare” in argomentazioni interessanti… ;-))
    Sarà perché son femminuccia e sebbene non abbia (ancora!! ;-)) condiviso il vostro stesso percorso… mi sento molto vicina al tuo pensiero e a quello di DreamLady semplicemente in virtù della frase di tua mamma che hai riportato.
    Troppo spesso per salvaguardare promesse, anche nell’illusione di rispettare l’altro… ci afflosciamo sulle nostre esistenze. E ci sentiamo anche eroi nel soffrire di situazioni “trascinate”, o nel “riuscire a riscaldare una vecchia minestra”… certo, la gloria dei cieli ci ripagherà! Ma se così non fosse???!!!
    intanto magari con la mente… ma solo con quella… facciamo voli pindarici! Tanto pensare non è peccato e aiutata a reinventarsi nel quotidiano!!!

    …baci mia cara!!!!

  57. anonimo ha detto:

    Rud-ina

    io ti auguro ove posssibile di essere coltivatrice diretta del tuo presente, perrchè’ su questo posso dare ragione all’AAA(mico) AAA.
    Le stagioni si susseguono ma fin dove e quando dopo il riposo riprendono a vivere..bene allora coltivare il percorso comune ha senso.
    Quindi questa ‘condivisione’ mia e di Lady se non arriva ne sarei felice per te.
    Ripeto una frase che che mi era piaciuta e mi ri-cito:

    “L’amore è la ciliegina sulla torta della vita” ma se la vita viene oppressa in nome di un amore avariato, scaduto in cui volenti o nolenti si coinvolgono altre persone (figli, genitori, amici) perchè? in nome di cosa?
    scusatemi, davvero,
    continuate, vi prego,

    io devo scappare a una riunione.

    sherachelacampagnaelettoralechiudeoggi

    ps. GRAZIE al caro AAA(more) unico uomo che si spende con passione in questo argomento :=)

  58. avante ha detto:

    Accetto thè ed aperitivo dalla mia amica e mentre ne bevo uno e tiro giù l’altro una postillina piccolina piccolina voglio dirterla sulla pillola del giorno dopo. L’importante è capire se l’anima arriva col primo tagliando di controllo al nono mese ,altrimenti son cazzi amari.

    aaasconvitochelecilieginenonsonosolocontornomasostanzadeltutto

  59. madkaine ha detto:

    Mah …. e un bel chiss….

    se supero 20 vado in coppa uefa ?

    mah … questa considerazione del sesso come prestazione olimpionica non la “sento” proprio …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...