"Strange fruit" – Solo una canzone?

 

11 settembre 2007

1939. Abel Meeropol  scrisse con Billie Holyday  "Strange Fruit" seduti al  tavolino di un bar  “con ancora negli occhi la fotografia del linciaggio di due neri delle piantagioni del Sud’.

Una sera, il  giornalista Harry Levin  ascoltando  Billie Holyday cantarla, si senti improvvisamente accomunato a un generale, forte e nello stesso tempo confuso,  sentimento di impotenza dolorosa che aleggiava nella sala  e addebitò questo stato d’animo al momento storico che l’America stava vivendo: "Noi eravamo li, storditi ed incapaci di muoverci. Lei ci mise in contatto fisico con quella canzone. Nel mezzo della Seconda Guerra Mondiale, mentre stavamo combattendo per riportare la libertà (e la ‘democrazia’ aggiungeremmo oggi),  Billie ci stava dicendo che c’erano alcune cose incompiute con le quali l’America doveva confrontarsi."

Già…e in quelle ‘cose incompiute’ non maturavano  – forse – i germi dell’ 11 settembre 2001?

Nell’euforia dei primi mesi del nuovo millennio,  stilando una  graduatoria sulla più bella e significativa canzone del novecento,  il Time identificava in  Strange fruit di Billie Holiday  il “monumento musicale”  del secolo discostandosi nettamente  dall’opinione pubblica che aveva, invece, optato per Imagine di John  Lennon.

Io sono per “Strage fruit” e con il Time  stupita dalla feroce attualità di quelle strofe: Gli alberi del Sud danno uno strano frutto, /Sangue sulle foglie e sangue alle radici, /Neri corpi impiccati oscillano alla brezza del Sud, /Uno strano frutto pende dai pioppi/…..Profumo di magnolie, dolce e fresco, /Poi improvviso l’odore di carne bruciata…”

11 settembre 2007.

E guerra sia! 

Tra deodoranti al profumo di magnolia a coprire il lezzo di sempre nuovi  corpi martoriati per buona pace delle ricche democrazie e dei potenti della terra.

(La versione della canzone che vi propongo è di Nina Simone, una grande artista che l’ha cantata con altrettanta passione).

 

24 thoughts on “"Strange fruit" – Solo una canzone?

  1. aglajaGE ha detto:

    Potere, ricchezza, intolleranza, ignoranza: i semi di tutti gli “strani frutti”, i neri di allora, le vittime senza nome di oggi, di tutti i tempi.

    Ma, forse, il frutto più strano è proprio l’essere umano, capace di uccidere in nome (qualsiasi nome!) di un Dio, di comporre versi e cantare canzoni come questa di Billie Holliday, di volare tra i pianeti e di ignorare chi sulla terra non ha acqua e cibo.

    Scusatemi, stasera va così.
    Buona notte/buon giorno, Shera.

    A.

  2. sherazade2005 ha detto:

    A M E R I C A

    strano grande paese ricco di contraddizioni.
    Un paese straordinario ricco di
    grandi intelligenze in tutti i campi.
    Un paese dove ho vissuto “i migliori
    anni” della mia giovinezza quando l’Italia guardava con aria stupita
    e imbambolata ogni novità che
    arrivava da oltre oceano.
    La “mia” America del Campus
    del City College.

    L’America, quell’America che NON
    vuole questa guerra crudele e ingiusta.

    TRoppo smielata?
    SI, mi sento profondaMENTE
    tradita.

    BuonGiorno a tutti.
    (con questa canzone io mi fermo)

    sherasenzaparole

  3. Rudiae ha detto:

    Bellissimo post:
    mi piace perché ci accompagna alla memoria attraverso un percorso originale.

    Tempi diversi segnati da drammi diversi con in comune solo la sete di denaro e quindi di potere.

    buona giornata

    baciSILENZIOSI

  4. romanticaperla ha detto:

    Bravissima bellissimo post.
    Si c’è aria di funerale ovunque.
    Accendi la TV ed ascolti le brutture che l’uomo d’oggi fa ,e pensi a come siamo arrivati a tutto questo?
    Ma in che case sono vissute queste xsone.
    Troppo grande questo tema.
    Condivido un attimo di silenzio x oggi ed una preghiera x le vittime innocenti.
    Bacio a te vany

  5. sherazade2005 ha detto:

    Aglaja

    non a caso mi è venuta in mente questa canzone.
    E’ una delle piu’ belle canzoni di Billie Holyday e il testo, cosi’ come lho sommariamente tradotto, fa venire la pelle d’oca.
    Ognuno di noi, a turno, potrebbe diventare quello ‘strano frutto’
    vittima dell’ingordigia di pochi.

    NO, alle guerre? SI ma anche alle piccole guerriglie quotidiane che rendono il vivere spesso cosi’
    faticoso (ma è un’altra ‘storia’).

    sherytiabbraccia

  6. sherazade2005 ha detto:

    Ruru

    una sottile linea rossa (bel film
    di Mavelik) collega le guerre nel
    mondo.

    baciograndesilenziosaMENTErivoltoall’AmericacheNONci vuole stare

  7. sherazade2005 ha detto:

    Ruru

    una ‘sottile linea rossa’ (bellss film di Mavelik) collega le guerre, tutte
    le guerre del mondo che mutando si ripropongono all’infinito.

    sheryntristitapensall’AmericacheNONvuolepiangere

  8. sherazade2005 ha detto:

    Vani

    “vittime innocenti” assai piu’ numerose degli altrettanto innocenti
    morti al WTC. Ne è valsa la pena?

    bacio
    she’

  9. KatherineM ha detto:

    quoto in pieno il tuo post. Bellissima canzone, che evoca un grande dramma umano.

  10. joncur ha detto:

    Arriverà un giorno in cui la democrazia potrà tornare ad essere una scelta anzichè la “giusta” imposizione.

    Lo sento anch’io quell’odore …

  11. sherazade2005 ha detto:

    joncur

    grazie della tua improvvisata.
    mi piace ricevere nuovi commenti
    ci rendono tutti piu’ vitali. non trovi?

    sherassaigrata

  12. sherazade2005 ha detto:

    kathy

    tu sei la musicista.

    sherAlchy

    PS posso fare pubblicità alla
    mia alterego Alchimie?
    Ho ‘postato’ un video molto bello
    di Alejandro Gonzalez Inarritu (21 grammi/Bebel/amores y perros)
    contrinuto collettivo sull’11 settembre.

    http://www.bloggers.it/alchimieperfette/

  13. joncur ha detto:

    Già, mi piace scoprire vagando.

    Grazie per il passaggio nel mio blog!

  14. aglajaGE ha detto:

    Shera, Joncur è un OTTIMO acquisto 🙂

    A. che ricambia l’abbraccio

  15. bl66m ha detto:

    Difficile non cadere nella retorica, per cui ti mando un caro saluto.

    Marcoassuefattoallabombaquotidianairakena

  16. anonimo ha detto:

    come non riconoscerti la
    genialità di dire le medesime cose di tutti da un’angolatura tutta tua.

    dolce,tenera farfallla.

    a.bis

  17. Rudiae ha detto:

    Buona giornata dolcezza!
    (comunicazione di servizio: ho il cell senza l’ombra di un cent.!)

    qui la nebbia ci avvolge completamente: Mo si comincia con la stagione dell’ammollo!!!

    Dov’è Soul che diceva che si sta umidi solo al mare??!!…

    spero di riuscire a vedere il film che hai citato: sembra interessantissimo!

    un abbraccioAFFAMATO!

  18. sherazade2005 ha detto:

    RRRu!

    avevo capito superimmediataMENTE
    che nn avevi un cent perchè…
    un commento sulla palestrina me l’aspettavo.

    baciinviaditonificazione

  19. sherazade2005 ha detto:

    marco
    ti capisco e spero che tu possa
    rassicurarmi di non averlo fatto io.

    sheramandaunbacioaipupi

  20. sherazade2005 ha detto:

    NON capisco: non compaiono i
    commenti.

    Rpt

    @Ruddiae: l’avevo capito che non avevi un cent sul cellulare!

    @ Marco, difficilissimo ma spero mi drai atto di averlo evitato.

    @Aglaja grazie della presentazione.
    Ogni tuo amico è – oltremodo – apprezzato.

    Buona giornata a tutti

    sheraciriprovalavaolaspacca

  21. avante ha detto:

    shery…
    sui germi ho i miei seri dubbi.
    il commento #2 ha in se qualcosa di struggente fors’anche per cio’ che si è posseduto vivendolo.
    come al solito la “mia” (scusate il possessivo) adorata pittrice è difficile che stecchi un post però in diversi commenti die vari intervenuti si tocca uno stato di nevrosi per l’altra riva del mare. vedete tocqueville a vent’anni ha formulato un argomento che puo’ appassionarci una vita ed oltre , la società democratica e le sue dinamiche. sono proprio le dinamiche che appartenendo al tempo mutano.

    o mamma mia shery vuoi vedere che al prossimo squillo di cell.della commare sentirai la vocina dire ” telefonata a carico del destinatario” :))))

    salutoalprofumodimagnolia

  22. sherazade2005 ha detto:

    AAA-more pleasure

    Tocqueville parte dall’idea secondo la quale il mondo evolve spontaneamente verso la disuguaglianza delle condizioni sociali arrivando a due opposte e possibili soluzioni: Stato democratico o tirannia. Poi vi è la ‘dotta’ disquisizione sulla definizione delle condizioni morali e intellettuali del regime democratico ecc…- libetà e uguaglianza.
    Mi trovi particolarmente preparata anche per ‘amore’ di un caro amico che circa 10 anni fa su Alexis de Tocqueville scrisse un ampio e circostanziato saggio.

    (da ieri ho ripreso la palestrina)

    sherynsegueAAA(more)eloraggiungeperunbacio

  23. anonimo ha detto:

    bellissima canzone!
    smackk

  24. ddrake ha detto:

    Billie Holiday….. ecco le due parole magiche………..
    Buon lunedì.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...