chi ri-conosce chi

Gli altri spesso sono lo specchio di cio’ che vorremmo. E questo a volte è pericoloso.
Li riconosciamo con la lente del nostro desiderio, li filtriamo attraverso le nostre paure, li plasmiamo a misura dei nostri sogni.
In pratica spesso non li vediamo davvero, non li percepiamo nella loro vera essenza.
E, improvvisamente, quando un giorno ce li troviamo davanti ‘nudi’ inevitabilemnte ce ne allontaniamo delusi.
Li accusiamo di avere tradito le nostre migliori aspettative, in molti casi distrutto il nostro amore.
Li accusiamo di qualcosa di cui non sono mai stati responsabili, se non in minima parte, nel tentativo di assecondarci.
Perchè gli "altri" sono come sono e non come vorremmo.
Questo intendevo io compilando, brava scolaretta, il profilo su questo blog:
"sicuramente ‘non come tu mi vuoi’ ".
Ed è da questo presupposto che può nascere, crescere e maturare un rapporto sano e paritetico.
Aborto e verginità: la Bundchen contro la Chiesa