Dancing Queen

 

ceraunavolta

“Su Second Life c’è di tutto.

Tutti i passaggi decisivi per arrivare, poi, a quello che interessa ai più: avere successo (almeno) nella seconda vita.”

Abbiamo davvero bisogno di una seconda vita in totale dicotomia col nostro quotidiano per potere guardarci allo specchio finalmente placati:  “Cazzo, sono davvero una strafica (cosi’ dovrò esprimermi, immagino)…ammè chi me batte?”.

Il Paradiso puo’ attendere,  non serve affidarsi alla buona sorte.

Second life in terra – qui e subito – nasciamo per partinogenesi  in deliri

di onni(im)potenza.

E sia gloria in etere a  Philip Rosedale che ce ne ha fatto dono.

 

 

 

 

dispetto